La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Prof. Sebastian Amelio Incontro progetto CPIA Mantova – 15/04/2008.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Prof. Sebastian Amelio Incontro progetto CPIA Mantova – 15/04/2008."— Transcript della presentazione:

1 prof. Sebastian Amelio Incontro progetto CPIA Mantova – 15/04/2008

2 prof. Sebastian Amelio Lautonomia ai Centri: alcune considerazioni iniziali Accordo 2 marzo La gestione e lo sviluppo degli interventi Programma di Governo Audizione del Ministro VII commissione Camera 29 giugno 2006 Legge 27 dicembre 2006, n. 296, art 1, comma 632 Finanziaria 2007 Ai Centri deve essere assicurata lautonomia didattica, organizzativa e finanziaria necessaria anche per concorrere alla realizzazione di unofferta formativa integrata Occorrerà riattivare lAccordo del della Conferenza Unificata, rimasto congelato da allora I centri territoriali permanenti per leducazione degli adulti e i corsi serali, funzionanti presso le istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado, sono riorganizzati su base provinciale e articolati in reti territoriali e ridenominati Centri provinciali per listruzione degli adulti. Ad essi è attribuita autonomia amministrativa, organizzativa e didattica…

3 prof. Sebastian Amelio Ferme restando le competenze delle Regioni e degli Enti locali in materia, in relazione agli obiettivi fissati dallUnione Europea, allo scopo di far conseguire più elevati livelli di istruzione alla popolazione adulta, anche immigrata con particolare riferimento alla conoscenza della lingua italiana, i centri territoriali permanenti per leducazione degli adulti e i corsi serali, funzionanti presso le istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado, sono riorganizzati su base provinciale e articolati in reti territoriali e ridenominati Centri provinciali per listruzione degli adulti. Ad essi è attribuita autonomia amministrativa, organizzativa e didattica, Legge 27 dicembre 2006, n. 296, art 1, comma 632 Finanziaria 2007 Atto di indirizzo per lanno 2008 Giugno 2007 Far acquisire i saperi e le competenze essenziali a tutti i giovani e alla popolazione adulta, per un consapevole esercizio dei diritti di cittadinanza, anche attraverso linnalzamento dellobbligo di istruzione ….. Favorire la costituzione dei centri provinciali per listruzione degli adulti DM 25 ottobre 2007 Ritenuto necessario procedere alla riorganizzazione dei Centri territoriali permanenti per leducazione degli adulti e dei corsi serali funzionanti presso le istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado, fermo restando le competenze delle regioni e degli enti locali in materia allo scopo di far conseguire più elevati livelli di istruzione alla popolazione adulta anche immigrata, con particolare riferimento alla conoscenza della lingua italiana, nel quadro degli obiettivi fissati dallunione europea

4 prof. Sebastian Amelio Deficit formativo Livelli di istruzione e Titoli di studio Quasi il 60% della popolazione adulta è sprovvista di un titolo di studio superiore alla licenza media (cfr.ISTAT, ASI)

5 prof. Sebastian Amelio Deficit formativo Letteratismo e abilità per la vita Oltre l80% della popolazione adulta non raggiunge il livello 3, il livello necessario per garantire il pieno inserimento nella società della conoscenza (cfr.INValSI, Indagine ALL, pag. 8)

6 prof. Sebastian Amelio Deficit formativo Livelli di istruzione e Titoli di studio Lombardia

7 prof. Sebastian Amelio Trasformazione struttura demografica Il nostro attuale indice di vecchiaia è il più alto in Europa ed in futuro lItalia farà registrare linvecchiamento della popolazione più alto al mondo, subito dopo il Giappone. Nel lungo periodo saremo, dunque, sempre più vecchi. Secondo lISTAT, infatti, la popolazione italiana nel 2050 sarà composta per il 34,4 % da over 65enni, oggi è il 19%, (allinizio degli anni 80 era il 13,1%). La presenza degli stranieri nel nostro Paese sta progressivamente e decisamente aumentando; secondo lultimo rapporto della Caritas gli stranieri regolari in Italia rappresentano il 5% ma nei prossimi dieci anni si prevede che raggiungano il 10%; nel 2000 erano solo il 2,9% e nel 2050 saranno tra il 17 ed il 20%;

8 prof. Sebastian Amelio 1) DISPERSIONE SCOLASTICA Percentuale della popolazione dai 18ai 24 anni che ha terminato soltanto il primo ciclo dellistruzione secondaria inferiore e non prosegue gli studi o una formazione, 2002 Entro il 2010, nellUnione europea si dovrebbe pervenire ad una percentuale media non superiore al 10% di abbandoni scolastici prematuri. Attualmente lItalia fa registrare un valore pari al 21,9%.

9 prof. Sebastian Amelio 2. COMPLETION OF UPPER SECONDARY EDUCATION Percentuale di popolazione tra 20 e 24 anni di età che ha completato solo un ciclo di istruzione secondaria superiore Entro il 2010, almeno l'85 % della popolazione ventiduenne dell'Unione europea dovrebbe avere completato un ciclo di istruzione secondaria superiore. Attualmente lItalia fa registrare un valore pari al 72,9% (diapositiva 5)

10 prof. Sebastian Amelio 5) PARTICIPATION IN LIFELONG LEARNING Percentuale della popolazione tra 25 e 64 anni che ha partecipato ad iniziative di istruzione e formazione nel corso delle quattro settimane precedenti lindagine Entro il 2010, il livello medio di partecipazione all'apprendimento lungo tutto l'arco della vita dovrebbe attestarsi nell'Unione europea almeno al 12,5 % della popolazione adulta in età lavorativa (fascia di età compresa tra 25 e 64 anni). Attualmente lItalia fa registrare un valore pari al 6,8%.

11 prof. Sebastian Amelio Popolazione ANNI ,980% 19 ANNI ,015% 20 ANNI ,036% 21 ANNI ,065% 22 ANNI ,108% 23 ANNI ,125% 24 ANNI ,157% TOTALE ,5% DISPERSI ,9% OBIETTIVO ,0% DA RECUPERARE ,9% Obiettivo Lisbona: previsioni

12 prof. Sebastian Amelio POPOLAZIONE ANNI ,036% 21 ANNI ,065% 22 ANNI ,108% 23 ANNI ,125% 24 ANNI ,157% TOTALE ,490% DIPLOMATI ,90% OBIETTIVO ,00% DA DIPLOMARE ,10% Obiettivo Lisbona: previsioni

13 prof. Sebastian Amelio DM 25 ottobre 2007 il riferimento alle indicazioni europee Preambolo Risoluzione del Consiglio del 27 giugno 2002 sullapprendimento permanente Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio Relativa a competenze chiave Gli obiettivi fissati dallUnione europea

14 prof. Sebastian Amelio Risoluzione del Consiglio del 27 giugno 2002 sullapprendimento permanente Per apprendimento permanente si intende qualsiasi attività di apprendimento intrapresa nelle varie fasi della vita al fine di migliorare le conoscenze, le capacità e le competenze in una prospettiva personale, civica, sociale e/o occupazionale. L'apprendimento permanente deve riguardare l'apprendimento da prima della scuola a dopo la pensione e comprendere l'intera gamma di modalità di apprendimento formale, non formale e informale[6]. In tal senso, lapprendimento permanente va considerato come uno dei principi guida per listruzione e la formazione[7][6][7] [6] Cfr. Risoluzione del Consiglio europeo sullapprendimento permanente del 27 giugno 2002 ed il Glossario EDA [6] [7] cfr. Risoluzione del Consiglio europeo sullapprendimento permanente del 27 giugno 2002 [7]

15 prof. Sebastian Amelio Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio relativa a competenze chiave Per competenze chiave dellapprendimento permanente si intendono quelle di cui tutti hanno bisogno per la realizzazione e lo sviluppo personali, la cittadinanza attiva, linclusione sociale e loccupazione. Le competenze chiave, combinazione di conoscenze, abilità e attitudini appropriate al contesto sono state così individuate in sede europea: 1. Comunicazione nella madrelingua: 2. Comunicazione nelle lingue straniere; 3. Competenza matematica e competenze di base in scienza e tecnologia; 4. Competenza digitale; 5. Imparare a imparare; 6. Competenze sociali e civiche; 7. Senso di iniziativa e imprenditorialità; 8. Consapevolezza ed espressione culturale [11] [11] [11] Consiglio dellunione europea, Proposta di raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio sulle competenze essenziali per lapprendimento permanente – Orientamento generale -, Bruxelles, 10 maggio 2006 [11]

16 prof. Sebastian Amelio European Commission, DDGG Education and Culture Communication from the Commission on Adult learning It is never too late to learn DGVT, Helsinki messaggi chiave Aumentare la partecipazione favorendo leliminazione delle barriere in accesso Promuovere una cultura della qualità Convalidare lapprendimento formale e informale Aumentare gli investimenti nell'istruzione e nella formazione della gente più anziana e dei migranti Assicurare un miglioramento continuo della qualità e della comparabilità dei dati sull'A.L

17 prof. Sebastian Amelio DM 25 ottobre 2007 Art. 1 Oggetto Art. 2 Conferimento dellautonomia Art. 3 Utenza dei centri Art. 4 Iscrizioni Art. 5 Autonomia didattica e organizzativa Art. 6 Ampliamento dellofferta formativa Art. 7 Assegnazione del personale Art. 8 Misure di sistema Art. 9 Disciplina transitoria

18 prof. Sebastian Amelio DM 25 Ottobre – art. 2 Criteri per il conferimento dellautonomia 1. Nellambito dei piani provinciali di dimensionamento è realizzata la riorganizzazione degli centri territoriali permanenti e corsi serali, in modo da costituire, nellosservanza dei parametri del DPR 233/98, una rete territoriale denominata Centro provinciale di istruzione degli adulti (CPIA) a cui viene conferita autonomia. 2. I CPIA sono costituti da una sede centrale e da altre sedi, che ne compongono la rete territoriale; 3. Il funzionamento delle sedi della rete territoriale - CPIA - può essere regolato da specifici accordi tra EE.LL.; 4. I CPIA hanno, di norma, una popolazione (consolidata e prevedibilmente stabile) compresa tra 500 e 900 utenti; 5. I centri hanno un proprio organico (dirigente, docente, ATA), distinto da quello degli ordinari percorsi scolastici, definito nei limiti delle autonomie scolastiche istituibili in ciascuna regione e delle disponibilità complessive degli organici del personale delle scuola determinate per lanno scolastico di riferimento 6. I CPIA centri sono costituiti progressivamente a partire dalla.s. 2008/2009 e nella prospettiva di una piena riorganizzazione entro il Nelle province con unutenza al di sotto dei parametri la riorganizzazione può essere attuata su base interprovinciale.

19 prof. Sebastian Amelio DM 25 Ottobre – artt. 3 e 6 Tipologie dei percorsi (A, B, C, D, E, F) A) Conseguimento del livello di istruzione corrispondente a quello previsto a conclusione della scuola primaria, nonché per l acquisizione del titolo di studio conclusivo del primo ciclo di istruzione B) Recupero dei saperi e delle competenze finalizzate alla acquisizione della certificazione di assolvimento dellobbligo C) Conseguimento del diploma di istruzione secondaria superiore D) Alfabetizzazione funzionale finalizzata allacquisizione dei saperi e delle competenze riferiti alladempimento dell obbligo di istruzione e al conseguimento di un titolo di istruzione secondaria superiore E) Conoscenza della lingua italiana da parte degli immigrati per la loro integrazione linguistica e sociale F) Percorsi di ampliamento dellofferta formativa (Art. 6)

20 prof. Sebastian Amelio DM 25 Ottobre 2007 – art. 4 - Utenti per tipologia di percorso - A) Conseguimento del livello di istruzione corrispondente a quello previsto a conclusione della scuola primaria, nonché per l acquisizione del titolo di studio conclusivo del primo ciclo di istruzione B) Recupero dei saperi e delle competenze finalizzate alla acquisizione della certificazione di assolvimento dellobbligo C) Conseguimento del diploma di istruzione secondaria superiore D) Alfabetizzazione funzionale finalizzata allacquisizione dei saperi e delle competenze riferiti alladempimento dell obbligo di istruzione e al conseguimento di un titolo di istruzione secondaria superiore E) Conoscenza della lingua italiana da parte degli immigrati per la loro integrazione linguistica e sociale Tutti gli adulti privi del livello di istruzione corrispondente a quello previsto dallordinamento vigente a conclusione della scuola primaria o del titolo di studio conclusivo del primo ciclo di Istruzione o che non hanno adempiuto allobbligo di istruzione di cui allart.1, comma 622 della L. 296/06 Tutti gli adulti stranieri presenti sul territorio nazionale Tutti gli adulti che necessitano di acquisire i saperi e le competenze riferiti alladempimento dellobbligo e al conseguimento di un titolo di istruzione Secondaria superiore Tutti gli adulti che intendono conseguire un titolo di studio conclusivo dei corsi di Istruzione secondaria superiore

21 prof. Sebastian Amelio DM 25 Ottobre 2007 – art. 5 Indicazioni organizzativo-didattiche per tipologia di percorso A) Conseguimento del livello di istruzione corrispondente a quello previsto a conclusione della scuola primaria, nonché per l acquisizione del titolo di studio conclusivo del primo ciclo di istruzione B) Recupero dei saperi e delle competenze finalizzate alla acquisizione della certificazione di assolvimento dellobbligo C) Conseguimento del diploma di istruzione secondaria superiore D) Alfabetizzazione funzionale finalizzata allacquisizione dei saperi e delle competenze riferiti alladempimento dell obbligo di istruzione e al conseguimento di un titolo di istruzione secondaria superiore E) Conoscenza della lingua italiana da parte degli immigrati per la loro integrazione linguistica e sociale Le indicazioni contenute nel documento allegato al decreto ministeriale 31 luglio 2007 e quelle contenute nel documento allegato al decreto del Ministro della Pubblica Istruzione del 22 agosto 2007, n. 139 Sui saperi e le competenze relativi allobbligo di istruzione. I centri assumono i medesimi riferimenti Per la parte riguardante la parte italiana, anche per lorganizzazione dei percorsi di cui alla lettera e) Le indicazioni contenute nei Regolamenti di cui al decreto legislativo 17 ottobre 2005, n. 226, art. 12, comma 5, nonché per gli istituti tecnici e gli istituti professionali, quelle contenute nei Regolamenti di cui alla legge 2 aprile 2007, n. 40, art. 13, comma 1 ter

22 prof. Sebastian Amelio DM 25 Ottobre 2007 – art. 7 Assegnazione del personale I criteri di assegnazione del personale ai Centri, anche attraverso la valorizzazione di specifici titoli culturali posseduti e di esperienze maturate nel settore dellistruzione degli adulti, sono definiti nel quadro delle disposizioni che regolano lutilizzo e la mobilità del personale della scuola.

23 prof. Sebastian Amelio DM 25 Ottobre – art. 9 - Disciplina transitoria - Lorganico dei CPIA ha carattere funzionale Lorganico, di regola, è costituito da 10 docenti ogni 120 adulti iscritti ai Centri per la frequenza dei percorsi A,B, D, E (tutti esclusi i percorsi finalizzati al conseguimento di un titolo di studio) I 10 docenti sono, di regola, così determinati: 2 docenti di scuola primaria, forniti della competenze per linsegnamento di una lingua straniera 4 docenti di scuola secondaria di primo grado: due per larea linguistica, di cui uno per linsegnamento della lingua inglese; uno per larea matematico/scientifica; uno per larea tecnologica 4 docenti di scuola secondaria di secondo grado: uno per ciascuno degli assi disciplinari previsto dal regolamento sullobbligo La composizione della dotazione dei docenti (10) è rimessa alla valutazione del Dirigente scolastico anche sulla base delle indicazioni espresse dal Collegio dei Docenti il personale ATA è determinato sulla base degli Indici previsti per gli Istituti comprensivi e per quelli previsti per gli istituti con funzionamento dei corsi serali I CPIA stipulano accordi con gli Istituti secondari per favorire il conseguimento di un titolo di studio di istruzione secondaria superiore La dotazione dellorganico a carattere transitorio sarà rideterminata al momento della messa a regime.

24 prof. Sebastian Amelio DM 25 Ottobre – art. 9 - Alcune questioni- 1 Funzionamento delle sedi (Art. 2, comma 2) 2.Definizione dei curricoli e organizzazione didattica dei percorsi (Art. 5) 3 Iscrizioni (Art. 5) 4. Scrutini ed esami (art. 5, comma 4) 4 Ampliamento dellofferta formativa (Art. 6) 5 Assegnazione del personale (Art. 7) 6 Composizione della dotazione organica(Art. 9) 7 Accordi con gli Istituti secondari superiori(Art. 9, comma 5) 8 Certificazione delle competenze 9 Gestione amministrativo – contabile 10 Organi collegiali

25 prof. Sebastian Amelio Lo sviluppo dellEdA : 2000/2001 – 2003/2004

26 prof. Sebastian Amelio Bassa mobilità sociale Più della metà di quanti hanno un genitore con, al massimo, la licenza media tende a riprodurre questa situazione e solo il 5% di questi raggiunge la laurea


Scaricare ppt "Prof. Sebastian Amelio Incontro progetto CPIA Mantova – 15/04/2008."

Presentazioni simili


Annunci Google