La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1. 2 DEFINIZIONE DI TURISMO IL TURISMO È LA PRATICA, L'AZIONE SVOLTA DA COLORO CHE VIAGGIANO E VISITANO LUOGHI A SCOPO DI SVAGO, CONOSCENZA E ISTRUZIONE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1. 2 DEFINIZIONE DI TURISMO IL TURISMO È LA PRATICA, L'AZIONE SVOLTA DA COLORO CHE VIAGGIANO E VISITANO LUOGHI A SCOPO DI SVAGO, CONOSCENZA E ISTRUZIONE."— Transcript della presentazione:

1 1

2 2 DEFINIZIONE DI TURISMO IL TURISMO È LA PRATICA, L'AZIONE SVOLTA DA COLORO CHE VIAGGIANO E VISITANO LUOGHI A SCOPO DI SVAGO, CONOSCENZA E ISTRUZIONE. IL TERMINE TURISMO DERIVA DA GRAND TOUR, IL VIAGGIO INTRAPRESO, INTORNO AL DICIASSETTESIMO SECOLO, PER MOTIVI CULTURALI DA ARISTOCRATICI, SOPRATTUTTO BRITANNICI, ATTRAVERSO I PRINCIPALI PAESI EUROPEI.

3 3 Con lespressione turismo si può intendere anche, secondo il contesto, il settore industriale e commerciale che si occupa di fornire (vendere) servizi tangibili come trasporti (in aereo, treno, nave, pullman e così via),trasportiaereotrenonavepullman servizi di ospitalità (presso alberghi, pensioni,alberghi villaggi turistici)villaggi turistici e altre strutture ricettive, e altri servizi correlatistrutture ricettive (ingresso in musei, fiere, parchi naturalimuseifiereparchi naturali e altre attrazioni turistiche; servizi di assicurazioneattrazioni turisticheassicurazione per il viaggiatore; servizi di ristorazioneristorazione e intrattenimento; e via dicendo).intrattenimento A questo settore appartengono i fornitori ultimi di servizi e gli intermediatori come operatori turistici e agenzie turisticheoperatori turisticiagenzie turistiche

4 4 La branca della Sociologia che studia il fenomeno turistico prende il nome di SOCIOLOGIA DEL TURISMO. Avvalendosi del metodo della ricerca scientifica, dellanalisi e dell'interpretazione dei fatti, anche con l'impiego dell'indagine statistica, la Sociologia è in grado di affrontare, capire e spiegare la motivazione, il ruolo e le relazioni sociali dei turisti; la struttura e la dinamica del sistema turistico, le istituzioni turistiche, lincidenza del turismo sociale; i processi e i meccanismi dei cambiamento socio-culturali, che possono verificarsi con l'affermarsi del turismo in una società; le implicazioni tra turismo e cultura, tra turismo e tempo libero; l'influsso del turismo nei Paesi sottosviluppati o in via di sviluppo; il turismo nella complessa società di massa e nella società dei consumi ecc.

5 5 IL TURISMO NELLA STORIA Mondo greco Tipo di turismo: manifestazioni religiose, sportive, artistiche, pellegrinaggio, teatro, turismo della salute PROTAGONISTI: cittadini greci liberi Impero romano Tipo di turismo: spettacoli nei circhi, turismo residenziale, culturale PROTAGONISTI: masse, élite sociale, aristocratici Medio evo Tipo di turismo: pellegrinaggi PROTAGONISTI: pellegrini europei di tutte le classi sociali

6 6 Secolo diciassettesimo e diciottesimo Tipo di turismo: Grand Tour PROTAGONISTI: giovani aristocratici (in seguito, figli di ricchi borghesi) Dalla metà del diciottesimo secolo Tipo di turismo: turismo culturale (arte, scienza, cultura, filosofia, tecnologia), turismo balneare, turismo naturale, turismo dinverno nel Mediterraneo PROTAGONISTI: aristocratici e borghesi, intellettuali, artisti ecc. Secolo diciannovesimo Tipo di turismo: voglia di avventura e libertà, protesta e ribellione, nomadismo PROTAGONISTI: giovani tedeschi

7 7 Inizi del ventesimo secolo Tipo di turismo: turismo balneare PROTAGONISTI: inizialmente classi economicamente privilegiate Periodo tra le due guerre Tipo di turismo: scoperta del Vecchio Mondo PROTAGONISTI: ricchi turisti americani Dopoguerra Tipo di turismo: turismo di massa, sole e spiaggia PROTAGONISTI: il turismo si apre a tutte le classi sociali, compresa la classe operaia

8 8 DALLA METÀ DEGLI ANNI OTTANTA DEL VENTESIMO SECOLO TIPO DI TURISMO: si manifestano, come reazione al turismo di massa, nuovi modelli di turismo alternativo PROTAGONISTI: si delineano nuovi segmenti della popolazione, con nuove esigenze (programmi alternativi, personalizzazione del viaggio ecc.)

9 9

10 10 DEFINIZIONE DI TURISTA E COLUI CHE SI METTE IN VIAGGIO VOLONTARIAMENTE E PER UN PERIODO DI TEMPO LIMITATO, MOSSO DA UNASPETTATIVA DI PIACERE, DERIVANTE DA CONDIZIONI DI NOVITA E DI CAMBIAMENTO, SPERIMENTATE IN UN ITINERARIO DI ANDATA E DI RITORNO, RELATIVAMENTE LUNGO E NON RICORRENTE

11 11 OGNI DEFINIZIONE E LIMITATIVA

12 12

13 13

14 14

15 15 TIPOLOGIE SECONDO LO SCOPO DEL VIAGGIO

16 16

17 17

18 18

19 19

20 20

21 21

22 22

23 23

24 24

25 25

26 26

27 27

28 28 LA SCELTA DEL LUOGO DELLA VACANZA I fattori che possono influenzare il turista nella scelta del luogo dove andare sono molteplici. Ad esempio: tempo ed opportunità (secondo il motivo della vacanza o del tipo di vacanza desiderato); informazioni; prezzo; prospettata qualità del soggiorno; facilità o disponibilità del servizio; necessità di un particolare equipaggiamento; mezzi utilizzabili o da usarsi obbligatoriamente;

29 29 ricerca del divertimento; necessità di modificare determinate abitudini; interruzione della routine; bisogno di comodità; grado di libertà rispetto a vincoli di lavoro o studio (portarsi i libri in vacanza); interessi; hobby bisogni di salute e/o di riposo; tipo di personalità; occupazione lavorativa e conseguente rendita; immagine, conoscenza dei luoghi;

30 30 dipendenza da altri soggetti (grado d'influenzabilità e di negoziazione circa le opinioni di soggetti quali familiari, amici ecc.); fattori ambientali; periodo dellanno; famiglia di appartenenza; classe sociale; luogo di abitazione; vicinanza/lontananza dal posto prescelto; condizioni atmosferiche; fiducia nellagenzia di viaggio e nellorganizzazione; altro...

31 31 PER QUANTO RIGUARDA LA SCELTA TURISTICA, SI POSSONO INDIVIDUARE TRE DIVERSI ATTEGGIAMENTI: L'ASSENZA PROGETTUALE: è propria di chi non si sente in grado di scegliere la destinazione delle vacanze, anche per mancanza di strumenti informativi e culturali, e si affida completamente alla competenza e all'esperienza di agenzie e tour operator (questo atteggiamento è condiviso da un minor numero di persone rispetto al passato);

32 32 LA PROGETTUALITÀ PARZIALE: è tipica di coloro che scelgono la località o quanto meno hanno un'idea della tipologia cercata, ma preferiscono lasciare ad altri l'organizzazione e l'articolazione del viaggio; LA PROGETTUALITÀ TOTALE: è caratteristica di chi sa esattamente dove andare e come effettuare la propria esperienza turistica, per cui può gestire ogni cosa autonomamente oppure decidere di delegare alle agenzie l'aspetto logistico. Questa è la forma organizzativa preferita dalla maggioranza della popolazione.

33 33 TRASFORMAZIONI NELLA QUALITÀ DI VITA DEI RESIDENTI NEL SISTEMA DEI VALORI NEI COMPORTAMENTI INDIVIDUALI NELLE RELAZIONI FAMILIARI NEGLI STILI DI VITA NEI LIVELLI DI SICUREZZA NELLA CONDOTTA MORALE NELLE ESPRESSIONI CREATIVE NELLE PRATICHE E NELLE CERIMONIE TRADIZIONALI NELL'ORGANIZZAZIONE DELLA COMUNITÀ

34 34

35 35

36 36

37 37

38 38 INPUTS

39 39

40 40

41 41

42 42

43 43

44 44

45 45

46 46 FASI DEL VIAGGIO

47 47

48 48

49 49

50 50

51 51

52 52

53 53

54 54

55 55

56 56

57 57

58 58

59 59

60 60

61 61 IL CLIENTE VA DELIZIATO

62 62

63 63

64 64 LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TURISMO è QUELLO CHE VA INCONTRO AI BISOGNI DEI TURISTI E DELLE AREE OSPITANTI E - ALLO STESSO TEMPO – PROTEGGE E MIGLIORA LE OPPORTUNITÀ PER IL FUTURO

65 65 LA MISURA DEL DEGRADO COMPLESSIVO DETERMINATO DAL TURISMO NON È FACILMENTE DETERMINABILE A CAUSA DI: CARATTERE SOGGETTIVO DI MOLTE VARIABILI CARATTERE SOGGETTIVO DI MOLTE VARIABILI MANCANZA DI CRITERI DI GIUDIZIO ASSOLUTI MANCANZA DI CRITERI DI GIUDIZIO ASSOLUTI DIFFICOLTÀ, SE NON L'IMPOSSIBILITÀ, DI SOMMARE ALGEBRICAMENTE VARIABILI DI TIPO FONDAMENTALMENTE DIVERSO DIFFICOLTÀ, SE NON L'IMPOSSIBILITÀ, DI SOMMARE ALGEBRICAMENTE VARIABILI DI TIPO FONDAMENTALMENTE DIVERSO

66 66 INDICATORI DI SOSTENIBILITÀ LA CAPACITÀ DI CARICO LA CAPACITÀ DI CARICO LA MISURAZIONE DELLO STATO DELL'INDUSTRIA TURISTICA LA MISURAZIONE DELLO STATO DELL'INDUSTRIA TURISTICA GLI INDICI DI PREALLARME GLI INDICI DI PREALLARME GLI INDICI DI STRESS DEL SISTEMA GLI INDICI DI STRESS DEL SISTEMA LA MISURAZIONE DEGLI IMPATTI DELL'INDUSTRIA LA MISURAZIONE DEGLI IMPATTI DELL'INDUSTRIA LA MISURAZIONE DEGLI SFORZI DI GESTIONE LA MISURAZIONE DEGLI SFORZI DI GESTIONE LA MISURAZIONE DEGLI EFFETTI DOVUTI ALLA GESTIONE LA MISURAZIONE DEGLI EFFETTI DOVUTI ALLA GESTIONE

67 67 LA CAPACITÀ DI CARICO DI UNA LOCALITÀ TURISTICA È COSTITUITA DAL NUMERO MASSIMO DI PERSONE CHE VISITANO NELLO STESSO PERIODO UNA DETERMINATA LOCALITÀ DAL NUMERO MASSIMO DI PERSONE CHE VISITANO NELLO STESSO PERIODO UNA DETERMINATA LOCALITÀ SENZA COMPROMETTERNE LE CARATTERISTICHE AMBIENTALI, FISICHE, SENZA COMPROMETTERNE LE CARATTERISTICHE AMBIENTALI, FISICHE, ECONOMICHE ECONOMICHE E SOCIOCULTURALI E SOCIOCULTURALI E SENZA RIDURRE LA SODDISFAZIONE DEI TURISTI E SENZA RIDURRE LA SODDISFAZIONE DEI TURISTI

68 68 LE VARIE DIMENSIONI CHE INTERESSANO LA CAPACITÀ DI CARICO DI UNA DESTINAZIONE TURISTICA SONO LA DIMENSIONE ECOLOGICO-NATURALE LA DIMENSIONE ECOLOGICO-NATURALE LA DIMENSIONE FISICO-STRUTTURALE LA DIMENSIONE FISICO-STRUTTURALE LA DIMENSIONE PSICO-SOCIALE LA DIMENSIONE PSICO-SOCIALE LA DIMENSIONE ECONOMICA LA DIMENSIONE ECONOMICA

69 69 FATTORI CHE FAVORISCONO IL TURISMO SESSUALE SOTTOSVILUPPO ECONOMICO, IGNORANZA, SUPERSTIZIONE SOTTOSVILUPPO ECONOMICO, IGNORANZA, SUPERSTIZIONE POVERTÀ, MISERIA POVERTÀ, MISERIA MANCANZA DI SERVIZI SOCIALI MANCANZA DI SERVIZI SOCIALI DISSOLUZIONE DELLE FAMIGLIE E ABBANDONO DEI GENITORI DISSOLUZIONE DELLE FAMIGLIE E ABBANDONO DEI GENITORI MANCANZA DI SCOLARIZZAZIONE MANCANZA DI SCOLARIZZAZIONE RICORSO AL LAVORO MINORILE RICORSO AL LAVORO MINORILE DROGA DROGA PRATICHE TRADIZIONALI CHE PORTANO ALLO SFRUTTAMENTO DELLA DONNA E DEL FANCIULLO PRATICHE TRADIZIONALI CHE PORTANO ALLO SFRUTTAMENTO DELLA DONNA E DEL FANCIULLO MERCATO DEL MATRIMONIO CON DONNE MERCATO DEL MATRIMONIO CON DONNE TURISMO COME MEZZO DI SFRUTTAMENTO DELLA PROSTITUZIONE TURISMO COME MEZZO DI SFRUTTAMENTO DELLA PROSTITUZIONE

70 70 PRINCIPI DEL CODICE ETICO MONDIALE PER IL TURISMO IL RICONOSCIMENTO DEL TURISMO COME FATTORE DI TOLLERANZA IL RICONOSCIMENTO AI LAVORATORI DEL SETTORE TURISTICO DEI DIRITTI FONDAMENTALI DEL LAVORO IL RICONOSCIMENTO DELLA BIODIVERSITÀ E DELL'IMPORTANZA DELLE RISORSE TURISTICHE, NATURALI, ARTISTICHE E CULTURALI IL RICONOSCIMENTO DEL DIRITTO DELLE POPOLAZIONI LOCALI AD ACCEDERE IN MANIERA EQUA AI BENEFICI CHE DERIVANO DAL TURISMO LA CREAZIONE DI UN COMITATO MONDIALE DI ETICA DEL TURISMO

71 71 TURISMO RESPONSABILE IL TURISMO RESPONSABILE È IL PROCESSO DI AUTOSELEZIONE, DA PARTE DEL TURISTA, DI ATTIVITÀ DI TURISMO RISPETTOSE E SOSTENIBILI IL TURISMO RESPONSABILE È IL PROCESSO DI AUTOSELEZIONE, DA PARTE DEL TURISTA, DI ATTIVITÀ DI TURISMO RISPETTOSE E SOSTENIBILI SONO I TURISTI STESSI CHE, NEI LORO COMPORTAMENTI, DIVENTANO PIÙ RESPONSABILI NEI CONFRONTI DELL'AMBIENTE FISICO E SOCIALE DEI LUOGHI VISITATI SONO I TURISTI STESSI CHE, NEI LORO COMPORTAMENTI, DIVENTANO PIÙ RESPONSABILI NEI CONFRONTI DELL'AMBIENTE FISICO E SOCIALE DEI LUOGHI VISITATI CONSISTE IN UNA DOMANDA, ESPRESSA DIRETTAMENTE DAI TURISTI, DI SALVAGUARDIA DELL'AMBIENTE. CONSISTE IN UNA DOMANDA, ESPRESSA DIRETTAMENTE DAI TURISTI, DI SALVAGUARDIA DELL'AMBIENTE.

72 72 TURISMO MORBIDO STRETTAMENTE CONNESSO CON LECOTURISMO, STRETTAMENTE CONNESSO CON LECOTURISMO, È CARATTERIZZATO DALLO SVILUPPO Di IMPRESE TURISTICHE DI PICCOLE DIMENSIONI, È CARATTERIZZATO DALLO SVILUPPO Di IMPRESE TURISTICHE DI PICCOLE DIMENSIONI, GESTITE DALLA COMUNITÀ LOCALE E ARMONIZZATE CON LA REALTÀ AMBIENTALE, ECONOMICA, SOCIALE E CULTURALE DEL TERRITORIO.

73 73 IL TURISMO MORBIDO PREVEDE LA MINIMIZZAZIONE DEGLI IMPATTI NEGATIVI SULL'AMBIENTE LA MINIMIZZAZIONE DEGLI IMPATTI NEGATIVI SULL'AMBIENTE L'IMPEGNO DEI TURISTI ALLA CONSERVAZIONE DELL'AMBIENTE NATURALE L'IMPEGNO DEI TURISTI ALLA CONSERVAZIONE DELL'AMBIENTE NATURALE LA TUTELA DELLE RISORSE AMBIENTALI E SOCIO­CULTURALI DEL TERRITORIO LA TUTELA DELLE RISORSE AMBIENTALI E SOCIO­CULTURALI DEL TERRITORIO IL COINVOLGIMENTO DI TUTTA LA POPOLAZIONE LOCALE IL COINVOLGIMENTO DI TUTTA LA POPOLAZIONE LOCALE I VANTAGGI ECONOMICI VERSO LA POPOLAZIONE LOCALE I VANTAGGI ECONOMICI VERSO LA POPOLAZIONE LOCALE LA PROMOZIONE DELLA CONOSCENZA DEL TERRITORIO DA PARTE DELLA POPOLAZIONE LOCALE E DEGLI OPERATORI TURISTICI LA PROMOZIONE DELLA CONOSCENZA DEL TERRITORIO DA PARTE DELLA POPOLAZIONE LOCALE E DEGLI OPERATORI TURISTICI

74 74 IL TURISMO FUTURO SI DELINEA SEGMENTATO, FLESSIBILE, PERSONALIZZATO ED INTEGRATO SETTORIALMENTE, IN SOSTITUZIONE DEL RIGIDO E STANDARDIZZATO TURISMO DI MASSA

75 75 IL TURISMO FUTURO SI CARATTERIZZA PER LA DIFFUSIONE DI UN SISTEMA DI NUOVE TECNOLOGIE DELL'INFORMAZIONE NELL'INDUSTRIA TURISTICA LA DEREGOLAMENTAZIONE DELL'INDUSTRIA DELLE LINEE AEREE E DEI SERVIZI FINANZIARI LALLONTANAMENTO DAL TURISMO SUNLUST (BRAMOSIA DI SOLE) E L'AVVICINAMENTO AL TURISMO SUNPLUS (SOLE E ALTRO) LE PRESSIONI AMBIENTALI ILCAMBIAMENTO DELLE PREFERENZE DEI CONSUMATORI

76 76 LORGANIZZAZIONE MONDIALE DL TURISMO FORMULA ALCUNI SEGNALI PER LO SVILUPPO DEL TURISMO STABILIRE UN SISTEMA DI PIANIFICAZIONE GENERALE, INTEGRATO, CONTINUO E FLESSIBILE STABILIRE OBIETTIVI REALISTICI PER IL MERCATO TURISTICO CREARE PRODOTTI E SERVIZI DI VIAGGIO NUOVI E DIVERSIFICATI INCLUDERE LE COMUNITÀ LOCALI SVILUPPARE PARTNERSHIP EVITARE UN'ECCESSIVA PRESSIONE FISCALE INVESTIRE NELL'AMBIENTE ELIMINARE IL DILETTANTISMO SFRUTTARE TUTTE LE POSSIBILITÀ OFFERTE DALLA TECNOLOGIA

77 77 SECONDO LA DEFINIZIONE DELL'ORGANIZZAZIONE MONDIALE DEL TURISMO LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TURISMO È QUELLO CHE VA INCONTRO AI BISOGNI DEI TURISTI E QUELLO CHE VA INCONTRO AI BISOGNI DEI TURISTI E DELLE AREE OSPITANTI ATTUALI DELLE AREE OSPITANTI ATTUALI E PROTEGGE E MIGLIORA LE OPPORTUNITÀ PER IL PROTEGGE E MIGLIORA LE OPPORTUNITÀ PER IL FUTURO FUTURO

78 78

79 79 LA RELAZIONE TURISTA-RESIDENTE È CARATTERIZZATA DA QUATTRO CONDIZIONI PREVALENTI LA NATURA TEMPORANEA DELL'INCONTRO LA NATURA TEMPORANEA DELL'INCONTRO LE COSTRIZIONI SPAZIALI E TEMPORALI LE COSTRIZIONI SPAZIALI E TEMPORALI LA MANCANZA DI SPONTANEITÀ LA MANCANZA DI SPONTANEITÀ LA DIFFERENZA DI ESPERIENZE LA DIFFERENZA DI ESPERIENZE

80 80 GLI EFFETTI SULLA COMUNITÀ DEI RAPPORTI CON I TURISTI POSSONO RIGUARDARE IL SISTEMA DEI VALORI IL SISTEMA DEI VALORI I COMPORTAMENTI INDIVIDUALI I COMPORTAMENTI INDIVIDUALI LE RELAZIONI FAMILIARI LE RELAZIONI FAMILIARI GLI STILI DI VITA GLI STILI DI VITA I LIVELLI DI SICUREZZA I LIVELLI DI SICUREZZA LA CONDOTTA MORALE LA CONDOTTA MORALE LE ESPRESSIONI CREATIVE LE ESPRESSIONI CREATIVE LE PRATICHE E LE CERIMONIE TRADIZIONALI LE PRATICHE E LE CERIMONIE TRADIZIONALI L'ORGANIZZAZIONE DELLA COMUNITÀ L'ORGANIZZAZIONE DELLA COMUNITÀ

81 81 IL RECUPERO O IL MANTENIMENTO DI TRADIZIONI LOCALI IL RECUPERO O IL MANTENIMENTO DI TRADIZIONI LOCALI LA MERCIFICAZIONE DELLE TRADIZIONI LA MERCIFICAZIONE DELLE TRADIZIONI LA TRASFORMAZIONE DI COMPORTAMENTI DI OSPITALITÀ SPONTANEA IN VERE E PROPRIE TRANSAZIONI COMMERCIALI LA TRASFORMAZIONE DI COMPORTAMENTI DI OSPITALITÀ SPONTANEA IN VERE E PROPRIE TRANSAZIONI COMMERCIALI LA RISTRUTTURAZIONE DI SITI STORICI E ARTISTICI LA RISTRUTTURAZIONE DI SITI STORICI E ARTISTICI LA CONSERVAZIONE DELLE PRODUZIONI ARTIGIANALI LA CONSERVAZIONE DELLE PRODUZIONI ARTIGIANALI LA STIMOLAZIONE DI CONFLITTI RAZZIALI, RELIGIOSI E POLITICI LA STIMOLAZIONE DI CONFLITTI RAZZIALI, RELIGIOSI E POLITICI

82 82

83 83

84 84

85 85

86 86

87 87

88 88

89 89 CICLO DI VITA DELLA LOCALITÀ TURISTICA ESPLORAZIONE ESPLORAZIONE AVVIAMENTO AVVIAMENTO SVILUPPO SVILUPPO MATURITÀ MATURITÀ STAGNAZIONE STAGNAZIONE DECLINO DECLINO

90 90 AZIONI PER LA VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO ORGANIZZAZIONE DI SISTEMI DI ACCOGLIENZA EFFICACI ORGANIZZAZIONE DI SISTEMI DI ACCOGLIENZA EFFICACI PROMOZIONE DELLA CONOSCENZA DEGLI OPERATORI E DEI TURISTI NAZIONALI ED ESTERI PROMOZIONE DELLA CONOSCENZA DEGLI OPERATORI E DEI TURISTI NAZIONALI ED ESTERI COINVOLGIMENTO DEGLI IMPRENDITORI LOCALI ATTIVI NEL SETTORE DEL TURISMO COINVOLGIMENTO DEGLI IMPRENDITORI LOCALI ATTIVI NEL SETTORE DEL TURISMO PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI PERCORSI TURISTICI DIVERSIFICATI PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI PERCORSI TURISTICI DIVERSIFICATI IDEAZIONE DI EVENTI IN GRADO DI ATTIRARE L'INTERESSE VERSO IL TERRITORIO IDEAZIONE DI EVENTI IN GRADO DI ATTIRARE L'INTERESSE VERSO IL TERRITORIO DIFFUSIONE E LA PROMOZIONE DI PRODOTTI ARTIGIANALI DIFFUSIONE E LA PROMOZIONE DI PRODOTTI ARTIGIANALI

91 91 CONNESSIONE DELLE DIVERSE TIPOLOGIE DI BENI CULTURALI, DAI BENI STORICO-ARTISTICI, MONUMENTALI, ICONOGRAFICI, ETNOANTROPOLOGICI, ARCHEOLOGICI, AGLI ARCHIVISTICO-LIBRARI, ALLE TRADIZIONI LOCALI ED ENO-GASTRONOMICHE CONNESSIONE DELLE DIVERSE TIPOLOGIE DI BENI CULTURALI, DAI BENI STORICO-ARTISTICI, MONUMENTALI, ICONOGRAFICI, ETNOANTROPOLOGICI, ARCHEOLOGICI, AGLI ARCHIVISTICO-LIBRARI, ALLE TRADIZIONI LOCALI ED ENO-GASTRONOMICHE UTILIZZAZIONE DEGLI STRUMENTI AVANZATI DELLA TECNOLOGIA TELEMATICA UTILIZZAZIONE DEGLI STRUMENTI AVANZATI DELLA TECNOLOGIA TELEMATICA RECUPERO DELLE CULTURE DEL PASSATO RECUPERO DELLE CULTURE DEL PASSATO IL COINVOLGIMENTO DI CAMERE DI COMMERCIO, ENTI COMUNALI, PROVINCIALI E REGIONALI, ENTI LOCALI PUBBLICI E PRIVATI, IMPRENDITORI ED OPERATORI TURISTICI SPECIALIZZATI NELLA PROMOZIONE IL COINVOLGIMENTO DI CAMERE DI COMMERCIO, ENTI COMUNALI, PROVINCIALI E REGIONALI, ENTI LOCALI PUBBLICI E PRIVATI, IMPRENDITORI ED OPERATORI TURISTICI SPECIALIZZATI NELLA PROMOZIONE AZIONI DI CO-MARKETING TERRITORIALE AZIONI DI CO-MARKETING TERRITORIALE L'APPLICAZIONE DI UNA LOGICA DI RETE CON I CLUB DI PRODOTTO L'APPLICAZIONE DI UNA LOGICA DI RETE CON I CLUB DI PRODOTTO LE IDENTIFICAZIONI DELLE "ISOLE" LE IDENTIFICAZIONI DELLE "ISOLE"

92 92

93 93

94 94

95 95


Scaricare ppt "1. 2 DEFINIZIONE DI TURISMO IL TURISMO È LA PRATICA, L'AZIONE SVOLTA DA COLORO CHE VIAGGIANO E VISITANO LUOGHI A SCOPO DI SVAGO, CONOSCENZA E ISTRUZIONE."

Presentazioni simili


Annunci Google