La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Modulo di Psicologia Sociale e dei Gruppi Insegnamento di Psicologia Sociale e di Comunità Antonio Nocera Corso di Laurea in Scienze delleducazione A.A.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Modulo di Psicologia Sociale e dei Gruppi Insegnamento di Psicologia Sociale e di Comunità Antonio Nocera Corso di Laurea in Scienze delleducazione A.A."— Transcript della presentazione:

1 Modulo di Psicologia Sociale e dei Gruppi Insegnamento di Psicologia Sociale e di Comunità Antonio Nocera Corso di Laurea in Scienze delleducazione A.A. 2011/2012

2 Una definizione di Psicologia Sociale

3 La nascita della psicologia Gli studiosi di Lipsia analizzarono i modi in cui la mente elabora le informazioni provenienti dal corpo. Wundt (1879) era convinto che i contenuti psichici fossero delle realtà complesse che potevano essere scomposte in unità più semplici. La psicologia doveva usare il metodo sperimentale per studiare queste unità semplici che in una sorta di chimica mentale vengono ricombinate tra loro dando origine allesperienza complessa.

4 La nascita della psicologia Dopo la nascita della psicologia come scienza, iniziò linvestigazione sperimentale di questioni inerenti la psicologia sociale, quando ricercatori nordamericani, britannici e francesi presero a misurare sistematicamente quanto il comportamento venga influenzato dalla presenza di altre persone. *

5

6

7 La prima ricerca di psicologia sociale Uno studio pubblicato nel 1898 da Norman Triplett viene talvolta citato come la prima ricerca di psicologia sociale. I risultati sembravano contraddire la conclusione a cui era giunto un agronomo francese: Max Ringelmann (1880)

8 Tendenze storiche della Psicologia Sociale

9 Tendenze storiche della Psicologia Sociale Lapproccio comportamentista (dai 20 ai 50) negava la validità scientifica delle teorie basate su fattori mentali quali pensieri, sentimenti ed emozioni. Per i comportamentisti (anti-mentalisti) radicali una disciplina veramente scientifica riguardante lattività umana poteva fondarsi solo sullo studio del comportamento osservabile influenzato da stimoli ambientali osservabili.

10 Tendenze storiche della Psicologia Sociale Per gli psicologi sociali, i comportamentisti avevano certamente ragione nel ritenere che gli stimoli esterni influenzassero il comportamento. Tuttavia gli psicologi sociali sostenevano che leffetto di qualsiasi stimolo dipende da come gli individui e i gruppi lo interpretano.

11 Tendenze storiche della Psicologia Sociale Fin dallinizio, un tratto distintivo della psicologia sociale fu la convinzione che per comprendere il comportamento manifesto degli individui fosse essenziale comprendere e misurare le loro percezioni, le loro opinioni e i loro sentimenti (E.E. Jones, 1985).

12 Piccole questioni di primogenitura psicologica Comunemente si indica come criterio convenzionale per stabilire linizio della psicologia sociale, lanno in cui compare per la prima volta il termine psicologia sociale come titolo di un volume: In quellanno infatti vengono pubblicati a pochi mesi luno dallaltro due testi.

13 Piccole questioni di primogenitura psicologica Social Psychology: on outline and source book di A.Ross An introduction to Social Psychology di W.McDougall … eppure già nel 1902 (6 anni prima) compare un volume intitolato Psicologia Sociale pubblicato proprio in Italia a Bari da Laterza. Lautore è litaliano Paolo Orano ( )

14 Paolo Orano Eclettico personaggio il cui contributo è interessante non tanto per i contenuti scientifici, di marcato impianto positivista quanto per il criterio che segnala la specificità della psicologia sociale rispetto alle altre scienze.

15 Tendenze storiche della Psicologia Sociale La persona che ha inciso maggiormente sullo sviluppo della psicologia sociale in Nord America fu Adolf Hitler. (Cartwright, 1979)

16 Tendenze storiche della Psicologia Sociale

17 Alcune ricerche Sherif, 1936, e le influenze sulla percezione. Adorno, Frenkel-Brunswick, Levinso e Sanford, 1950, e le radici del pregiudizio. Lewin, 1947 e le abitudini alimentali; Hovland, Janis e Kelley, 1953 e ligiene dentale; Stouffer 1949 e le promozioni tra i soldati.

18 Tendenze storiche della Psicologia Sociale

19 Tendenze storiche della Psicologia Sociale Allinizio degli anni 1970, la psicologia sociale aveva sviluppato una serie di risultati affidabili e ripetibili, segno di una maturità scientifica. Ebbe così inizio il movimento verso lintegrazione.

20 La prospettiva integrata della psicologia sociale Gli psicologi sociali credono che tutta la diversità e la ricchezza del comportamento sociale umano si possa comprendere in termini di alcuni processi socio-psicologici fondamentali. Questi processi derivano da otto principi.

21 La prospettiva integrata della psicologia sociale 1.La costruzione della realtà 2.La pervasività dellinfluenza sociale 3.Lacquisizione della padronanza 4.La ricerca dellaffiliazione 5.La valorizzazione di me e del mio 6.Il conservatorismo 7.Laccessibilità 8.La superficialità o profondità motivazionali Di elaborazione fondamentali

22 La prospettiva integrata della psicologia sociale Nel descrivere argomenti come lattrazione, laggressività, laltruismo e la modificazione degli atteggiamenti, vedremo come queste forme di comportamento sociale derivino dallinterazione di questi 8 principi.

23 La prospettiva integrata della psicologia sociale 1.La costruzione della realtà 2.La pervasività dellinfluenza sociale 3.Lacquisizione della padronanza 4.La ricerca dellaffiliazione 5.La valorizzazione di me e del mio 6.Il conservatorismo 7.Laccessibilità 8.La superficialità o profondità fondamentali

24 1. La costruzione della realtà Ciò che ognuno di noi considera reale non è altro che la sua personale costruzione della realtà, plasmata in parte dai processi cognitivi (le modalità con cui lavora la nostra mente) e in parte dai processi sociali (gli input provenienti dagli altri individui, la cui presenza può essere effettiva o immaginaria).

25 2. La pervasività dellinfluenza sociale Ricordiamo come gli altri possono influenzarci anche quando siamo soli. Attraverso la pervasività dellinfluenza sociale gli altri influenzano praticamente tutti i nostri pensieri, sentimenti e comportamenti, indipendentemente dal fatto che siano presenti o meno.

26 2. La pervasività dellinfluenza sociale Lidentificazione con determinati gruppi sociali e ciò che pensiamo su come gli altri reagiranno, plasmano i nostri pensieri e sentimenti più intimi, le nostre percezioni e motivazioni e persino il nostro senso di sé.

27


Scaricare ppt "Modulo di Psicologia Sociale e dei Gruppi Insegnamento di Psicologia Sociale e di Comunità Antonio Nocera Corso di Laurea in Scienze delleducazione A.A."

Presentazioni simili


Annunci Google