La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Sociologia dei fenomeni politici. Rappresentanza politica e rappresentanza dinteressi (la questione del mandato) Pluralismo Neocorporativismo.

Copie: 1
Sociologia dei fenomeni politici. Rappresentanza politica e rappresentanza dinteressi (la questione del mandato) Pluralismo Neocorporativismo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Sociologia dei fenomeni politici. Rappresentanza politica e rappresentanza dinteressi (la questione del mandato) Pluralismo Neocorporativismo."— Transcript della presentazione:

1 Sociologia dei fenomeni politici

2 Rappresentanza politica e rappresentanza dinteressi (la questione del mandato) Pluralismo Neocorporativismo

3 Conflitto tra gruppi di pressione per influenzare il processo decisionale Interessi forti e interessi deboli

4 Nozione utilizzata per definire i rapporti tra Stato e organizzazioni degli interessi privati allinterno dei paesi capitalistici e democratici. Forma di intermediazione degli interessi fra società civile e Stato, diversa e contrapposta al pluralismo (Schmitter, Crouch) Quali interessi? Numero limitati di interessi legati al mondo del lavoro (sindacati dei lavoratori e dei datori di lavoro)

5 Per lobbismo si intendono tutte le attività svolte al fine di influenzare lelaborazione delle politiche e il processo decisionale delle istituzioni europee. Pertanto, i lobbisti vengono definiti come persone che svolgono tali attività e che lavorano presso organizzazioni diverse, come ad esempio le società di consulenza in materia di affari pubblici, gli studi legali, le Ong, i centri di studi, le lobby aziendali (rappresentanti interni) o le associazioni di categoria. COM (2006) 194 definitivo Libro verde sulliniziativa europea sulla trasparenza

6 Comunicazione della Commissione del dicembre 1992 sul dialogo aperto e strutturato con i gruppi di interesse, Comunicazione della Commissione, SEC (92) 2272 def., Bruxelles 2712/1992. La pubblicazione a gennaio sulla Gazzetta Ufficiale del programma legislativo annuale, affinché fossero chiare le priorità assicurando la divulgazione delle informazioni, la trasparenza e la partecipazione. La formulazione di un codice di accesso ai documenti adottato nel febbraio Tale codice imponeva alla Commissione di rendere disponibile ogni documento interno eccetto quelli che potessero "danneggiare interessi pubblici o privati, resoconti di incontri interni e opinioni personali di funzionari. In caso di diniego del diritto di accesso, ci si può rivolgere al Segretariato generale e il documento richiesto deve essere reso disponibile nel termine di trenta giorni ad un costo standard.

7 Il diritto di accesso doveva essere controllato da un lasciapassare personale, annuale, ottenuto con liscrizione ad un registro, rinnovabile dopo la presentazione di una dichiarazione di attività relativa a tutti gli interventi effettuati presso i parlamentari o i funzionari. Il comportamento non conforme comporta la possibile sanzione, di competenza del Collegio dei Questori, di sospensione o revoca del diritto di accesso.

8 1. Libro bianco sulla governance europea (2001) 2. Iniziativa europea per la trasparenza - SEC (2005) Libro verde sullIniziativa europea sulla trasparenza - COM (2006) 194 final 4. Comunicazione della Commissione (COM (2008) 323 def) nella quale è stato presentato un Codice di condotta e il registro dei rappresentanti degli interessi su base volontaria (iscritti attuali 3886)

9 Società di consulenza specializzate/studi legali, consulenti indipendenti Lobbisti interni e associazioni di categoria o professionali Organizzazioni non governative Centri di studio, istituti accademici e di ricerca Organizzazioni rappresentative di Chiese o comunità religiose Organizzazioni rappresentative di amministrazioni locali, regionali e comunali, altri enti pubblici o misti, ecc.

10 Interpreta la società civile come associazione politica di cittadini, vale a dire come unione di individui liberi, eguali, razionali e motivati sul piano metafisico-religioso, che comunicano, cooperano e dibattono al fine di conseguire un consenso in merito al fondamento, allarticolazione istituzionale e allo sviluppo della stessa associazione politica (Vincenzo Cesareo)

11 Ispirata da Rousseau e Marx, interpreta la società civile in termini di contrapposizione sia nei confronti del Mercato che dello Stato

12 Per società civile si devono intendere quei modi di relazione sociale che si pongono ad un livello analiticamente distinto sia dal piano individuale sia da quello istituzionale. Tale livello costituisce una realtà che è intrinsecamente instabile e dinamica. Instabile in quanto essa tende a seguire la traiettoria dellistituzionalizzazione; dinamica in quanto è continuamente rinnovata dalla straordinaria ricchezza della capacità di agire individuale e di stabilire nuovi significati e modalità di relazione (Mauro Magatti)

13 Il termine società civile indica unassociazione di uomini non coartata, un insieme di network relazionali che si sono creati in nome di valori come la famiglia, la fede, linteresse, lideologia (Michael Walzer)

14 è un concetto che raccoglie tutte le forme dazione sociale, di individui o di gruppi, che non rappresentano unemanazione dello Stato e che non sono da esso dirette. La particolarità della società civile consiste nel fatto di essere un concetto dinamico, che descrive al tempo stesso uno stato ed unazione (CESE 1999/C 329/10)

15 La società civile organizzata può essere definita come linsieme di tutte le strutture organizzative, i cui membri, attraverso un processo democratico basato sul discorso e sul consenso sono al servizio dellinteresse generale e agiscono da tramite tra i pubblici poteri e i cittadini (CESE 1999/C 329/10) Espressione utilizzata per la 1° volta nei Trattati nel Trattato di Nizza (2001) per definire la composizione del CESE

16 essere organizzata stabilmente a livello comunitario avere un accesso diretto alle esperienze dei propri membri rappresentare interessi generali coincidenti con quelli della società europea comporsi di organi riconosciuti dagli Stati membri come portatori di interessi specifici avere organizzazioni affiliate nella maggior parte degli Stati membri dellUnione prevedere un obbligo di responsabilità (accountability) per i propri membri detenere un mandato di rappresentanza e di azione a livello europeo essere indipendente e svincolata da istruzioni provenienti dallesterno essere trasparente soprattutto sul piano delle finanze e delle strutture decisionali.

17 1. Organi consultivi (CESE) 2. Partenariato 3. Comitati 4. Dialogo sociale 5. Consultazione

18 Organi per la rappresentanza degli interessi del mondo del lavoro Rappresentanti delle parti sociali

19 1. Modello della Repubblica di Weimar 2. Modello belga e olandese 3. Modello scandinavo anglosassone

20 È attualmente composto da 344 membri, nominati su proposta degli stati membri. Rappresenta una vasta gamma di interessi: dai datori di lavoro ai sindacati, dai consumatori agli ecologisti. È un organismo consultivo che deve fornire il proprio parere sulle proposte di decisioni comunitarie in settori quali loccupazione, la spesa sociale, la formazione professionale, ecc.

21 Entra a far parte delle politiche comunitarie a partire dal Summit di Parigi del è stata istituita la DG Ambiente 1986 Atto Unico europeo integra la politica ambientale tra le altre politiche europee Es. La direttiva sugli imballaggi

22 Principio dellazione preventiva a tutela dellambiente Principio della correzione alla fonte dei danni ambientali Principio risarcitorio: «chi inquina paga»

23 Durata del processo decisionale: 4 anni ( ) Prima applicazione della procedura di cooperazione e codecisione Messa in agenda su iniziativa di Germania, Danimarca e Paesi Bassi

24 Recupero dei rifiuti da imballaggio tra il 50% e il 60% del totale nazionale Riciclaggio tra il 25% e il 45% (con una soglia minima al 15%) Previste deroghe per gli Statti più indietro in tema di politica ambientale

25 Abbandono dello stand-still principle Nessuna gerarchia nel trattamento dei rifiuti Flessibilità e deroghe Armonizzazione delle normative: effetto negativo sulle singole normative nazionali Mancata messa al bando di alcuni materiali

26 Atto unico europeo art. 100 Trattato di Maastricht art. 129 Trattato di Amsterdam art. 153

27 Titolo XV Trattato di Lisbona Al fine di promuovere gli interessi dei consumatori ed assicurare un livello elevato di protezione dei consumatori, l'Unione contribuisce a tutelare la salute, la sicurezza e gli interessi economici dei consumatori nonché a promuovere il loro diritto all'informazione, all'educazione e all'organizzazione per la salvaguardia dei propri interessi. (art. 169)

28 Istituito nel 1992 con il Trattato di Maastricht Composto da 344 membri, nominati dal Consiglio dei Ministri su proposta degli Stati membri Con il Trattato di Nizza ogni membro deve essere titolare di un mandato elettorale regionale o locale oppure «politicamente responsabile davanti ad unassemblea eletta»

29 1. Il Parlamento europeo, il Consiglio e la Commissione sono assistiti da un Comitato economico e sociale e da un Comitato delle regioni, che esercitano funzioni consultive. 2. Il Comitato economico e sociale è composto da rappresentanti delle organizzazioni di datori di lavoro, di lavoratori dipendenti e di altri attori rappresentativi della società civile, in particolare nei settori socioeconomico, civico, professionale e culturale. 3. Il Comitato delle regioni è composto da rappresentanti delle collettività regionali e locali che sono titolari di un mandato elettorale nell'ambito di una collettività regionale o locale, o politicamente responsabili dinanzi ad un'assemblea eletta. 4. I membri del Comitato economico e sociale e del Comitato delle regioni non sono vincolati da alcun mandato imperativo. Essi esercitano le loro funzioni in piena indipendenza, nell'interesse generale dell'Unione. 5. Le regole di cui ai paragrafi 2 e 3 relative alla natura della composizione di tali comitati sono riesaminate a intervalli regolari dal Consiglio, per tener conto dell'evoluzione economica, sociale e demografica nell'Unione. Il Consiglio, su proposta della Commissione, adotta delle decisioni a tal fine.

30 Legge 52 del 1996 Legge 131 del 2003 Legge 11 del 2005 Legge 234 del 2012Norme generali sulla partecipazione dell'Italia alla formazione e all'attuazione della normativa e delle politiche dell'Unione europea. Il Comitato delle Regioni Associazioni europee di Regioni ed Enti Locali

31 Associazioni generaliste Consiglio dei Comuni e delle Regioni dEuropa (CCRE) Assemblea delle Regioni dEuropa (ARE) Associazioni settoriali Conferenza delle Regioni periferiche marittime Associazione regioni frontaliere europee (ARFE) Regioni con poteri legislativi (REGLEG)


Scaricare ppt "Sociologia dei fenomeni politici. Rappresentanza politica e rappresentanza dinteressi (la questione del mandato) Pluralismo Neocorporativismo."

Presentazioni simili


Annunci Google