La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Animal loquens (3.2) Linguaggio e mente negli animali non umani (Stefano Gensini, 15.4.2010)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Animal loquens (3.2) Linguaggio e mente negli animali non umani (Stefano Gensini, 15.4.2010)"— Transcript della presentazione:

1 Animal loquens (3.2) Linguaggio e mente negli animali non umani (Stefano Gensini, )

2 Infine, le scimmie antropomorfe Perché gli scimpanzé non parlano?

3 Non parlano ma comunicano in svariati modi Vocalizzazioni di varia natura: Gridi di allarme differenziati a seconda del predatore Canti corali di coesione del gruppo Complessa mimica facciale e gestuale Il grooming, fondamentale nelle relazioni sociali

4 Esempi di fisiognomica Scimmiesca….

5 Apprendimento di linguaggi umani Il caso della scimpanzé Washoe, istruita dai coniugi Gardner (1969-) alla conoscenza e alluso della lingua gestuale dei sordomuti nordamericani (Ameslan): imparò 120 segni e riuscì a coniare frasi elementari mai viste prima. Il caso di Kanzi (anni 90), un bonobo istruito da Sue Savage-Rumbaugh a comprendere enunciati complessi in lingua inglese: dimostrò il possesso ricettivo della sintassi da parte di un primate non umano. Imparò inoltre spontaneamente a gestire un linguaggio artificiale di tipo simbolico.

6 Scimpanzé e bonobo Dispongono in natura di complesse relazioni sociali e di strategie comunicative sofisticate; Si sono dimostrati capaci di apprendere sotto training parti importanti di linguaggi umani; Hanno rivelato nellinterazione con gli umani una ricca vita affettiva e cognitiva (simpatia/antipatia, aiuto, inganno, gioco ecc.); Va forse tracciata in modo nuovo la linea di divisione fra animali umani e non umani.

7


Scaricare ppt "Animal loquens (3.2) Linguaggio e mente negli animali non umani (Stefano Gensini, 15.4.2010)"

Presentazioni simili


Annunci Google