La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Biblioteca Centrale di Agripolis P. Arduino Università degli Studi di Padova La tesi di dottorato. Citazioni bibliografiche e gestione delle bibliografie.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Biblioteca Centrale di Agripolis P. Arduino Università degli Studi di Padova La tesi di dottorato. Citazioni bibliografiche e gestione delle bibliografie."— Transcript della presentazione:

1 Biblioteca Centrale di Agripolis P. Arduino Università degli Studi di Padova La tesi di dottorato. Citazioni bibliografiche e gestione delle bibliografie tramite RefWorks Dott.ssa Roberta Monetti Dott.ssa Marta Veronese

2 Che cosè una bibliografia? La bibliografia è un ELENCO ORGANIZZATO di citazioni bibliografiche relative a: Monografie Saggi Riviste Articoli di riviste Letteratura grigia Siti web

3 Finalità della bibliografia La bibliografia ha lo scopo di documentare il percorso di ricerca compiuto indicando i lavori consultati per redigere il testo e consentendo così il recupero dei documenti stessi.

4 Citazioni bibliografiche Ogni citazione o riferimento bibliografico contiene gli ELEMENTI ESSENZIALI per identificare unopera: –Autore –Titolo –Luogo di pubblicazione –Data di pubblicazione –Editore –Pagine

5 Stili citazionali Gli stili citazionali sono numerosi e si basano su standard internazionali: CHICAGO, VANCOUVER, AMA (American Medical Association), HARVARD

6 Esempi In base allo stile scelto variano lordine, la struttura e il carattere degli elementi che compongono la citazione bibliografica. Squarzoni, Paolo Odontostomatologia del cane e del gatto. Gaggiano: Poletto. (stile CHICAGO 16° edition) SQUARZONI, P., Odontostomatologia del cane e del gatto. Gaggiano: Poletto (stile HARVARD – British standard) Squarzoni P. Odontostomatologia del cane e del gatto. Gaggiano: Poletto; 2003 (stile VANCOUVER)

7 Scelta dello stile citazionale Lo stile può essere stabilito dallo stesso autore, dal docente di riferimento, da case editrici o società scientifiche, oppure si può aderire a standard comunemente accettati nellarea disciplinare di riferimento. E importante scegliere uno stile citazionale da usare coerentemente fin dallinizio del lavoro. Per le tesi di dottorato chiedere al proprio tutor.

8 Stili citazionali usati nellarea scientifica. Per le scienze naturali, biologiche e mediche potete far riferimento ai seguenti stili: –Metodo Chicago B (http://library.osu.edu/sites/guides/chicagogd.html)http://library.osu.edu/sites/guides/chicagogd.html –CBE Scientific Style (Council of Biology Editors - –Vancouver Style or Uniform Requirements Style, è basato sullo standard ANSI adattato dalla National Library of Medicine (NLM) per database come Medline (http://www.nlm.nih.gov/bsd/uniform_requirements.html)http://www.nlm.nih.gov/bsd/uniform_requirements.html

9 Tipologie di materiale La citazione bibliografica ha inoltre una struttura diversa a seconda della tipologia di pubblicazione cui si riferisce: Monografia Miscellanea Saggio contenuto in una miscellanea Periodico Spoglio di periodico (articolo) Letteratura grigia Risorsa di rete

10 Citazioni di libri o miscellanee Citazione di una monografia Cognome N. Anno. Titolo. Complemento del titolo. Città: Casa Editrice Es. Wright J.W Introduction to forest genetics. New York: Academic Press Citazione di un saggio allinterno di una monografia o di una miscellanea Cognome N. Anno. Titolo. Complemento del titolo. In Titolo. Complemento del titolo, Cognome N, pagine. Città: Casa Editrice Es. Sarno R Miglio (Panicum miliaceum L.). In Coltivazioni erbacee. Cereali e proteaginose, Baldoni R, pp Bologna : Pàtron Editore

11 Citazioni di spogli (articoli) di periodici (riviste) Citazione di un articolo in rivista Barajas Farias, L. M., J. I. Perez Carreon "A Dual and Opposite Effect of Calendula Officinalis Flower Extract: Chemoprotector and Promoter in a Rat Hepatocarcinogenesis Model." Planta Medica 72 (3): (stile Chicago 16 ed.) BARAJAS FARIAS, L.M., PEREZ CARREON, A dual and opposite effect of Calendula officinalis flower extract: chemoprotector and promoter in a rat hepatocarcinogenesis model. Planta Medica, 72(3), pp (stile Harvard)

12 Rimandi bibliografici nel testo Se nella bibliografia generale le citazioni compaiono in forma completa, allinterno del testo queste vengono richiamate in forma abbreviata Es: Inizialmente il Carpione del Garda era il principale pesce zooplanctofago presente nel lago (Malesani, 1973b). In bibliografia generale: Malesani V., 1973b. Studio delle distribuzione e delle aree di riproduzione delle specie ittiche del lago di Garda. Bollettino di Pesca, Piscicoltura i Idrobiologia, 28:

13 Rimandi bibliografici nel testo: specificità dellarea scientifica rispetto a quella umanistica È consuetudine dellarea scientifica non appesantire il testo con indicazioni bibliografiche estese e con note di commento Tradizione propria degli studi umanistici è invece quella di rimandare allapparato delle note lintegrazione del testo e il dibattito critico.

14 Gli autori nei rimandi bibliografici Secondo il numero degli autori la citazione assume la forma seguente: un autore: Hippoliti, 1990 due autori: Baldini e Fabbri, 1985 tre o più autori: Pollini et al., 1990 Se si citano più opere dello stesso/degli stessi autori nello stesso anno: Piegai e Verani, 1989a Piegai e Verani, 1989b

15 Uso delle citazioni allinterno del testo La citazione è un tratto di testo preso da un altro contesto e riportato nella forma in cui compare. Si deve sempre riportare la fonte di derivazione del concetto attraverso il rimando bibliografico. Esempi: Hippoliti (1990) ha suddiviso i terreni in cinque classi di accidentalità I terreni si suddividono in cinque classi di pendenza (Hippoliti, 1990) A questo proposito Pollini et al.(1990) affermano che i refili con corteccia sono sempre meno appetiti dallindustria cartaria a causa dei processi di lavoro per lasportazione della corteccia

16 Gestione delle citazioni e creazione automatica delle bibliografie

17 REFWORKS RefWorks è un "Bibliographic Manager" ossia un database tramite il quale si possono raccogliere e organizzare citazioni provenienti da molteplici fonti, a stampa o elettroniche e produrre bibliografie formattate e altri documenti.

18 Cosa si può fare con RefWorks importare, organizzare e salvare riferimenti tratti da banche dati, cataloghi, libri, pagine web o altre fonti creare e organizzare le bibliografie di tesi, libri e articoli inserire bibliografie e citazioni direttamente in un testo

19 Chi può accedere Se sei studente o dipendente dell'Università di Padova puoi usare RefWorks gratuitamente. Consulta RefWorks dai computer collegati alla rete di Ateneo o da casa indentificandoti via Auth-Proxy Anche i laureati dell'Università di Padova possono continuare ad utilizzare RefWorks nell'ambito del progetto Biblioteca Alumni

20 Come usare RefWorks Informazioni sullutilizzo di RefWorks le puoi trovare nella pagina web del Sistema Bibliotecario di Ateneo:

21 Prima di cominciare… Prima di cominciare ad utilizzare Refworks è consigliato installare uno strumento che completa e integra il programma: –Write-N-Cite inserisce automaticamente le citazioni e le bibliografie nei testi mentre scriviWrite-N-Cite

22 Per registrarsi Immettere il proprio indirizzo , il proprio nome e cognome, la password e un nome o pseudonimo a scelta.

23 Scaricare Write-N-Cite

24 Come autenticarsi in Write-N-Cite: 1. copia incolla codice accesso in login code

25 Come autenticarsi in Write-N-Cite: 2. group code, user name e password


Scaricare ppt "Biblioteca Centrale di Agripolis P. Arduino Università degli Studi di Padova La tesi di dottorato. Citazioni bibliografiche e gestione delle bibliografie."

Presentazioni simili


Annunci Google