La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Progetto Valori. PAGINA 2 Il Processo di costruzione del Sistema Valoriale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Progetto Valori. PAGINA 2 Il Processo di costruzione del Sistema Valoriale."— Transcript della presentazione:

1 Progetto Valori

2 PAGINA 2 Il Processo di costruzione del Sistema Valoriale

3 I Valori di Poste Italiane - Processo di costruzione del sistema valoriale Guide line di intervista Interviste al Management * Sintesi Nuovo Sistema Valoriale * focus su: 1.Importanza della diffusione, della pratica dei valori e loro coerenza con il Piano 2.I Valori più importanti e quelli meno praticati 3.I macrocomportamenti attribuiti per Valore 4.I nuovi Valori (eventuali) Piano Sistema dei Valori attuale

4 PAGINA 4 Il Sistema Valoriale attuale

5 PAGINA 5 Lattuale sistema dei Valori è stato pensato con riferimento al Piano 2003 – 2005; è inserito nel modello manageriale, comprende cinque valori, oltre allOrientamento al Cliente che, al centro del sistema, ne costituisce la sintesi. Il Sistema Valoriale attuale ORIENTAMENTO AL CLIENTE TRASPARENZA VELOCITÀ INTEGRAZIONE CRESCITA PROATTIVITÀ

6 PAGINA 6 Il Piano

7 I Valori di Poste Italiane – Strategie e Valori Il piano sottolinea, per quanto concerne i Valori, alcuni elementi: Innovazione Per creare nuovi prodotti e servizi di tipo tradizionale, e per sostenerli con un ICT adeguata Per sviluppare e lanciare servizi innovativi (tutto il settore e – business) Per reingegnerizzare i processi ed automatizzarli Per sviluppare nuove collaborazioni con le realtà estere anche su nuovi servizi Per poter aggredire nuovi segmenti di mercato (Business) Integrazione Per sfruttare appieno la multicanalità Per sfruttare appieno le competenze e gli asset patrimonio di PI

8 PAGINA 8 Valorizzazione delle Risorse Umane Perchè solo attraverso : la condivisione dei contenuti di piano da parte di tutto il Personale la diffusione di un livello elevato di professionalizzazione la piena responsabilizzazione delle Persone a tutti i livelli anche con lutilizzo nei sistemi di sviluppo delle Risorse Umane è possibile operare in modo tale da poter raggiungere gli obiettivi previsti

9 PAGINA 9 Le interviste al management

10 In sintesi dalle interviste emergono i seguenti Nuovi Valori : Innovazione: sia considerata come propensione ai nuovi prodotti, servizi o tecnologie che come disponibilità soggettiva ed intellettuale ad accettare il nuovo (per cui flessibilità o capacità di adattamento) Etica: intesa come correttezza dei rapporti con i clienti e con i colleghi, come appartenenza allazienda, come integrità morale e come necessità prioritaria a mantenere e sviluppare lasset Fiducia considerato primario ed essenziale per il raggiungimento degli obiettivi di Piano. Gli elementi fondamentali emersi dalle interviste al Management

11 PAGINA 11 Responsabilità e Professionalità: come disponibilità soggettiva a crescere in termini tecnico professionali assumendosi la responsabilità di rappresentare lazienda e/o il cliente nelle relazioni esterne ed interne Valorizzazione delle RU: con riferimento agli stili di management, di conduzione delle RU e della possibilità di attuare percorsi di crescita coerenti con le performance fornite e con la potenzialità delle Persone Tempestività: intesa come puntualità nel delivery ed affidabilità, diretta conseguenza di una attenta pianificazione e programmazione (qualità dei processi e della loro corretta interpretazione da parte di chi li gestisce nel quotidiano)

12 PAGINA 12 Il Nuovo Sistema dei Valori

13 VELOCITA INTEGRAZIONE TRASPARENZA CRESCITA PROATTIVITA FIDUCIA APPARTENENZA ETICA DEL SERVIZIO LEALTÀ IMPEGNO DEDIZIONE I VALORI TRADIZIONALI I VALORI DI OGGI Il Nuovo Sistema dei Valori – Struttura evolutiva MONOPOLIOMONOPOLIO SVILUPPOSVILUPPO MONOPOLIOMONOPOLIO SVILUPPOSVILUPPO ENERGIA REALIZZATIVA ETICA NEL LAVORO INTEGRAZIONE PROFESSIONALITA INNOVAZIONE I VALORI DI DOMANI FIDUCIA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE MERCATOMERCATO MERCATOMERCATO

14 PAGINA 14 Costituiscono lorientamento fondamentale dei comportamenti delle Persone, la cui pratica costante consentirà a Poste di proseguire la strada di successo percorsa negli ultimi anni nonostante la forte evoluzione del mercato caratterizzato da una sempre maggior presenza della concorrenza. I VALORI

15 PAGINA FIDUCIA Generare e trasferire fiducia costituisce lorientamento fondamentale e primario di Poste Italiane per mantenere ed ampliare il nostro mercato (interno ed esterno) I nostri Clienti da sempre ci danno fiducia perché sappiamo essere loro vicini, senza arroganza ed in ogni località, con prodotti e servizi semplici e facilmente accessibili. Meritano dunque da noi comportamenti ed azioni che continuino ad essere orientate ad offrire ed ottenere la stessa fiducia di sempre: il fidarci dei nostri colleghi costituisce la condizione di base per poter realizzare tutto ciò. I VALORI (segue)

16 PAGINA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Il Cliente è il protagonista di qualsiasi nostra azione perché noi esistiamo se esiste il Cliente La soddisfazione del Cliente (interno ed esterno) orienta ogni nostra azione: noi sviluppiamo la necessaria capacità di ascoltare e comprendere i bisogni dei Clienti e veniamo incontro alle loro aspettative individuando tempestivamente le soluzioni adeguate, coerenti e competitive. I VALORI (segue)

17 PAGINA ETICA NEL LAVORO Letica nel lavoro e la correttezza si costruiscono sulla fiducia La forza delle nostre azioni sta nella trasparenza, nella lealtà e nella fiducia nei confronti dei nostri interlocutori (Clienti e Colleghi) ai quali non abbiamo nulla da nascondere. I VALORI (segue)

18 PAGINA INTEGRAZIONE La fiducia reciproca genera una squadra vincente Lavoriamo insieme, mettendo in comune le forze, lentusiasmo e le competenze, nel rispetto reciproco per il lavoro che ciascuno di noi svolge nellinteresse della clientela, dellazienda e degli stessi colleghi, sapendo che solo attraverso un grande lavoro fatto insieme, confidando gli uni negli altri, potremo rendere i migliori servizi in linea con le effettive esigenze della clientela. I VALORI (segue)

19 PAGINA PROFESSIONALITA La fiducia in noi stessi e negli altri per offrire i migliori servizi Ciascuno di noi si impegna con determinazione nello sviluppo delle proprie conoscenze e potenzialità; assume con prontezza le responsabilità ed agisce tempestivamente, riconosce il valore degli altri e le loro competenze infondendo impegno e disponibilità a creare rapporti di reciproca fiducia. Tutto ciò costituisce il vero patrimonio di Poste Italiane per proseguire ad erogare servizi di qualità, soddisfare le esigenze della clientela e competere in un mercato che vede lingresso di concorrenti agguerriti. I VALORI (segue)

20 PAGINA INNOVAZIONE Attraverso la fiducia nel nuovo costruiamo il nostro futuro Innovare per noi significa rispondere alle necessità di un mercato sempre più competitivo affrontando il nuovo contesto, ideando, progettando e realizzando tempestivamente ogni necessario nuovo strumento, sistema o prodotto nella certezza di operare nellinteresse dei clienti, dellazienda e dei colleghi. I VALORI (segue)

21 PAGINA ENERGIA REALIZZATIVA Lenergia realizzativa è ciò che trasforma il lavoro in risultato concreto: limpegno, la velocità e lefficacia delle azioni, orientate a raggiungere lobiettivo, costituiscono la nostra forza nel contrastare laggressività dei concorrenti rafforzando il posizionamento di PI sul mercato. Noi ci distinguiamo per la nostra carica nel supportare il cliente e il collega, con tutto lentusiasmo e lenergia possibile, senza mollare mai Tutto ciò significa volontà di agire nel mercato e possibilità di riconoscere il contributo che ciascuno dà alla crescita di PI, generando autostima e fiducia in se stessi. I VALORI

22 I LABORATORI DEI VALORI (una modalità per la diffusione e la pratica dei Valori)

23 PAGINA 23 Progettare e realizzare un processo che consenta di declinare i profili valoriali definiti dallAzienda in atteggiamenti mentali e comportamenti organizzativi concreti e coerenti con gli obiettivi definiti e le strategie, individuando e mettendo in atto le modalità idonee a farli acquisire a tutto il Personale, valorizzando ed integrando quanto già messo in atto nelle singole realtà. OBIETTIVO

24 PAGINA 24 Il Progetto poggia le sue basi sul seguente schema logico: IL PROGETTO : La logica Far partecipare le Persone alla definizione del significato da attribuire ai Valori definiti in situazione di Laboratorio, declinandoli in comportamenti concreti Costituire una comunità di Persone, di estrazione professionale, di livello gerarchico e di culture differenti, che possa funzionare da veicolo di trasmissione/portavoce (Enzimi del Cambiamento) allinterno delle strutture a tutti i livelli. Vivere e praticare i Valori attraverso la messa in atto di comportamenti che le Persone riconoscono come coerenti con i Valori perché individuati dalle Persone stesse favorendo in tal modo un processo di responsabilizzazione.

25 PAGINA 25 IL PROGETTO : Lo schema di riferimento Attività degli Enzimi del Cambiamento mirata a diffondere i comportamenti individuati ed a monitorarne la messa in atto Attivazione delle leve e degli strumenti necessari a far acquisire atteggiamenti mentali/comportamenti coerenti Attività di laboratorio indirizzata a definire comportamenti concreti e coerenti con i valori definiti, gli obiettivi e le strategie ed a creare la Comunità degli Enzimi del Cambiamento ATTIVITADIATTIVITADI PROGETTOPROGETTO Percezione delle persone relativamente alla pratica dei Valori

26 PAGINA 26 Di seguito viene esposto il flusso delle attività di Progetto articolato per macrofasi. Tenendo conto della realtà Poste Italiane sono ipotizzabili 30 laboratori con il coinvolgimento di circa 4500 Partecipanti e circa 360 Facilitatori (Formazione: 20 edizioni) Analisi ed attività preliminari di progettazione (incontri Top Mngrs., RUD, RUR etc.) Individuazione dei Facilitatori e dei Partecipanti e progettazione della formazione Erogazione della Formazione ai Facilitatori e attività di Laboratorio Campagna finale di Comunicazione Interna Gruppi di Validazione (15) Comunicazione Interna Entro Gennaio 2007 Entro Gennaio Entro Febbraio 2007 Da giugno A Novembre 2007 Entro Febbraio 2008 Entro Fine Aprile 2007 Workshop per la presentazione del Progetto ed il coinvolgimento dei Capi di 3° livello (20 edizioni) Incontro per la presentazione del Progetto ai Dirigenti di 2° livello Entro Maggio 2007 IL PROGETTO : il flusso di attività

27 I Workshop

28 PAGINA 28 Coinvolgere il Management di livello intermedio, che non parteciperà né alle attività di laboratorio né alle attività di validazione dei risultati, nel progetto Individuare ed analizzare qualitativamente le variabili di clima percepite dai Gruppi come direttamente influenzanti la percezione delle Persone in tema di pratica dei Valori I WORKSHOP : Gli obiettivi

29 I Laboratori

30 PAGINA 30 Lobiettivo dei Laboratori consiste nel declinare i Valori definiti in comportamenti concreti. Ciascun laboratorio (composto da 100/150 Persone di cui il 50% volontarie) sarà articolato in Gruppi di Lavoro (composto da 10/12 Persone), che opereranno per due giorni con lausilio di un facilitatore (scelto tra il Personale ed adeguatamente formato) che avrà il compito di stimolare la discussione e favorire lelaborazione delle sintesi. Ciascun Gruppo di Lavoro declinerà alcuni dei Valori in comportamenti praticati e/o attesi. I risultati di ciascun Gruppo saranno oggetto di ulteriore analisi e commento da parte degli altri Gruppi, attraverso opportuni incroci che saranno definiti nel corso dellattività di progettazione, sino ad ottenere un risultato finale che sarà il frutto del lavoro comune di tutti i Gruppi di lavoro attivati per ciascuna Funzione. I Gruppi saranno composti in modo tale da garantire la massima partecipazione attiva (es. coerenza dei livelli gerarchici, ruoli omologhi etc.). Durante i Laboratori sarà garantita ai Facilitatori la costante assistenza della Consulenza I LABORATORI : Contenuti e metodologia

31 PAGINA 31 Gli elementi chiave delle attività di laboratorio I LABORATORI : Contenuti e metodologia I Partecipanti 100/150 per laboratorio In parte individuati dalla azienda ed in parte volontari I Facilitatori 1 per ogni gruppo di lavoro Individuati tra il Personale Formati ad hoc dalla consulenza La Consulenza Fornisce supporto preventivo ai facilitatori Svolge attività di counseling durante i laboratori per i Facilitatori Le Funzioni del Personale Partecipano ad ogni fase di progettazione Curano gli aspetti logistico/organizzativi dei Laboratori

32 I Gruppi di Validazione

33 OBIETTIVI Tradurre i risultati delle attività di laboratorio (comportamenti individuali, collettivi ed azioni aziendali) in linguaggio organizzativo, nel rigoroso rispetto dei contenuti e riprendendo, nelle enunciazioni, le parole chiave presenti nelle sintesi formulate nel corso dei lavori dei laboratori. Decidere quali azioni aziendali mettere in atto e quali supporti fornire al Personale finalizzati a rendere agiti i comportamenti emersi dalle attività di laboratorio. I GRUPPI DI VALIDAZIONE : Gli Obiettivi Ciascun Gruppo di lavoro (uno per ogni Laboratorio/gruppi omogenei di Laboratori) sarà composto da alcuni facilitatori, alcuni rappresentanti della Funzione Risorse Umane Centrale e Territoriale ed alcuni rappresentanti dellalta Dirigenza delle Funzioni interessate. PARTECIPANTI

34 I Risultati

35 PAGINA 35 I Risultati IL PROGETTO : I Risultati Elenco di comportamenti concreti associati a ciascun Valore, condivisi dalle Persone, validati dai Vertici delle Funzioni Abitudine a lavorare insieme su progetti a carattere strategico in modo libero e trasparente Maggiore identificazione con Valori, Obiettivi e Strategie e Responsabilizzazione e rispetto alla loro pratica concreta Maggiore coesione ed identificazione con lAzienda


Scaricare ppt "Progetto Valori. PAGINA 2 Il Processo di costruzione del Sistema Valoriale."

Presentazioni simili


Annunci Google