La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Le lagune italiane Definizione di laguna La laguna di Grado La laguna di Caorle La laguna di Orbetello La laguna di Venezia www.didadada.it.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Le lagune italiane Definizione di laguna La laguna di Grado La laguna di Caorle La laguna di Orbetello La laguna di Venezia www.didadada.it."— Transcript della presentazione:

1 Le lagune italiane Definizione di laguna La laguna di Grado La laguna di Caorle La laguna di Orbetello La laguna di Venezia

2 Che cosè una laguna? Una laguna è un bacino costiero separato dal mare (o dall oceano) da un cordone litoraneo chiamato tombolo, caratterizzato da acqua salmastra e maree. Il nome attuale deriva dal latino lacuna, buco, spazio vuoto. Le lagune vengono classificate in lagune vive e lagune morte. Le lagune vive hanno uno o più collegamenti o sbocchi con il mare aperto mentre le lagune morte sono completamente circondate da terraferma, e sono dunque degli stagni salmastri. Quella di Venezia è una laguna viva. Il tombolo della laguna di Venezia Venezia

3 La Laguna di Grado (Friuli Venezia Giulia) In Italia le lagune sono numerose. A fianco, una veduta della Laguna di Grado, in Friuli Venezia Giulia (provincia di Gorizia).

4

5 Territorio della provincia di Gorizia e tombolo della laguna di Grado

6

7 Tombolo Ancora unimmagine della laguna di Grado

8 Il territorio di Caorle in provincia di Venezia. La laguna di Caorle (Veneto) Lungo una costa fortemente trasformata dalla mano dell'uomo, la superstite Laguna di Caorle si presenta ancora come importante giacimento di naturalità, essendo caratterizzata da un mosaico di habitat diversi che ne fanno un prezioso serbatoio di biodiversità animale e vegetale. La laguna di Caorle è un importante sito per lo svernamento e la nidificazione di uccelli acquatici, "asilo nidodi molte specie ittiche, bacino di naturale depurazione delle acque della pianura del Veneto Orientale, zona di rifugio per molte specie vegetali rare e minacciate di estinzione. L'Unione Europea ha designato la Laguna di Caorle, le Valli arginate di Bibione e la Foce del Tagliamento come Siti di Importanza Comunitaria (SIC) Nella laguna di Caorle, luomo ha introdotto varie specie animali, tra cui il Daino

9

10

11 Laguna di Caorle, le tradizionali abitazioni dei pescatori (i casòn)

12

13 Tombolo di Feniglia Tombolo della Giannella Laguna di Orbetello provincia di Grosseto Toscana I due tomboli collegano la terraferma con il massiccio dellArgentario, creando un ambiente in cui la città e la terraferma sembrano abbracciare il mare e la montagna.

14 Tomboli Tombolo Monte Argentario Orbetello

15

16 Spostiamoci adesso nella Laguna di Venezia

17 La Laguna di Venezia è viva, ossia aperta al mare esterno attraverso tre bocche di porto: Lido, Malamocco, Chioggia. Lido Malamocco Chioggia La laguna di Venezia si estende per 550 km² di superficie, ed è è la più vasta zona umida del Mediterraneo. Allinterno della laguna, una fitta rete di canali, moltissime isole e isolotti e vari centri abitati (a parte Venezia): Chioggia, Murano, Burano, Torcello e SantErasmo.

18 Venezia è un comune italiano di abitanti, capoluogo della provincia di Venezia e della regione Veneto. È stata per più di un millennio capitale della Repubblica di Venezia e conosciuta come "la Serenissima" ", la Dominante e "la Regina dell'Adriatico". Questi appellativi erano opposti a "la Superba" o "la Dominante dei Mari", riferiti alla repubblica marinara di Genova, principale concorrente e avversaria di Venezia. Per le peculiarità urbanistiche e per l'inestimabile patrimonio artistico, Venezia è universalmente considerata una tra le più belle città del mondo ed è annoverata tra i patrimoni dell'umanità tutelati dall'UNESCO: questo fattore ha contribuito a farne la seconda città italiana dopo Roma con il più alto flusso turistico, in gran parte dall'estero. Il territorio comunale si estende su buona parte della Laguna di Venezia ma anche sulla terraferma circostante, comprendendo la vasta area metropolitana che ha per centro Mestre. Venezia

19 Una cartolina di Venezia

20 I sestieri di Venezia Sestiere = Sesta parte della città. Suddivisione amministrativa di origine medioevale presente anche a Genova e a Milano

21 La Giudecca La Giudecca è lisola più estesa delle città. Separata dal centro storico dal grande e profondo canale omonimo. Anticamente era denominata Spianalonga proprio per la sua forma stretta e allungata. Successivamente prese il nome di Zuecca da cui Giudecca, forse perché in essa avrebbe trovato posto una primitiva comunità di Zudei (ebrei) o forse, e più probabilmente, perché in essa venivano confinati i zudegai cioè i giudicati dai tribunali. La Giudecca è stata per secoli luogo di villeggiatura per nobili e ricchi borghesi che qui possedevano ville, giardini e orti. La Giudecca Il Canal grande Il canale della Giudecca Una spettacolare immagine di Venezia e di una porzione della laguna Il ponte che collega Venezia a Mestre

22 Le calli, i campi e i campielli di Venezia Calli = Vicoli e stradine che si insinuano tra gli edifici. Campi = Spazi aperti (piazze) attorniati da edifici. Nella tradizione medioevale, il termine campo era diffuso in tutta Italia, ma ne rimangono oggi solo pochi esempi (Campo de' Fiori a Roma, Piazza del Campo a Siena) mentre quasi ovunque è stato sostituito dalla parola piazza. I campi veneziani sono caratterizzati dalla presenza di un pozzo Campielli = Campi di dimensioni più ridotte, corrispondente grosso modo alle piazzette o ai larghi delle città e spesso privo della caratteristica principale dei campi veneziani, ossia il pozzo da cui attingere l'acqua. In epoca passata, spesso il campiello era un punto focale della vita quotidiana, costituendo di fatto un micro-quartiere in cui tutti sapevano tutto di tutti e dove pettegolezzi, litigi, chiacchiericci e discussioni tra gli abitanti erano all'ordine del giorno. Uno dei tanti campielli veneziani

23 Santo Stefano, un campo con il caratteristico pozzo.

24 Il problema dellacqua alta a Venezia Piazza San Marco annegata dallacqua alta

25 EUSTATISMO L'eustatismo, innalzamento del livello del mare, è legato alle variazioni climatiche del globo: dagli inizi del secolo scorso agli anni '70, la risalita eustatica a Venezia è stata di 9 cm. SUBSIDENZA La subsidenza, lo sprofondamento del suolo per cause naturali e antropiche, è dovuta principalmente allo sfruttamento delle falde acquifere che in passato è stato intenso, specie nella zona industriale di Marghera. Dal 1950 al 1970 l'abbassamento medio del suolo nell'area veneziana è stato di circa 12 cm. Le principali cause dellacqua alta a Venezia:

26 Il MOSE contro lacqua alta Il MO.S.E. ( Modulo Sperimentale Elettromeccanico) è un'opera, in corso di realizzazione, consistente in un sistema integrato di opere di difesa costituito da schiere di paratoie mobili a scomparsa, in grado di isolare la laguna di Venezia dal Mare Adriatico durante gli eventi di alta marea. Grazie al Mose lacqua alta a Venezia non dovrebbe più verificarsi (ma chi può dirlo veramente?). Le paratoie del MOSE


Scaricare ppt "Le lagune italiane Definizione di laguna La laguna di Grado La laguna di Caorle La laguna di Orbetello La laguna di Venezia www.didadada.it."

Presentazioni simili


Annunci Google