La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lo scenario della politica regionale di sviluppo Paola Casavola DPS-UVAL 6 luglio 2006.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lo scenario della politica regionale di sviluppo Paola Casavola DPS-UVAL 6 luglio 2006."— Transcript della presentazione:

1 Lo scenario della politica regionale di sviluppo Paola Casavola DPS-UVAL 6 luglio 2006

2 Le politiche regionali di sviluppo Politiche regionali di sviluppo e … coesione (per non peggiorare, per stare meglio, se possibile, un po tutti) Politiche place based (che hanno bene in testa i luoghi in cui avvengono) Politiche di medio – lungo termine (che hanno una prospettiva per dopodomani) Politiche con risorse dedicate e aggiuntive (cioè per fare cose che, altrimenti, non si farebbero … non tutte, non negli stessi tempi, non in questo modo)

3 Cosa intendiamo per scenario ? Linquadramento e levoluzione del contesto regolatorio in cui avranno luogo le politiche regionali Le trasformazioni, le opportunità, le sfide, i suggerimenti esterni da considerare per pensare e attuare le politiche Come vogliamo essere, diventare e dove vogliamo andare (dipende molto, anche se non solo, da noi)

4 Quindi discutere di scenario E importante: Per capire quali sono le regole del gioco (cosa si può fare e cosa no) Per renderci conto delle pressioni reali e di idee del mondo esterno (e da dove vengono) Per scegliere e non subire Per capire dove vogliamo arrivare tra dieci anni

5 Un mondo con un inquadramento regolatorio nuovo La programmazione è in Italia unificata (tra risorse FS e FAS e quindi … tra responsabilità e modi di fare) Distingue di più tra cose che si possono fare da soli e cose che è meglio intraprendere con altri E più decentrata, anche nellinquadramento comunitario, (e quindi ci si confronta un po più sui risultati e un po meno, sperabilmente, sulle procedure) Si partecipa a una strategia nazionale (il QSN, che non si può fingere che non ci sia) e a una strategia di policy comunitaria

6 Le sollecitazioni esterne: essere più consapevoli del globale (1) Shock competitivo (e il tuo salario rischia davvero di … essere negoziato a …) Serve studiare e imparare ad imparare Serve premiare chi ha buone idee Serve capire che ci sono standard da tenere in mente, da costruire e/o da pretendere Serve tenersi la gente e essere un posto dove si vuole rimanere e fidarsi, o che si vuole vedere e ricordare Serve avere contatti con il mondo che funziona, pensa e crea … anche se si rimane a casa Serve, davvero, avere una amministrazione amichevole, consapevole, colta e non autoreferenziale Serve sapere da dove vengono e dove vanno gli altri, i vicini e i lontani

7 Avere uno sguardo lungo In un mondo così … per avere più occasioni di sviluppo, bisogna capire meglio dove va la domanda, anche internazionale Cosa può e vuole fare il settore privato (quello che cè e quello che potrebbe diventare) Come vogliono vivere i residenti di oggi e di domani Come possiamo mantenere nel tempo i nostri punti di forza (i nostri assets)

8 Il Quadro strategico nazionale 10 priorità e 4 grandi obiettivi (che sono anche unidea dello sviluppo) –Sostenere la conoscenza –Sostenere la qualità della vita –Promuovere le filiere produttive e la concorrenza –Aumentare linternazionalizzazione e la modernizzazione del sistema Questo si declina in vario modo, ma anche nello sviluppo locale (sembra banale, ma sappiamo che non né ovvio, né automatico)

9 Il QSN in itinere: leggere anche tra le righe Risponde ad alcune delle sollecitazioni esterne … ma si può fare anche meglio (specie in alcuni punti) E più consapevole, non solo degli errori, ma della gravità degli errori (non lo dice sempre, lo mette in positivo e quindi vuol dire che non è ovvio) Ripropone, con caveat, ma lo fa - anche se tra le righe - una scelta a favore dello sviluppo locale e place based Ricorda che ci vogliono diverse scale di aggregazione per fronteggiare diversi problemi

10 Scegliere e determinare il proprio scenario Dove e come voglio essere tra 10 anni (o 20) ? Cosa sto già facendo e dove mi sta portando, quando ? Dove devo cambiare e dove devo, invece, continuare ? Cosa voglio chiedere e a chi ? Come e perché voglio cambiare ? E quindi come voglio … dato tutto il resto … utilizzare le risorse che mi si offrono

11 LAbruzzo tra 10 anni … e tra 20 Comè ?


Scaricare ppt "Lo scenario della politica regionale di sviluppo Paola Casavola DPS-UVAL 6 luglio 2006."

Presentazioni simili


Annunci Google