La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Lezione n. 1 I SEMESTRE A.A. 2005-2006.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Lezione n. 1 I SEMESTRE A.A. 2005-2006."— Transcript della presentazione:

1 i STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Lezione n. 1 I SEMESTRE A.A

2 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra STORIA COSTITUZIONALE La democrazia degli Antichi V secolo a.C.: nasce il termine Demokratia (demos + kratia) = governo del popolo o governo esercitato dal popolo

3 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra STORIA COSTITUZIONALE La democrazia degli Antichi In precedenza: Eunomia o isonomia = buon ordine civile

4 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Forma di governo democratico ad Atene nel V secolo Primato dellassemblea Diritto di parola e di proposta attribuito a tutti i cittadini Estrazione a sorte delle cariche pubbliche Alternanza dei governanti Obbligo di rendiconto pubblico dei governanti

5 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Erodoto ( a.C.), Storie …A me sembra opportuno che nessuno di noi divenga più monarca, poiché non è cosa né piacevole né conveniente (…) Il governo popolare, invece, anzitutto ha il nome più bello di tutti, leguaglianza dinanzi alla legge; in secondo luogo niente fa di quanto fa il monarca, poiché a sorte esercita le magistrature, ha un potere soggetto a controllo e presenta tutti i decreti allassemblea generale. Io dunque propongo di abbandonare la monarchia e di elevare il popolo a potere, perché nella massa sta ogni potenza; nel molto cè infatti il tutto.

6 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Tucidide ( a.C.), Storie …Il nostro ordine politico non si modella sulle costituzioni straniere. Siamo noi desempio ad altri, piuttosto che imitatori. E il nome che gli conviene è democrazia, governo nel pugno non di pochi, ma della cerchia più ampia di cittadini: vige anzi per tutti, da una parte, di fronte alle leggi, lassoluta equità di diritti nelle vicende dellesistenza privata; ma dallaltra si costituisce una scala di valori fondata sulla stima che ciascuno sa suscitarsi intono, per cui, eccellendo in un determinato campo, può conseguire un incarico pubblico, in virtù delle sue capacità reali più che dellappartenenza a questa o quella fazione politica.

7 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Tucidide ( a.C.), Storie …In ogni cittadino non si distingue la cura degli affari politici da quella dei domestici e privati problemi, ed è viva in tutti la capacità di adempiere egregiamente agli incarichi pubblici, qualunque sia per natura la consueta mansione. Poiché unici al mondo non valutiamo tranquillo un individuo in quanto si astiene da quelle attività, ma superfluo. Siamo noi stessi a prendere direttamente le decisioni o almeno a ragionare come si conviene sulle circostanze politiche: non riteniamo nocivo il discutere allagire, ma il non rendere alla luce attraverso il dibattito, tutti i particolari possibili di unoperazione, prima di intraprenderla...

8 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Protagora ( a.C.) …Per me, come per tutti gli Elleni, gli Ateniesi sono saggi. Io vedo che quando ci riuniamo nellassemblea, se si tratta di costruire qualche edificio pubblico si fanno venire in consultazione gli architetti; se si tratta di costruzioni navali i costruttori navali e così per tutte quelle altre cose che giudicano apprendibili e insegnabili. (…) Quando invece si deve decidere di affari concernenti la direzione della città, si alzano a dare il loro consiglio ugualmente larchitetto, il fabbro e il calzolaio, il commerciante allingrosso e larmatore, il ricco e il povero, il nobile e il plebeo…

9 i STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Lezione n. 2 I SEMESTRE A.A

10 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Platone, La Repubblica Ebbene, disse, in che modo si amministrano questi uomini? E poi, quale è il carattere di una simile costituzione? Un tale uomo, è chiaro, si manifesterà un democratico. (…) Ora, in primo luogo, non sono liberi? E lo stato non diventa libera e non vi regna la libertà di parola? E non vè licenza di fare ciò che si vuole? (…) Ma dove cè questa licenza, è chiaro, che ciascuno può organizzarvisi un suo particolare modo di vita, quello che a ciascuno più piace. (…) E soprattutto in questa costituzione, a mio avviso, che si troveranno uomini dogni specie. (…) Forse, ripresi, tra le varie costituzioni questa è la più bella. Come un variopinto mantello ricamato a fuori di ogni sorta, così anche questa, che è un vero mosaico di caratteri, potrà apparire bellissima. E bellissima, continuai, saranno forse molti a giudicarla, simili ai bambini e alle donne che contemplano gli oggetti di vario colore. (…) E poi, (…) vè una certa convenienza a ricercarvi una costituzione. (…) Perché, per la licenza che le è propria, presenta ogni genere di costituzioni. Chi, come facevano or ora noi, vuole organizzare uno Stato, forse è costretto a recarsi in uno stato democratico per sceglierne, come andasse a una fiera di costituzioni, il tipo che gli piace: e quando lha scelto così può fondare il suo Stato (VII, 557)

11 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Platone, La Repubblica Quando, credo, uno stato democratico, assetato di libertà, è alla mercé di cattivi coppieri e troppo sinebria di schietta libertà, allora, a meno che i suoi governanti non siano assai miti e non concedano grande libertà, li pone in stato daccusa e li castiga come scellerati e oligarchici, (…) E coloro (…) che obbediscono ai governanti, li copre dimproperi trattandoli da gente contenta di essere schiava e buona a nulla, mentre loda e onora privatamente e pubblicamente i governanti che sono simili ai governati. Non è inevitabile che in uno stato siffatto il principio di libertà si allarghi a tutto? (…) E così (…) vi nasce lanarchia e si insinua nelle dimore private e si estende sino alla bestie. (…) Per esempio, (…) nel senso che il padre si abitua a rendersi simile al figlio e a temere i figlioli, e il figlio simile al padre e a non sentire né rispetto né timore dei genitori, per poter essere libero; e che il meteco si parifica al cittadino e il cittadino al meteco, e così dicasi per lo straniero. (…) A questo si aggiungono (…) altre bagattelle, come queste: in un simile ambiente il maestro teme e adula gli scolari, e gli scolari sinfischiano dei maestri e così pure dei pedagoghi. In genere i giovani si pongono alla pari degli anziani e li emulano nei discorsi e nelle opere, mentre i vecchi accondiscendono ai giovani e si fanno giocosi e faceti, imitandoli, per non passare da spiacevoli e dispotici...

12 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Platone, La Repubblica Però (…) lestremo della libertà cui la massa può giungere in un simile stato si ha quando uomini e donne comperati sono liberi tanto quanto gli acquirenti. E quasi ci siamo scordati di dire quanto grandi siano la parificazione giuridica e la libertà nei rapporti reciproci tra uomini e donne. (…) Ora, (…) non pensi quanto lanima dei cittadini si lasci impressionare dal sommarsi di tutte queste circostanze insieme raccolto, al punto che uno, se gli si prospetta anche la minima schiavitù, si sdegna e non la tollera? E tu sai che finiscono con il trascurare dl tutto le leggi scritte o non scritte, per essere assolutamente senza padroni. (…) Ecco dunque (…) qual è a mio parere linizio, bello e gagliardo, donde viene la tirannide. (…) In realtà ogni eccesso suole comportare una grande trasformazione nel senso opposto: così nelle stagioni come nelle piante e nei corpi e anche, in sommo grado, nelle costituzioni. (…) Leccessiva libertà, sembra, non può trasformarsi che in eccessiva schiavitù, per un privato come per uno stato. (…) E naturale quindi (…) che la tirannide non si formi da altra costituzione che la democrazia; cioè, a mio avviso, dalla somma libertà viene la schiavitù maggiore e più feroce (VIII ).

13 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Platone, La Repubblica Ora, credo, la democrazia nasce quando i poveri, dopo aver riportata la vittoria, ammazzano alcuni avversari, altri ne cacciano in esilio e dividono con i rimanenti, a condizioni di parità, il governo e le cariche pubbliche, e queste vi sono determinate per lo più col sorteggio (VIII 557 a).

14 i STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Lezione n. 3 I SEMESTRE A.A

15 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Aristotele, Politica Base della costituzione democratica è la libertà (così si è soliti dire, quasi che in questa sola costituzione gli uomini partecipino di libertà, perché è questo, dicono, il fine di ogni democrazia). Una prova della libertà consiste nellessere governati e nel governare a turno: in realtà, il giusto in senso democratico consiste nellavere uguaglianza in rapporto al numero e non al merito, ed essendo questo il concetto di giusto, di necessità la massa è sovrana e quel che i più decidono ha valore di fine ed è questo il giusto: in effetti dicono che ogni cittadino deve avere parti uguali. Di conseguenza succede che nelle democrazie i poveri siano più potenti dei ricchi perché sono di più e la decisione della maggioranza è sovrana. E questo, dunque, un segno della libertà che tutti i fautori della democrazia stabiliscono come nota distintiva della costituzione. Un altro è di vivere ciascuno come vuole, perché questo, dicono, è opera della libertà, in quanto che è proprio di chi è schiavo vivere non come vuole. Ecco quindi la seconda nota distintiva della democrazia; di qui è venuta la pretesa di essere preferibilmente sotto nessun governo o, se no, di governare e di essere governati a turno: per questa via contribuisce alla libertà fondata sulleguaglianza (1317a).

16 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Aristotele, Politica La comunità che risulta di più villaggi è la polis, perfetta, che raggiunge ormai, per così dire, il limite dellautosufficienza completa: formata bensì per rendere possibile la vita, in realtà esiste per rendere possibile una vita felice. Quindi ogni polis esiste per natura, se per natura esistono anche le prime comunità: infatti esso è il loro fine e la natura è il fine: per esempio quel che ogni cosa è quando ha compiuto il suo sviluppo, noi lo diciamo la sua natura, sia dun uomo, dun cavallo, duna casa. Inoltre, ciò per cui una cosa esiste, il fine, è il meglio e lautosufficienza è il fine e il meglio. Da queste considerazioni è evidente che la polis è un prodotto naturale e che luomo per natura è un essere politico: quindi chi vive fuori della comunità statale per natura e non per qualche caso o è un abietto o è superiore alluomo …e di conseguenza è o bestia o dio (I, 1252 b-1253).

17 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Aristotele, Politica E chiaro perciò che la polis non è comunanza di luogo né esiste per evitare eventuali aggressioni e in vista di scambi: tutto questo necessariamente cè, se devesserci una polis, però non basta perché ci sia una polis: la polis è comunanza di famiglie e di stirpi nel viver bene: il suo oggetto è una esistenza pienamente realizzata e indipendente. Certo non si giungerà a tanto senza abitare lo stesso luogo e godere il diritto di connubio. Per questo sorsero nelle città rapporti di parentela e fratrie e sacrifici e passatempi della vita comune. Questo è opera dellamicizia, perché lamicizia è scelta deliberata di vita comune. Dunque, fine della polis è il vivere bene e tutte queste cose sono in vista del fine. La polis è comunanza di stirpi e di villaggi in una vita pienamente realizzata e indipendente: è questo, come diciamo, il vivere in modo felice e bello. E proprio in grazia delle opere belle e non della vita associata si deve ammettere lesistenza della comunità politica (III, 1281 a).

18 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Aristotele, Politica La politia è in generale una mescolanza di oligarchia e di democrazia; ed in genere si sogliono chiamare politie i governi che inclinano piuttosto alla democrazia e aristocrazie quelli che inclinano piuttosto alla oligarchia (1293 b)

19 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Aristotele, Politica Si ha democrazia se i liberi ed i poveri, essendo in numero prevalente, sono signori del potere, oligarchia se lo sono i ricchi ed i più nobili che costituiscono la minoranza (1290 b). Ciò per cui la democrazia e loligarchia differiscono luna dallaltra sono la povertà e la ricchezza, sicché dove dominano i ricchi, in molti o pochi che siano, ci sarà necessariamente unoligarchia, e dove dominano i poveri una democrazia, sebbene accada, come si è detto, che i ricchi siano pochi ed i poveri molti, perché pochi sono quelli che si arricchiscono, mentre tutti hanno parte della libertà (1280 a).

20 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Aristotele, Politica …è chiaro che la miglior comunità politica è quella che si fonda sulla classe media e che le città che sono in queste condizioni possono essere ben governate, quelle, dico, in cui la classe media è la più numerosa e più potente delle due estreme o almeno di una di esse. Infatti, legandosi alluna o allaltra farà pendere la bilancia dalla sua parte e impedirà che uno degli estremi contrari raggiunga un potere eccessivo (1295 b)

21 i STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Lezione n. 4 I SEMESTRE A.A

22 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Cicerone, De re publica …Res publica è ciò che appartiene al popolo (res populi). Ma non è popolo ogni moltitudine di uomini riunitasi in un modo qualsiasi, bensì una società organizzata che ha per fondamento losservanza della giustizia e la comunanza di interessi.

23 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Cicerone, De re publica Ogni popolo (…) che è, come dissi, unione di cittadini con leggi e interessi comuni, ogni civitas, che è ciò che costituisce politicamente il popolo, ogni res publica, vale dire quanto riguarda e appartiene alla comunità, per essere stabile, deve essere diretta secondo un certo disegno, che si conformi allo scopo per cui la civitas fu istituita.

24 i STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Lezione n. 5 I SEMESTRE A.A

25 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Tommaso dAquino Qu Quando un regime iniquo è condotto dai molti viene detto democrazia. Una democrazia è quindi una forma di potere popolare in cui la gente comune, con la mera forza dei grandi numeri, opprime i ricchi con il risultato che lintera plebaglia diviene una sorta di tiranno

26 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra La democrazia nel Medioevo Res publica libera Status popularis Civitas popularis

27 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Marsilio da Padova, Defensor Pacis (1324) Le leggi migliori derivano dalla voce e dal volere della moltitudine. …Ognuno è in grado di rendersi conto se una proposta di legge tutela gli interessi di un singolo oi pochi piuttosto che gli interessi degli altri o della comunità, e può agirvi contro.

28 i STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Lezione n. 6 I SEMESTRE A.A

29 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Niccolò Machiavelli, Il Principe Dominio o Stato RepubblichePrincipati NuoviEreditari Nuovi tuttiAggiunti a uno Stato Acquistati per virtùAcquistati per fortuna e armi proprie e armi altrui

30 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Niccolò Machiavelli, Il Principe …Nondimanco, perché il nostro libero arbitrio non sia spento, judico potere essere vero che la fortuna sia arbitra della metà delle azioni nostre, ma che etiam lei ne lasci governare laltra metà, o presso, a noi (XXV, p. 130).

31 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Niccolò Machiavelli, Il Principe, XXV E assomiglio quella a uno di questi fiumi rovinosi, che, quando s adirano, allagano e piani, ruinano gli alberi e gli edifizii, lievono da questa parte terreno, pongono da quellaltra; ciascuno fugge loro dinanzi, ognuno cede allo impeto loro, senza potervi in alcuna parte obstare. E benché sieno così fatti, non resta però che gli uomini, quando sono tempi quieti, non vi potessino fare provvedimenti, e con ripari e argini, in modo che, crescendo poi, o egli andrebbano per uno canale, o limpeto loro non sarebbe né sì licenzioso né sì dannoso. Similmente interviene della fortuna; la quale dimostra la sua potenzia dove non è ordinata virtù a resisterle; e quivi volta li sua impeti dove la sa che non sono fatti gli argini e li ripari a tenerla.

32 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Niccolò Machiavelli, Il Principe, XXV Concludo, adunque, che, variando la fortuna, e stando gli uomini ne loro modi ostinati, sono felici mentre concordano insieme, e, come discordano, infelici. Io iudico bene questo: che sia meglio essere impetuoso che respettivo; perché la fortuna è donna, ed è necessario, volendola tenere sotto, batterla e urtarla. E si vede che la si lascia più vincere da questi, che da quelli che freddamente procedano; e però sempre, come donna, è amica de giovani, perché sono meno respettivi, più feroci e con più audacia la comandano.

33 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Niccolò Machiavelli, Il Principe, XII …A uno principe è necessario avere e sua fondamenti buoni; altrimenti, di necessità conviene che ruini. E principali fondamenti che abbino tutti li stati, così nuovi come vecchi o misti, sono le buone legge e le buone arme: e perché non può essere buone legge dove non sono buone arme, e dove sono buone arme conviene sieno buone legge, io lascerò indrieto el ragionare delle legge e parlerò delle arme.

34 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Niccolò Machiavelli, Il Principe, XIV Debbe, adunque, uno principe non avere altro obietto né altro pensiero, né prendere cosa alcuna per sua arte, fuora della guerra e ordini e disciplina di essa; perché quella è sola arte che si espetta a chi comanda; ed è di tanta virtù, che non solamente mantiene quelli che sono nati principi, ma molte volte fa gli uomini di privata fortuna salire a quel grado; e, per adverso, si vede che e principi, quando hanno pensato più alle delicatezze che alle armi, hanno perso lo stato loro. E la prima cagione che ti fa perdere quello, è negligere questa arte; e la cagione che te lo fa acquistare, è lo essere professo di questa arte.

35 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Niccolò Machiavelli, Il Principe, XII Le arme mercenarie (…) sono inutile e pericolose: e se uno tiene lo stato suo fondato in sulle arme mercenarie, non starà mai fermo né sicuro; perché le sono disunite, ambiziose, senza disciplina, infedele; gagliarde fra gli amici; fra e nemici, vile; non timore di Dio, non fede con gli uomini; e tanto si differisce la ruina quanto si differisce lo assalto; e nella pace se spogliato da loro, nella guerra da nimici. La cagione di questo è che non le hanno altro amore né altra cagione che le tenga in campo, che un poco di stipendio; il quale non è sufficiente a fare che voglino morire per te. Vogliono bene essere tuoi soldati mentre che tu non fai guerra; ma, come la guerra viene, o fuggirsi o andarsene. La qual cosa doverrei durare poca fatica a persuadere, perché ora la ruina di Italia non è causata da altro che per essere in spazio di molti anni riposatasi in sulle arme mercenarie.

36 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Niccolò Machiavelli, Il Principe, XIII Uno principe, pertanto, savio ha sempre fuggito queste arme, e voltosi alle proprie; e ha volsuto piuttosto perdere con i suoi che vincere con gli altri, iudicando non vera vittoria quella che con le armi aliene si acquistassi (XIII, p. 83).

37 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Niccolò Machiavelli, Il Principe, XV Resta ora a vedere quali debbano essere e modi e governi di uno principe con sudditi o con gli amici. E perché io so che molti di questo hanno scritto, dubito, scrivendone ancora io, non essere tenuto prosuntuoso, partendomi massime, nel disputare questa materia, dagli ordini degli altri. Ma sendo lintento mio scrivere cosa utile a chi la intende, mi è parso più conveniente andare drieto alla verità effettuale della cosa, che alla imaginazione di essa. E molti si sono imaginati republiche e principati che non si sono mai visti né conosciuti essere in vero perché egli è tanto discosto da come si vive a come si doverrebbe vivere, che colui che lascia quello che si fa per quello che si doverrebbe fare impara piuttosto la ruina che la perservazione sua: perché uno uomo che voglia fare in tutte le parte professione di buono, conviene rovini infra tanti che non sono buoni. Onde è necessario a uno principe, volendosi mantenere, imparare a potere essere non buono, e usarlo e non lusare secondo la necessità.

38 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Niccolò Machiavelli, Il Principe, XVIII E hassi ad intendere questo, che uno principe, e massime uno principe nuovo, non può osservare tutte quelle cose per le quali gli uomini sono tenuti buoni, sendo spesso necessitato, per mantenere lo stato, operare contro alla fede, contro alla carità, contro alla umanità, contro alla religione. E però bisogna che egli abbia uno animo disposto a volgersi secondo che venti della fortuna e le variazioni delle cose li comandano, e come di sopra dissi, non partirsi dal bene, potendo, ma sapere intrare nel male, necessitato.

39 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Niccolò Machiavelli, Il Principe, XVIII Dovete, adunque, sapere come sono dua generazioni di combattere: luno con le leggi, laltro con la forza: quel primo è proprio delluomo, quel secondo è delle bestie: ma perché el primo molte volte non basta, conviene ricorrere al secondo. Pertanto, a uno principe è necessario sapere bene usare la besta e luomo. Questa parte è suta insegnata a principi copertamente dagli antichi scrittori; li quali scrivono come Achille e molti altri di quelli principi antichi furono dati a nutrire a Chirone centauro, che sotto la sua disciplina li custodissi. Il che non vuole dire altro, avere per precettore uno mezzo bestia e mezzo uomo, se non che bisogna a uno principe sapere usare luna e laltra natura; e luna sanza laltra non è durabile.

40 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Niccolò Machiavelli, Il Principe, XVIII Sendo, dunque, uno principe necessitato sapere bene usare la bestia, debbe di quelle pigliare la golpe e il lione; perché il lione non si defende da lacci, la golpe non si defende da lupi. Bisogna, adunque, essere golpe a conoscere e lacci, e lione a sbigottire e lupi. Coloro che stanno semplicemente in sul lione, non se ne intendano. Non può, pertanto, uno signore prudente, né debbe, osservare la fede, quando tale osservianza li torni contro e che sono spenti le cagioni che le feciono promettere. E se gli uomini fussino tutti buoni, questo precetto non sarebbe buono; ma perché sono tristi, e non la ossevarebbono a te, tu etiam non lhai ad osservare a loro.

41 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Niccolò Machiavelli, Il Principe, XVIII Credo (…) che sia felice quello che riscontra el modo di procedere suo con le qualità de tempi, e similmente sia infelice quello che con il procedere suo si discordano e tempi.

42 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Niccolò Machiavelli, Il Principe, XV Io so che ciascuno confesserà che sarebbe laudabilissima cosa in uno principe trovarsi, di tutte le (…) qualità, quelle che sono tenute buone; ma perché le non si possono avere né interamente osservare, per le condizioni umane che non lo consentono, gli è necessario essere tanto prudente che sappia fuggire linfamia di quelli vizii che li torrebbano lo stato e da quelli che non gnene tolgano, guardarsi, se egli è possibile; ma non possendo, vi si può con meno respetto lasciare andare.

43 i STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Lezione n. 7 I SEMESTRE A.A

44 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Niccolò Machiavelli, I Discorsi, II, 2 Si vede per esperienza le cittadi non avere mai ampliato né di dominio né di ricchezza se non mentre sono state in libertà. (…) La ragione è facile a intendere; perché non il bene particulare, ma il bene comune è quello che fa grandi le città. E senza dubbio, questo bene comune non è osservato se non nelle repubbliche; perché tutto quello che fa a proposito suo, si esequisce; e quantunque e torni in danno di questo o di quello privato, e sono tanti quegli per chi detto bene fa, che lo possono tirare innanzi contro alla disposizione di quegli pochi che ne fussono oppressi. Al contrario interviene quando vi è uno principe; dove il più delle volte quello che fa per lui, offende la città; e quello che fa per la città, offende lui. Dimodoché, subito che nasce una tirannide sopra uno vivere libero, il manco male che ne resulti a quelle città è non andare più innanzi, né crescere più in potenza o in ricchez- ze; ma il più delle volte, anzi sempre, interviene loro, che le tronano indietro.

45 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Niccolò Machiavelli, I Discorsi, I, 2 Io voglio porre da parte il ragionare di quelle cittadi che hanno avuto il loro principio sottoposto a altrui; e parlerò di quelle che hanno avuto il principio lontano da ogni servitù esterna, ma si sono subito governate per loro arbitrio o come repubbliche o come principati.

46 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Niccolò Machiavelli, I Discorsi, III, 41 Dove si dilibera al tutto della salute della patria non vi debbe cadere alcuna considerazione né di giusto né dingiusto, né di piatoso né di crudele, né di laudabile né di ignominioso; anzi, posposto ogni altro rispetto, seguite al tutto quel partito che le salvi la vita e mantenghile la libertà.

47 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Niccolò Machiavelli, I Discorsi, I, 4 Sono in ogni repubblica due umori diversi, quello del popolo e quello de grandi; e (…) tutte le leggi che si fanno in favore della libertà nascano dalla disunione loro, come facilmente si può vedere essere seguito in Roma.

48 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Niccolò Machiavelli, I Discorsi, I, 4 Perché li buoni esempi nascano dalla buona educazione; la buona educazione, dalle buone leggi; e le buone leggi, da quelli tumulti che molti inconsideratamente dannano: perché, chi esaminerà bene il fine dessi, non troverà chegli abbiano partorito alcuno esilio o violenza in disfavore del commune bene, ma leggi e ordini in beneficio della pubblica libertà.

49 i STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Lezione n. 8 I SEMESTRE A.A

50 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra J. Bodin, I sei libri dello Stato, Ci sono di quelli che hanno scritto e parlato degli affari pubblici in maniera approssimativa e grossolana, senza conoscenza alcuna delle leggi né del diritto pubblico, lasciando anzi questo del tutto in secondo piano rispetto al privato, dal quale si può trarre maggiore profitto; ora io affermo che costoro hanno profanato i sacri meisteri della filosofia politica, e ciò inoltre è stato causa di rovina per molti Stati illustri. Si veda per esempio il caso di un Machiavelli, scrittore che è stato in gran voga tra i parassiti dei tiranni, e che Paolo Giovio, pur annoverandolo tra gli uomini degni di nota, dichiara nientemeno che ateo e ignorante di belle lettere…

51 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra J. Bodin, I sei libri dello Stato, Quanto allateismo è lui stesso a vantarsene nei suoi scritti; e quanto alla cultura, credo che tutti quelli che sono soliti dissertare dottamente intorno agli alti affari dello Stato saranno facilmente concordi chegli non ha mai realmente tentato il guado della scienza politica. Giacché essa non consiste in tutte quelle astuzie tiranniche da lui ricercate accuratamente in tutti gli angoli di Italia e colate come dolce veleno nel suo Principe, ove innalza alle stelle e pone a paragone di tutti i re il più sleale figlio di ecclesiastico che mai vi sia stato…

52 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra J. Bodin, I sei libri dello Stato, Ci sono poi altri di tendenza opposta a quelli di cui abbiamo parlato, ma non meno pericolosi e forse ancora di più, che sotto il pretesto dellesenzione dai gravami e della libertà popolare, eccitano i sudditi alla ribellione contro i loro principi naturali, aprendo la porta a quellanarchia chè peggiore di qualsiasi tirannide del mondo, sia pure la più aspra…

53 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra J. Bodin, I sei libri dello Stato, Come la nave non è più altro che legno, senza più forma alcuna di imbarcazione, allorquando la chiglia, che ne sostiene i fianchi, la prua, la poppa e il ponte sono stati tolti, così la Repubblica senza un potere sovrano, che ne unisca tutte le membra e le sue parti e tutte le famiglie e le comunità in un solo corpo, non è più una Repubblica.

54 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra J. Bodin, I sei libri dello Stato, Per sovranità sintende quel potere assoluto e perpetuo chè proprio dello Stato

55 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra I caratteri della sovranità: Assolutezza: «Chi è sovrano non deve essere soggetto in alcun modo al comando altrui» Perpetuità: Chi è sovrano deve svolgere le sue funzioni in nome proprio e senza limiti di tempo

56 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Il contenuto della sovranità: E il «diritto di dare la legge collettivamente e singolarmente non ricevendola da nessuno» «Sotto questo potere di dare e annullare le leggi sono compresi tutti gli altri diritti e prerogative sovrane: cosicché potremmo dire che [il potere legislativo] è la sola vera e propria prerogativa sovrana, che comprende in sé tutte le altre»

57 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Il contenuto della sovranità: «Le leggi del principe sovrano, sia pure fondate su motivi validi e concreti, non dipendono che dalla sua pura e libera volontà»

58 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra La sede della sovranità: Uno solo (monarchia); Una minoranza del popolo (aristocrazia); Lintero popolo o la sua maggioranza (democrazia)

59 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra La sede della sovranità: Quando la sovranità è divisa tra più soggetti «si crea una situazione che può risolversi solo con le armi, fino a che la sovranità non resti a un principe o alla minoranza del popolo o a tutto il popolo»

60 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Forma di Stato e forma di governo: «Lo Stato può essere una Monarchia e tuttavia sarà governato popolarmente (ossia democraticamente) se il Principe ripartisce ranghi (…) uffici e benefici in modo uguale fra tutti senza tenere conto della nobiltà o delle ricchezze o della virtù. Può anche darsi il caso di una Monarchia che ha una forma di governo aristocratica e questo avviene quando il Principe concede ranghi e benefici solo ai nobili o anche solo ai più dotati o anche solo ai più doviziosi. Del pari la signoria aristocratica può governare il suo Stato popolarmente qualora distribuisca onori e benefici in misura eguale a tutti i suoi sudditi. (…) Se poi ad essere detentrice della sovranità è la maggioranza dei cittadini, ma poi il popolo assegna le cariche onorifiche, i benefici e gli stipendi ai soli nobili (…), lo Stato avrà la forma di Stato popolare, ma il suo governo sarà aristocratico»

61 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra J. Bodin, I sei libri dello Stato: Per Stato si intende il governo giusto che si esercita con potere sovrano su diverse famiglie e su tutto ciò che hanno in comune fra loro

62 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra J. Bodin, I sei libri dello Stato: Quelli che affermano in generale che i principi non sono soggetti alle leggi e nemmeno ai loro patti, se non eccettuano le leggi di Dio e della natura, e le giuste convenzioni e i trattati fatti con i sudditi, offendono Dio e la natura

63 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra J. Bodin, I sei libri dello Stato: Quanto meno [il potere sovrano] si estende, a parte quelle che sono le vere e specifiche prerogative della sovranità, tanto più è sicuro

64 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra J. Bodin, I sei libri dello Stato: «Non discuto qui quale sia la religione migliore fra tutte (anche se, in realtà, non vi è che una religione, una verità, una legge divina, in quanto promulgata dalla bocca stessa di Dio); dico solo che il principe che, perfettamente convinto di essere nella vera religione, voglia conquistare ad essa i sudditi divisi in sette e fazioni, a mio parere non deve usare la forza» Può accadere infatti «che lappoggio e il favore della nobiltà e del popolo a una nuova religione o a una nuova setta sia così forte e solido da rendere impossibile o estremamente difficile ogni intervento teso a reprimerla o ad alterarla, se non con pregiudizio grave di tutto lo Stato. (…) Quando una setta o una religione non possa essere spazzata via senza rischiare la distruzione dello Stato, sarà meglio tollerarla, giacché la salvezza e il bene dello Stato costituiscono lo scopo principale della legge»

65 i STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Lezione n. 9 I SEMESTRE A.A

66 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra I caratteri del giusnaturalismo moderno 1) Laicità Hugo Grotius, De Iure Belli ac Pacis, Prolegomena, § 11: «Tutto ciò che abbiamo detto finora sussisterebbe in qualche modo ugualmente anche se ammettessimo – cosa che non può farsi senza empietà gravissima – che Dio non esistesse o che Egli non si occupasse dellumanità»

67 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra I caratteri del giusnaturalismo moderno 2) Scientificità Hugo Grotius, De Iure Belli ac Pacis, Prolegomena, § 39: «Anzitutto mi sono preoccupato di ricollegare le prove riguardanti il diritto naturale a nozioni così evidenti che nessuno possa negarle senza far violenza a se stesso: infatti i proncipi di tale diritto se appena si guardi attentamente, sono manifesti di per sé ed evidenti quasi come ciò che percepiamo per mezzo dei sensi esterni».

68 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra I caratteri del giusnaturalismo moderno 2) Scientificità Hugo Grotius, De Iure Belli ac Pacis, Prolegomena, § 39: «In verità io dichiaro esplicitamente che, come i matematici considerano le figure facendo astrazione dai corpi, così io, nel trattar del diritto, ho distolto il pensiero da qualsiasi fatto particolare».

69 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Thomas Hobbes, De Cive I geometri in verità hanno molto ben amministrato la loro provincia. Infatti, tutto laiuto che si può trarre per la vita umana dallosservazione delle stelle, dalla descrizione della terra, dal computo del tempo, dalle navigazioni più lunghe; tutte quello che è bello negli edifici, resistente nelle fortificazioni, prodigioso nelle macchine; tutto ciò che, insomma, distingue il tempo odierno dalla barbarie antica, è quasi per intero un beneficio della geometria.

70 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Thomas Hobbes, De Cive Infatti, quello che dobbiamo alla fisica, la fisica lo deve alla stessa geometria. Se i filosofi morali avessero assolto al loro compito con esito altrettanto felice, non vedo come lindustria umana avrebbe potuto contribuire di più alla felicità di questa vita. Se infatti la ragione delle azioni umane fosse conosciuta con la stessa certezza con cui conosciamo la ragione delle grandezze nelle figure, lambizione e lavidità, la cui potenza si sostiene sulle false opinioni del volgo circa il diritto e il torto, sarebbero disarmate, e la gente godrebbe di una pace tanto costante, che non sembra si dovrebbe più combattere.

71 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Lalbero hobbesiano della conoscenza Geometria Fisica Etica Politica

72 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Thomas Hobbes, De Cive Quanto al metodo, ho ritenuto che lordine dellesposizione, per quanto chiaro, non sia da solo sufficiente, ma che si debba iniziare dalla materia dello Stato, quindi procedere alla sua generazione e forma e alla prima origine della giustizia. Infatti ogni oggetto viene conosciuto nel modo migliore a partire dalle cose che lo costituiscono. Come in un orologio o in unaltra macchina un poco complessa non si può sapere quale sia la funzione di ogni parte e di ogni ruota, se non lo si scompone, e si esaminano separatamente la materia, la figura, il moto delle parti, così nellindagine sul diritto dello Stato si deve se non certo scomporre lo Stato, considerarlo come scomposto.

73 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Thomas Hobbes, De Corpore La filosofia civile è strettamente legata alla filosofia morale, dalla quale tuttavia può essere staccata: infatti, le cause dei movimenti della mente possono conoscersi non soltanto con il ragionamento, ma anche con lesperienza attraverso la quale ciascuno osserva i propri movimenti. E perciò, quelli che con metodo sintetico, partendo dai principi primi della filosofia, siano giunti alla scienza delle passioni e dei turbamenti dellanimo, procedendo per la stessa strada, arriveranno alle cause necessarie della costituzione delle comunità e conseguiranno la scienza del diritto naturale e dei doveri civili, nonché dei diritti che si devono alla comunità in ogni genere di comunità, e di tutto il resto che spetta alla filosofia civile…

74 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Thomas Hobbes, De Corpore …per il fatto che i principi della politica derivano dalla conoscenza dei movimenti della mente, mentre la conoscenza dei movimenti della mente deriva dalla scienza dei sensi e dei pensieri; ma anche quelli che non hanno imparato la parte della filosofia precedente, cioè la geometria e la fisica, possono tuttavia giungere ai principi della filosofia civile con il metodo analitico.

75 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Thomas Hobbes, Leviatano Questi piccoli inizi di movimento entro il corpo umano, prima che appaiano nel camminare, nel parlare, nel percuotere, e in altre azioni visibili, sono comunemente chiamati sforzo. Questo sforzo, quando è volto verso qualcosa che lo causa si chiama appetito o desiderio. (…) Quando lo sforzo è per tenersi lontano da qualcosa di chiama generalmente avversione. Questi vocaboli, appetito e aversione, che noi abbiamo dai latini, significano entrambi dei movimenti, luno quello di avvicinarsi, laltro quello di ritirarsi…

76 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Thomas Hobbes, Leviatano …Quelle cose che non desideriamo, né odiamo si dice che le dispregiamo, dato che il dispregio è nientaltro che una immobilità… E per il fatto che la costituzione del corpo umano è in continuo mutamento, è impossibile che tutte le stesse cose causino sempre nelluomo gli stessi appaetiti e avversioni; molto meno tutti gli uomini possono consentire nel desiderio di un solo e medesimo oggetto, quale che sia, o quasi.

77 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Thomas Hobbes, Leviatano Ma qualunque esso sia, loggetto dellappetito o desiderio di un uomo è ciò che egli, per parte sua, chiama buono; loggetto del suo odio e della sua avversione cattivo, e quello del suo dispregio, vile e trascurabile. Infatti queste parole, buono, cattivo e spregevole, sono sempre usate in relazione alla persona che le usa, dato che non cè nulla che sia tale semplicemente e assolutamente, e non cè alcuna regola comune di ciò che è buono e cattivo che sia derivata dalla natura degli oggetti stessi…

78 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Thomas Hobbes, De Cive Tutto ciò che sembra bene, è piacevole, e si riferisce agli organi o allanimo. Ogni piacere dellanimo consiste nella gloria (cioè nellavere una buona opinione di sé), o si riferisce in ultimo alla gloria. Gli altri beni sono sensuali, e possono tutti essere designati col nome di utile… Ciascuno è portato a desiderare ciò che per lui è bene, e a fuggire ciò che per lui è male, soprattutto il massimo dei mali naturali, che è la morte; e questo con una necessità naturale non minore di quella per cui una pietra va verso il basso.

79 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Thomas Hobbes, Leviatano …Pongo in primo luogo, come una inclinazione generale di tutta lumanità, un desiderio perpetuo e senza tregua di un potere dopo laltro che cessa soltanto nella morte

80 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Thomas Hobbes, Leviatano Nella natura umana troviamo tre cause principali di contesa: in primo luogo, la competizione, in secondo luogo la diffidenza, in terzo luogo la gloria. La prima fa sì che gli uomini si aggrediscano per guadagno, la seconda per sicurezza, e la terza per reputazione. Nel primo caso gli uomini usano violenza per rendersi padroni delle persone di altri uomini, delle loro donne, dei loro figli, del loro bestiame; nel secondo caso per difenderli; nel terzo caso per delle inezie, come una parola, un sorriso, unopinione differente, e qualunque altro segno di scarsa valutazione, o direttamente nei riguardi delle loro persone, o di riflesso nei riguardi della loro parentela, dei loro amici, della loro nazione, della loro professione o del loro nome

81 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Thomas Hobbes, Leviatano La natura ha fatto gli uomini così uguali nelle facoltà del corpo e della mente che, sebbene si trovi un uomo manifestamente più forte fisicamente o di mente più pronta di un altro, pure quando si calcola tutto insieme, la differenza tra uomo e uomo non è così considerevole, che un uomo possa di conseguenza reclamare per sé qualche beneficio che un altro non possa pretendere, tanto quanto lui. Infatti riguardo alla forza corporea, il più debole ha forza sufficiente per uccidere il più forte, o con segreta macchinazione o alleandosi con altri che sono con lui nello stesso pericolo. E quanto alla facoltà della mente (…) io trovo tra gli uomini una eguaglianza ancora più grande di quella della forza. Infatti la prudenza non è che esperienza, ed un tempo eguale la conferisce in egual misura a tutti gli uomini, in quelle cose in cui si applicano in egual misura…

82 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Thomas Hobbes, Leviatano Da questa eguaglianza di abilità sorge leguaglianza nella speranza di conseguire i nostri fini. E perciò, se due uomini desiderano la stessa cosa, e tuttavia non possono entrambi goderla, diventano nemici, e sulla via del loro fine (…) si sforzano di distruggersi o di sottomettersi lun laltro. Onde accade che dove un aggressore non ha più da temere che il potere singolo di un altro uomo, se uno pianta, semina, costruisce o possiede un fondo conveniente, ci si può probabilmente aspettare che altri, preparatisi con forze riunite, vengano per spossessarlo e privarlo non solo del frutto della sua fatica, ma anche della sua vita o della libertà. E laggressore è di nuovo in un pericolo simile a quello in cui era laltro…

83 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Thomas Hobbes, Leviatano Da ciò è manifesto che durante il tempo in cui gli uomini vivono senza un potere comune che li tenga in soggezione, essi si trovano in quella condizione che è chiamata guerra e tale guerra è quella di ogni uomo contro ogni altro uomo. La guerra, infatti, non consiste solo nella battaglia o nellatto del combattere, ma in un tratto di tempo, in cui è sufficientemente conosciuta la volontà di contendere in battaglia. (…) Così la natura della guerra non consiste nel combattimento effettivo, ma nella disposizione verso di esso che sia conosciuta e in cui, durante tutto il tepo, non si dia assicurazione del contrario. Ogni altro tempo è pace.

84 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Thomas Hobbes, Leviatano Perciò tutto ciò che è conseguente al tempo di guerra in cui ogni uomo è nemico ad ogni uomo, è anche conseguentemente al tempo in cui gli uomini vivono senzaltra sicurezza di quella che la propria forza e la propria inventiva potrà fornire loro. In tale condizione non cè posto per lindustria, perché il frutto di essa è incerto e per conseguenza non vè cultura della terra, né navigazione, né uso dei prodotti che si possono importare per mare, né comodi edifici, né macchine per muovere e trasportare cose che richiedono molta forza, né conoscenza della faccia della terra, n^ calcolo del tempo, né arti, né lettere,né società, e quel che è peggio di tutto, vì è continuo timore e pericolo di morte violenta, e la vita delluomo è solitaria, misera, sgradevole, brutale e breve.

85 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Thomas Hobbes, Leviatano Per il fatto che la condizione delluomo (…) è una condizione di guerra di ogni uomo contro ogni altro uomo, e, in questo caso, ognuno è governato dalla propria ragione e non cè niente di cui egli può far uso che non possa essergli di aiuto nel preservare la sua vita contro i suoi nemici, ne segue che in una tale condizione ogni uomo ha diritto ad ogni cosa, anche al corpo di un altro uomo. Perciò, finché dura questo diritto naturale di ogni uomo ad ogni cosa, non ci può essere sicurezza per alcuno (per quanto forte o saggio egli sia) di vivere per tutto il tempo che la natura ordinariamente concede agli uomini di vivere. Per conseguenza è un precetto o regola generale della ragione, che ogni uomo debba sforzarsi alla pace, per quanto abbia speranza di ottenerla, e quando non possa ottenerla, cerchi e usi tutti gli aiuti e i vantaggi della guerra.

86 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Thomas Hobbes, Leviatano La prima parte di questa regola contiene la prima e fondamentale legge di natura, che è cercare la pace e conseguirla. La seconda, la somma del diritto di natura, che è, difendersi con tutti mezzi possibili.

87 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Thomas Hobbes, Leviatano Il diritto di natura (…) è la libertà che ogni uomo ha di usare il suo potere, come egli vuole, per la preservazione della propria natura, vale a dire della propria vita, e, per conseguenza, di fare qualunque cosa nel suo giudizio e nella sua ragione egli concepirà essere il mezzo più atto a ciò.

88 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Thomas Hobbes, Leviatano Una legge di natura è un precetto o una regola generale scoperta dalla ragione, che vieta ad un uomo di fare ciò che è lesivo della sua vita o che gli toglie i mezzi per preservarla, e di omettere ciò con cui egli pensa possa essere meglio preservata.

89 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Thomas Hobbes, Leviatano Da questa fondamentale legge di natura che comanda agli uomini di sforzarsi alla pace, deriva questa seconda legge, che un uomo sia disposto, quando anche altri lo sono, per quanto egli penserà necessario per la propria pace e difesa, a deporre questo diritto a tutte le cose; e si accontenti di avere tanta libertà contro gli altri uomini, quanta egli ne concederebbe ad altri uomini contro di lui.

90 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Thomas Hobbes, Leviatano Questa sono le leggi di natura che dettano la pace come un mezzo per la conservazione degli uomini in moltitudine e che concernono solamente la dottrina della società civile. (…) Per non lasciare a tutti gli uomini scusa alcuna, tali leggi sono state compendiate agevolmente in una sentenza, intelligibile anche alla mente più tarda, questa: non fare agli altri quello che non vorresti fosse fatto a te.

91 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Thomas Hobbes, Leviatano Le leggi di natura obbligano in foro interno, vale a dire vincolano a desiderare che si attuino, ma non sempre in foro externo, cioè a porle in atto. Infatti colui che fosse modesto e trattabile e adempisse a tutto ciò che promette in un tempo e in un luogo in cui nessun altro uomo facesse ciò, non farebbe altro che darsi in preda agli altri e procurarsi la propria certa rovina, contrariamente al fondamento di tutte le leggi di natura che tende alla preservazione della natura…

92 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Thomas Hobbes, Leviatano La massima parte di coloro che hanno trattato delle repubbliche, suppongo o pretendono, o postulano, che luomo sia un animale atto per nascita alla società, i greci dicono zoon politikon; e su questo fondamento edificano la dottrina civile, come se per conservare la pace e governare lintero genere umano non occorresse altro che il consenso degli uomini riguardo certi patti e condizioni, che chiamano senzaltro leggi. Questo assioma, benché accolto, è falso; e lerrore è derivato da una considerazione troppo superficiale della natura umana…

93 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Thomas Hobbes, De Cive …Infatti, esaminando più a fondo le cause per cui gli uomini si riuniscono e godono della società reciproca, risulterà senzaltro evidente che ciò non avviene in modo che per natura non possa accadere diversamente, ma per accidente. Se infatti luomo amasse luomo naturalmente, cioè in quanto uomo, non vi sarebbe alcuna ragione perché ciascuno non dovesse amare ugualmente ciascun altro, in quanto ugualmente uomo, o perché dovesse preferire di frequentare coloro, dalla cui società possono derivare a lui (piuttosto che ad altri) onore e utile. Quindi non cerchiamo per natura dei soci, ma per trarre da essi onore e vantaggio…

94 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Thomas Hobbes, Leviatano Mentre laccordo tra le creature irrazionali è naturale, quello tra gli uomini è solo per patto ed è artificiale; nessuna meraviglia quindi se (oltre il patto) si richiede qualcosa daltro per rendere il loro accordo costante e durevole, cioè, un potere comune che li tenga in soggezione e che diriga le loro azioni verso il comune beneficio.

95 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Thomas Hobbes, Leviatano La sola via per erigere un potere comune che possa essere in grado di difendere gli uomini dallaggressione straniera e dalle ingiurie reciproche, e con ciò di assicurarli in modo tale che con la propria industria e con i frutti della terra possano nutrirsi e vivere soddisfatti, è quella di conferire tutti i loro poteri e tutta la loro forza ad un uomo o ad unassemblea di uomini che possa ridurre tutte le loro volontà, per mezzo della pluralità delle voci, ad una volontà sola...

96 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Thomas Hobbes, Leviatano Questo è più del consenso o della concordia; è ununità reale di tutti loro in una sola e medesima persona fatta con il patto di ogni uomo con ogni altro, in maniera tale che, se ogni uomo dicesse ad ogni altro, io autorizzo e cedo il mio diritto di governare me stesso, a questuomo, o a questa assemblea di uomini a questa condizione, che tu gli ceda il tuo diritto, e autorizzi tutte le sue azioni in maniera simile…

97 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Thomas Hobbes, Leviatano Fatto ciò, la moltitudine così unita in una persona viene chiamato Stato, in latino Civitas. Questa è la generazione di quel grande Leviatano, o piuttosto (per parlare con più riverenza) di quel dio mortale, al quale noi dobbiamo, sotto il Dio immortale, la nostra pace e la nostra difesa. Infatti, per mezzo di questa autoritò datagli da ogni particolare nello stato, è tanta la potenza e tanta la forza che gli sono state conferite e di cui ha luso, che con il terrore di esse è in grado di informare le volontà di tutti alla pace interna e allaiuto reciproco contro i nemici esterni…

98 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Thomas Hobbes, Leviatano …In esso consiste lessenza dello stato che (se si vuole definirlo) è una persona dei cui atti ogni membro di una grande moltitudine, con patti reciproci, luno nei confronti dellaltro e viceversa, si è fatto autore, affinché essa possa usare la forza e i mezzi di tutti, come penserà sia vantaggioso per la loro pace e comune difesa.

99 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Thomas Hobbes, Leviatano Una moltitudine di uomini diventa una persona, quando è rappresentata da un uomo o da una persona, per modo che diventi tale con il consenso di ciascun particolare componente della moltitudine. Infatti è lunità del rappresentante, non lunità del rappresentato che fa una la persona, ed il rappresentante che sostiene la parte della persona e di una persona soltanto; lunità in una moltitudine non può non intendersi in altro modo.

100 i STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Lezione n. 10 I SEMESTRE A.A

101 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra John Locke, Saggio sullintelletto umano Il primo e più forte desiderio che Dio ha radicato negli uomini, e messo in opera nei principi stessi che sovraintendono alla natura da Lui creata, è il desiderio dell'autoconservazione. Ammetto che la natura abbia messo, in tutti gli uomini, il desiderio di essere felici e una forte avversione per l'infelicità. Ecco qui dei principi della pratica veramente innati e che, secondo la destinazione di ogni principio della pratica, hanno un'influenza continua su tutte le nostre azioni. Possiamo infatti osservarli in ogni sorta di persone, di qualunque età, nelle quali appaiono costantemente e senza discontinuità.

102 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra John Locke, Saggio sullintelletto umano Per tornare dunque alla nostra ricerca, cosè che detrmina la volontà nei riguardi delle nostre azioni ? Dopo averci ripensato, sono portato a ritenere che non sia, come generalmente si pensa, il maggior bene che si abbia in vista, bensì un qualche disagio (e, per lo più, quello più gravoso, da cui luomo sia attualmente afflitto). Questo è ciò che, volta a volta, determina la volontà e ci muove a compiere le nostre azioni. Questo disagio possiamo anche chiamarlo desiderio, che è un disagio dello spirito per mancanza di un qualche bene. Ogni dolore del corpo, di qualunque specie, e ogni turbamento dello spirito, è un disagio: e con questo va sempre assieme il desiderio, eguale al dolore o al disagio sentito, e da esso difficilmente distinguibile...Oltre questo desiderio di liberarsi della pena, cè laltro di un bene positivo mancante; e anche qui il disagio e il desiderio sono uguali tra loro.

103 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra John Locke, Saggio sullintelletto umano Poiché esistono in noi disagi in gran numero, che sempre sollecitano la volontà nostra e son pronti a determinarla, è naturale, come ho detto, che i maggiori e più urgenti determinino la volontà alla sua azione immediata; e così avviene nella maggior parte dei casi, ma non sempre. Perché, il più delle volte, lo spirito ha il potere di tenere in sospeso l'esecuzione di un atto e la soddisfazione di un suo qualunque desiderio, come è evidente dall'esperienza; e così esso può tenerli in sospeso tutti, uno dopo l'altro; è libero di considerarne gli oggetti, di esaminarli da ogni lato e di pesarli in rapporto ad altri. La libertà che ha l'uomo sta in questo…

104 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra John Locke, Saggio sullintelletto umano Questo è il cardine su cui gira la libertà degli esseri intellettuali nei loro costanti sforzi orientati decisamente verso la vera felicità: che, in casi particolari, essi possono sospendere questa ricerca finché non si siano guardati davanti, e non si siano informati se quella cosa particolare che viene in quel momento proposta o desiderata non attraversi la strada che conduce al loro fine principale, e costituisca realmente una parte di ciò che è il loro massimo bene. Poiché l'inclinazione e tendenza della loro natura verso la felicità costituisce per loro un obbligo e un motivo per aver cura di non confonderla o mancarla; e perciò, necessariamente li mette in guardia e li costringe a essere ponderati e cauti nel dirigere le loro azioni particolari, che sono i mezzi verso il fine

105 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra John Locke, Secondo trattato sul governo Dio, che ha dato la terra in comune agli uomini, ha dato loro anche la ragione, onde se ne servissero nel modo più vantaggioso per la vita e il benessere loro. La terra, e tutto ciò che essa contiene, viene data agli uomini per la sussistenza e il piacere di vivere. E per quanto tutti i frutti che essa naturalmente produce e gli animali che sostenta appartengano in comune allumanità, essendo prodotti dalla spontanea mano della natura, senza che nessuno ne abbia originariamente un privato dominio a esclusione del resto degli uomini, essendo tutti nello stato di natura, pure, dato che tutto ciò è inteso allutilità degli uomini, devesserci di necessità un mezzo di appropriarselo in un modo o nellaltro, prima che possa essere dun qualche vantaggio o beneficio a un singolo individuo (V, 26)

106 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra John Locke, Secondo trattato sul governo Benché la terra e tutte le creature inferiori siano comuni a tutti gli uomini, ciascuno ha tuttavia la proprietà della sua persona: su questa nessuno ha diritto alcuno allinfuori di lui. Il lavoro del suo corpo e lopera delle sue mani, possiamo dire sono propriamente suoi. Qualunque cosa dunque egli tolga dallo stato in cui la natura lha creata e lasciata, a essa incorpora il suo lavoro e vi intesse qualcosa che gli appartiene, e con ciò se lappropria. Togliendo quelloggetto dalla condizione comune in cui la natura lo ha posto, vi ha aggiunto col suo lavoro qualcosa che esclude il comune diritto degli altri uomini. Tale lavoro esendo infatti indiscutibile proprietà del lavoratore, nessun altro che lui può aver diritto a ciò cui esso è stato incorprorato, almeno là dove avanzano, per la comune proprietà degli altri, beni sufficienti e altrettanto buoni (V, 27)

107 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra John Locke, Secondo trattato sul governo La stessa legge di natura, che in questo modo ci conferisce la proprietà, vi pone pure dei limiti. 'Dio ogni cosa ci somministra copiosamente (I Tim. VI, 17): così dice la ragione e la rivelazione lo conferma. Ma a quale condizione? 'Per il nostro godimento'. Quanto ciascuno può usare a vantaggio della propria vita, prima che si deteriori, tanto col suo lavoro può appropriarsi; quanto ciò eccede è più di quanto gli spetta e appartiene ad altri (V, 31).

108 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra John Locke, Secondo trattato sul governo Per ben comprendere che cosa sia il potere politico e ricostruirne la genesi, occorre considerare quale sia lo stato in cui tutti gli uomini per natura si trovano: uno stato di perfetta libertà di regolare le proprie azioni e disporre dei propri beni e persone come meglio credono, entro i limiti della legge naturale, senza chiedere l'altrui benestare o obbedire alla volontà d'altri. E questo anche uno stato di eguaglianza, in cui potere e autorità sono reciproci poiché nessuno ne ha più degli altri (II, 4).

109 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra John Locke, Secondo trattato sul governo Benché sia incondizionatamente libero, in questo stato, di disporre della sua persona e dei suoi beni, l'uomo non è libero di distruggere se stesso o altra creatura umana che gli appartenga, se non quando lo imponga un motivo più nobile della semplice sopravvivenza. Lo stato di natura è governato da una legge di natura che è per tutti vincolante; e la ragione, che è poi quella legge stessa, insegna a chiunque soltanto voglia interpellarla che, essendo tutti gli uomini eguali e indipendenti, nessuno deve ledere gli altri nella vita, nella salute, nella libertà o nei possessi (II, 6).

110 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra John Locke, Secondo trattato sul governo La legge infatti, nella sua propria definizione, non è tanto la limitazione quanto la guida di un agente libero e intelligente al suo proprio interesse e non prescrive nulla che non sia inteso al bene generale di coloro che vi sono sottomessi. Se questi potessero esser più felici senza di essa, la legge da sé si estinguerebbe come cosa inutile, mal meritando il nome di guida ciò che semplicemente ci salva da burroni e precipizi. Dunque, per quanto lo si possa fraintendere, il fine della legge non è di precludere o reprimere la libertà ma di ampliarla, perché (...) dove non c'è legge non c'è libertà.

111 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra John Locke, Secondo trattato sul governo …Libertà significa infatti essere esenti dall'altrui oppressione e violenza, ciò che non può darsi ove non vi sia legge, ma non libertà per ciascuno di far ciò che vuole (chi potrebbe esser libero, se chiunque potesse esercitare il suo capriccio su di lui ?), bensì libertà di disporre e usare della sua persona, delle sue azioni, dei suoi beni e di tutte le sue proprietà entro i confini delle leggi cui è soggetto e in cui non sottostà all'altrui arbitrio ma è libero di seguire la volontà propria (VI, 57)

112 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra John Locke, Secondo trattato sul governo La maggior parte delle cose realmente utili alla vita dell'uomo (…) sono in generale cose di breve durata; cose che, non consumate, spontaneamente si guastano e perdono, mentre oro, argento, diamanti, sono cose alle quali per arbitrio e convenzione, più che per un'utilità reale e per la necessità della sussistenza, è stato attribuito un valore... (§ 46). …Così nacque l'uso del denaro, qualcosa di durevole che gli uomini potevano conservare senza che si deteriorasse, e che per comune consenso poteva essere preso in cambio dei veri e propri, ma deteriorabili, beni di sussistenza (§ 47).

113 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra John Locke, Secondo trattato sul governo E, come i diversi gradi d'industria erano capaci di dare agli uomini ricchezze in proporzioni diverse, così l'invenzione del denaro diede loro l'opportunità di accrescerle ed estenderle. (…) Dove non c'è nulla che sia insieme duraturo e raro, e tanto pregiato da essere accumulato, gli uomini non possono estendere la loro proprietà della terra, per ricca che questa sia e facile a prendersi: che valore potrebbero avere infatti per un uomo diecimila, o centomila, acri di terra eccellente, bell'e coltivata e ricca di bestiame, nel cuore delle regioni interne dell'America, dove non ci fosse alcuna speranza di commerciare con altre parti del mondo e guadagnare denaro con la vendita dei prodotti?

114 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra John Locke, Secondo trattato sul governo Una cosa è certa, che all'inizio, prima che il desiderio di possedere più del necessario avesse alterato l'intrinseco valore delle cose, che dipende solo dalla loro utilità per la vita dell'uomo; prima che si fosse convenuto che un pezzetto di metallo giallo, che si poteva conservare senza che si deteriorasse o andasse perduto, valeva per un grande pezzo di carne o un mucchio intero di frumento, per quanto gli uomini avessero diritto di appropriarsi, col loro lavoro, ciascuno per sé, tanto quanto potevano usare degli oggetti della natura, pure ciò non poteva esser mai troppo, né recare pregiudizio ad altri, poiché pari ricchezza avanzava per coloro che fossero altrettanto industriosi.

115 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra John Locke, Secondo trattato sul governo...Sebbene la legge di natura sia evidente e intelligibile ad ogni creatura ragionevole, tuttavia gli uomini, in quanto influenzati dai loro interessi la ignorano per mancanza di studio, sicché tendono a non riconoscerla come una legge che li obblighi ad applicarla ai loro casi particolari

116 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra John Locke, Secondo trattato sul governo...Un uomo si spoglia della sua libertà naturale e accetta i vincoli della società civile solo quando decide insieme con altri uomini di associarsi e unirsi tutti in una comunità, per viver bene, nella tranquillità e nella pace reciproca, assicurandosi il godimento delle loro proprietà e una maggiore protezione contro coloro che a quella società non appartengono. Questo può esser fatto da un gruppo di uomini, perché non lede la libertà di tutti gli altri, che restano come prima nell'indipendenza dello stato di natura. Quando un certo numero di uomini in tal modo consente di istituire una comunità o stato politico, essi vengono immediatamente associati in modo da costituire un solo corpo politico, in cui la maggioranza ha diritto di decretare e decidere per il resto (§ 95).

117 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra John Locke, Secondo trattato sul governo Infatti quando un gruppo, col consenso di ciascun individuo, costituisce una comunità, di quella comunità fa con ciò stesso un sol corpo, che ha il diritto di deliberare come un sol corpo, cioè solo in base alla volontà e alla decisione della maggioranza. I decreti d'una comunità non essendo infatti se non il consenso degli individui a essa appartenenti, e, essendo necessario che ciò che costituisce un sol corpo si muova in una sola direzione, è indispensabile che quel corpo si muova nella direzione in cui lo spinge la forza maggiore, e cioè il consenso della maggioranza. Gli sarebbe altrimenti impossibile decretare e continuare a sussistere come un sol corpo, come una sola comunità, quale consenso di ciascun individuo a esso consociato ha convenuto che fosse; onde ciascuno è tenuto da quel consenso ad essere determinato dalla maggioranza.

118 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra John Locke, Secondo trattato sul governo …E' dunque inteso che chiunque, uscendo dallo stato di natura, si unisca ad altri in una comunità, cede tutto il potere, necessario ai fini per cui tutti si sono uniti in società, alla maggioranza della comunità stessa, a meno che non si sia convenuto un numero maggiore, appunto, della maggioranza. E ciò avviene col semplice fatto di decidere concordemente di unirsi in una sola società politica: ecco tutto il patto che interviene, e deve intervenire, fra gli individui che entrano a far parte d'uno Stato o lo costituiscono. Così, ciò che dà origine a una società politica, e realmente la istituisce, non è se non il consenso d'un certo numero di uomini liberi, capaci d'una maggioranza, a riunirsi e associarsi in una società siffatta. Questo e questo soltanto ha dato e poteva dare origine a un legittimo governo nel mondo" (VIII, 99)

119 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra John Locke, Secondo trattato sul governo Avendo naturalmente in sé, come s'è dimostrato, l'intero potere della comunità fin dal momento in cui gli uomini si uniscono in società, la maggioranza può servirsi di tutto quel potere per fare di tanto in tanto leggi per la comunità e renderle operanti per mezzo di funzionari da essa stessa designati. In questo caso la forma di governo è una perfetta democrazia. Oppure può affidare il potere di legiferare a pochi prescelti e ai loro eredi e successori, e allora si tratta di un'oligarchia. O, ancora, può affidarlo a uno solo, e allora è una monarchia. Se è affidato a un sol uomo e ai suoi eredi, è una monarchia ereditaria; se a un sol uomo per tutta la durata della sua vita, ma a condizione che alla sua morte il solo potere di nominare un successore venga restituito alla maggioranza, allora è una monarchia elettiva. Così con queste forme, la comunità può creare forme di governo composite o miste, secondo che paia opportuno.

120 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra John Locke, Secondo trattato sul governo …E, se il potere legislativo viene dapprima dato dalla maggioranza a una o più persone per la sola durata della loro vita, o per un periodo comunque limitato, dopo di che il supremo potere torna di nuovo a essa, quando ciò avviene la comunità può disporne di nuovo affidandolo a chi vuole e costituire così una nuova forma di governo. La forma di governo dipende dalla collocazione del potere supremo, che è il legislativo; dunque, essendo impossibile che un potere inferiore prescriva leggi a uno superiore, o che un potere che non sia il potere supremo legiferi, quale è la collocazione del potere di legiferare tale è la forma dello Stato (X, 132)..

121 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra John Locke, Secondo trattato sul governo...Vorrei che i miei obiettori tenessero presente che i monarchi assoluti altro non sono che uomini; e se il governo dev'essere rimedio ai mali che necessariamente scaturiscono dal fatto che gli uomini sono giudici di se stessi, onde lo stato di natura non può essere a lungo accettato, mi chiedo che genere di governo sia, e in che senso sia migliore dello stato di natura, quello in cui un sol uomo, regnando su molti, abbia la libertà di giudicare se stesso e possa fare ai suoi sudditi tutto quello che vuole, mentre tutti gli altri non hanno la minima libertà di discutere o controllare coloro che eseguono il suo volere, e qualsiasi cosa egli faccia - sia guidato da ragione, da errore o da passione - devono obbedirgli. Molto meglio lo stato di natura, in cui gli uomini non sono costretti a sottomettersi all'ingiusto volere di un'altr'uomo e in cui colui che giudica, se giudica male della causa propria o altrui, deve risponderne al resto degli uomini.

122 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra John Locke, Secondo trattato sul governo …Se l'uomo nello stato di natura è così libero come si è detto, se è padrone assoluto della propria persona e dei propri beni, pari al più grande fra tutti e a nessuno soggetto, perché mai rinuncia alla sua libertà ? Perché cede il suo imperio e si assoggetta al dominio e al controllo d'un altro potere ? La risposta ovvia è che, per quanto nello stato di natura egli possieda il diritto connesso con quello stato, la fruizione di esso è assai incerta e continuamente esposta alle altrui interferenze. Infatti, tutti essendo re alla stessa stregua di lui, tutti essendo suoi pari, ed essendo per lo più poco rispettosi dell'equità e della giustizia, il godimento della proprietà in questo stato è per lui assai incerto, molto insicuro. Ciò lo induce ad abbandonare una condizione che, per quanto libera, è piena di rischi e di continui pericoli: e non è senza ragione ch'egli desidera e ambisce unirsi a una società che gli altri abbiano costituito o abbiano in mente di costituire per la reciproca salvaguardia della loro vita, libertà e beni, cioè con quello che definisco con il termine generale proprietà. (§ 123)

123 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra John Locke, Secondo trattato sul governo Il grande è fondamentale intento per cui dunque gli uomini si uniscono in Stati e si assoggettano a un governo è la salvaguardia della loro proprietà. A tal fine lo stato di natura è per molti rispetti inefficiente. Vi manca in primo luogo una legge stabile, fissa e notoria, accettata e riconosciuta per comune consenso come criterio del giusto e dell'ingiusto e come comune misura Per decidere di ogni controversia. Per quanto infatti la legge di natura sia chiara e intelligibile a tutte le creature razionali, gli uomini, traviati dall'interesse e ignari di essa per mancanza di riflessione, non sono portati a riconoscerla come legge per loro vincolante nell'applicazione ai loro casi particolari. (124)

124 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra John Locke, Secondo trattato sul governo In secondo luogo, manca nello stato di natura un giudice riconosciuto e imparziale, dotato dell'autorità di risolvere ogni contrasto sulla base della legge istituita. Essendo infatti in quello stato ciascuno giudice ed esecutore della legge di natura, e gli uomini essendo parziali nei propri confronti, la passione e lo spirito vendicativo tendono a spingerli troppo oltre, e a infiammarli in modo eccessivo, quando si tratta di casi propri, così come la negligenza e il disinteresse tendono a farli noncuranti dei casi altrui. (§ 125)

125 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra John Locke, Secondo trattato sul governo Infine, nello stato di natura manca spesso il potere, atto a sostenere e appoggiare la sentenza giusta e renderla debitamente operante. Coloro che hanno commessa ingiustizia raramente, potendo, si astengono da far valere con la forza quella trasgressione; e questa resistenza rende spesso pericolosi e talvolta fatali per chi li compie i tentativi di punizione.(§ 126)

126 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra John Locke, Secondo trattato sul governo Nello stato di natura l'uomo ha due poteri, oltre alla libertà di godere dei piaceri innocenti. Il primo consiste nel fare tutto ciò che ritiene opportuno per la conservazione sua e altrui nei limiti consentiti dalla legge di natura. (…) L'altro potere che un uomo ha nello stato di natura è quello di punire i reati commessi contro la legge naturale. A entrambi i poteri egli rinuncia quando entra in una società politica per così dire privata o particolare e si incorpora in uno Stato distinto da tutto il resto del genere umano.

127 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra John Locke, Secondo trattato sul governo …Entrando in società gli uomini rinunciano all'eguaglianza, alla libertà e al potere esecutivo di cui godevano nello stato di natura, affidandolo alla società perché il legislativo ne disponga come richiede il bene della società stessa. Ma, poiché ciascuno fa questo con l'intenzione di meglio salvaguardare la propria libertà e proprietà (ché non è mai pensabile che una creatura razionale muti con l'intento di star peggio), è lecito aspettarsi che il potere della società, o il legislativo costituito, non oltrepassi mai i limiti del bene comune, ma sia tenuto ad assicurare la proprietà di ciascuno prendendo misure contro i tre difetti sopra menzionati, che avevano reso lo stato di natura tanto incerto e difficile.

128 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra John Locke, Secondo trattato sul governo …Così, chiunque disponga del potere legislativo o supremo d'uno Stato è tenuto a governare secondo leggi istituite e stabili, promulgate e rese note al popolo, e non sulla base di decreti estemporanei; per mezzo di giudici imparziali e retti, che devono risolvere i conflitti in base a quelle leggi; ed è tenuto ad usare la forza della comunità, in patria, solo per l'esecuzione di quelle leggi; e, fuori, al fine di prevenire e risarcire offese esterne e mettere la comunità al sicuro da scorribande ed invasioni. E tutto ciò non dev'essere ispirato ad altro fine che la pace, la sicurezza e il pubblico bene del popolo. (§ 131)

129 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra John Locke, Secondo trattato sul governo Il potere legislativo, sia esso affidato a una o più persone, sia vigente di continuo o solo a intervalli, è sì il supremo potere in ogni Stato, ma ciò nonostante occorre considerare quanto segue: In primo luogo, non esercita, né può assolutamente esercitare l'arbitrio sulla vita e i beni del popolo. Non essendo infatti se non il potere congiunto di ciascun membro della società, conferito a quella persona o assemblea che appunto legiferano, non può essere nulla più di quanto quelle persone possedevano nello stato di natura prima di entrare in società e che hanno rimesso alla comunità. Nessuno infatti può trasferire ad altri più potere di quanto non abbia, e nessuno ha, su se stesso o su altri, un assoluto arbitrario potere di togliersi la vita o strappare ad altri la vita o i beni...

130 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra John Locke, Secondo trattato sul governo …Il suo potere, nella massima estensione è comunque limitato dal criterio del pubblico bene della società. E' un potere che non ha altro fine che la conservazione, e non può dunque avere mai diritto di distruggere, ridurre in schiavitù o deliberatamente in miseria coloro che vi sono soggetti...

131 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra John Locke, Secondo trattato sul governo In secondo luogo, l'autorità legislativa, o autorità suprema, non può arrogarsi il potere di governare per mezzo di estemporanei arbitrari decreti, ma è tenuta a dispensare la giustizia e stabilire i diritti dei sudditi con leggi promulgate e stabili e per mezzo di giudici abilitati e noti... In terzo luogo, il potere supremo non può togliere a un uomo una parte della sua proprietà senza il suo consenso. Infatti, la conservazione della proprietà essendo il fine del governo e la ragione per cui gli uomini entrano in società, è necessariamente presupposto e richiesto che il popolo abbia una proprietà; altrimenti bisognerebbe supporre che, entrando in società, si perda ciò che era appunto il fine in vista del quale vi si era entrati: un'assurdità, questa, troppo grossolana perché qualcuno la accetti...

132 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra John Locke, Secondo trattato sul governo...E' dunque un errore pensare che il potere supremo o potere legislativo d'uno Stato possa fare ciò che vuole e disporre arbitrariamente dei beni dei sudditi, o prenderne una parte a suo piacimento. Questo non è un vero pericolo nei regimi in cui il legislativo consiste, del tutto o in parte, in assemblee che variano, i cui membri, a scioglimento avvenuto, tornano a esser sudditi sottoposti alle leggi comuni del paese, al pari degli altri. Ma nei regimi in cui il legislativo risiede in una sola assemblea sempre ininterrottamente in carica, o in un sol uomo, come nelle monarchie assolute, c'è sempre il pericolo che costoro ritengano di avere un interesse diverso da quello del resto della comunità, e di sentirsi dunque autorizzati ad accrescere la propria ricchezza e il proprio potere togliendo al popolo quello che vogliono" (XI, 138).

133 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra John Locke, Secondo trattato sul governo Quando si maltratta il popolo e si calpesta il suo diritto, esso è sempre pronto alla prima occasione a scrollarsi di dosso un giogo che sente gravare su di sé. Sospirerà e cercherà il momento opportuno, che, data la mutevolezza, la fragilità e la natura fortuita delle cose umane, di rado tarda molto a venire. (…) rivoluzioni del genere non avvengono per abusi minimi nell'amministrazione della cosa pubblica. Grandi errori da parte dei governanti, molte leggi sbagliate e inopportune, tutti i cedimenti della debolezza umana saranno sopportati dal popolo senza ribellione o manifestazioni di dissenso…

134 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra John Locke, Secondo trattato sul governo …Ma, se una lunga serie di abusi, prevaricazioni ed espedienti tutti intesi a una cosa sola, manifesta al popolo una trama e mostra inequivocabilmente che cosa incombe su di esso, in quale direzione lo si trascini, non stupisce allora che esso si scuota e s'adoperi a porre il potere in mani capaci di garantire i fini in vista dei quali il governo fu originariamente istituito e senza i quali nomi antichi e istituzioni formali non solo non sono migliori dello stato di natura e della pura anarchia, ma sono addirittura peggiori, gli inconvenienti essendo altrettanto gravi e pressanti e il rimedio più remoto e difficile.

135 i STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Lezione n. 11 I SEMESTRE A.A

136 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra J.-J. Rousseau, Sullorigine della disuguaglianza tra gli uomini Il primo che, avendo cinto un terreno, pensò di affermare: questo è mio, e trovò persone abbastanza semplici per crederlo, fu il vero fondatore della società civile. Quanti delitti, guerre, omicidi, quante miserie ed orrori non avrebbe risparmiato al genere umano colui che, strappando i pioli e colmando il fossato, avesse gridato ai suoi simili: 'Guardatevi dall'ascoltare questo impostore; siete perduti se dimenticate che i frutti sono di tutti, e che la terra non è di nessuno!

137 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra J.-J. Rousseau, Sullorigine della disuguaglianza tra gli uomini Ci volle molto meno dell'equivalente di questo discorso per trascinar uomini rozzi, facili a sedurre, che d'altra parte avevan troppi affari da sbrogliar fra loro per poter fare a meno d'arbitri, e troppa avarizia ed ambizione per poter a lungo fare a meno di padroni. Tutti corsero incontro alle loro catene, credendo assicurarsi la libertà: perché, avendo abbastanza ragione per sentir i vantaggi d'una costituzione politica, non avevano abbastanza esperienza per prevederne i pericoli...Tale fu o dovette essere l'origine della società e delle leggi, che diedero nuove pastoie al debole e nuove forze al ricco, distrussero senza scampo la libertà naturale, fissarono per sempre la legge della proprietà e della disuguaglianza, d'una accorta usurpazione fecero un diritto irrevocabile, e, per il vantaggio di qualche ambizioso, assoggettarono ormai tutto il genere umano al lavoro, alla servitù e alla miseria.

138 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra J.-J. Rousseau, Sullorigine della disuguaglianza tra gli uomini E' qui l'ultimo termine della disuguaglianza, e il punto estremo che chiude il circolo, e tocca il punto da cui siamo partiti: qui tutti gli individui tornano uguali, perché non son più nulla, e non avendo più i sudditi altra legge che la volontà del padrone, né il padrone altra regola che le sue passioni, le nozioni del bene e i principi della giustizia svaniscono di nuovo: qui tutto ti riporta alla sola legge del più forte, e in conseguenza a un nuovo stato di natura, differente da quello da cui abbiamo preso le mosse, in quanto quello era lo stato di natura nella sua purezza, e quest'ultimo è il prodotto di un eccesso di corruzione

139 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra J.-J. Rousseau, Il contratto sociale Chi affronta limpresa di dare istituzioni a un popolo deve, per così dire, sentirsi in grado di cambiare la natura umana; di trasformare ogni individuo, che per se stesso è un tutto perfetto e solitario, in una parte di un tutto più grande da cui lindividuo riceve, in qualche modo, la vita e lessere; di alterare la costituzione delluomo per rafforzarla; di sostituire unesistenza parziale e morale allesistenza fisica e indipendente che tutti abbiamo ricevuto dalla natura.

140 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra J.-J. Rousseau, Il contratto sociale …Trovare una forma di associazione (association) che protegga e difenda con tutta la forza comune la persona e i beni di ciascun associato, mediante la quale ognuno unendosi a tutti non obbedisca tuttavia che a se stesso e resti libero come prima.

141 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra J.-J. Rousseau, Il contratto sociale Queste clausole, bene intese, si riducono tutte a una sola: cioè l'alienazione totale di ciascun associato, con tutti i suoi diritti, a tutta la comunità; perché, in primo luogo, se ciascuno si dà tutto intero, la condizione è uguale per tutti; e se la condizione è uguale per tutti, nessuno ha interesse a renderla onerosa per gli altri.

142 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra J.-J. Rousseau, Il contratto sociale Di più, facendosi l'alienazione senza riserve, l'unione è perfetta per quanto può essere, e nessun associato ha più niente da rivendicare; perché, se restasse qualche diritto ai singoli, non essendoci alcun superiore comune, che potesse pronunciarsi fra loro e il pubblico, ciascuno, essendo su qualche punto il proprio giudice, pretenderebbe ben presto di esser tale su tutti; sicché lo stato di natura persisterebbe, e l'occasione diverrebbe necessariamente tirannica o vana.

143 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra J.-J. Rousseau, Il contratto sociale Infine ciascuno, dandosi a tutti, non si dà a nessuno; e siccome non c'è associato, sul quale non si acquisti lo stesso diritto che gli si cede su noi stessi, si guadagna l'equivalente intero di ciò che si perde, e più forza per conservare ciò che si ha.

144 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra J.-J. Rousseau, Il contratto sociale Ciascuno di noi mette in comune la sua persona e tutto il suo potere sotto la suprema direzione della volontà generale; e noi, come corpo, riceviamo ciascun membro come parte indivisibile del tutto.

145 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra J.-J. Rousseau, Il contratto sociale Immediatamente, in cambio della persona privata di ciascun contraente, quest'atto di associazione produce un corpo morale e collettivo, composto di tanti membri quanti voti ha l'assemblea; il quale riceve da questo stesso atto la sua unità, il suo io comune, la sua vita e la sua volontà. Questa persona pubblica, che si forma così dall'unione di tutte le altre, prendeva altra volta il nome di città e prende ora quello di repubblica o di corpo politico, il quale è chiamato dai suoi membri Stato, in quanto è passivo, sovrano in quanto è attivo, potenza nei confronti coi suoi simili

146 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra J.-J. Rousseau, Il contratto sociale In realtà ogni individuo può, come uomo, avere una volontà particolare contraria o dissimile dalla volontà generale, che egli ha come cittadino; il suo interesse privato può parlargli in modo del tutto diverso dall'interesse comune; la sua esistenza assoluta, e naturalmente indipendente, può fargli considerare ciò che deve alla causa comune, come una contribuzione gratuita, la cui perdita sarebbe meno dannosa agli altri, di quanto il pagamento ne sia gravoso a lui; e considerando la persona morale, che costituisce lo Stato come un emte di ragione, poiché questo non è un uomo, egli godrebbe dei diritti di cittadino senza voler compiere i doveri di suddito; ingiustizia, il cui progresso cagionerebbe la rovina del corpo politico.

147 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra J.-J. Rousseau, Il contratto sociale Affinché dunque il patto sociale non sia una vana formula, esso deve racchiudere tacitamente questo impegno, il quale solo può dar forza agli altri: che chiunque rifiuterà di obbedire alla volontà generale, vi sarà costretto da tutto il corpo; ciò non significa altro se non che lo si costringerà ad essere libero; perché tale è la condizione che dando ogni cittadino alla patria, lo garantisce da ogni dipendenza personale; condizione che forma il meccanismo e il funzionamento della macchina politica, che sola rende legittime le obbligazioni civili, le quali senza di ciò sarebbero assurde, tiranniche, e soggette ai più enormi abusi.

148 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra J.-J. Rousseau, Il contratto sociale Quando tutto il popolo delibera su tutto il popolo, esso non considera che se stesso; e se una relazione allora si costituisce, è dell'oggetto intero, considerato sotto un certo aspetto, con l'oggetto intero, considerato sotto un altro aspetto, senza alcuna divisione del tutto. Allora l'oggetto su cui si delibera è generale, come la volontà deliberante. Quest'atto io chiamo una legge.

149 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra J.-J. Rousseau, Il contratto sociale Dico dunque che la sovranità, non essendo che l'esercizio della volontà generale, non può mai alienarsi, e che il sovrano, che non è se non un ente collettivo, non può essere rappresentato che da se stesso; può bensì trasmettersi il potere, ma non la volontà. Infatti, se non è impossibile che una volontà privata si accordi su qualche punto con la volontà generale, è impossibile almeno che quest'accordo sia durevole e costante; perché la volontà singola tende di sua natura alle preferenze, e la volontà generale all'uguaglianza. E' più impossibile ancora che ci sia un garante di tale accordo, quando pure sarebbe necessario che sempre esistesse...

150 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra J.-J. Rousseau, Il contratto sociale Per la stessa ragione che la sovranità è inalienabile, essa è indivisibile; perché o la volontà è generale o non è tale; essa o è quella del corpo popolare o solo d'una parte. Nel primo caso questa volontà dichiarata è un atto di sovranità e fa legge; nel secondo non è che una volontà particolare...

151 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra J.-J. Rousseau, Il contratto sociale La sovranità non può essere rappresentata, per la ragione stessa che non può essere alienata; essa consiste essenzialmente nella volontà generale, e la volontà non si rappresenta; o è se stessa, ovvero è un'altra non c'è via di mezzo. I deputati del popolo non sono dunque, né possono essere i suoi rappresentanti; non sono che i suoi commissari: non possono concludere nulla in modo definitivo. Ogni legge che il popolo in persona non abbia ratificata, è nulla; non è una legge.

152 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra J.-J. Rousseau, Il contratto sociale Credo di poter fissare come principio incontestabile che solo la volontà generale può dirigere le forze dello Stato secondo il fine della sua istituzione che è il bene comune… Ora, poiché la volontà tende sempre al bene dellessere che vuole, e la volontà particolare ha sempre per oggetto linteresse privato, mentre la volontà generale si propone linteresse comune, ne consegue che solo questultima è, o deve essere, il vero motore del corpo sociale.

153 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra J.-J. Rousseau, Il contratto sociale Governo = un corpo intermediario istituito tra i sudditi e il corpo sovrano per la loro reciproca corrispondenza, incaricato dellesecuzione delle leggi e del mantenimento della libertà sia civile che politica.

154 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra J.-J. Rousseau, Il contratto sociale Se il sovrano vuol governare, o se il magistrato vuol dare leggi, o se i sudditi rifiutano lobbedienza, alla regola succede il disordine (désordre), lazione della forza e quella della volontà non si accordano più, e lo Stato dissolvendosi va così a finire nel dispotismo o nellanarchia.

155 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra J.-J. Rousseau, Il contratto sociale Lordine migliore e il più naturale si ha quando i più saggi governano la moltitudine, purché si abbia la certezza che la governeranno per il suo vantaggio e non per il loro. (…) Non è bene che chi fa le leggi le esegua, né che il corpo del popolo distolga la sua attenzione dalle vedute generali per volgerla agli oggetti particolari.

156 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra J.-J. Rousseau, Il contratto sociale Se ci fosse un popolo di dei si governerebbe democraticamente. Un governo tanto perfetto non conviene agli uomini.

157 i STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Lezione n. 12 I SEMESTRE A.A

158 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Dichiarazione dei diritti delluomo e del cittadino (1789) Art. 6: La legge è lespressione della volontà generale. Tutti i cittadini hanno il diritto di concorrere personalmente o attraverso i loro rappresentanti alla sua formazione.

159 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra E.-J. Sieyès, Che cosè il Terzo stato Nella prima epoca «vi è un numero più o meno considerevole di individui isolati che vogliono unirsi tra loro. Per questo solo fatto, essi già formano una nazione: ne hanno già tutti i diritti; non resta che esercitarli. Questa prima epoca è caratterizzata dal gioco delle volontà individuali. Lassociazione è opera loro. Esse sono allorigine di ogni potere».

160 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra E.-J. Sieyès, Che cosè il Terzo stato La seconda epoca è caratterizzata dallazione della volontà comune. Gli associati vogliono dare consistenza alla loro unione; vogliono adempierne lo scopo. Per questo si riuniscono, e si accordano fra loro sui bisogni pubblici e sui mezzi per provvedervi. Il potere qui appartiene alla comunità. Le volontà individuali ne sono sempre la fonte, e ne costituiscono gli elementi essenziali; ma considerate separatamente non avrebbero alcun potere. Il potere risiede esclusivamente nellinsieme. La comunità ha bisogno di una volontà comune; senza una unità di volontà essa non arriverà mai a costituire un tutto che vuole ed agisce. E anche certo che questo tutto non ha nessun diritto che non appartenga alla volontà comune.

161 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra E.-J. Sieyès, Che cosè il Terzo stato La terza epoca si distingue dalla seconda in quanto non è più la reale volontà comune ad agire, ma una volontà comune rappresentativa. Sono due (…) i caratteri indelebili che le sono propri: 1° Nel corpo rappresentativo tale volontà non è piena ed illimitata; essa rappresenta solo una parte della grande volontà comune nazionale. 2° I delegati non la esercitano affatto come se si trattasse di un diritto proprio, si tratta di un diritto che appartiene ad altri; la volontà comune è presente in loro solo a titolo di procura.

162 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra E.-J. Sieyès, Che cosè il Terzo stato La Nazione esiste prima di ogni cosa, essa è lorigine di tutto. La sua volontà è sempre conforme alla legge, essa è la legge stessa. Prima di essa e al di sopra di essa non cè che il diritto naturale.

163 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra E.-J. Sieyès, Discorso sul veto regio La Francia non è, e non può essere una democrazia; non deve assolutamente divenire uno Stato federale, composto da una moltitudine di repubbliche, unite da un qualunque legame politico. La Francia è e deve essere un tuttuno, sottomesso in ogni sua parte ad una legislazione e ad una amministrazione comuni. Poiché è evidente che cinque o sei milioni di cittadini attivi, ripartiti in più di venticinquemila leghe quadrate non possono assolutamente riunirsi, è certo che essi possono aspirare solo ad un sistema legislativo per rappresentanza.

164 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra E.-J. Sieyès, Discorso sul veto regio …Dunque i cittadini che dominano dei rappresentanti rinunciano e devono rinunciare a fare essi stessi direttamente la legge: non hanno quindi nessuna volontà personale da imporre. Ogni influenza, ogni potere appartengono loro esclusivamente nella persona dei mandatari. Se imponessero delle volontà questo Stato non sarebbe rappresentativo; sarebbe uno Stato democratico

165 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra E.-J. Sieyès, Osservazioni sul rapporto del Comitato di costituzione …Le classi infime, gli uomini più poveri, sono ben più lontani, per intelligenza e sensibilità, dagli interessi dellassociazione, di quanto non potessero esserlo i cittadini meno stimati degli antichi Stati liberi. Esiste dunque fra noi una classe di uomini, cittadini di diritto, che non lo sono di fatto. Spetta senza dubbio alla Costituzione e alle buone leggi di ridurre il più possibile il numero degli appartenenti a questa classe. Ma è comunque vero che vi sono uomini per altro fisicamente validi, che, estranei a qualunque idea sociale, non sono in grado di assumere un ruolo attivo nellambito della cosa pubblica. Non ci si deve permettere di discriminarli in quanto persone, ma chi oserà trovare ingiusto che vengano in qualche modo esclusi, non, lo ripeto, dalla protezione della legge e dallassistenza pubblica, ma dallesercizio dei diritti politici?

166 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra E.-J. Sieyès, Preliminari alla costituzione Tutti gli abitanti di un paese debbono godervi dei diritti di cittadino passivo: tutti hanno diritto alla protezione della propria persona, della proprietà, libertà, ecc., mentre non tutti hanno diritto di esercitare un ruolo attivo sulla formazione dei pubblici poteri, non tutti sono cittadini attivi. Le donne, per lo meno nella condizione attuale, i bambini, gli stranieri, coloro che non contribuiscono minimamente a sostenere il sistema delle pubbliche istituzioni, non devono avere uninfluenza attiva sulla cosa pubblica. Tutti possono godere dei vantaggi della società, ma solo coloro che fanno parte del sistema delle pubbliche istituzioni rappresentano i veri azionari della grande impresa sociale, solo loro sono i veri cittadini attivi, i veri membri dellassociazione

167 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Necker Questi eletti sono il vostro equivalente, con perfetta esattezza. Il loro interesse, la loro volontà sono le vostre, e nessun abuso di autorità, da parte di questi nuovi menecmi vi sembrerà possibile. Che credulità. Che fede per degli uomini in grado di pensare e di riflettere! Ed è sempre la parola rappresentante che provoca una simile cieca fiducia! Questo termine dà lidea di un altro se stesso.

168 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Robespierre Ovunque il popolo non eserciti la sua autorità e non manifesti la sua volontà in prima persona, ma tramite dei rappresentanti, se il corpo rappresentativo non è puro e non sidentifica completamente con il popolo, la libertà è annientata.

169 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Robespierre La fonte di tutti i nostri mali è costituita dallo stato di assoluta indipendenza in cui i rappresentanti si sono posti da se stessi nei confronti della nazione senza averla consultata. Non erano, per loro stessa ammissione, che mandatari del popolo e si sono fatti sovrani,ovverosia despoti. Il dispotismo non è altro che lusurpazione del potere sovrano.

170 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Robespierre, Sui principi del governo rappresentativo (1793) Per fare una costituzione occorre in primo luogo stabilire questa massima incontestabile: che il popolo è buono e che i suoi delegati sono corruttibili; che è nella virtù e nella sovranità del popolo che bisogna cercare una difesa contro i vizi e i dispotismi del governo. (…) Un popolo i cui mandatari non devono dar conto a nessuno della loro gestione, non ha una costituzione; poiché infatti dipenderà soltanto da costoro tradirlo impunemente o lasciarlo tradire da altri. E se questo è il senso che si attribuisce al governo rappresentativo, confesso che impigherò tutti gli anatemi pronunciati contro di esso da Jean-Jacques Rousseau.

171 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Robespierre, Sui principi del governo rappresentativo (1793) Per fare una costituzione occorre in primo luogo stabilire questa massima incontestabile: che il popolo è buono e che i suoi delegati sono corruttibili; che è nella virtù e nella sovranità del popolo che bisogna cercare una difesa contro i vizi e i dispotismi del governo. (…) Un popolo i cui mandatari non devono dar conto a nessuno della loro gestione, non ha una costituzione; poiché infatti dipenderà soltanto da costoro tradirlo impunemente o lasciarlo tradire da altri. E se questo è il senso che si attribuisce al governo rappresentativo, confesso che impigherò tutti gli anatemi pronunciati contro di esso da Jean-Jacques Rousseau.

172 i STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Lezione n. 14 I SEMESTRE A.A

173 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra E.-J. Sieyès Farsi/lasciarsi rappresentare è lunica fonte della prosperità civile… Moltiplicare gli strumenti/poteri per soddisfare i nostri bisogni; godere di più, lavorare di meno, questo è il naturale accrescimento della libertà nello stato sociale. Ora, questo progresso della libertà segue naturalmente listituzione del lavoro rappresentativo

174 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra E.-J. Sieyès Tutto è rappresentanza in uno stato sociale. Essa è presente ovunque, nellordinamento privato come nellordinamento pubblico; essa è la madre dellindustria, della produzione e del commercio, come pure di ogni progresso liberale e politico. (…) Essa si confonde con lessenza stessa della vita sociale.

175 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra B. Constant, Discorso sulla libertà degli antichi paragonata a quella dei moderni (1819) Chiedetevi innanzi tutto, Signori, che cosa intendano oggi con la parola libertà un inglese, un francese, un abitante degli Stati Uniti dAmerica. Il diritto di ciascuno di non essere sottoposto che alle leggi, di non poter essere né arrestato, né detenuto, né messo a morte, né maltrattato in alcun modo a causa dellarbitrio di uno o più individui. Il diritto di ciascuno di dire la sua opinione, di scegliere la sua industria e di esercitarla, di disporre della sua proprietà e anche di abusarne; di andare, di venire senza doverne ottenere il permesso e senza render conto delle proprie intenzioni e della propria condotta…

176 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra B. Constant, Discorso sulla libertà degli antichi paragonata a quella dei moderni (1819) Il diritto di ciascuno di riunirsi con altri individui sia per conferire sui propri interessi, sia per professare il culto che egli e i suoi associati preferiscono, sia semplicemente per occupare le sue giornate o le sue ore nel modo più conforme alle sue inclinazioni, alle sue fantasie. Il diritto, infine, di ciascuno di influire sulla amministrazione del governo sia nominando tutti o alcuni dei funzionari, sia mediante rimostranze, petizioni, richieste che lautorità sia più o meno obbligata a prendere in considerazione…

177 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra B. Constant, Discorso sulla libertà degli antichi paragonata a quella dei moderni (1819) Paragonate ora a questa libertà quella degli antichi. Essa consisteva nellesercitare collettivamente ma direttamente molte funzioni dellintera sovranità, nel deliberare sulla piazza pubblica sulla guerra e sulla pace, nel concludere con gli stranieri i trattati di alleanza, nel votare le leggi, nel pronunciare i giudizi; nellesaminare i conti, la gestione dei magistrati, nel farli comparire dinanzi a tutto il popolo, nel metterli sotto accusa, nel condannarli o assolverli. Ma se questo era ciò che gli antichi chiamavano libertà, essi ritenevano compatibile con questa libertà collettiva lassoggettamento completo dellindividuo allautorità dellinsieme…

178 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra B. Constant, Discorso sulla libertà degli antichi paragonata a quella dei moderni (1819) Non trovate presso di loro alcuno dei godimenti che abbiamo visto far parte della libertà dei moderni. Tutte le azioni private sono sottoposte a una sorveglianza severa. Nulla è accordato allindipendenza individuale né sotto il profilo delle opinioni, né sotto quello dellindustria, né soprattutto sotto il profilo della religione. (…) Nelle cose che a noi sembrano più utili lautorità del corpo sociale si interpone e impaccia la volontà degli individui. (…) Lautorità si intromette anche nelle relazioni più intime. (…) Le leggi regolano i costumi e poiché i costumi concernono tutto non vè nulla che le leggi non regolino.

179 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra B. Constant, Discorso sulla libertà degli antichi paragonata a quella dei moderni (1819) Così presso gli antichi lindividuo, sovrano quasi abitualmente negli affari pubblici, è schiavo in tutti i suoi rapporti privati. Come cittadino egli decide della pace e della guerra; come privato è limitato, osservato, represso in tutti i suoi movimenti; come parte del corpo collettivo interroga, destituisce, condanna, spoglia, esilia, manda a morte i suoi magistrati o i suoi superiori; come sottoposto al corpo collettivo può a sua volta essere privato della sua condizione, spogliato delle sue dignità, bandito, messo a morte dalla volontà discrezionale dellinsieme di cui fa parte. Presso i moderni, al contrario, lindividuo, indipendente nella sua vita privata, persino negli Stati più liberi non è sovrano che in apparenza. La sua sovranità è limitata, quasi sempre sospesa; e se, a epoche fisse ma rare nelle quali è pur sempre circondato da precauzioni e ostacoli, esercita questa sovranità, non lo fa che per abdicarvi.

180 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra B. Constant, Discorso sulla libertà degli antichi paragonata a quella dei moderni (1819) (…) Noi non possiamo più godere della libertà degli antichi che si fondava sulla partecipazione attiva e costante al potere collettivo. La nostra libertà deve fondarsi sul pacifico godimento dellindipendenza privata. La parte che nellantichità ciascuno aveva nella sovranità nazionale non era affatto, come lo è oggi, una astratta supposizione. La volontà di ciascuno aveva uninfluenza reale: lesercizio di questa volontà era un piacere vivo e ripetuto. Di conseguenza gli antichi erano disposti a fare molti sacrifici per conservare i loro diritti politici e la loro partecipazione allamministrazione dello Stato. Ciascuno sentiva con orgoglio tutto quello che valeva il suo suffragio e trovava, in questa coscienza della sua personale importanza, un ampio consenso.

181 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra B. Constant, Discorso sulla libertà degli antichi paragonata a quella dei moderni (1819) Questo compenso non esiste più oggi per noi. Perduto nella moltitudine, lindividuo non avverte quasi mai linfluenza che esercita. Mai la sua volontà si imprime sullinsieme, niente prova, ai suoi occhi, la sua cooperazione. Lesercizio dei diritti politici ci offre dunque ormai soltanto una parte dei godimenti che vi trovavano gli antichi e in pari tempo i progressi della civiltà, la tendenza commerciale dellepoca, la comunicazione dei popoli fra loro hanno moltiplicato e variato allinfinito i mezzi della felicità privata. Ne segue che dobbiamo essere attaccati assai più degli antichi alla nostra indipendenza individuale; perché gli antichi, quando sacrificavano questa indipendenza ai diritti politici, sacrificavano il meno per ottenere il più; mentre facendo lo stesso noi daremmo il più per ottenere il meno.

182 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra B. Constant, Discorso sulla libertà degli antichi paragonata a quella dei moderni (1819) Il fine degli antichi era la divisione del potere sociale fra tutti i cittadini di una stessa patria: era questa che essi chiamavano libertà. Il fine dei moderni è la sicurezza dei godimenti privati; ed essi chiamano libertà le garanzie accordate dalle istituzioni questi godimenti…

183 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra A. De Tocqueville, La democrazia in America Il graduale sviluppo delluguaglianza delle condizioni è (…) un fatto provvidenziale; e ne ha i caratteri essenziali: è universale, duraturo, si sottrae ogni giorno alla potenza delluomo; tutti gli avvenimenti, come anche tutti gli uomini, ne favoriscono lo sviluppo. Sarebbe quindi saggio credere che un movimento sociale, che ha così lontane origini, potrà essere arrestato dagli sforzi di una generazione? Cè forse qualcuno che può pensare che la democrazia, dopo aver distrutto il feudalesimo e aver vinto i Re, indietreggerà poi davanti ai borghesi e ai ricchi? E possibile che si arresti proprio ora che è divenuta tanto forte e i suoi avversari tanto deboli?

184 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra A. De Tocqueville, La democrazia in America (…) Ecco che i ranghi si confondono, che le barriere innalzate tra gli uomini si abbassano; si dividono le proprietà, si divide il potere, la civiltà si diffonde, le intelligenze si uguagliano; lassetto sociale diviene democratico e limpero della democrazia si stabilisce infine facilmente nelle istituzioni e nei costumi.

185 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra A. De Tocqueville, La democrazia in America E nellessenza stessa dei governi democratici che il dominio della maggioranza sia assoluto; poiché, fuori della maggioranza, nelle democrazie, non vi è nulla che resista…

186 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra A. De Tocqueville, La democrazia in America I principi avevano, per così dire, materializzato la violenza; le repubbliche democratiche dei nostri giorni lhanno resa del tutto spirituale, come la volontà umana che essa vuole costringere. Sotto il governo assoluto di uno solo, il dispotismo, per arrivare allanima, colpiva grossolanamente il corpo; e lanima, sfuggendo a quei colpi, selevava gloriosa al di sopra di esso; ma nelle repubbliche democratiche, la tirannide non procede affatto in questo modo: essa trascura il corpo e va diritta allanima.

187 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra A. De Tocqueville, La democrazia in America Individualismo è un termine recente, originato da unidea nuova. I nostri padri non conoscevano che legoismo. Legoismo è un amore spassionato e sfrenato di se stessi, che porta luomo a riferire tutto soltanto a se stesso, e a preferire sé a tutto. Lindividualismo è un sentimento ponderato e tranquillo, che spinge ogni singolo ad appartarsi dalla massa dei suoi simili e a tenersi in disparte con la sua famiglia e i suoi amici; cosicché, dopo essersi creato una piccola società per conto proprio, abbandona volentieri la grande società a se stessa.

188 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra A. De Tocqueville, La democrazia in America Immagino sotto quali nuovi aspetti il dispotismo potrebbe prodursi nel mondo: vedo una folla innumerevole di uomini simili ed uguali che non fanno che ruotare su se stessi, per procurarsi piccoli e volgari piaceri con cui saziano il loro animo. Ciascuno di questi uomini vive per conto suo ed è come estraneo al destino di tutti gli altri: i figli e gli amici costituiscono per lui tutta la razza umana; quanto al resto dei concittadini, egli vive al loro fianco ma non li vede; li tocca ma non li sente; non esiste che in se stesso e per se stesso, e se ancora possiede una famiglia, si può dire per lo meno che non ha più patria.

189 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra A. De Tocqueville, La democrazia in America Al di sopra di costoro si erge un potere immenso e tutelare, che si incarica di assicurare loro il godimento dei beni e di vegliare sulla loro sorte. E assoluto, minuzioso, sistematico, previdente e mite. Assomiglierebbe allautorità paterna se, come questa, avesse lo scopo di preparare luomo alletà virile, mentre non cerca che di arrestarlo irrevocabilmente allinfanzia; è contento che i cittadini si svaghino, purché non pensino che a svagarsi. Lavora volentieri alla loro felicità, ma vuole esserne il solo agente ed il solo arbitro; provvede alla loro sicurezza, prevede e garantisce i loro bisogni, facilita i loro piaceri, guida i loro affari principali, dirige la loro industria, regola le loro successioni, spartisce le loro eredità; perché non dovrebbe levare loro totalmente il fastidio di pensare e la fatica di vivere?

190 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra A. De Tocqueville, La democrazia in America E così che giorno dopo giorno esso rende sempre meno utile e sempre più raro limpiego del libero arbitrio, restringe in uno spazio sempre più angusto lazione della volontà e toglie poco alla volta a ogni cittadino addirittura la disponibilità di se stesso. Luguaglianza ha preparato gli uomini a tutto questo: li ha disposti a sopportarlo e spesso anche a considerarlo come un vantaggio

191 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra A. De Tocqueville, La democrazia in America Le nazioni moderne non possono evitare che le condizioni diventino uguali; ma dipende da loro che luguaglianza le porti alla schiavitù o alla libertà, alla civiltà o alla barbarie, alla prosperità o alla miseria.

192 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra K. Marx, La questione ebraica Lo Stato politico perfetto è per sua essenza la vita generica delluomo in quanto specie, in opposizione alla sua vita materiale. Tutti i presupposti di questa vita egoistica continuano a sussistere al di fuori della sfera dello Stato, nella società borghese, ma come caratteristiche della società civile. Là dove lo Stato politico ha raggiunto il suo vero sviluppo, luomo conduce non soltanto nel pensiero, nella coscienza, ma nella realtà, una doppia vita, una celeste e una terrena, la vita nella comunità politica nella quale egli si considera come ente comunitario, e la vita nella società borghese nella quale agisce come uomo privato, che considera gli altri uomini come mezzo, degrada se stesso a mezzo e diviene trastullo di forze estranee.

193 STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra K. Marx, La questione ebraica Lo Stato politico perfetto è per sua essenza la vita generica delluomo in quanto specie, in opposizione alla sua vita materiale. Tutti i presupposti di questa vita egoistica continuano a sussistere al di fuori della sfera dello Stato, nella società borghese, ma come caratteristiche della società civile. Là dove lo Stato politico ha raggiunto il suo vero sviluppo, luomo conduce non soltanto nel pensiero, nella coscienza, ma nella realtà, una doppia vita, una celeste e una terrena, la vita nella comunità politica nella quale egli si considera come ente comunitario, e la vita nella società borghese nella quale agisce come uomo privato, che considera gli altri uomini come mezzo, degrada se stesso a mezzo e diviene trastullo di forze estranee.


Scaricare ppt "I STORIA DEL PENSIERO POLITICO Docente Prof. Scuccimarra Lezione n. 1 I SEMESTRE A.A. 2005-2006."

Presentazioni simili


Annunci Google