La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DOL - Progetto Integrazione Recapito La Metodologia di determinazione della prestazione del portalettere Evoluzione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DOL - Progetto Integrazione Recapito La Metodologia di determinazione della prestazione del portalettere Evoluzione."— Transcript della presentazione:

1 DOL - Progetto Integrazione Recapito La Metodologia di determinazione della prestazione del portalettere Evoluzione

2 DOL - Progetto Integrazione Recapito Il calcolo della prestazione dei portalettere 1 Elementi costitutivi Raccordo Percorrenza Gita Preparatoria e finale Lavorazione Indescritte Consegna Preparatoria e finale Lavorazione Descritte Consegna Fattori di calcolo Indicatore della attività espresso in volumi Parametro che indica il tempo necessario per eseguire una singola operazione, espresso in minuti, determinato in funzione: della Classe (interasse) per le percorrenze della Tipologia (densità abitativa e commerciale) per le lavorazioni Indice di frequenza che determina la percentuale di consegne effettivamente eseguite mediamente in rapporto a quelle teoriche determinato in funzione della Tipologia Fattore Jc di correzione della frequenza, determinato in funzione della densità abitativa

3 DOL - Progetto Integrazione Recapito Il calcolo della prestazione dei portalettere 2 La Prestazione viene calcolata per ciascuno degli elementi costitutivi: Percorrenza di Raccordo: Chilometri x parametro determinato dalla classe della zona Percorrenza di Gita: Chilometri x parametro determinato dalla classe della zona Lavoro Preparatorio Indescritte: Quota Fissa:Tempo Unico determinato in funzione della Tipologia Quota Variabile: numero unità di consegna X parametro X Indice di frequenza X Jc Consegna Indescritte: numero unità di consegna X parametro X Indice di frequenza X Jc Lavoro Preparatorio Descritte: n. Oggetti Consegnati X parametro Consegna Descritte: n. Oggetti Consegnati X parametro determinato in funzione della tipologia

4 DOL - Progetto Integrazione Recapito LEvoluzione dellAttività del Portalettere Limpostazione metodologica delle modalità di calcolo della prestazione del portalettere risulta ancora valida. Ma nel periodo trascorso dalla sua introduzione sono avvenuti una serie di mutamenti, ed altri sono in corso, in relazione: Alle Caratteristiche dei Prodotti di Corrispondenza Ai Processi Produttivi: Il Piano di Motorizzazione Il Rinnovamento degli Uffici di Recapito La Diversificazione delle Reti di Recapito Alle Tecnologie: Automazione della Corrispondenza Descritta Fornitura agli addetti al recapito di un Portable Data Terminal Geopost Ricerca Operativa

5 DOL - Progetto Integrazione Recapito La Metodologia di determinazione della prestazione del portalettere è stata studiata ed introdotta allinizio degli anni novanta. Da allora si è verificata una radicale evoluzione economica e di mercato. Le Caratteristiche dei Prodotti di Corrispondenza Le analisi eseguite nellambito del Progetto Integrazione Recapito hanno accertato: che i volumi medi per unità di destinazione sono oggi omogenei per bacini a pari propensione al consumo di posta Che la frequenza con cui le unità di destinazione ricevono corrispondenza indescritta è direttamente proporzionale alla media di oggetti ricevuti, fino ad un livello di saturazione. i Prodotti di Corrispondenza Indescritta hanno subito una coerente evoluzione delle proprie caratteristiche che da prevalentemente epistolari, e quindi influenzate nella loro distribuzione da fattori di censo e cultura sono divenute prevalentemente commerciali, e quindi influenzate da fattori demografici ed economici

6 DOL - Progetto Integrazione Recapito Il Piano di Motorizzazione di Poste Italiane, attuato nel 2000, prevede la fornitura a tutte le zone di recapito del mezzo per la esecuzione del servizio; esso è stato rinnovato nel 2005 con la stipula dei nuovi contratti di Full Rent degli autoveicoli e lacquisto dei motoveicoli, ottimizzando la dotazione di mezzi e le modalità di manutenzione I principali benefici del piano di motorizzazione sono: individuazione della tipologia del mezzo da assegnare in funzione delle caratteristiche della zona di recapito adeguatezza degli strumenti di lavoro con la prestazione richiesta maggiore sicurezza per il personale addetto ottimizzazione e misurabilità dei tempi di spostamento nella percorrenza dei raccordi riduzione dei tempi di percorrenza della gita miglioramento dellimmagine aziendale Il Piano di Motorizzazione

7 DOL - Progetto Integrazione Recapito I Progetti di Rinnovamento UdR hanno lobiettivo di Ottimizzare i Processi Produttivi e Migliorare la Qualità del Servizio e le Condizioni di Lavoro introducendo AMBIENTI ADEGUATI STRUMENTI E ATTREZZATURE IDONEE STANDARD DEI PROCESSI STRUTTURA ORGANIZZATIVA EFFICACE I Progetti di Rinnovamento degli U.d.R. Lattuazione dei Progetti è stata completata negli UdR Urbani ed è in corso nelle realtà provinciali dove sarà completata entro il Oggi sono stati Rinnovati UdR da cui dipende il 60 % delle zone

8 DOL - Progetto Integrazione Recapito DopoPrima Nuove attrezzature: Bilance Elettroniche Tavoli apertura Carrelli Movimentazione Casellari Verticali Miglioramento Condizioni di Lavoro Ottimizzazione Tempi

9 DOL - Progetto Integrazione Recapito Lattuazione del Progetto di Differenziazione delle Reti che prevede laffidamento alle Reti Dedicata e Consegne Speciali: della consegna presso i civici ad alto traffico degli oggetti voluminosi o comunque non recapitabili dai portalettere Delle campagne di ISI e Door to Door non compatibili con la funzionalità della Rete Universale Consente di Ridurre i carichi di lavoro Migliorare le condizioni di sicurezza Omogeneizzare la prestazione dei portalettere delle realtà urbane e rurali La Diversificazione delle Reti

10 DOL - Progetto Integrazione Recapito I Nuovi Strumenti Tecnologici Il mondo del recapito è stato, ed ancora di più sarà nel futuro, oggetto di importanti iniziative di innovazione tecnologica: 1.Il T & T delle corrispondenze registrate, che, oltre alla possibilità per il cliente di seguire on line landamento delle sue spedizioni, ha notevolmente migliorato i livelli di sicurezza ed i processi produttivi, anche nel recapito 2.LApplicativo Geopost che garantisce: Laggiornamento costante delle banche dati relative al recapito ed il confronto con altre banche dati, aziendali e non La determinazione automatica delle prestazioni e la possibilità di eseguire simulazioni Laggiornamento in tempo reale dei repertori di ripartizione per CAP, UdR o Zona 3.La dotazione agli addetti al recapito di un Terminale Portatile per: Eseguire le operazioni di tracciatura degli eventi di recapito Aggiornare viario e libretto di gita Dotare gli addetti al recapito di mappe di gita aggiornate Fornire supporti informativi su norme e disposizioni operative 4.Lintroduzione di tecniche di Ricerca Operativa che, attraverso lutilizzo di Geopost e di cartografie aggiornate, possano disegnare automaticamente gli itinerari, ottimizzando i percorsi ed aggiornandoli costantemente, unitamente alle mappe di gita dei portalettere T & T e Geopost sono già da anni in esercizio, i primi test per la dotazione dei Terminali inizieranno prima dellestate, il soft-ware per la ricerca operativa è in fase di test

11 DOL - Progetto Integrazione Recapito Al fine di un corretto calcolo della prestazione del portalettere appare quindi possibile e necessario: Adeguare alcuni parametri di calcolo dei tempi previsti per la esecuzione delle prestazioni, per allinearli ai tempi di lavorazione effettivi, come modificati dalle innovazioni operative introdotte (percorrenza raccordo e lavoro preparatorio) Adeguare gli indici di frequenza alla evoluzione conseguente alle modifiche del mercato in termine di evoluzione dei prodotti e dei consumi Utilizzare i valori corretti per gli indicatori di calcolo della prestazione (unità di consegna e volumi corr.za descritta) Apprezzare le innovazioni tecnologiche e di processo

12 DOL - Progetto Integrazione Recapito Interventi 1.Adeguare i parametri previsti per le percorrenze di raccordo 2.Ottimizzare i percorsi di gita 3.Adeguare i parametri previsti per la esecuzione del lavoro preparatorio 4.Adeguare gli indici di frequenza 5.Allineare i dati delle unità di consegna e dei volumi di corrispondenza registrata 6.Attuare la Diversificazione delle Reti di Recapito 7.Attuare il Nuovo Modello Organizzativo per la Ripartizione 8.Allineare la prestazione media a 360

13 DOL - Progetto Integrazione Recapito Caratteristiche della ZonaClasse Parametro Metodologia Velocità di Percorrenza (km/h) Elevata densità urbanistica1512 Media densità urbanistica2415 Limitata densità urbanistica3320 Esigua densità urbanistica4230 Caratteristiche della ZonaClasse Nuovo Parametro Metodologia Velocità di Percorrenza (km/h) Elevata densità urbanistica1320 Media densità urbanistica22,2826 Limitata densità urbanistica31,7734 Esigua densità urbanistica41,540 le attuali velocità di percorrenza dei raccordi non risultano superiori ai 30 km / h: la motorizzazione ha elevato i tempi di percorrenza medi, che sono stati ricalcolati: Le Percorrenze di Raccordo A regime itinerari e tempi di percorrenza dei raccordi saranno determinati utilizzando strumenti di ricerca operativa

14 DOL - Progetto Integrazione Recapito Attualmente la definizione delle singole zone di recapito viene effettuata con metodi empirici e ciò da luogo a risultati non ottimali in termini di: ricerca del giusto equilibrio dei percorsi di gita e dei raccordi tra zone di recapito afferenti allo stesso UdR gravosità dellattuale modalità di effettuazione del ridisegno zone in modo manuale Utilizzando applicativi software di ricerca operativa è possibile disegnare in modo ottimale le zone di recapito in funzione dei percorsi di gita e renderne più agevole e veloce il costante adeguamento LOttimizzazione dei Percorsi di Gita

15 DOL - Progetto Integrazione Recapito Processo più veloce Facilità messa in gita anche per non titolare Massima personalizzazione e flessibilità degli spazi Lavorazione più veloce e comoda Adattabilità alle esigenze e caratteristiche fisiche dei portalettere Adattabilità ai volumi di corrispondenza Gli interventi di Rinnovamento degli UdR, ed in particolare lintroduzione del casellario verticale, rendono il lavoro preparatorio più snello: Riduzione dei tempi di messa in gita Pertanto il Parametro della componente variabile del Lavoro Preparatorio passa da 0,1 a 0,075 a consegna Il Lavoro Preparatorio

16 DOL - Progetto Integrazione Recapito Indici di frequenza Le analisi eseguite nellambito del Progetto Integrazione Recapito hanno accertato che la frequenza di consegna cresce in misura direttamente proporzionale ai volumi mensili medi per unità di consegna con la seguente funzione: Y = 0,01 X + 0,25 fino allindice di saturazione del 75 %. Lindice medio attuale è 0,48 (0,24 – 0,73) Lindice rilevato è 0,43 (0,36 – 0,56) Lindice di frequenza sarà determinato per ciascun Centro di Distribuzione in funzione dei volumi medi mensili effettivi per Unità di Consegna Ciò consentirà: Una determinazione della prestazione più coerente con le effettive condizioni operative; Di cogliere in modo coerente con la metodologia le variazioni significative dei volumi di corrispondenza indescritta

17 DOL - Progetto Integrazione Recapito Originariamente i dati contenuti nel Viario relativi ai dati demografici (abitazioni, unità non abitative, civici postalmente attivi etc.) ed ai volumi di oggetti descritti consegnati erano aggiornati sulla base delle informazioni raccolte dai portalettere con procedure cartacee tradizionali, determinando errori e disallineamenti Lintroduzione di Geopost, accompagnata da procedure per la corretta alimentazione delle informazioni, ha consentito linformatizzazione del processo ed un progressivo allineamento dei dati, con particolare riferimento a quelli relativi alle abitazioni attive ed ai volumi di raccomandate ed assicurate La prestazione va ricalcolata sulla base dei dati aggiornati Allineamento dati del Viario

18 DOL - Progetto Integrazione Recapito Il Nuovo Modello Organizzativo prevede che le attività di lavorazione interna siano svolte presso i Centri di Distribuzione anche per i Presidi Decentrati di Distribuzione. Presso i PDD dovranno essere eseguite: Le attività di T & T La ripartizione del Prioritario proveniente dagli altri bacini Per garantire tali attività ai presidi con almeno 3 zone continueranno ad essere assegnati 10 per ciascuna zona, assegnati, in coerenza con le esigenze produttive, alla zona A1 La Nuova Organizzazione delle Lavorazioni Interne

19 DOL - Progetto Integrazione Recapito Le innovazioni tecnologiche ed operative introdotte hanno modificato in modo significativo le modalità di lavorazione della corrispondenza descritta e, di conseguenza, i tempi di esecuzione delle singole operazioni E quindi necessario provvedere ad aggiornare i parametri di valutazione della prestazione Gli ulteriori interventi programmati (nuovi applicativi T & T e soprattutto lintroduzione del Terminale Mobile) determineranno modifiche ancora più significative. Pertanto si ritiene opportuno per il momento continuare ad utilizzare gli attuali parametri e rinviare al termine della implementazione delle nuove attività la determinazione dei nuovi La Lavorazione della Corrispondenza Descritta

20 DOL - Progetto Integrazione Recapito La metodologia, con le integrazioni previste nel presente documento, consente di calcolare con buona precisione la prestazione e determinare il numero di zone necessario per ciascun Centro di Distribuzione, allineando il punteggio medio a 360 A livello di Centro di Distribuzione sarà possibile la perequazione delle singole zone, al fine di allinearne la prestazione allorario di lavoro contrattauale di 36 ore settimanali La Perequazione delle Zone di Recapito


Scaricare ppt "DOL - Progetto Integrazione Recapito La Metodologia di determinazione della prestazione del portalettere Evoluzione."

Presentazioni simili


Annunci Google