La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Dirigente Scolastico Marisa Bellei Docente Referente Macchi Luigi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Dirigente Scolastico Marisa Bellei Docente Referente Macchi Luigi."— Transcript della presentazione:

1 Dirigente Scolastico Marisa Bellei Docente Referente Macchi Luigi

2 STRATEGIE DI APPRENDIMENTO NON SOLO FARE MA SAPERE COME E COSA STO FACENDO… APPRENDERE DAGLI ALTRI, ATTRAVERSO GLI ALTRI, CON GLI ALTRI… RELAZIONE E MOTIVAZIONE APPRENDIMENTO COLLABORATIVO ED INTEGRAZIONE… LINTEGRAZIONE E UN PROCESSO CHE RIMANDA AD UN PROGETTO UNITARIO… PICCOLE TAPPE… SUCCESSO ED ERRORE TEMPO…. UN PROCESSO MANTIENE UN FILO CONDUTTORE, MA SI SVILUPPA NELLA FLESSIBILITA….

3 14 – 15 alunni diversamente abili… diversi gruppi classe… un gruppo di insegnanti di sostegno… un gruppo di diversi colleghi un gruppo di bidelli un gruppo di famiglie oltre laula due ambienti liberi… strumenti e mediatori anche tecnologici (hardware e software in senso lato…) percorsi di programmazione disciplinare… conoscenze condivisie… pratiche condivisibili… tutto ciò che è relazione… modello di insegnamento… preponderante di tipo frontale… rischio di frammentazione disciplinare… il sempre dentro…. sempre fuori… la fatica di accogliere e amare linsuccesso …. lincapacità della pazienza dellinefficienza …. il programma da finire… la mancanza di fede nella modificabilità …. non sapere perdere tempo…. focalizzarsi sui contenuti…

4 Fare esperienza di… relazione… collaborazione… mediazione Fare esperienza di… strategie cognitive per apprendere Fare percorsi metacognitivi… in senso lato: prendere coscienza di… Anche la forza della diversità… di tutti… e di ognuno… Usare mediatori di varia natura…. Anche le tecnologie Sedurre … e non contrapporre…. linsegnante di serie A di serie B--- il sostegno è un muro del pianto?…

5 il miglioramento dellattenzione e della memoria attraverso la conoscenza delle stesse e la scoperta di strategie per esercitarla ed utilizzarla; lacquisizione e lesercizio di strategie per vedere, osservare, organizzare, confrontare e correlare elementi, cioè conoscere e controllare un processo; il potenziamento della capacità di astrazione e generalizzazione permettono di ri-posizionare e ri-organizzare il quadro cognitivo dei diversi soggetti che, gradualmente assumono: Il controllo dellimpulsività, La motivazione ad apprendere; La capacità di organizzare il proprio lavoro; Un reale avvicinamento alle procedure operative della programmazione di classe Fisici: un aula, una palestrina… mentali contenitori dove poter fare esperienza di… col corpo, con la mente, in collaborazione… Aperti a tutti (aspetto seduttivo…) Due momenti operativi alla settimana…: Uno più strettamente cognitivo; uno più volto ad aspetti ludici e creativi… è un passaggio che deve portare a…. Mediatori attivi fare col corpo, le mani… Iconici immagini … e suoni Multimediali le tecnologie … non solo il computer… videocamera…, educam, lavagna luminosa… anche in classe per integrare… … i miei strumenti mentali di lavoro… aspetti metacognitivi…

6 Io fuori… io dentro… Immagini e sogni…. pensieri… Lattenzione – selettiva - focalizzata- mantenuta…. La memoria… il ricordo… dimenticare… La memoria… come faccio a ricordare: reiterazione della codifica… evidenziazione percettiva Organizzarsi….: organizzare le cose… organizzare quello che devo fare… 2002/2003 Da uno sfondo integratore (la storia della Bella e la Bestia…): la diversità…. Lapparenza… Comprensione ed organizzazione del testo (in senso lato…) Utilizzo delle strategie apprese nel cammino precedente e rinforzo delle stesse… 2003/2004 Qualche esempio

7

8 Che cosa significa educare?… Poiché… non è questione di tecnica ma di relazione… Non questione di sapere ma di essere… si può concludere che si tratta di persona e presenza, ovvero è un problema di autenticità… … La nostra società ha purtroppo altri miti ed ha spesso messo la macchina al posto delluomo senza ricordare che, per natura, luomo è sensibile soltanto alla presenza di un altro uomo…. Essere persona significa sapere che non siamo tutti uguali ma tutti abbiamo gli stessi diritti fondamentali e rispettare questo assunto attraverso la nostra autenticità… Essere presenza discreta ma concreta, presenza disponibile, generosa, paziente: non tutti hanno queste doti e… non tutti sono adatti ad educare… Giorgio Moretti


Scaricare ppt "Dirigente Scolastico Marisa Bellei Docente Referente Macchi Luigi."

Presentazioni simili


Annunci Google