La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Isp. Mario Maviglia - USR Lombardia Milano, 7 aprile 2008.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Isp. Mario Maviglia - USR Lombardia Milano, 7 aprile 2008."— Transcript della presentazione:

1 Isp. Mario Maviglia - USR Lombardia Milano, 7 aprile 2008

2 Dal curricolo alle competenze2 … per iniziare: … per agire non è necessario attendere di vederci completamente chiaro … P. Perrenoud, Costruire competenze a partire dalla scuola, ANICIA, Roma, 2003

3 Dal curricolo alle competenze3 ALCUNE CONSIDERAZIONI PRELIMINARI Dalle Indicazioni Nazionali Indicazioni per il Curricolo alle Dai P.S.P. Dagli obiettivi specifici di apprendimento al ai Curricolo di scuola Traguardi per lo sviluppo delle competenze

4 Dal curricolo alle competenze4 Caratteristica principale del documento : SONO INDICAZIONI PER IL CURRICOLO, NON SONO IL CURRICOLO OGNI SCUOLA DOVRA ELABORARE UN PROPRIO CURRICOLO

5 Dal curricolo alle competenze5 RAPPORTO TRA INDICAZIONI E CURRICOLO DI SCUOLA TRE LIVELLI DI RELAZIONE dalla CORNICE al QUADRO dalle COMPETENZE agli OBIETTIVI dal GENERALE al SITUATO Individuazione di vincoli / autonomie Traduzione didattica delle competenze Rapporto con il contesto

6 Dal curricolo alle competenze6 LA COSTRUZIONE LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO Adozione delle scelte metodologiche Organizzazione spazio-temporale e strumentale delle attività Sviluppo di percorsi multidisciplinari e trasversali Elaborazione di criteri per la verifica e la valutazione Selezione delle esperienze Declinazione degli obiettivi formativi per ogni anno scolastico Scelta dei contenuti PROTOCOLLI CONDIVISI

7 Dal curricolo alle competenze7 Traguardi per lo sviluppo delle competenze Rappresentano riferimenti per gli insegnanti, indicano piste da percorrere e aiutano a finalizzare lazione educativa allo sviluppo integrale dellalunno Indicano obiettivi in continua progressione Lavorare per competenze: alcune definizioni preliminari

8 Dal curricolo alle competenze8 Competenze Indicano la comprovata capacità di usare conoscenze, abilità e capacità personali, sociali e/o metodologiche, in situazioni di lavoro e di studio e nello sviluppo professionale e/o personale Lavorare per competenze: alcune definizioni preliminari

9 Dal curricolo alle competenze9 GLI ELEMENTI DELLA COMPETENZA P. Bresciani, 2006

10 Dal curricolo alle competenze10 Conoscenze vs Competenze? SVILUPPANDO LE COMPETENZE SI TRASCURANO LE CONOSCENZE? ALCUNI MALINTESI

11 Dal curricolo alle competenze11 Competenze vs Disciplinarità? LE COMPETENZE SONO VOCAZIONALMENTE TRASVERSALI? ALCUNI MALINTESI

12 Dal curricolo alle competenze12 Disciplinarità e interdisciplinarità nella conoscenza LA CONOSCENZA COMPORTA NELLO STESSO TEMPO SEPARAZIONE E INTERCONNESSIONE, ANALISI E SINTESI E. Morin, La testa ben fatta, Cortina, Milano, 2000

13 Dal curricolo alle competenze13 PER COSTRUIRE COMPETENZE OCCORRE TEMPO TENERE PRESENTE CHE …

14 Dal curricolo alle competenze14 LINSEGNAMENTO SI E FINORA BASATO SULLACQUISIZIONE DEI SAPERI PIU CHE SULLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE TENERE PRESENTE CHE …

15 Dal curricolo alle competenze15 LA COSTRUZIONE DELLE COMPETENZE PRESUPPONE LA FORMAZIONE DI SCHEMI TENERE PRESENTE CHE …

16 Dal curricolo alle competenze16 E PIU FACILE VALUTARE LE CONOSCENZE DI UN ALLIEVO CHE LE SUE COMPETENZE TENERE PRESENTE CHE …

17 Dal curricolo alle competenze17 LA SCUOLA DEVE SVILUPPARE COMPETENZE O DEVE LIMITARSI A TRASMETTERE I SAPERI? IL DILEMMA OVVERO SI VUOLE FORMARE UNA TESTA BEN FATTA O UNA TESTA BEN PIENA? ( Montaigne)

18 Dal curricolo alle competenze18 DUE LOGICHE DI INSEGNAMENTO A CONFRONTO Linsegnamento tradizionaleLinsegnamento per competenze La conoscenza come prodotto predefinito, materia inerte La conoscenza come processo elaborativo, materia viva La conoscenza viene frammentata in parti per facilitare lassimilazione La conoscenza viene vista nelle sue reciproche relazioni Lo studente riproduce la conoscenzaLo studente produce la conoscenza Organizzato intorno a contenutiOrganizzato intorno a problemi Strutturato e uniformeDifferenziato e regolato sulla persona Prevede un percorso lineare insegnante-conoscenza-studente Prevede un percorso ricorsivo insegnante-conoscenza-studente Usa il libro come strumento principeUsa fonti e materiali diversi Procede in modo individualisticoProcede in modo cooperativo INSEGNARE E APPRENDERE PER COMPETENZE Ad. Castoldi, 2006

19 Dal curricolo alle competenze19 Obiettivi di apprendimento e Competenze obiettivi programmano insegnanti competenze sviluppano alunni Ad. Ferraboschi, 2005

20 Dal curricolo alle competenze20 Competenza (nel comportamento dellalunno) Competenza (nel comportamento dellalunno) Modello Esperto (nella mente dellalunno) Modello Esperto (nella mente dellalunno) Obiettivo di apprendimento (strategico per raggiungere la competenza) Obiettivo di apprendimento (strategico per raggiungere la competenza) Sapere personalizzato assunto dal soggetto Ad. Ferraboschi, 2005

21 Dal curricolo alle competenze21 Lalunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti (conversazione, discussione, scambi epistolari…) attraverso messaggi semplici, chiari e pertinenti, formulati in un registro il più possibile adeguato alla situazione Declinazione longitudinale nelle diverse classi Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria (Italiano) 1^3^2^5^4^ La declinazione delle competenze

22 Dal curricolo alle competenze22 La declinazione delle competenze Varia opportunamente i registri informale e formale in base alla situazione comunicativa e agli interlocutori; riconosce e usa termini specialistici in base ai campi di discorso Declinazione longitudinale nelle diverse classi Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado (Italiano) 1^2^3^

23 Dal curricolo alle competenze23 Non è importante il modello progettualeprescelto che venga condiviso è importante è importante La condivisione avviene elaborando schemi, procedure e comportamenti ritenuti fondamentali e comuni (protocolli condivisi). IL MODELLO PROGETTUALE

24 Dal curricolo alle competenze24 Significato attribuito ai criteri metodologici Traduzione operativa dei diversi criteri Organizzazione della didattica Forme di feed-back adottate Forme comunicative privilegiate I PROTOCOLLI CONDIVISI

25 Dal curricolo alle competenze25 I VINCOLI: le impostazioni metodologiche di fondo Attenzione alla diversità Valorizzazione dellesperienza Apprendimento esplorativo Percorsi laboratoriali Consapevolezza del proprio modo di apprendere Apprendimento collaborativo

26 Dal curricolo alle competenze26 LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE: UN ESEMPIO DI PERCORSO DI APPRENDIMENTO CONSAPEVOLE SAPERI NATURALI Che cosa sai? MAPPING APPLICAZIONE Devi sapere che Quel che devi fare U. Margiotta,Riforma del curricolo e formazione dei talenti, Armando, Roma, 1997

27 Dal curricolo alle competenze27 LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE: UN ESEMPIO DI PERCORSO DI APPRENDIMENTO CONSAPEVOLE TRANSFER Prova anche tu RICOSTRUZIONE GENERALIZZAZIONE Che cosa hai fatto e perchè Inventa una regola

28 Dal curricolo alle competenze28 … per finire … una mente può essere modellata alla disciplina, ma, ahimè, una mente educata in senso disciplinare, oggi da sola non basta più … H. Gardner, Cinque chiavi per il futuro, Feltrinelli, Milano, 2006


Scaricare ppt "Isp. Mario Maviglia - USR Lombardia Milano, 7 aprile 2008."

Presentazioni simili


Annunci Google