La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LInclusione. Dove nasce il concetto di inclusione ? Nellambito degli studi sociologici come nuova categoria interpretativa dei processi di democratizzazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LInclusione. Dove nasce il concetto di inclusione ? Nellambito degli studi sociologici come nuova categoria interpretativa dei processi di democratizzazione."— Transcript della presentazione:

1 LInclusione

2 Dove nasce il concetto di inclusione ? Nellambito degli studi sociologici come nuova categoria interpretativa dei processi di democratizzazione delle società occidentali, evidenziando il rapporto tra esercizio dei diritti civili e struttura sociale delle disuguaglianze. (Thomas Marshall Cittadinanza e classe sociale 1950 ) Si sviluppa in relazione alla rapida trasformazione delle società moderne, alla globalizzazione, allapertura e alla mobilità del sistema sociale, allaccoglienza del nuovo e del diverso che rischia di generare aree di marginalità e segregazione

3 Politiche antidiscriminatorie e documenti internazionali Il dibattito contemporaneo sul tema dei diritti e delluguaglianza ha dato origine a un nuovo corso di politiche antidiscriminatorie e allelaborazione di documenti e protocolli internazionali di rilevanza storica: La Dichiarazione universale dei diritti delluomo La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità (2007)

4 Sancisce il principio al rispetto per la differenza e laccettazione delle persone con disabilità come parte della diversità umana e dellumanità stessa Le Associazioni sono di diritto coinvolte nelle scelte politiche di ciascuna Nazione in merito alle scelte antidiscriminatorie e al concetto di inclusione La Convenzione delle Nazioni Unite sui Diritti delle persone con disabilità

5 ICF Classificazione Internazionale del Funzionamento della Disabilità e della Salute Introduce una mediazione fra il modello medico e il modello sociale sul concetto di salute, funzionamento, disabilità Propone la lettura della disabilità attraveso il modello bio-psico-sociale :loggetto della valutazione è il funzionamento non la malattia La disabilità è determinata dal rapporto tra le condizioni di salute del soggetto e le condizioni ambientali e sociali in cui si svolgono le sue attività Lattenzione è rivolta allecosistema in cui lindividuo cresce e si sviluppa e alla presenza di fattori che possono rappresentare una barriera o una facilitazione alla sua attività e partecipazione

6 Il dibattito internazionale sullEducazione Inclusiva lUNESCO Primi tentativi di delineare il paradigma concettuale delleducazione inclusiva principio guida : educazione per tutti per contrastare le disuguaglianze, costruire una sociètà più giusta, valorizzare le differenze e garantire a tutti il diritto di partecipare ai processi educativi e formativi.

7 I documenti di Salamanca (1994) Dakar (2000) Le istituzioni scolastiche devono sviluppare approcci, politiche gestionali e strategie che valorizzano le diversità in educazione I sistemi educativi e i programmi devono essere progettati in modo flessibile e proposti tenendo conto della grande diversità di caratteristiche e bisogni presenti in una scuola Le istituzioni scolastiche devono sviluppare e perfezionare indicatori per linclusione: fra questi deve essere dato risalto alle forme di sostegno e di aiuto che valorizzino le diversità in educazione

8 Index For Inclusion (Booth e Ainscow per il Centro Studi Educazione Inclusiva del Regno Unito) E il tentativo operativo di concretizzare il concetto di inclusione nella scuola attraverso un sistema di indicatori E un modello di full inclusion che può orientare le istituzioni scolastiche impegnate ad intraprendere il percorso per diventare scuola per tutti Supera il concetto di bisogno educativo speciale e sostituisce con quello di ostacoli allapprendimento e alla partecipazione

9 Cosa Cambia Lespressione educazione per tutti sposta lattenzione e lazione dalla disabilità e dai bisogni speciali al comples-so degli alunni di una scuola espressione di abilità differenti Integrazione e inclusione corrispondono a due diversi campi concettuali: Lobiettivo dellinserimento e integrazione dei bambini con disabilità lobiettivo è la normalizzazione- assimilazione Lobiettivo dellinclusione è lattenzione e il rispetto di tutte le differenze e superare le barriere che impediscono la partecipazione al processo educativo e allapprendi- mento

10 La scuola è un posto per tutti? E un luogo in grado di offrire una cornice in cui gli alunni a prescin- dere da differenze di genere, di origine etnica, culturale, evolutiva di abilità……possono essere ugualmente valorizzati, trattati con rispetto e garantiti nel loro diritto alle pari opportunità?

11 Lesperienza italiana: L integrazione scolastica Legge 118 (1971) riconosce per la prima volta il diritto allistruzione. Sono esclusi i soggetti affetti da gravi deficit intellettivi tali da rendere difficoltoso lapprendimento o linserimento nelle classi normali. Legge 517 (1971) opera un salto concettuale sul tema della disabilità : supera il concetto di inserimento e introduce quello di integrazione Legge 104 (1992) delinea il concetto di integrazione globale

12 Integrazione-Inclusione: Modelli a confronto Le finalità: l integrazione si propone il reperimento di risorse per consentire il raggiungimento di risultati nellambito dellautonomia, socializzazione, comunicazione….. l inclusione si pone lobiettivo del superamento delle barriere alla partecipazione e allapprendimento

13 I destinatari: nellintegrazione sono i bambini disabili con il loro deficit, o i bambini con bisogni educativi speciali nellinclusione tutti i bambini che vivono lesperienza scolastica

14 I modelli teorici : lintegrazione si ispira ad un modello compensativo (sostegni e risorse) assume il concetto di normalità come parametro di riferimento nel processo educativo finalizzato a ottenere una conformità al modello ideale linclusione propone il modello ecologico-sociale, sostituisce il concetto di norma e normalizzazione con quello di differenza

15 Il focus dellintervento : nellintegrazione è nelle condizioni deficitarie del bambino nellinclusione è nellinsieme delle abilità differenti attraverso cui i bambini si presentano e nellattenzione rivolta al contesto per individuare e rimuovere ostacoli allapprendimento e alla partecipazione

16 I modelli di insegnamento: nellintegrazione il modello tende a riferirsi a un soggetto specifico che si coordina con il percorso normale e con gli insegnanti di classe nellinclusione tutti gli insegnanti e i percorsi di apprendimento devono avere i presupposti per rispondere alle differenze dei bambini in unottica di sostegno distribuito

17 Il curricolo nellintegrazione è soggetto a operazioni di semplificazione e di riduzione prestando attenzione agli aspetti di contenuto nellinclusione lattenzione è sui processi di apprendimento per rispondere alle forme differenti con cui i bambini presentano le loro conoscenze, le modalità di interagire e di apprendere

18 APPROCCIO TRADIZION.APPROCCIO INCLUSIVO Educabilità degli studenti Vi è una gerarchia di abilità cognitive in cui gli studenti vanno collocati Ogni studente ha potenzialità illimitate di apprendimento Definizione del contesto Collocazione in un programma speciale Creazione di un ambiente accogliente e supportivo Risposte della scuola Il sostegno allapprendimento serve a colmare le lacune del singolo studente Il sostegno allapprendimento viene effettuato revisionando il curricolo e sviluppando lattenzione educativa in tutta la scuola Teoria della competenza nellinsegnamento La competenza del docente si basa sul possesso della conoscenza di tematiche specifiche La competenza del docente si basa sul promuovere lattiva partecipazione di tutti gli studenti al processo di apprendimento Modello curricolare Ai meno capaci va offerto un curricolo alternativo A tutti gli studenti va offerto un curricolo comune

19 APPROCCIO TRADIZIONALE APPROCCIO INCLUSIVO Visione dellintervento Lintervento è centrato sullalunno in funzione della classe Lintervento è centrato sulla classe in funzione dellalunno Modalità di valutazione La valutazione dellalunno è fortemente dipendente dallo specialista La valutazione è frutto di un esame dei fattori di insegnamento e apprendimento non solo specialistici Risultati attesiOrientamento a diagnosticare e prescrivere i risultati Orientamento ad acquisire competenze collaborative e diffuse Spiegazione dei fallimenti educativi La causa delle difficoltà di apprendimento è nelle carenti capacità dellalunno La causa delle difficoltà di apprendimento risiede in unelaborazione del curricolo non sufficientemente adeguata

20 Gli indicatori per linclusione Assolvono la funzione di descrittori delle dinamiche che caratterizzano quella scuola, quella classe…agendo come attivatori di pratiche inclusive di qualità. Pongono gli attori nelle condizioni di: Individuare le finalità a cui tendere Individuare priorità di cambiamento Progettare cambiamenti di prospettiva e di pratiche Evidenziare le risorse Evidenziare le resistenze

21 Come procedere : Le fasi dell indice Attività 1 Analizzare il Piano dellOfferta Formativa della scuola Attività 2 Sviluppare una prima discussione sullinclusione Attività 3 Individuare barriere e risorse nella scuola Attività 4 Approfondire le forme di supporto esistenti e quelle possibili Attività 5 Utilizzare gli indicatori per una prima ricognizione delle situazioni problematiche Attività 6 Discutere i dati emersi rispetto allindividuazione degli indicatori Attività 7 Scegliere le priorità e pianificare gli interventi Attività 8 Creare un sommario delle priorità Attività 9 Produrre una sintesi del lavoro svolto

22 Quale Formazione ? Accompagnare il cambiamento culturale Indagare le dimensioni dellinclusione attraverso un sistema di indicatori che ci consentono di: aprire nuove prospettive allosservazione dei processi socio-educativi individuare aree di miglioramento e azioni che promuovono cambiamento attivare processi e strumenti di autoanalisi attivare contesti di ricerca-azione sviluppare la pratica riflessiva

23 Confronto fra approccio tradizionale e approccio inclusivo Approccio tradizionaleApproccio inclusivo Educabilità degli studenti Vi è una gerarchia di abilità cognitive in cui gli studenti vanno collocati Ogni studente ha potenzialità illimitate di apprendimento Definizione del contesto Collocazione in un programma specialeCreazione di un ambiente accogliente e supportivo Risposte della scuola Il sostegno allapprendimento serve a colmare le lacune del singolo studente Il sostegno allapprendimento viene effettuato revisionando il curricolo e sviluppando lattenzione educativa in tutta la scuola Teoria della competenza nellinsegnamento La competenza del docente si basa sul possesso della conoscenza di tematiche specifiche La competenza del docente si basa sul promuovere lattiva partecipazione di tutti gli studenti al processo di apprendimento Modello curricolare Ai meno capaci va offerto un curricolo alternativo A tutti gli studenti va offerto un curricolo comune Visione dellintervento Lintervento è centrato sullalunno in funzione della classe Lintervento è centrato sulla classe in funzione dellalunno Modalità di valutazione La valutazione dellalunno è fortemente dipendente dallo specialista La valutazione è frutto di un esame dei fattori di insegnamento e apprendimento non solo specialistici Risultati attesi Orientamento e diagnosticare e prescrivere i risultati Orientamento ad acquisire competenze collaborative e diffuse Spiegazione dei fallimenti educativi La causa delle difficoltà di apprendimento è nelle carenti capacità dellalunno La causa delle difficoltà di apprendimento risiede in unelaborazione del curricolo non sufficientemente adeguata


Scaricare ppt "LInclusione. Dove nasce il concetto di inclusione ? Nellambito degli studi sociologici come nuova categoria interpretativa dei processi di democratizzazione."

Presentazioni simili


Annunci Google