La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PROGETTO IN VERTICALE DI DIDATTICA LABORATORIALE La scienza del vivere quotidiano: ACQUA e LATTE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PROGETTO IN VERTICALE DI DIDATTICA LABORATORIALE La scienza del vivere quotidiano: ACQUA e LATTE."— Transcript della presentazione:

1 PROGETTO IN VERTICALE DI DIDATTICA LABORATORIALE La scienza del vivere quotidiano: ACQUA e LATTE

2 SCUOLE ADERENTI AL PROGETTO Istituto Professionale di Stato per lIndustria e lArtigianato E. Rosa Istituto Professionale di Stato per lIndustria e lArtigianato E. Rosa di Sarnano. di Sarnano. Istituto Comprensivo G.Leopardi Istituto Comprensivo G.Leopardi di Sarnano. di Sarnano.

3 Struttura del progetto Dopo la fase preliminare mirata a rilevare le conoscenze degli studenti sul tema proposto e la motivazione personale si passa alla fase operativa in laboratorio attraverso lattività pratica individuale per rendere gli studenti soggetti attivi attraverso un loro diretto coinvolgimento.

4 ACQUA Aspetto chimico Durezza totale di unacqua potabile Durezza totale di unacqua potabile Scuola secondaria di primo grado (Classi 1° A e 1 ° B ) Scuola secondaria di primo grado (Classi 1° A e 1 ° B ) Acque calciche e magnesiache Acque calciche e magnesiache Scuola secondaria di secondo grado (Classi 2° OCB A e Scuola secondaria di secondo grado (Classi 2° OCB A e 2° OCB B ) 2° OCB B )

5 Durezza Totale di unacqua potabile Scuola secondaria di primo grado (Classi 1° A e 1° B)

6 Attività di laboratorio: determinazione della durezza totale di un campione di acqua 1° incontro: 17 marzo 2009 Classe 1° B della scuola secondaria di 1° grado Classe 1° B della scuola secondaria di 1° grado presso il Laboratorio di Chimica dellIstituto Professionale con la collaborazione dellinsegnante tecnico- pratico Prof.ssa Carla Marinozzi e alcune alunne- tutor della classe 3° OCB dellI.P.I.A presso il Laboratorio di Chimica dellIstituto Professionale con la collaborazione dellinsegnante tecnico- pratico Prof.ssa Carla Marinozzi e alcune alunne- tutor della classe 3° OCB dellI.P.I.A 2° incontro: 31 marzo 2009 Classe 1° A della scuola secondaria di 1° grado presso il Laboratorio di Chimica dellIstituto Professionale con la collaborazione dellinsegnante tecnico- pratico Prof.ssa Carla Marinozzi e alcune alunne- tutor della classe 3° OCB dellI.P.I.A.

7 DEFINIZIONE DI DUREZZA Il termine Durezza di unacqua indica linsieme dei sali naturalmente disciolti nellacqua. Esistono due diversi tipi di durezza dellacqua, entrambi causati dai sali di calcio e magnesio. DUREZZA TEMPORANEA DUREZZA TEMPORANEA DUREZZA PERMANENTE DUREZZA PERMANENTE

8 E causata dal bicarbonato di calcio e bicarbonato di magnesio, sali che a temperatura ambiente sono solubili in acqua. Il termine temporaneo deriva dal fatto che questi sali vengono distrutti durante lebollizione, infatti questi composti si trasformano in carbonati insolubili che precipitano, formando il deposito noto con il nome di calcare. Il calcare si può osservare sulle pareti della pentola dove viene fatta bollire dellacqua, sotto forma di una patina bianca. Il calcare aderisce alle superfici, formando incrostazioni che possono compromettere il funzionamento di macchine domestiche (lavatrice,lavastoviglie), inoltre riduce il grado di cottura dei legumi e causa laspetto torbido e schiumoso del tè e del caffè. Le acque dure non sono idonee al lavaggio con i saponi tradizionali in quanto ne limitano la formazione della schiuma e quindi il potere detergente; per questo motivo ai saponi vengono aggiunti i polifosfati in grado di limitare lazione di calcio e magnesio. Da non sottovalutare inoltre che il consumo di acque potabili dure può provocare linsorgenza di calcoli renali. Durezza temporanea

9 E causata dal cloruro di calcio e cloruro di magnesio, dal solfato di calcio e solfato di magnesio. Tanto più elevata è la concentrazione di questi sali, tanto più elevata è la durezza dellacqua. Queste sostanze apportano allacqua il suo gusto caratteristico e non provocano depositi di calcare quando lacqua viene riscaldata. Con lebollizione questi sali rimangono disciolti in acqua e sono eliminabili solo tramite processi di addolcimento (rimozione totale o parziale dei sali di calcio e magnesio). Durezza permanente

10 Durezza temporanea + Durezza permanente Durezza permanente = Durezza totale

11 ESPRESSIONE DELLA DUREZZA La durezza viene espressa in Gradi francesi ( °F): il complesso dei sali presenti è calcolato come carbonato di calcio. Esattamente 1°F = 1 gr di carbonato di calcio contenuto in 100 litri di acqua (ovvero 0,01 gr in 1 litro di acqua). Quindi se unacqua ha 15 gradi francesi di durezza totale significa che contiene sali di calcio e magnesio in quantità equivalente a 15 gr/100 l ovvero 0,15 gr/l espressi come carbonato di calcio.

12 CLASSIFICAZIONE DELLE ACQUE IN BASE ALLA DUREZZA TIPO DI ACQUA °F Molto dolce 0÷4 Dolce4÷8 Medio-dura8÷12 Discretamente dura 12÷18 Dura18÷30 Molto dura 30

13 DETERMINAZIONE DELLA DUREZZA TOTALE (Titolazione complessometrica per spostamento) La titolazione è una procedura che serve per determinare la concentrazione di una certa sostanza (analita) in una soluzione. Titolare una soluzione significa quindi determinare la concentrazione dellanalita in essa disciolto. Titolo è dunque sinonimo di concentrazione. Determinare la durezza totale di unacqua significa determinare il titolo dei sali di calcio e magnesio dellacqua, esprimendolo come carbonato di calcio (°F).

14 In una titolazione si impiega una soluzione titolante a titolo noto (della quale cioè si conosce la concentrazione) che viene introdotta in una buretta. Questa soluzione viene lentamente aggiunta ( a goccia a goccia ) alla soluzione a titolo incognito contenuta in una beuta. Lo sgocciolamento continua fino al raggiungimento del cosiddetto punto di equivalenza che individua la fine della titolazione. Per individuare il punto di equivalenza si utilizzano gli indicatori, delle sostanze che provocano un netto cambiamento della colorazione della soluzione quando viene soddisfatta la suddetta condizione. La titolazione viene quindi eseguita sgocciolando lentamente la soluzione titolante nella soluzione da titolare, fino al cambiamento di colore (viraggio) della soluzione che equivale al punto di equivalenza.

15 Il metodo complessometrico impiega una soluzione di EDTA, una molecola organica che ha una grande affinità per gli ioni calcio e magnesio. Quando questa soluzione viene aggiunta a una determinata quantità di acqua in esame, reagisce immediatamente con tali ioni e li fissa formando dei complessi. Prima di aggiungere allacqua la soluzione di EDTA, viene introdotto un indicatore che evidenzia il momento in cui tutti gli ioni sono stati catturati dallEDTA, con una variazione di colore. Questi indicatori presentano infatti colori diversi in funzione della presenza o assenza in soluzione degli ioni calcio e magnesio. Lindicatore utilizzato in questa determinazione è il nero ericromo T (NET), anchesso una molecola organica piuttosto complicata. Quando questo indicatore viene aggiunto allacqua complessa gli ioni calcio e magnesio e assume un colore caratteristico. Quando si inizia a far scendere dalla buretta lEDTA nellacqua, questo sposta dal legame con lindicatore gli ioni calcio e magnesio e li lega a sé perché forma complessi più stabili. Quindi lindicatore rimane libero e cambia colore. Dalla quantità di soluzione di EDTA consumata si risale alla durezza totale in gradi francesi (°F).

16 OccorrenteMateriali Buretta graduata Beuta Cilindro Matraccio Pipetta pasteur n.2 Spatola Imbuto Becher Reagenti Soluzione di EDTA 0,01 N Tampone basico a pH 10 Indicatore NET Acqua campione Esperienza

17 Materiali

18 Reagenti

19 Acqua campione (Sono stati analizzati 4 diversi campioni ed effettuate più determinazioni per ogni campione)

20

21

22

23 1° fasePreparazione del titolante: Introdurre nella buretta la soluzione di EDTA 0,01N, aiutandosi con un imbuto. Verificare che non ci siano bolle daria. Verificare lazzeramento.

24

25

26 2° fasePreparazione della soluzione da titolare: Aggiungere nella beuta le seguenti sostanze: 100 ml di acqua campione con il matraccio 5 ml di tampone con il cilindro Una punta di spatola di NET.

27

28

29 3° faseTitolazione del campione: Far scendere lentamente il titolante nella beuta tenendola sotto agitazione, fino a viraggio della soluzione da rosso-vino a blu. Leggere sulla buretta il valore in ml di titolante aggiunto.

30

31

32

33 CALCOLO Durezza Totale V ml (EDTA) = ° F In base al contenuto della durezza totale lacqua analizzata può essere classificata come

34 RISULTATI (Scuola secondaria di 1° grado Classe 1° B) 17 marzo 2009

35 RISULTATI DETERMINAZIONE DUREZZA TOTALE DI DIVERSI CAMPIONI DI ACQUA Scheda raccolta-dati – Classe 1° B 17 marzo 2009 Campione di acqua n° determinazioni svolte Risultati Durezza totale °F Durezza totale °F (Valore medio) Classificazione acqua N.1n.4 1) 6,8 2) 6,6 3) 8,8 4) 6,6 7,2 Dolce N.2n.4 1) 13,9 2) 12,0 3) 9,6 4) 11,8 11,8 Medio-dura N.3n.4 1) 17,6 2) 17,7 3) 19,0 4) 18,0 18,1 Dura N.4n.4 1) 1,1 2) 1,4 3) 0,6 4) 1,8 1,2 Molto dolce

36 RISULTATI Scuola secondaria di 1° grado Classe 1° A) 31 marzo 2009

37 RISULTATI DETERMINAZIONE DUREZZA TOTALE DI DIVERSI CAMPIONI DI ACQUA Scheda raccolta-dati – Classe 1° A 31 marzo 2009 Campione di acqua n° determinazioni svolte Risultati Durezza totale °F Durezza totale °F (Valore medio) Classificazione acqua N.1n.4 1) 6,5 2) 7,6 3) 6,5 4) 7,1 6,9 Dolce N.2n.4 1) 12,5 2) 11,7 3) 13,0 4) 12,6 12,4 Discretamente dura N.3n.4 1) 22,4 2) 21,7 3) 22,5 4) 27,6 23,5 Dura N.4n.4 1) 0,8 2) 0,8 3) 2,1 4) 1,9 1,4 Molto dolce

38 RISULTATI DETERMINAZIONE DUREZZA TOTALE DI DIVERSI CAMPIONI DI ACQUA - Scuola secondaria di 1° grado – Classi 1° A e 1° B Campione di acqua Durezza Totale (°F) Classe 1°A Durezza Totale (°F) Classe 1°B Durezza Totale (°F) Valore medio Classificazione acqua analizzata n.16,97,27,0Dolce n.212,411,812,1Discretamente dura n.323,518,120,8Dura n.41,41,21,3Molto dolce

39 SCHEDA DATI RIASSUNTIVA - Scuola secondaria di 1° grado – DUREZZA TOTALE DI DIVERSI CAMPIONI DI ACQUA Campione di acqua Durezza Totale (°F) Valore medio Classificazione acqua analizzata n.17,0Dolce n.212,1Discretamente dura n.320,8Dura n.41,3Molto dolce

40 Dopo la fase operativa, gli alunni della Scuola Secondaria di 1° grado ha risposto alle domande del seguente test: Che cosa si intende per durezza dellacqua? Quali sono le principali differenze tra la durezza temporanea e la durezza permanente? Che cosa è il calcare? Con quale unità di misura viene espressa la durezza? Quali possono essere gli effetti negativi di unacqua dura nella vita quotidiana? Che cosa si intende per titolazione? Riordina i seguenti tipi di acque in base al loro grado di durezza crescente a) acque fortemente mineralizzate, b) acque di fiume o di lago trattate, c) acque potabili, d) acque minerali, e) acque oligominerali, f) acque piovane.

41 RISULTATI DEL TEST Classe 1° B LEGENDA Risposta omessa = O Risposta errata = E Risposta incompleta = I Risposta sufficiente = S Risposta discreta = D Risposta buona = B

42 Domanda 1 Domanda 2 Domanda 3 Domanda 4 Domanda 5 Domanda 6 Domanda 7 n.1DDSDDSD n.2DSSDSII n.3OOSDSDI n.4DDDDDBB n.5BDSDOBB n.6DDSDSSE n.7BBBDBBD n.8BDDDSDB n.9SSSDSSS n.10DSDDOBB n.11DSEDSDE n.12DDSDDBB n.13BDBDDSI n.14DDDDDSS n.15BBBBBBB n.16DDDDDDD

43 Rielaborazione statistica dei dati raccolti OmessaErrataIncompletaSufficienteDiscretaBuona Domanda Domanda Domanda Domanda Domanda Domanda Domanda

44

45

46

47 RISULTATI DEL TEST Classe 1° A LEGENDA Risposta omessa = O Risposta errata = E Risposta incompleta = I Risposta sufficiente = S Risposta discreta = D Risposta buona = B

48 Domanda 1 Domanda 2 Domanda 3 Domanda 4 Domanda 5 Domanda 6 Domanda 7 n.1DOIBSOB n.2SEISEES n.3EDISOOO n.4DDDBDEO n.5SSESESD n.6DBBBDEB n.7SSESSEB n.8BBBBSEB n.9DDIBSEB n.10DBBBDSB n.11DBSBSEB n.12DBSSSES n.13EEEOSOI n.14SBBBDSD n.15IOOSOOE n.16BBSBDSB

49 Rielaborazione statistica dei dati raccolti OmessaErrataIncompletaSufficienteDiscretaBuona Domanda Domanda Domanda Domanda Domanda Domanda Domanda

50

51

52

53 Acque calciche e magnesiache Scuola secondaria di secondo grado (Classi 2°OCB° A e 2°OCB° B)

54 Fase preliminare : somministrazione del seguente test mirato a rilevare le conoscenze 1. Conosci il significato del termine durezza di unacqua potabile? 2. Hai mai sentito parlare di acque calciche e di acque magnesiache? Sapresti darne una definizione? 3. Quali sono i simboli chimici del calcio e del magnesio? 4. Conosci le proprietà del calcio e del magnesio? 5. Conosci le funzioni del calcio e del magnesio nellorganismo umano? 6. Quali potrebbero essere le fonti dietetiche di calcio e magnesio per lorganismo?

55 RISULTATI DEL TEST Classe 2° OCB A e 2° OCB B LEGENDA Risposta omessa = O Risposta errata = E Risposta incompleta = I Risposta sufficiente = S Risposta discreta = D Risposta buona = B

56 Domanda 1 Domanda 2Domanda 3Domanda 4Domanda 5Domanda 6 n.1OOBOOO n.2EOBIDD n.3OOBODD n.4SBBBIB n.5SBBBIB n.6EBBBDI n.7EBBBDI n.8ESBBII n.9ESDDDE n.10ESBBDE n.11SOBBIO n.12SOBBIO n.13EOBOIO n.14EOBEIO

57 Domanda 1Domanda 2Domanda 3Domanda 4Domanda 5Domanda 6 n.15SOBBIO n.16SOBBOO n.17EBBBIO n.18SIBDII n.19EBBBIO n.20EBBBIO n.21SBBBIO n.22OBBBIE n.23OOBOIE n.24SBBBIO n.25OBBOIE n.26DBBBIO n.27SIBBOO n.28DBBBII

58 Elaborazione risultati del test OmessaErrataIncompletaSufficienteDiscretaBuona Domanda Domanda Domanda Domanda Domanda Domanda

59

60

61

62 Attività di laboratorio: determinazione separata di Calcio e Magnesio in un campione di acqua 5 maggio 2009 la classe 2°OCB A dellIstituto Professionale acquisisce i dati della durezza totale dei 4 campioni di acqua analizzati dalla classe 1° A ed effettua una determinazione separata di Calcio e Magnesio sugli stessi campioni. 16 maggio 2009 la classe 2°OCB B dellIstituto Professionale acquisisce i dati della durezza totale dei 4 campioni di acqua analizzati dalla classe 1° B ed effettua una determinazione separata di Calcio e Magnesio sugli stessi campioni.

63 CALCIO (Ca) Dosi giornaliere consigliate: (800÷1000mg). Fonti dietetiche: latte e derivati,acque minerali calciche (più di 150 mg/l), carciofi, broccoletti, spinaci, legumi secchi, etc. Principali funzioni nellorganismo: formazione delle ossa e dei denti, coagulazione del sangue. Carenze di calcio: crescita limitata, rachitismo, osteoporosi. Eccesso di calcio: non riscontrato nelluomo.

64 ACQUE MINERALI CALCICHE (più di 150 mg/l ) Effetti terapeutici Aiutano a prevenire losteoporosi nelle donne in menopausa. Riducono il rischio di ipertensione. Sono in grado di neutralizzare le scorie del metabolismo muscolare quali lacido lattico (utile nella reidratazione dello sportivo che ha effettuato uno sforzo muscolare). Sono consigliate a tutte quelle persone che non possono assumere latte e derivati.

65 MAGNESIO (Mg) Dosi giornaliere consigliate: (300÷350 mg). Fonti dietetiche: crusca, ortaggi a foglia verde,frutta fresca e secca, cioccolato, legumi, carne di maiale e di agnello. Principali funzioni nellorganismo: attivatore di enzimi implicati nella sintesi proteica; come il calcio è importante nella costituzione del tessuto osseo e nella trasmissione degli impulsi nervosi. Carenza di magnesio: crescita insufficiente, disturbi di comportamento. Eccesso di magnesio: diarrea.

66 ACQUE MINERALI MAGNESIACHE (più di 50 mg/l) Effetti terapeutici Favoriscono la motilità intestinale (utili nella dispepsia e nella stipsi). Sono indicate nella diluizione del latte nelle diete per i neonati. Aiutano a prevenire le malattie cardiovascolari. Possono contribuire a bilanciare le deficienze della dieta (cibi precotti e conservati). Favoriscono il funzionamento del sistema nervoso.

67 PRINCIPIO DELLA DETERMINAZIONE SEPARATA DI CALCIO E MAGNESIO Per conoscere la quantità (in mg/l) di Calcio e Magnesio che contribuiscono singolarmente alla durezza, occorre far precipitare dallacqua in esame lo ione magnesio con una soluzione basica di NaOH e successivamente titolare lo ione calcio rimasto in soluzione con EDTA, utilizzando come indicatore la muresside. Il tenore in magnesio si calcola per differenza dalla durezza totale.

68 ESPERIENZA MATERIALE OCCORRENTE: Buretta graduata Beuta Cilindro Matraccio Pipetta pasteur Spatola Becher Imbuto

69 REAGENTI: EDTA 0,01 N NaOH 2N Indicatore muresside Acqua campione

70

71 1° Fase Acquisizione dati scheda-alunni della scuola secondaria di 1° grado sulla durezza totale

72

73 2° fase METODICA Prelevare con un matraccio 100 ml dellacqua in esame e introdurli in una beuta Aggiungere con un cilindro 2 ml di NaOH 2N Aggiungere una punta di spatola di muresside Titolare con EDTA 0,01 N fino a viraggio da rosso a viola.

74

75

76

77

78

79

80

81

82 CALCOLI Ca ++ (mg/l) = V ml (EDTA) Mg ++ (mg/l) = (Durezza °F – Vml EDTA) , Lacqua analizzata si può ritenere prevalentemente

83 RISULTATI (Scuola secondaria di 2° grado Classe 2° OCB A) 5 maggio 2009

84 RISULTATI DETERMINAZIONE SEPARATA CALCIO E MAGNESIO DI DIVERSI CAMPIONI DI ACQUA Scheda raccolta-dati – Classe 2° OCB A 5 maggio 2009 Campione di acqua N. determinazioni svolte Calcio (Ca ++ ) mg/l Valore medio Calcio (mg/l) Magnesio (Mg ++ ) (mg/l) Valore medio Magnesio (mg/l) Giudizio sullacqua analizzata N.1n.4 1) 25,2 2) 20,4 3) 21,6 4) 24,8 23,0 1) 1,4 2) 4,4 3) 3,6 4) 1,7 2,8Acqua calcica N.2n.4 1) 34,0 2) 36,0 3) 37,2 4) 36,4 35,9 1) 9,5 2) 8,3 3) 7,5 4) 8,0 8,3Acqua calcica N.3n.4 1) 72,0 2) 68,0 3) 64,0 4) 75,6 69,9 1) 13,4 2) 15,8 3) 18,2 4) 11,2 14,6Acqua Calcica N.4n.4 1) 2,4 2) 2,8 3) 2,8 4) 4,8 3,2 1) 1,9 2) 1,7 3) 1,7 4) 0,5 1,4Acqua calcica

85 RISULTATI (Scuola secondaria di 2° grado Classe 2° OCB B) 16 maggio 2009

86 RISULTATI DETERMINAZIONE SEPARATA CALCIO E MAGNESIO DI DIVERSI CAMPIONI DI ACQUA Scheda raccolta-dati – Classe 2° OCB B 16 maggio 2009 Campione di acqua N. determinazioni svolte Calcio (Ca ++ ) mg/l Valore medio Calcio (mg/l) Magnesio (Mg ++ ) (mg/l) Valore medio Magnesio (mg/l) Giudizio sullacqua analizzata N.1n.4 1) 24,0 2) 20,0 3) 25,2 4) 21,2 22,6 1) 2,9 2) 5,3 3) 2,2 4) 4,6 3,7Acqua calcica N.2n.4 1) 40,0 2) 40,0 3) 34,4 4) 32,8 36,8 1) 4,4 2) 4,4 3) 7,8 4) 8,7 6,3Acqua calcica N.3n.4 1) 70,0 2) 69,2 3) 72,0 4) 72,0 70,8 1) 1,4 2) 1,9 3) 0,2 4) 0,2 0,9Acqua Calcica N.4n.4 1) 3,2 2) 3,6 3) 2,0 4) 2,0 2,7 1) 1,0 2) 0,7 3) 1,7 4) 1,7 1,3Acqua calcica

87 RISULTATI DETERMINAZIONE DUREZZA TOTALE DI DIVERSI CAMPIONI DI ACQUA - Scuola secondaria di 1° grado – Classe 1° A RISULTATI DETERMINAZIONE SEPARATA CALCIO E MAGNESIO DEGLI STESSI CAMPIONI DI ACQUA -Scuola secondaria di 2° grado – Classe 2° A OCB Campione di acqua N. determinazioni svolte Risultati durezza totale °F Durezza totale °F (valore medio) Classific.ne acqua Calcio (Ca ++ ) (mg/l) Valore Medio Calcio (mg/l) Magnesio (Mg ++ ) (mg/l) Valore Medio Magnesio (mg/l) Giudizio sullacqua analizzata N1n.4 1) 6,5 2) 7,6 3) 6,5 4) 7,1 6,9Dolce 1) 25,2 2) 20,4 3) 21,6 4) 24,8 23,0 1) 1,4 2) 4,4 3) 3,6 4) 1,7 2,8Acqua calcica N.2n.4 1) 12,5 2) 11,7 3) 13,0 4) 12,6 12,4Discret.dura 1) 34,0 2) 36,0 3) 37,2 4) 36,4 35,9 1) 9,5 2) 8,3 3) 7,5 4) 8,0 8,3Acqua calcica N.3n.4 1) 22,4 2) 21,7 3) 22,5 4) 27,6 23,5Dura 1) 72,0 2) 68,0 3) 64,0 4) 75,6 69,9 1) 13,4 2) 15,8 3) 18,2 4) 11,2 14,6Acqua calcica N.4N,4 1) 0,8 2) 0,8 3) 2,1 4) 1,9 1,4Molto dolce 1) 2,4 2) 2,8 3) 2,8 4) 4,8 3,2 1) 1,9 2) 1,7 3) 1,7 4) 0,5 1,4Acqua calcica

88 RISULTATI DETERMINAZIONE DUREZZA TOTALE DI DIVERSI CAMPIONI DI ACQUA - Scuola secondaria di 1° grado – Classe 1° B RISULTATI DETERMINAZIONE SEPARATA CALCIO E MAGNESIO DEGLI STESSI CAMPIONI DI ACQUA -Scuola secondaria di 2° grado – Classe 2°B OCB Campione di acqua N. determinazioni svolte Risultati durezza totale °F Durezza totale °F (valore medio) Classific.ne acqua Calcio (Ca ++ ) (mg/l) Valore Medio Calcio (mg/l) Magnesio (Mg ++ ) (mg/l) Valore Medio Magnesio (mg/l) Giudizio sullacqua analizzata N1n.4 1) 6,8 2) 6,6 3) 8,8 4) 6,6 7,2Dolce 1) 24,0 2) 20,0 3) 25,2 4) 21,2 22,6 1) 2,9 2) 5,3 3) 2,2 4) 4,6 3,7Acqua calcica N.2n.4 1) 13,9 2) 12,0 3) 9,6 4) 11,8 11,8Medio dura 1) 40,0 2) 40,0 3) 34,4 4) 32,8 36,8 1) 4,4 2) 4,4 3) 7,8 4) 8,7 6,3Acqua calcica N.3n.4 1) 17,6 2) 17,7 3) 19,0 4) 18,0 18,1Dura 1) 70,0 2) 69,2 3) 72,0 4) 72,0 70,8 1) 1,4 2) 1,9 3) 0,2 4) 0,2 0,9Acqua calcica N.4N,4 1) 1,1 2) 1,4 3) 0,6 4) 1,8 1,2Molto dolce 1) 3,2 2) 3,6 3) 2,0 4) 2,0 2,7 1) 1,0 2) 0,7 3) 1,7 4) 1,7 1,3Acqua calcica

89 RISULTATI DETERMINAZIONE SEPARATA CALCIO E MAGNESIO DI DIVERSI CAMPIONI DI ACQUA - Scuola secondaria di 2° grado – Classe 2° A OCB e 2° B OCB Campione di acqua Calcio (Ca ++ ) (mg/l) Classe 2° A OCB Calcio (Ca ++ ) (mg/l) Classe 2° B OCB Calcio (Ca ++ ) (mg/l) Valore medio Magnesio (Mg ++ ) (mg/l) Classe 2° A OCB Magnesio (Mg ++ ) (mg/l) Classe 2° B OCB Magnesio (Mg ++ ) (mg/l) Valore medio Giudizio sullacqua analizzata n.123,022,622,82,83,73,2 Acqua calcica n.235,936,836,38,36,37,3 Acqua calcica n.369,970,870,314,60,97,7 Acqua calcica n.43,22,72,91,41,3 Acqua calcica

90 SCHEDA DATI RIASSUNTIVA - Scuola secondaria di 2° grado – CALCIO E MAGNESIO DI DIVERSI CAMPIONI DI ACQUA Campione di acqua Calcio (Ca ++ ) (mg/l) Valore medio Magnesio (Mg ++ ) (mg/l) Valore medio Giudizio sullacqua analizzata n.122,83,2 Acqua calcica n.236,37,3 Acqua calcica n.370,37,7 Acqua calcica n.42,91,3 Acqua calcica

91 Al termine dellattività pratica, a tutti gli studenti coinvolti nel progetto è stato somministrato un test di gradimento per rilevare i successi ottenuti e rimuovere le eventuali criticità. Il questionario è anonimo.

92 SCHEDA DI GRADIMENTO Modalità di compilazione: per ogni domanda mettere una croce in corrispondenza della valutazione che si ritiene dare tenendo conto della seguente scala: 1 (per niente), 2 (poco), 3 (abbastanza), 4 (molto) 1. AREA DELLORGANIZZAZIONE Le informazioni sono state precise e puntuali? 1.02 Gli strumenti utilizzati sono stati funzionali? 1.03 I tempi a disposizione sono stati adeguati? 1.04 I rapporti con il coordinatore sono stati buoni? 2. AREA DEI CONTENUTI Gli argomenti trattati sono risultati attinenti a quanto programmato? 2.02 Lattività effettuata ha fornito nuovi stimoli culturali? 2.03 Le visite aziendali si sono dimostrate utili? 2.04 Hai utilizzato strumenti che non conoscevi? 3. AREA DELLA COMUNICAZIONE Le lezioni sono state interessanti ed efficaci? 3.02 I dibattiti svolti sono stati interessanti? 3.03 I rapporti con i docenti sono stati validi?

93 4. AREA DEI MATERIALI (disegni, dispense,ecc.) I materiali forniti si sono dimostrati utili? 4.02 I materiali elaborati sono stati utili? 5. AREA DELLA METODOLOGIA UTILIZZATA Le esercitazioni effettuate sono state interessanti? 5.02 Il lavoro svolto è stato piacevole e produttivo? 6. VALUTAZIONE GENERALE DEL CORSO Lattività svolta è stata come ti aspettavi? 6.02 Lattività, nel suo complesso, è stata di tuo gradimento? 6.03 Vorresti in futuro ripetere una esperienza simile?

94 Risultati Scheda di gradimento Scuola secondaria di 1° grado 1. AREA DELLORGANIZZAZIONE Le informazioni sono state precise e puntuali? Gli strumenti utilizzati sono stati funzionali? I tempi a disposizione sono stati adeguati? I rapporti con il coordinatore sono stati buoni? AREA DEI CONTENUTI Gli argomenti trattati sono risultati attinenti a quanto programmato? Lattività effettuata ha fornito nuovi stimoli culturali? Le visite aziendali si sono dimostrate utili? 2.04 Hai utilizzato strumenti che non conoscevi? AREA DELLA COMUNICAZIONE Le lezioni sono state interessanti ed efficaci? I dibattiti svolti sono stati interessanti? I rapporti con i docenti sono stati validi?011413

95 4. AREA DEI MATERIALI (disegni, dispense,ecc.) I materiali forniti si sono dimostrati utili? I materiali elaborati sono stati utili? AREA DELLA METODOLOGIA UTILIZZATA Le esercitazioni effettuate sono state interessanti? Il lavoro svolto è stato piacevole e produttivo? VALUTAZIONE GENERALE DEL CORSO Lattività svolta è stata come ti aspettavi? Lattività, nel suo complesso, è stata di tuo gradimento? Vorresti in futuro ripetere una esperienza simile?00226

96 1.01. Le informazioni sono state precise e puntuali? Gli strumenti usati sono stati funzionali? I tempi a disposizione sono risultati adeguati? I rapporti con il coordinatore sono stati buoni?

97 2.01. Gli argomenti trattati sono risultati attinenti a quanto programmato? Lattività effettuata ha fornito nuovi stimoli culturali? Le visite aziendali si sono dimostrate utili? Hai utilizzato strumenti che non conoscevi?

98 3.01. Le lezioni sono state interessanti ed efficaci? I dibattiti svolti sono stati interessanti? I rapporti con i docenti sono stati validi?

99 4.01. I materiali forniti si sono dimostrati utili? I materiali elaborati sono stati utili?

100 5.01. Le esercitazioni effettuate sono state interessanti? Il lavoro svolto è stato piacevole e produttivo?

101 6.01. Lattività svolta è stata come ti aspettavi? Lattività, nel suo complesso, è stata di tuo gradimento? Vorresti in futuro ripetere una esperienza simile?

102 Risultati Scheda di gradimento Scuola secondaria di 2° grado 1. AREA DELLORGANIZZAZIONE Le informazioni sono state precise e puntuali? Gli strumenti utilizzati sono stati funzionali? I tempi a disposizione sono stati adeguati? I rapporti con il coordinatore sono stati buoni? AREA DEI CONTENUTI Gli argomenti trattati sono risultati attinenti a quanto programmato? Lattività effettuata ha fornito nuovi stimoli culturali? Le visite aziendali si sono dimostrate utili? 2.04 Hai utilizzato strumenti che non conoscevi? AREA DELLA COMUNICAZIONE Le lezioni sono state interessanti ed efficaci? I dibattiti svolti sono stati interessanti? I rapporti con i docenti sono stati validi?10814

103 4. AREA DEI MATERIALI (disegni, dispense,ecc.) I materiali forniti si sono dimostrati utili? I materiali elaborati sono stati utili? AREA DELLA METODOLOGIA UTILIZZATA Le esercitazioni effettuate sono state interessanti? Il lavoro svolto è stato piacevole e produttivo? VALUTAZIONE GENERALE DEL CORSO Lattività svolta è stata come ti aspettavi? Lattività, nel suo complesso, è stata di tuo gradimento? Vorresti in futuro ripetere una esperienza simile?001013

104 1.01. Le informazioni sono state precise e puntuali? Gli strumenti usati sono stati funzionali? I tempi a disposizione sono risultati adeguati? I rapporti con il coordinatore sono stati buoni?

105 2.01. Gli argomenti trattati sono risultati attinenti a quanto programmato? Lattività effettuata ha fornito nuovi stimoli culturali? Le visite aziendali si sono dimostrate utili? Hai utilizzato strumenti che non conoscevi?

106 3.01. Le lezioni sono state interessanti ed efficaci? I dibattiti svolti sono stati interessanti? I rapporti con i docenti sono stati validi?

107 4.01. I materiali forniti si sono dimostrati utili? I materiali elaborati sono stati utili?

108 5.01. Le esercitazioni effettuate sono state interessanti? Il lavoro svolto è stato piacevole e produttivo?

109 6.01. Lattività svolta è stata come ti aspettavi? Lattività, nel suo complesso, è stata di tuo gradimento? Vorresti in futuro ripetere una esperienza simile?


Scaricare ppt "PROGETTO IN VERTICALE DI DIDATTICA LABORATORIALE La scienza del vivere quotidiano: ACQUA e LATTE."

Presentazioni simili


Annunci Google