La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

USCI – Comune di Brescia UNA CITTÀ PER CONTARE Convegno nazionale In direzione ostinata e complessa: verso un archivio dinamico per l'analisi demografica.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "USCI – Comune di Brescia UNA CITTÀ PER CONTARE Convegno nazionale In direzione ostinata e complessa: verso un archivio dinamico per l'analisi demografica."— Transcript della presentazione:

1 USCI – Comune di Brescia UNA CITTÀ PER CONTARE Convegno nazionale In direzione ostinata e complessa: verso un archivio dinamico per l'analisi demografica longitudinale Silvana Salvini, Università di Firenze La statistica comunale alla prova del censimento e del federalismo Brescia - Auditorium di Santa Giulia 8 – 9 settembre 2011

2 INTRODUZIONE I presupposti per una nuova analisi demografica

3 I presupposti per lanalisi demografica (1) I fenomeni demografici collettivamente considerati derivano dagli eventi che hanno origine nelle biografie individuali; Di conseguenza, lapproccio longitudinale è lunico che consente la loro corretta descrizione e interpretazione; Lottica longitudinale dinamica deve pertanto caratterizzare i dati individuali (dati micro) che dovranno essere analizzati con modelli di durata (Event History Analysis); In questo ambito le tecniche di Meta-Analysis aggiungono una interessante possibilità di sintesi alla descrizione e alla comparazione fra realtà diverse, facendo da ponte concettuale con il passo successivo, di studi micro-macro;

4 I presupposti per lanalisi demografica (2) I dati micro infatti non appaiono sufficienti a spiegare i fenomeni demografici, e devono essere accompagnati dalle informazioni relative al contesto (dati macro) in cui le biografie individuali, nascono, si intrecciano, si estinguono. I dati macro (informazioni aggregate di livello superiore a quello individuale – ad esempio familiare, territoriale etc.) devono essere disponibili in serie temporali opportune, per potere collocare le biografie nel contesto dinamico. Si viene così a delineare una struttura di dati gerarchici per i quali lapproccio di analisi si configura attraverso le metodologie multi-livello.

5 Gli obiettivi e i dati: la direzione futura La presentazione vuole (ostinatamente) ribadire limportanza dellutilizzo di tutte le fonti disponibili per lo studio interpretativo della dinamica familiare, del comportamento riproduttivo, delle condizioni di salute e sopravvivenza. Nella direzione dinamica complessa, frutto dellottica longitudinale e multi- livello sopra delineata, risulta fondamentale per il raggiungimento degli obiettivi lintegrazione fra fonti (dati di indagini retrospettive e panel, dati amministrativi, censimento) diretta alla costruzione di un archivio dinamico micro-macro anche a livello territoriale disaggregato, che può consentire di inserire nello studio le tecniche di demografia spaziale. La possibile direzione futura indicata, in sintesi, prevede un archivio complesso unico con tutti gli eventi demografici disponibili (nati, comportamento riproduttivo, matrimoni, divorzi, decessi, migrazioni, …) a livello di biografia individuale e inseriti nel contesto territoriale dinamico.

6 INTEGRAZIONE FRA FONTI Focus su un aspetto che presenta vantaggi di tempo e di costo

7 … partiamo dal censimento Oltre il controllo anagrafe – censimento gli eventi dove Numeri civici e georeferenziazione: gli eventi dove gli eventi perché Conoscenza dei dati aggiornati sul contesto territoriale (per i diversi livelli) in merito alle variabili socio-economiche (ad esempio sullistruzione e sulle caratteristiche delle abitazioni) a livello comunale e sub-comunale per linterpretazione dei meccanismi a livello territoriale disaggregato: gli eventi perché gli eventi quando, dove e perché Record linkage con archivi amministrativi e survey in vista dellapproccio dinamico per genere e generazione: gli eventi quando, dove e perché

8 Limportanza del record-linkage censimento- archivi amministrativi-survey (1) studio dinamico longitudinale POICHE: E ormai consolidata in letteratura lesigenza dello studio dinamico longitudinale che unisca lapproccio micro con quello macro storie di vita micro I dati individuali devono essere raccolti con indagini retrospettive e panel per seguire le storie di vita (dati micro), oppure ricostruiti dagli archivi individuali nel rispetto della privacy macro I dati macro (contesto) non sono la mera somma dei dati individuali informazioni contestuali dinamiche Appare rilevante linfluenza dei dati contestuali anche al netto delle caratteristiche individuali. La difficoltà è avere informazioni contestuali dinamiche

9 Limportanza del record-linkage censimento- archivi amministrativi-survey (2) In sintesi: Analisi micro Analisi micro per lo studio dei fenomeni socio- demografici con modelli dinamici secondo lapproccio del corso di vita (livello individuale) Analisi macro Analisi macro per le informazioni contestuali dinamiche QUINDI le rilevazioni censuarie, si può costruire la serie temporale delle informazioni socio- economiche Con le rilevazioni censuarie, si può costruire la serie temporale delle informazioni socio- economiche (istruzione, lavoro, caratteristiche delle abitazioni, strutture etc. ) a livello comunale, non continue ma diacroniche

10 Qualche riflessione sullintegrazione fra fonti (*) Scopo dellintegrazione dei dati è quello di combinare dati contenuti in più fonti ma che fanno riferimento a una stessa unità statistica (record linkage), o unità statistiche diverse (linkage statistico). (*) riflessioni liberamente tratte dalla presentazione di Francesca Rinesi (ISTAT), Convegno intermedio AISP, Levoluzione degli studi di popolazione. Una lettura per generazione. Firenze, 14 ottobre 2010

11 Gli utilizzi dellintegrazione fra fonti tramite record linkage (1) Studio della relazione causale tra variabili contenute in differenti dataset; (2) Stima dellammontare di una popolazione difficilmente osservabile; (3) Creazione di una nuova banca dati in unottica longitudinale; (4) Eliminazione dei duplicati esistenti allinterno di uno stesso dataset (Internal linkage); (5) Validazione di variabili sensibili.

12 Le fasi del record linkage

13 ESEMPI DI ANALISI - TEMI - DATI - METODI

14 Uno zoom su informazioni a livello comunale e sub-comunale Il contesto influenza le propensioni individuali attraverso il condizionamento di «pari referenti» e dei sistemi di «welfare territoriali» RICERCHE SU: Fecondità e scioglimento delle unioni ES: Lo studio della fecondità differenziale a livello disaggregato unendo le informazioni delle indagini retrospettive e panel alle informazioni censuarie Salute e disuguaglianze ES: Listruzione e le caratteristiche delle abitazioni, quali proxi dello status socio-economico

15 Approcci multi-livello Negli approcci multi-livello dinamici, le variabili individuali (ad esempio, raccolte con indagini retrospettive e panel, oppure derivanti dagli archivi di popolazione) colgono una parte della variabilità, ma può rimanerne una parte non spiegata. Con le variabili di contesto si possono spiegare a livello aggregato le stesse dimensioni (o altre) e interpretare unaltra parte di varianza Su queste basi si possono meglio delineare le informazioni necessarie per interventi di policy

16


Scaricare ppt "USCI – Comune di Brescia UNA CITTÀ PER CONTARE Convegno nazionale In direzione ostinata e complessa: verso un archivio dinamico per l'analisi demografica."

Presentazioni simili


Annunci Google