La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Le tradizioni weberiane Teoria della scelta razionale Teoria del conflitto.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Le tradizioni weberiane Teoria della scelta razionale Teoria del conflitto."— Transcript della presentazione:

1 Le tradizioni weberiane Teoria della scelta razionale Teoria del conflitto

2 Contenuti Un breve confronto Durkheim Weber in merito al punto di vista da cui scelgono di osservare la società. Approfondimenti del concetto di comprensione La sociologia comprendente e lindividualismo metodologico La sociologia comprendente e la teoria del conflitto

3 Durkheim Quello che gli individui hanno in testa è inosservabile. La società invece lo è attraverso fatti sociali che sono cose (oggetti); questi fatti cambiano per cause che sono strutturali, vale a dire che riguardano la struttura della società: segmentaria/moderna. La sociologia è una scienza che individua le leggi dellevoluzione sociale e ne osserva landamento. Quindi la sociologia può aiutare la società a comprendere come sta evolvendo la sua forma di vita.

4 Durkheim/Weber La sociologia per Durkheim quindi scopre delle regolarità sociologiche attraverso cui distinguere tra stati normali e stati patologici Per Weber la sociologia è primariamente indaffarata a scoprire regolarità (leggi universalmente valide)? NO La categoria principale è lagire dotato di senso: gli uomini non sono gli animali, sono esseri razionali, che attribuiscono un significato al proprio agire.

5 Scienze della natura e scienze della cultura Proprio perché le scienze della cultura si riferiscono allazione umana in quanto azione autointerpretata, non è possibile avanzare un modello evolutivo generale della società. Weber, al contrario di Durkheim, non pensa sia utile ricercare delle regolarità, ma delle eccezionalità: per es., come mai solo in occidente (e non altrove) si sviluppa una forma dazione economica così particolare come il capitalismo?

6 Durkheim/Weber Il problema di Durkheim consiste nel non aver considerato il fatto che lindividuo ha come sua principale caratteristica quella di attribuire senso alla realtà. Le società umane non sono solo il risultato di processi meccanici di differenziazione ma anche e soprattutto insiemi di azioni prodotte da centri di razionalità cosciente (gli individui). Di un centro di azione cioè che si auto osserva e che è cosciente della propria auto osservazione.

7 Weber I meccanismi causali che agiscono nella società non provengono semplicemente dalle sue caratteristiche strutturali (società più o meno numerosa, distribuita in un territorio pianeggiante o montuoso, ecc. segmentaria, moderna, ecc.). Le cause del cambiamento storico sociale sono anche il frutto delle azioni individuali dotate di senso. Cioè sono il frutto di processi soggettivi di attribuzione di significato.

8 Weber La società quindi non è come linsieme delle azioni individuali per quanto esse siano prevedibili e armonizzate in una serie di regole. Il comportamento è sempre razionale? No, affatto, esistono comportamenti dettati dalla tradizione oppure dagli impulsi individuali.

9 Weber Le azioni degli individui, quelle concrete che vedo accadere tutti i giorni, sono sempre un misto di razionalità, tradizione e affettività. Ma, sebbene queste componenti siano sempre compresenti nelle azioni concrete, questo non significa che io non possa distinguerle e separarle nellanalisi.

10 Weber Giunge così ai 4 tipi: Razionale rispetto alla scopo Razionale rispetto al valore Tradizionale Affettiva Cosa significa questa tipologia? Che la struttura della società sviluppa delle coscienze collettive i cui contenuti variano da un maggior contenuto affettivo a un maggior contenuto razionale rispetto alla scopo?

11 Weber NO! Questo, vedremo, può anche essere vero, ma quando Weber parla dei 4 tipi di azione non parla della società, ma del senso che gli individui attribuiscono alla propria azione. La caratteristica dellazione sociale è il fatto di essere, nei limiti del possibile, progettata, realizzata ed interpretata da un individuo. Quindi i tipi ideali dazione sono i tipi ideali di significato attraverso cui lindividuo può rapportarsi alla propria azione.

12 Concetto di relazione in Weber Attenzione quindi al concetto di relazione che ne emerge. La socialità si presenta quindi in Weber come il risultato della azioni individuali, dotate di un qualunque senso, nella misura in cui tali azioni si determinano reciprocamente: ciascuno tiene conto dellagire dellaltro ed è, al tempo stesso, un riferimento dellagire altrui (Crespi P., Le vie della sociologia, Il Mulino, Bologna, 1986: 222)

13 Concetto di relazione in Weber La relazione sociale si fonda perciò sulla possibilità probabilità che si agisca socialmente in un dato modo, quale che sia la base su cui risposa tale possibilità. Lelemento della reciprocità mette in evidenza che la dinamica delle interazioni sociali è fondata su un insieme di aspettative reciproche e su possibilità calcolate soggettivamente circa le conseguenze del proprio agire (Ibidem: 223)

14 Senso sociale e senso individuale Weber non dice quindi che è solo il soggetto razionalistico a costruire una società. Il senso è da sempre sociale, prima che soggettivo. Ma il processo cui bisogna guardare riguarda la trasformazione del senso da sociale in soggettivo. La chiave della sociologia Weberiana sta nel comprendere il punto di vista da cui osserva la società e le sue istituzioni.

15 Due tradizioni che partono da queste considerazioni Teoria della scelta razionale o individualismo metodologico (IM) Teoria del conflitto (TC)

16 Da dove viene il senso sociale? IM Secondo R. Boudon, Weber inaugura un modo di intendere i fenomeni sociali come aggregati di azioni individuali. Tali azioni, vanno comprese come risposte adattive date dalle varie categorie di agenti nella loro situazione (Boudon R., Lindividualismo metodologico e le tradizioni sociologiche, Cortina, Milano, 1999: 161)

17 I Vietnamiti ed il problema Durkheimiano Per comprendere che significa che tali azioni, vanno comprese come risposte adattive date dalle varie categorie di agenti nella loro situazione si consideri il seguente esempio: Nelle comunità dei villaggi vietnamiti (società segmentarie), le decisioni relative alla gestione dei campi che appartenevano a ciascuna singola famiglia venivano prese allunanimità dal consiglio del villaggio Questo significa che lindividuo è disciolto nel gruppo ed il concetto di decisione autonoma è assente?

18 I Vietnamiti ed il problema Durkheimiano NO Ciascun contadino, siccome i campi sono tutti molto vicini, potrebbe con la propria decisione, arrecare danno al vicino. Dato che ciascun campo dipende strettamente dallaltro, se due si fan la guerra a vicenda tutti ne possono conseguire un danno Quindi è razionale decidere di prendere una decisione allunanimità anche quando la materia riguarda la proprietà privata degli individui. Non cè nessun bisogno di far ricorso a nessuna coscienza collettiva per spiegare il comportamento individuale. Questione che può essere tranquillamente osservata a partire dalla categoria di razionalità.

19 Il sapere indiziario Una obiezione corrente a questa posizione è che loperazione di comprensione non può essere controllata ed è influenzata dalla soggettività dellosservatore. Ma sappiamo dalle storie poliziesche che anche quando gli agenti cercano di nascondere le loro motivazioni, esse possono, in molte circostanze, essere ricostruite, talvolta con elevato grado di verosimiglianza (Ibidem: 161)

20 La razionalità e lindividualismo metodologico Se quindi lattore è un centro dazione razionale che progetta i suoi comportamenti e ne valuta gli esiti a partire da uninterpretazione soggettiva del senso sociale, da dove viene il senso sociale? Per gli individualisti metodologici il senso sociale, la tradizione di cui Boudon attribuisce la paternità a Weber, è il frutto di un comportamento razionale destinato ad ottimizzare i propri mezzi per raggiungere scopi definiti. Non è detto che le informazioni in mio possesso siano sufficienti, ma la mancanza di informazione oppure la credenza errata, non intaccano il funzionamento del ragionamento razionale.

21 Otello individualista Bisogna distinguere tra verità e razionalità. la verità è la relazione tra la credenza e ciò che la credenza riguarda. Quando Otello crede che Desdemona lo stia ingannando e non è vero, la sua credenza è falsa. Viceversa, la razionalità è una relazione tra una credenza ed i fondamenti che la sostengono. Alla luce della prova offertagli da Iago, la credenza di Otello potrebbe benissimo essere razionale (Elster J., Come si studia la società, Il Mulino, Bologna, 1986: 36)

22 Da dove viene il senso sociale TC Per i teorici del conflitto, Weber ha inaugurato un filone di pensiero in cui la società e le regole che la organizzano sono il frutto di un conflitto, in cui la dimensione della violenza, del potere e dei meccanismi di legittimazione giocano un ruolo fondamentale.

23 La natura dello Stato Per Weber lo stato è definibile attraverso la categoria del monopolio delluso legittimo della violenza. Significa che lo Stato è definibile come lunico ente il cui uso della violenza è accettato sia in termini procedurali sia in termini morali.

24 Lo Stato e la Nazione Ora, in Weber lo Stato ha un fondamento militare. La maggior parte degli stati si sono formati attraverso una coalizione militare, conquiste o annessioni. Le loro burocrazie si sono sviluppate in primo luogo con lo scopo di raccogliere i tributi per far fronte alle spese militari.

25 Lo Stato e la Nazione Secondo Randall Collins, per Weber lascesa della moderna legittimità di massa dello Stato si è verificata nel corso del processo di creazione di eserciti di coscritti di massa, iniziato nel 1700 e nel 1800 in Europa; solo quando tutti i maschi adulti vennero costretti a combattere negli eserciti del proprio stato, questultimo acquisì legittimità nel senso nazionalistico moderno (Collins R., Teorie sociologiche, Il Mulino, Bologna, : 164)

26 La natura della legittimità Carismatica Tradizionale Legale razionale Anche questi sono ideal tipi e colgono il senso soggettivo dellazione. Quindi si riferiscono a caratteristiche estrinseche del potere?

27 Ancora sul tipo ideale NO. Si riferiscono alle ragioni per cui gli individui obbediscono ad un potere. Il carisma è quella caratteristica del soggetto che in una situazione eccezionale può ottenere obbedienza. Questo tipo di legittimità però è limitato nel tempo Come garantire quindi una successione del potere? Attraverso un meccanismo tradizionale di trasferimento del potere (per es. per via ereditaria) Che si trasforma via via in un sistema legale e quindi razionale di espressione del potere

28 Ci sta dicendo che la società evolve da un sistema affettivo carismatico in un sistema legale razionale? Allora è uguale a Durkheim NO: Non ci sta parlando delle leggi evolutive della società, ma di motivazioni tipiche per lobbedienza: il potere o è tale per il carisma di chi lo pretende o è tale per tradizione, oppure è tale se risponde a criteri razionali di rappresentanza.

29 Senso sociale e teoria del conflitto Da questo esame delle tradizioni di ricerca che fanno appello a weber possiamo quindi evincere due caratteristiche fondamentali dellapproccio comprendente: a) La società è il frutto di unazione razionale soggettivamente orientata b) Il senso diviene sociale attraverso un conflitto. Il dominio del vincitore è legittimato attraverso forme che spaziano dal carisma alla rappresentanza legale razionale.

30 Prossima lezione Etica protestante e spirito del capitalismo


Scaricare ppt "Le tradizioni weberiane Teoria della scelta razionale Teoria del conflitto."

Presentazioni simili


Annunci Google