La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

COMPARAZIONE BILATERALE COMPARAZIONE DI MASSA (O MULTILATERALE) 1.incrementare numero lingue 2.diminuire il materiale diagnostico (a) lessemi (b) morfemi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "COMPARAZIONE BILATERALE COMPARAZIONE DI MASSA (O MULTILATERALE) 1.incrementare numero lingue 2.diminuire il materiale diagnostico (a) lessemi (b) morfemi."— Transcript della presentazione:

1 COMPARAZIONE BILATERALE COMPARAZIONE DI MASSA (O MULTILATERALE) 1.incrementare numero lingue 2.diminuire il materiale diagnostico (a) lessemi (b) morfemi (c) corrispondenze sound change 1.KHOISAN 2.NIGER-CONGO 3.AFRO-ASIATIC 4.NILO-SAHARAN 1.KHOISAN 2.NIGER-CONGO 3.AFRO-ASIATIC 4.NILO-SAHARAN 1.coppie di lingue; 2.alto numero di lessemi e morfemi; Greenberg, Joseph H The classification of African languages. American Anthropologist 50: 24–30. J.H.G African languages. Encyclopedia Britannica Greenberg, Joseph H The classification of African languages. American Anthropologist 50: 24–30. J.H.G African languages. Encyclopedia Britannica

2 2

3 Bibliografia albero afro-asiatico Allen, James P Middle Egyptian: An Introduction to the Language and Culture of Hieroglyphs. Cambridge: Cambridge University Press. Bender, M. Lionel Omotic Lexicon and Phonology. Carbondale, IL: Southern Illinois University. Bender, M. Lionel Topics in Omotic Morphology. In Alan S. Kaye (ed.), Morphologies of Asia and Africa, vol. 1, Winona Lake, Ind.: Eisenbrauns. ISBN Cerny, J, C Eyre & S Israelit-Groll A Late Egyptian Grammar, 4th edn. Rome: Biblical Institute. Ehret, Christopher Reconstructing Proto-Afroasiatic: Vowels, Tone, Consonants, and Vocabulary. Berkeley: University of California Press. Fleming, Harold C Chadic external relations. In Hilke Meyer-Bahlburg & Ekkehard Wolff (eds.), Studies in Chadic and Afroasiatic Linguistics, Hamburg: Helmut Buske. Gardiner, Alan H Egyptian Grammar, 3rd edn. Oxford: Oxford University Press. Gignac, Francis Thomas Old Coptic, The Coptic Encyclopedia, Toronto: Macmillan. Gordon, Raymond G. (ed.) Ethnologue: Languages of the World, 15 edn. (09 July, 2008.) Gutt, Ernst-August The Silte Languages (East Gurage). In Robert Hetzron (ed.), The Semitic languages, London: Routledge. ISBN , Hetzron, Robert Ethiopian Semitic: Studies in Classification. Manchester, UK: Manchester University Press. Johnson, Janet H Thus Wrote 'Onchsheshonqy: An Introductory Grammar of Demotic, 3rd edn. Kasser, Radolphe Dialects, The Coptic Encyclopedia, Toronto: Macmillan. Kaufman, Stephen A The Aramaic languages. In Robert Hetzron (ed.), The Semitic languages, London: Routledge. ISBN , Loprieno, Antonio Ancient Egyptian: A Linguistic Introduction. Cambridge: Cambridge University Press. Multiple sources Integrated by The LINGUIST List. Newman, Paul Nominal and Verbal Plurality in Chadic. Dordrecht: Foris. Newman, Paul Chadic and Hausa. In Bernard Comrie (ed.), The World's Major Languages, 2nd edn. London: Routledge. Rubin, Aaron D The Subgrouping of the Semitic Languages, Language and Linguistics Compass, vol. 2, Simeone-Senelle, Marie-Claude Dahālík, a newly discovered Afro-Semitic language spoken exclusively in Eritrea. Talay, Shabo Die neuaramaischen Dialekte der Khabur-Assyrer in Nordostsyrien: Einfuhrung, Phonologie und Morphologie. Semitica Viva, vol. 40. Wiesbaden: Harrassowitz Verlag. Theil, Rolf Is Omotic Afroasiatic?. 3

4 4

5 5

6 6

7 Hausa: milioni Yoruba: 20 milioni Kanuri: 3-4 milioni Efik: 500 mila Fulfulde: 8 milioni Igbo: 18 milioni + NIGERIAN ENG + ENGLISH 7

8 8

9 9

10 PRESIDENZA, PARTITI POLITICI PRESIDENZA, PARTITI POLITICI STATO GOVERNI LOCALI (LGA) GOVERNI LOCALI (LGA) GRUPPI ETNICI DOMINANTI GRUPPI ETNICI DI MEDIA GRANDEZZA GRUPPI MINORITARI Livelli dinfluenza e rapporti di forza 10

11 Constitution of the Federal Republic of Nigeria (1999) The State shall – (a) protect, preserve and promote the Nigerian cultures which enhance human dignity and are consistent with the fundamental objectives as provided in this Chapter; and (b) encourage development of technological and scientific studies which enhance cultural values (Federal Republic of Nigeria 1999: chapter II, article 21) Constitution of the Federal Republic of Nigeria (1999) The State shall – (a) protect, preserve and promote the Nigerian cultures which enhance human dignity and are consistent with the fundamental objectives as provided in this Chapter; and (b) encourage development of technological and scientific studies which enhance cultural values (Federal Republic of Nigeria 1999: chapter II, article 21) 11

12 POSIZIONE DEI SOCIOLINGUISTI NIGERIANI Yet, the prevalent post-colonial language policies of Nigeria and Africa at large, have created the dominance of hegemonic languages, especially English (Adedimeji 2009:84); Nigeria is not only a multilingual country, it is a country in search of a language which will not only serve as a national language or lingua franca but a language of elevation - a language which will take her to a position where she can talk of one soul, body and mind (Harrison and Rachael 2009:89); […] efforts should be made to encourage positive attitude change towards the indigenous languages in the functional power-filled domains of education, administration, the mass media, the judiciary, legislature, etc (45)Ironically, while we seem not to value our indigenous languages, the white people are daily studying and researching into the neglected languages (Soyele 2009:55) [on strategic action] encouraging the teaching and learning of Nigerian languages and cultures through encouraging the teachers of Nigerian languages and motivating the learners (Adedimeji 2009:80) 4 very large languages / 7 large languages / 20 medium- sized languages / 350 small sized languages (Adedimeji 2009:70) 12

13 (A) = affermazione dellinglese (B) = affermazione della lingua veicolare 13

14 THE CASE OF BURE NOMEBure language bùbbúrè, Bure person nò búrè,Bure people mà búrè CLASSIF.Ciadico, Ovest, A.2, Bole-Tangale, Bole proper. ISO639-3 bvh LUOGOBure (10°31'26.87''N 10°19'46.40''E) e piccoli insediamenti nellarea (Kirfi Local Government Area, Kirfi District, Bauchi State, Nigeria) NOMEBure language bùbbúrè, Bure person nò búrè,Bure people mà búrè CLASSIF.Ciadico, Ovest, A.2, Bole-Tangale, Bole proper. ISO639-3 bvh LUOGOBure (10°31'26.87''N 10°19'46.40''E) e piccoli insediamenti nellarea (Kirfi Local Government Area, Kirfi District, Bauchi State, Nigeria) 14

15 15

16 16

17 17

18 Bure: parlante-lingua-insediamento/luogo SpeakerLanguageSetting Demografia20-40villaggio di BureRurale GeografiaUnico insediamentoUnica minoranza- EconomiaSubsistence-Region is poor SociologiaAgricoltoriNessuna trasmissioneNessuna revitalizzazione LinguisticaBuona competenzaNessuno standard. PsicologiaAttitudine indifferenteNessuna relazione identità- cultura - StoriaVeniamo dalla collina-- Politica/ Amministr. Parlanti non sono protettiLingua non è protettaArea è isolata, ma non autonoma IstruzioneEsiguo numero scolarizzatiNessun sostegnoScuole in Kirfi e Alkaleri ReligioneIslamLa religione non ha un ruolo nel proteggere la lingua La sfera religiosa è molto importante MediaNessa rappresentazione gruppo nei media Nessuna rappresentazione lingua nei media Area è isolata e poco conosciuta 18

19 Diversità linguistica in Bure 19

20 20 1. ISOLATION 1. ISOLAMENTO 1. ISOLAMENTO

21 21 1. ISOLATION 2. CAMBIAMENTI SOCIO-ECONOMICI 2. CAMBIAMENTI SOCIO-ECONOMICI 3. CONTATTO CULTURALE 3. CONTATTO CULTURALE

22 22 1. ISOLATION 5. RIPOSIZIONAMENTO ALLINTERNO DELLAREA 5. RIPOSIZIONAMENTO ALLINTERNO DELLAREA

23 23 6. SEPARAZIONE 6. SEPARAZIONE

24 24 1. ISOLATION 7. CONCENTRAZIONE 7. CONCENTRAZIONE

25 25

26 26 1. ISOLATION 8. OMOGENEIZZAZIONE CULTURALE 8. OMOGENEIZZAZIONE CULTURALE rimozione del passato sviluppo di ununica identità religiosa economia di sussistenza rende il gruppo coeso adesione a un unico complesso di norme rimodulazione del concetto di straniero

27 27 ETNOGRAFIA E METODI ETNOGRAFICI I

28 28 Letnografo... individua le forme linguistiche e le relaziona con determinate pratiche culturali descrive luniverso esperienziale di una comunità sospendendo ogni giudizio di valore è consapevole dellimpossibilità di raggiungere una piena obiettività. Per non cadere nella trappola delletnocentrismo cercherà di adottare un punto di vista equilibrato – un punto di vista che tenga in considerazione concetti e nozionivicine allesperienza e concetti e nozioni distanti dallesperienza DISTANTI religione sistema economico inventario fonologico ideologia della lingua DISTANTI religione sistema economico inventario fonologico ideologia della lingua VICINI preghiera, es. salla per un hausa musulmano coltivare un terreno, fare il raccolto e vendere leccedenza nei mercati dellarea suoni che suonano bene e suoni che suonano male es, opinione sullimportanza di usare una determinata lingua a seconda del contesto VICINI preghiera, es. salla per un hausa musulmano coltivare un terreno, fare il raccolto e vendere leccedenza nei mercati dellarea suoni che suonano bene e suoni che suonano male es, opinione sullimportanza di usare una determinata lingua a seconda del contesto

29 29 EQUILIBRIO CONCETTUALE EQUILIBRIO DI PROSPETTIVE la ricerca diventa significativa quando il ricercatore ha accesso a una mole di informazioni tale da codificare una plurità di punti di vista; il ricercatore non si esprime in modo valoriale su questi punti di vista: li accoglie, li osserva, ne discute con i membri della comunità; La ricerca assume una dimensione dialogica: i dialoghi tra il ricercatore e gli appartenenti alla comunità sono importanti, ma sono i dialoghi tra i membri della comunità a costituire il materiale di pregio della ricerca (es. lo scambio di punti di vista tra parlanti)

30 30 OSSERVAZIONEPARTECIPAZIONE partecipazione alla vita della comunità; il ricercatore trascorre lunghi periodi in seno alla comunità, impara la lingua del gruppo e interagisce con i membri in maniera non invasiva; il ricercatore può operare solo se accettato dal gruppo, tuttavia è consapevole della sua condizione di ospite (vari livelli dintegrazione sono possibili); osservazione partecipante [> Malinowski Coral Gardens and their Magic]; partecipazione alla vita della comunità; il ricercatore trascorre lunghi periodi in seno alla comunità, impara la lingua del gruppo e interagisce con i membri in maniera non invasiva; il ricercatore può operare solo se accettato dal gruppo, tuttavia è consapevole della sua condizione di ospite (vari livelli dintegrazione sono possibili); osservazione partecipante [> Malinowski Coral Gardens and their Magic]; Ricerca di terreno: i criteri di David-Maybury Lewis (1968. Akweà-Shavente society. Oxford ) Tempo speso sul terreno Frequenza di contatto Quantità di tempo dedicata alle sessioni di lavoro con gli informatori Luogo di contatto Numero di informatori Attitudine della comunità Lingua di contatto

31 31 PRINCIPI ETICI * *American Anthropological Association NON FARE O CAUSARE DANNI = non provocare situazioni in cui la ricerca possa nuocere a individui, gruppi e beni materiali il ricercatore non intraprende il lavoro di ricerca se non dopo aver analizzato limpatto che la ricerca potrebbe avere sulla comunità; ogni danno diretto a persone e/o cose deve essere evitato; il ricercatore si impegna a proteggere, conservare e supervisionare il patrimonio archeologico; ogni situazione di danno o pericolo sorta durante una fase intermedia della ricerca comporta la sospensione del progetto; lantropologo può impegnarsi, laddove lo ritenga necessario, a promuovere il benessere della comunità e/o abbracciarne alcune cause: il ricercatore deve valutare le conseguenze di questa scelta e discuterne con i membri della comunità con una mentalità non ideologica; 1.NON FARE O CAUSARE DANNI = non provocare situazioni in cui la ricerca possa nuocere a individui, gruppi e beni materiali il ricercatore non intraprende il lavoro di ricerca se non dopo aver analizzato limpatto che la ricerca potrebbe avere sulla comunità; ogni danno diretto a persone e/o cose deve essere evitato; il ricercatore si impegna a proteggere, conservare e supervisionare il patrimonio archeologico; ogni situazione di danno o pericolo sorta durante una fase intermedia della ricerca comporta la sospensione del progetto; lantropologo può impegnarsi, laddove lo ritenga necessario, a promuovere il benessere della comunità e/o abbracciarne alcune cause: il ricercatore deve valutare le conseguenze di questa scelta e discuterne con i membri della comunità con una mentalità non ideologica;

32 32 2.ESSERE APERTI E ONESTI SULLA NATURA E GLI OBIETTIVI DELLA RICERCA INTRAPRESA prima di iniziare operativamente un progetto, il ricercatore deve dichiarare alla comunità la natura della ricerca, la metodologia, gli obiettivi, il possibile uso dei dati acquisiti e lorigine del finanziamento, e quindi le intenzioni degli enti finanziatori; occultare natura, motivi e possibili conseguenze di un progetto significa ingannare la comunità: i membri del gruppo devono possedere tutte le informazioni rilevanti al fine di decidere se collaborare al progetto oppure no; dati raccolti e opinioni espresse dai membri della comunità non devono essere falsificate, manipolate o distorte; alcuni dati possono essere manipolati al fine di proteggere la privacy dei collaboratori o la setssa comunità (es. usare degli pseudonimi, non rivelare informazioni acquisite ma che la comunità considerasacre o non divulgabili); 2.ESSERE APERTI E ONESTI SULLA NATURA E GLI OBIETTIVI DELLA RICERCA INTRAPRESA prima di iniziare operativamente un progetto, il ricercatore deve dichiarare alla comunità la natura della ricerca, la metodologia, gli obiettivi, il possibile uso dei dati acquisiti e lorigine del finanziamento, e quindi le intenzioni degli enti finanziatori; occultare natura, motivi e possibili conseguenze di un progetto significa ingannare la comunità: i membri del gruppo devono possedere tutte le informazioni rilevanti al fine di decidere se collaborare al progetto oppure no; dati raccolti e opinioni espresse dai membri della comunità non devono essere falsificate, manipolate o distorte; alcuni dati possono essere manipolati al fine di proteggere la privacy dei collaboratori o la setssa comunità (es. usare degli pseudonimi, non rivelare informazioni acquisite ma che la comunità considerasacre o non divulgabili);

33 33 3.OTTENERE CONSENSO INFORMATO E DISPORRE DI TUTTI I PERMESSI NECESSARI il ricercatore deve ottenere il consenso dei collaboratori coinvolti nel progetto; i dati non vanno rubati: registrare dialoghi allinsaputa dei locutori, effettuare riprese video nascose o riportare dialoghi di conversazioni private sono pratiche inaccettabili; citare i collaboratori nelle pubblicazioni scientifiche; condividere con la comunità metodologia, obiettivi e finanziamento del progetto; il consenso informato può essere ritirato in qualsiasi momento, così come la natura del progetto può essere modificata: il rapporto tra il ricercatore e la comunità è basato sulla rinegoziazione; se il ricercatore opera in unarea protetta, ogni permesso necessario deve essere ottenuto prima dellinizio del progetto; attenersi alle norme della comunità; non violare le leggi del paese ospitante; 3.OTTENERE CONSENSO INFORMATO E DISPORRE DI TUTTI I PERMESSI NECESSARI il ricercatore deve ottenere il consenso dei collaboratori coinvolti nel progetto; i dati non vanno rubati: registrare dialoghi allinsaputa dei locutori, effettuare riprese video nascose o riportare dialoghi di conversazioni private sono pratiche inaccettabili; citare i collaboratori nelle pubblicazioni scientifiche; condividere con la comunità metodologia, obiettivi e finanziamento del progetto; il consenso informato può essere ritirato in qualsiasi momento, così come la natura del progetto può essere modificata: il rapporto tra il ricercatore e la comunità è basato sulla rinegoziazione; se il ricercatore opera in unarea protetta, ogni permesso necessario deve essere ottenuto prima dellinizio del progetto; attenersi alle norme della comunità; non violare le leggi del paese ospitante;

34 34 4.EQUILIBRIO ETICO il ricercatore lavora per unistituzione (es. università di un paese A), è finanziato da un ente (es. fondazione privata di un paese B) e conduce la propria ricerca presso una comunità (paese C): è consapevole degli obblighi verso queste tre entità; nel caso in cui sorga una situazione di conflitto tra le obbligazioni verso istituzione, enti finanziatori e comunità, la priorità va data alla comunità, specie se questa versa in una situazione di pericolo; il progetto dipende dalla comunità, non viceversa; 4.EQUILIBRIO ETICO il ricercatore lavora per unistituzione (es. università di un paese A), è finanziato da un ente (es. fondazione privata di un paese B) e conduce la propria ricerca presso una comunità (paese C): è consapevole degli obblighi verso queste tre entità; nel caso in cui sorga una situazione di conflitto tra le obbligazioni verso istituzione, enti finanziatori e comunità, la priorità va data alla comunità, specie se questa versa in una situazione di pericolo; il progetto dipende dalla comunità, non viceversa;

35 35 5.RENDERE I DATI ACCESSIBILI il ricercatore si impegna a rendere accessibili alla comunità i risultati della ricerca; nessun risultato deve essere occultato; i risultati vanno divulgati tempestivamente (appena pubblicati, e pubblicati immediatamente dopo la fine del progetto); se il collaboratore consente allaccessibilità di alcune informazioni ma non di altre, allora solo i dati privi di vincolo vanno divulgati; i risultati vanno depositati presso la comunità; 5.RENDERE I DATI ACCESSIBILI il ricercatore si impegna a rendere accessibili alla comunità i risultati della ricerca; nessun risultato deve essere occultato; i risultati vanno divulgati tempestivamente (appena pubblicati, e pubblicati immediatamente dopo la fine del progetto); se il collaboratore consente allaccessibilità di alcune informazioni ma non di altre, allora solo i dati privi di vincolo vanno divulgati; i risultati vanno depositati presso la comunità; 6.PROTEGGERE E CONSERVARE I DATI E LE REGISTRAZIONI il ricercatore conserva e protegge i dati raccolti; i diritti dautore vanno rispettati; i dati devono essere archiviati in modo tale da essere consultabili; la proprietà delle registrazioni è negoziata tra il ricercatore, lente finanziatore e la comunità; larchiviazione digitale deve essere condotta in modo tale da consentire il controllo delluso delle informazioni; 6.PROTEGGERE E CONSERVARE I DATI E LE REGISTRAZIONI il ricercatore conserva e protegge i dati raccolti; i diritti dautore vanno rispettati; i dati devono essere archiviati in modo tale da essere consultabili; la proprietà delle registrazioni è negoziata tra il ricercatore, lente finanziatore e la comunità; larchiviazione digitale deve essere condotta in modo tale da consentire il controllo delluso delle informazioni;

36 36 7.PROFESSIONALITA rispettare i mebri della comunità; non ostacolare la ricerca scientifica; provvedere a compensare economicamente o in altra forma i membri della comunità per il lavoro svolto, in maniera equa; comportarsi in modo professionale: sostenere la ricerca, il lavoro degli studenti, la formazione tecnica e/o scientifica dei membri della comunità; 7.PROFESSIONALITA rispettare i mebri della comunità; non ostacolare la ricerca scientifica; provvedere a compensare economicamente o in altra forma i membri della comunità per il lavoro svolto, in maniera equa; comportarsi in modo professionale: sostenere la ricerca, il lavoro degli studenti, la formazione tecnica e/o scientifica dei membri della comunità;

37 37 vita quotidiana; produzione materiale; folk theories: cosa pensano e cosa conoscono le persone; espressione di sentimenti ed emozioni; categorizzazione (sistemi di numerazione, colori, spazio-tempo-qualità, ecc.); rapporto con lambiente circostante: concettualizzazione e categorizzazione di fenomeni naturali e dellambiente (botanica > etnobotanica, toponomastica, visione dello spazio in relazione al territorio, ecc.); sistemi di parentela; organizzazione domestica; divisione del lavoro; distribuzione delle risorse; set di valori produttivi in seno alla comunità; significato e distribuzione dei luoghi; vita quotidiana; produzione materiale; folk theories: cosa pensano e cosa conoscono le persone; espressione di sentimenti ed emozioni; categorizzazione (sistemi di numerazione, colori, spazio-tempo-qualità, ecc.); rapporto con lambiente circostante: concettualizzazione e categorizzazione di fenomeni naturali e dellambiente (botanica > etnobotanica, toponomastica, visione dello spazio in relazione al territorio, ecc.); sistemi di parentela; organizzazione domestica; divisione del lavoro; distribuzione delle risorse; set di valori produttivi in seno alla comunità; significato e distribuzione dei luoghi; TEMI DI RICERCA

38 38 LE INFORMAZIONI RACCOLTE DEVONO ESSERE ATTENDIBILI Come raggiungere un alto grado di attendibilità? il ricercatore osserva, quindi guarda ascolta prende nota il ricercatore osserva, quindi guarda ascolta prende nota apprende la lingua della comunità interazione quotidiana con i membri della comunità, senza distinzioni; il ricercatore seleziona i propri collaboratori; alcuni vantaggi del lavorare con collaboratori anziani: 1.maggiore esperienza; 2.conoscenza della lingua; 3.inventario fonetico/fonemico maggiormente conservativo; alcuni vantaggi del lavorare con collaboratori (più) giovani: 1.flessibilità ed energia; 2.quadro più rapprsentativo della lingua; 3.accesso a nuovi domini lessico-esperienziali; interazione quotidiana con i membri della comunità, senza distinzioni; il ricercatore seleziona i propri collaboratori; alcuni vantaggi del lavorare con collaboratori anziani: 1.maggiore esperienza; 2.conoscenza della lingua; 3.inventario fonetico/fonemico maggiormente conservativo; alcuni vantaggi del lavorare con collaboratori (più) giovani: 1.flessibilità ed energia; 2.quadro più rapprsentativo della lingua; 3.accesso a nuovi domini lessico-esperienziali;

39 39 ATTEGGIAMENTO E CONSIDERAZIONE DELLETNOGRAFO Cosè letnografo per la comunità ospitante? il ricercatore è una figura inesperta (> Malinowski) un ospite che deve apprendere le norme delle comunità; un principiante che ha bisogno di guida; una persona a cui bisogna spiegare tutto il ricercatore è una figura inesperta (> Malinowski) un ospite che deve apprendere le norme delle comunità; un principiante che ha bisogno di guida; una persona a cui bisogna spiegare tutto il ricercatore è, innanzitutto, un professionista che si muove umilmente allinterno della comunità; adotta il metodo prova-errore-correzione-prova: non ha paura di sbagliare e incentiva la correzione da parte dei collaboratori; (un collaboratore poco incline a correggere il ricercatore non è un buon collaboratore!) si dimostra solidale, ma distaccato; è consapevole di essere un ospite, e accetta il fatto che la comunità lo posizioni in questa categoria (essere accettato non significa far parte della comunità: accettazione non è integrazione) non considera le persone studiate come vittime! il ricercatore è, innanzitutto, un professionista che si muove umilmente allinterno della comunità; adotta il metodo prova-errore-correzione-prova: non ha paura di sbagliare e incentiva la correzione da parte dei collaboratori; (un collaboratore poco incline a correggere il ricercatore non è un buon collaboratore!) si dimostra solidale, ma distaccato; è consapevole di essere un ospite, e accetta il fatto che la comunità lo posizioni in questa categoria (essere accettato non significa far parte della comunità: accettazione non è integrazione) non considera le persone studiate come vittime!


Scaricare ppt "COMPARAZIONE BILATERALE COMPARAZIONE DI MASSA (O MULTILATERALE) 1.incrementare numero lingue 2.diminuire il materiale diagnostico (a) lessemi (b) morfemi."

Presentazioni simili


Annunci Google