La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Modulo 1 Sorveglianza degli incidenti stradali e domestici attraverso i dati PS A cura di: Assunta De Luca, Sara Farchi, Stefano Genio, Gabriella Guasticchi,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Modulo 1 Sorveglianza degli incidenti stradali e domestici attraverso i dati PS A cura di: Assunta De Luca, Sara Farchi, Stefano Genio, Gabriella Guasticchi,"— Transcript della presentazione:

1 Modulo 1 Sorveglianza degli incidenti stradali e domestici attraverso i dati PS A cura di: Assunta De Luca, Sara Farchi, Stefano Genio, Gabriella Guasticchi, Giuliano Lori LAquila, Aprile 2007

2 LAquila, 16 aprile 2007 Obiettivo del Modulo: fornire agli operatori, referenti per gli interventi e formalmente individuati dalle Regioni, strumenti utili alla progettazione e assistenza allimplementazione dei programmi. Attraverso: Discussione dei protocolli operativi sull implementazione di una sorveglianza attraverso i dati PS; confronto sulle possibili modalit à di attuazione dei piani, considerando le specificit à locali.

3 LAquila, aprile 2007 Sistemi di sorveglianza: Un sistema di sorveglianza è una raccolta, analisi e interpretazione sistematica e continua di informazioni sanitarie Si attua attraverso la raccolta e lanalisi di record individuali e il reporting ad altri Gli altri possono essere identificati allinterno del SSN/SSR, o in altri contesti (altre strutture pubbliche, agenzie internazionali…) La sorveglianza può essere attiva o passiva a seconda dei bisogni e delle risorse disponibili

4 LAquila, 16 aprile 2007 Obiettivi del sistema di sorveglianza: Dimensione e caratteristiche del problema Numero di casi coinvolti, tipo di lesione, caratteristiche delle lesioni La popolazione a rischio I fattori di rischio I trend temporali

5 LAquila, aprile 2007 Requisiti del sistema di sorveglianza: Flessibilità Semplicità Accettabilità Accuratezza e completezza Utilità Sostenibilità Tempestività

6 Passi per attuare la sorveglianza

7 Procedure

8 I dati

9 GRUPPO DI LAVORO: DISCUSSIONE SU Definizione dellevento da sorvegliare

10 LOMS definisce incidente ogni accadimento, non deliberatamente provocato (nel senso diretto, volontario), caratterizzato da un subitaneo agire di una forza esterna, che può manifestarsi in una lesione dellorganismo. Quindi per lOMS lincidente un evento improvviso, indesiderato e non prevedibile che determini una lesione acuta con conseguente necessità di assistenza medica in pronto soccorso o in un altro servizio intra o extra-ospedaliero. SORVEGLIANZA CON I DATI PS: …..lesione acuta con conseguente necessità di assistenza medica in pronto soccorso.

11 Definizione dellevento da sorvegliare Ambiente domestico Per "ambito domestico" si intende l'insieme degli immobili di civile abitazione e delle relative pertinenze ove dimora il nucleo familiare dell'assicurato; qualora l'immobile faccia parte di un condominio, l'ambito domestico comprende anche le parti comuni condominiali. Incidente stradale lincidente stradale come il fatto verificatosi nelle vie o piazze aperte alla circolazione nel quale risultano coinvolti veicoli (o animali) fermi o in movimento e dal quale siano derivate lesioni a persone.

12 GRUPPO DI LAVORO: DISCUSSIONE SU Minimum dataset

13 Obiettivo: monitoraggio degli incidenti domestici/stradali attraverso lanalisi degli accessi in pronto soccorso. Minimum data set - 1° LIVELLO: BASE INFORMAZIONI GENERALI RELATIVE ALLACCESSO IN PRONTO SOCCORSO NUMERO IDENTIFICATIVO DELLACCESSO CODICE ISTITUTO SESSO ETA ASL DI RESIDENZA DATA E ORA DELLINCIDENTE DATA E ORA DI ENTRATA MODALITA DI ARRIVO IN CASO DI TRAUMA TRIAGE ESITO NUMERO PROGRESSIVO DI RICOVERO DATA E ORA DI USCITA

14 Obiettivo: monitoraggio degli incidenti domestici/stradali attraverso lanalisi degli accessi in pronto soccorso. 1° LIVELLO: BASE INFORMAZIONI GENERALI RELATIVE ALLACCESSO IN PRONTO SOCCORSO NUMERO IDENTIFICATIVO DELLACCESSO CODICE ISTITUTO SESSO ETA ASL DI RESIDENZA DATA E ORA DELLINCIDENTE DATA E ORA DI ENTRATA MODALITA DI ARRIVO IN CASO DI TRAUMA TRIAGE ESITO NUMERO PROGRESSIVO DI RICOVERO DATA E ORA DI USCITA Selezione del luogo del trauma

15 Obiettivo: monitorare le cause e le conseguenze degli incidenti domestici/stradali per fornire indicazioni utili alla prevenzione. Minimum data set - 2° LIVELLO: AVANZATO INFORMAZIONI GENERALI RELATIVE ALLACCESSO IN PRONTO SOCCORSO INFORMAZIONI RELATIVE ALLINCIDENTE DOMESTICO INFORMAZIONI RELATIVE ALLINCIDENTE STRADALE NUMERO IDENTIFICATIVO DELLACCESSODINAMICA DELLINCIDENTELUOGO DELLINCIDENTE CODICE ISTITUTO ATTIVITÀ SVOLTA AL MOMENTO DELLINCIDENTE MEZZO DI TRASPORTO DEL PAZIENTE SESSO AMBIENTE IN CUI È AVVENUTO LINCIDENTE POSIZIONE DEL PAZIENTE NEL MEZZO DI TRASPORTO ETAUTILIZZO DI UTENSILI USO DI DISPOSITIVI DI SICUREZZA ASL DI RESIDENZADIAGNOSI PRINCIPALE DATA E ORA DELLINCIDENTE DATA E ORA DI ENTRATA MODALITA DI ARRIVO IN CASO DI TRAUMA TRIAGE ESITO NUMERO PROGRESSIVO DI RICOVERO DATA E ORA DI USCITA

16 Obiettivo: monitorare le cause e le conseguenze degli incidenti domestici/stradali per fornire indicazioni utili alla prevenzione. 2° LIVELLO: AVANZATO INFORMAZIONI GENERALI RELATIVE ALLACCESSO IN PRONTO SOCCORSO INFORMAZIONI RELATIVE ALLINCIDENTE DOMESTICO INFORMAZIONI RELATIVE ALLINCIDENTE STRADALE NUMERO IDENTIFICATIVO DELLACCESSODINAMICA DELLINCIDENTELUOGO DELLINCIDENTE CODICE ISTITUTO ATTIVITÀ SVOLTA AL MOMENTO DELLINCIDENTE MEZZO DI TRASPORTO DEL PAZIENTE SESSO AMBIENTE IN CUI È AVVENUTO LINCIDENTE POSIZIONE DEL PAZIENTE NEL MEZZO DI TRASPORTO ETAUTILIZZO DI UTENSILI USO DI DISPOSITIVI DI SICUREZZA ASL DI RESIDENZADIAGNOSI PRINCIPALE DATA E ORA DELLINCIDENTE DATA E ORA DI ENTRATA MODALITA DI ARRIVO IN CASO DI TRAUMA TRIAGE ESITO NUMERO PROGRESSIVO DI RICOVERO DATA E ORA DI USCITA Selezione della diagnosi di trauma ( )

17 Strumenti per lanalisi dei dati

18 SELEZIONE DIAGNOSI DI TRAUMA (livello avanzato) Accessi PS Luogo del trauma Strada/Casa Diagnosi Trauma ICD-9-CM Si Tutte eccetto: postumi di traumi remoti (ICD-9-CM ) 153,200 SiNo Nessuna eccetto: diagnosi di complicanze di traumi (es: emorragia cerebrale ICD-9-CM 431) Totale selezione !!! Panel di epidemiologi e medici di pronto soccorso In caso di più diagnosi, per selezionare il caso è sufficiente una sola diagnosi di trauma

19 PULIZIA Date incongruenti: escludere accessi in ps con data di accesso esterna al periodo di studio (esempio: periodo di studio anno 2003 accessi validi quelli compresi tra il 01/01/03- 31/12/03) Accessi multipli: gli accessi in ps di una stessa persona avvenuti entro 48 ore, sono stati considerati come riconducibili allo stesso evento traumatico ESEMPIO:

20 RECORD LINKAGE (1) Insieme di procedure per identificare i record di un database A connessi alla stessa persona (visita, etc) nel database B (o nello stesso database A)

21 RECORD LINKAGE (2) Manuale:estremamente dispendioso; appropriato se file sono molto piccoli Deterministico: mediante computer attraverso procedure per lidentificazione di combinazioni di identificatori unici quali nomi, codici fiscali, tesserini sanitari Probabilistico: mediante computer, permettono lidentificazione di accoppiamenti probabili basandosi non sullidentificatore unico ma su accoppiamento di più variabili

22 RECORD LINKAGE (3) Soprannomi Errori tipografici Abbreviazioni Apici, apostrofi, caratteri speciali Passo che precede il vero record linkage Allineamento della codifica delle variabili da utilizzare per il record linkage Standardizzazione

23 RECORD LINKAGE (4) Confrontare i campi stringa può dare luogo a molti disaccordi tra i confronti Mario Rossi MARIO ROSSI M. Rossi Mario Rsosi MarioRossi Si può ricorre alla normalizzazione dei campi stringa Gian Luca De Rossi GIANLUCA DEROSSI GNL DRS

24 RECORD LINKAGE (5) Linkage deterministico Exact match Metodo più semplice di linkage Dopo aver ordinato i files per la chiave Records hanno esattamente la stessa chiave (singola o formata da più variabili)

25 RECORD LINKAGE (6) Exact match Limiti Assenza / incompletezza / inaccuratezza della/e variabile/i che formano la chiave Motivi: Errori di trascrizione al momento della registrazione Utilizzo di abbreviazioni nei nomi composti e/o di soprannomi Cambi di nome nel tempo (matrimoni / adozioni)

26 RECORD LINKAGE (7) Deterministico Estensione di regole per exact match Sviluppo di regole basate su variabili presenti su entrambi i files Esempio: Si considerano uguali se una delle seguenti situazioni sono incontrate: Stesso cognome, stesso nome, stesso comune, stessa data di nascita, stesso sesso Stesso cognome, stesso comune, stessa data di nascita, stesso sesso Stesso cognome, stesso nome, stessa data di nascita, stesso sesso Etc.

27 LINKAGE CON RICOVERI OSPEDALIERI (1) Chiave primaria degli archivi disponibili Accessi in pronto soccorso (2003) nome + cognome + data di nascita + sesso + comune di nascita MARIOROSSI M Dimissioni ospedaliere ( ) nome + cognome + data di nascita + sesso + comune di nascita MARIOROSSI M * comune di nascita codice Istat Si prendono solamente i ricoveri avvenuti entro 24 ore dallaccesso in pronto soccorso

28 LINKAGE CON RICOVERI OSPEDALIERI (2) Si cercano tutti gli accessi in pronto soccorso, non solamente quelli con esito ricovero/trasferimento, in questo modo possiamo valutare la qualità del linkage ESEMPIO (sorveglianza Regione Lazio 2000): (accessi 2000) da ricercare ricoveri Esito = ricovero Esito = trasferimento Ricerco il ricovero avvenuto nello stesso giorno o nelle 24 precedenti/successive indipendentemente dallesito Per gli esito ricovero = /10475=5.5% non trovati Per gli esito trasferimento = /1225=17.2% non trovati

29 LINKAGE CON REGISTRO MORTALITA (1) Chiave primaria degli archivi disponibili Database integrato accessi ps + ricoveri ( ) nome + cognome + data di nascita + sesso + comune di nascita MARIOROSSI M Registro mortalità ( ) nome + cognome + data di nascita + sesso + comune di nascita MARIOROSSI M * comune di nascita codice Istat Si effettua per rilevare la mortalità a 30 giorni dalla data di incidente Si usa la data di accesso in ps come proxy della data di incidente

30 Cosè la matrice di Barell? E uno strumento per classificare gli infortuni codificati secondo ICD-9-CM per distretto corporeo coinvolto e tipo di lesione. E utile per standardizzare i vari infortuni per analisi in studi clinici e epidemiologici.

31 Obiettivi della matrice Semplificare il processo di classificazione degli infortuni Fornire uno formato standardizzato per report successivi Caratterizzare gruppi di infortuni

32 Motivazioni per la costruzione della matrice CODICI ICD - 9-CM Tipo di lesione Distretto corporeo

33 Struttura della matrice Tipo di lesione Distretto corporeo Codici ICD-9-CM

34 Il tipo di lesione (colonne) è basato sulla sequenza dei codici ICD-9-CM nel codebook Il distretto corporeo (righe) è basato su : Gruppi anatomici Alta incidenza Variabilità nelloutcome Differenza nelle cure

35 Gruppi specifici (1) Colonna vertebrale divisa in due gruppi

36 Gruppi specifici (2) Arti inferiori divisi in gruppi molto specifici

37 Gruppi specifici (3) Amputazioni separate dalle ferite aperte

38 Gruppi specifici (4) Traumi superficiali e contusioni sono stati uniti

39 Gruppi specifici (5) La matrice ha delle righe per le condizioni sistemiche che permettono luso della matrice per infortuni non classificabili per sito.

40 Gruppi specifici (6) La presenza del traumatismo intracranico (TBI) è importante. La matrice identifica TBI certo, possibile ed altri infortuni alla testa.

41 Pazienti con diagnosi multiple Seleziono Diagnosi principale Pazienti con singola diagnosi MULTIPLE (1) Ci sono delle limitazioni nelluso della singola diagnosi per individuare gli infortuni che coinvolgono più distretti corporei e generano lesioni multiple: Difficoltà di codifica in diagnosi principale Descrizione distorta del reale infortunio

42 MULTIPLE (2) Ragioni per luso delle diagnosi multiple : Riflettono il reale infortunio dellindividuo Spesso associate con alta gravità Identificano un profilo comune di infortuni con lesioni multiple

43 MULTIPLE (3) Creazione profilo di infortunio Divido distretto corporeo nei gruppi: Testa e collo TC Colonna vertebrale C Torace T Arti A Altro AL Diagnosi di non trauma X diagnosi1diagnosi2diagnosi3diagnosi4diagnosi5

44

45

46

47

48 Incidenza degli accessi al PS per sesso ed età. Lazio, 2000

49 Incidenti stradali - Incidenza degli accessi al PS per provincia. Lazio, 2000 Tassi per abitanti 1782 Rieti 3020Roma Pr 3236 LT 2591 Roma 1638 VT 1334 FR

50 Accessi al PS per Triage. Lazio, 2000

51 Accessi in PS per esito. Lazio, 2000 Incidenti stradali Incidenti domestici

52 Incidenti domestici per distretto corporeo coinvolto. Lazio, 2000 Testa e collo (23,2%) Colonna vertebrale e parete toracica posteriore 1890 (1,3%) Torace e addome 7038 (4,9%) Arti Superiori (32,9%) Arti inferiori (24,3%) Multiple 2516 (1,7%) Non definibile 7916 (5,5%) Mal definito 6239 (4,3%) Traumatismi intracranici 2949 (2,0%)

53 Incidenti domestici per tipo di lesione. Lazio, 2000

54 Incidenti domestici - Incidenza degli accessi al PS per sesso, età e distretto corporeo. Lazio, 2000

55 Incidenti domestici - Incidenza degli accessi al PS per sesso, età e tipo di lesione. Lazio, 2000

56 Incidenti stradali e domestici – Ricoveri per Triage e Injury Severity Score. Lazio, 2000

57 Valutazione di una sorveglianza


Scaricare ppt "Modulo 1 Sorveglianza degli incidenti stradali e domestici attraverso i dati PS A cura di: Assunta De Luca, Sara Farchi, Stefano Genio, Gabriella Guasticchi,"

Presentazioni simili


Annunci Google