La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

RETI FISSE E MOBILI Anno Accademico 2003-04 I MEZZI TRASMISSIVI ELETTRICI Gianfranco Prini DICO - Università di Milano

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "RETI FISSE E MOBILI Anno Accademico 2003-04 I MEZZI TRASMISSIVI ELETTRICI Gianfranco Prini DICO - Università di Milano"— Transcript della presentazione:

1 RETI FISSE E MOBILI Anno Accademico I MEZZI TRASMISSIVI ELETTRICI Gianfranco Prini DICO - Università di Milano

2 NOTA DI COPYRIGHT Queste trasparenze (slide) sono protette dalle leggi sul copyright e dalle disposizioni dei trattati internazionali. Il titolo e il copyright delle slide (ivi inclusi, ma non limitatamente, ogni immagine, fotografia, animazione, video, audio, musica, testo, tabella, disegno) sono di proprietà dell'autore. Le slide possono essere riprodotte e utilizzate liberamente dagli istituti di ricerca, scolastici e universitari italiani afferenti al Ministero dellIstruzione, dellUniversità e della Ricerca per scopi istituzionali e comunque non a fini di lucro. In tal caso non è richiesta alcuna autorizzazione. Ogni altro utilizzo o riproduzione, completa o parziale (ivi incluse, ma non limitatamente, le riproduzioni su supporti ottici e magnetici, su reti di calcolatori e a stampa), sono vietati se non preventivamente autorizzati per iscritto dall'autore. L'informazione contenuta in queste slide è ritenuta essere accurata alla data riportata nel frontespizio. Essa è fornita per scopi meramente didattici e non per essere utilizzata in progetti di impianti, prodotti, reti, etc. In ogni caso essa è soggetta a cambiamenti senza preavviso. L'autore non assume alcuna responsabilità per il contenuto delle slide (ivi incluse, ma non limitatamente, la correttezza, la completezza, l'applicabilità, l'adeguatezza per uno scopo specifico e l'aggiornamento dell'informazione). In nessun caso possono essere rilasciate dichiarazioni di conformità all'informazione contenuta in queste slide. In ogni caso questa nota di copyright non deve mai essere rimossa e deve essere riportata fedelmente e integralmente anche per utilizzi parziali.

3 ARGOMENTI Testo di riferimento –Reti Locali: dal Cablaggio allInternetworking, di Silvano Gai, Pier Luca Montessoro, Pietro Nicoletti Slide correlate –I Mezzi Trasmissivi Elettrici, di Pietro Nicoletti e Pier Luca Montessoro In queste slide si integrano, si rettificano, si commentano, etc. alcuni punti di quelle slide Gli indici (pèdici) che si trovano nei titoli di queste slide si riferiscono ai numeri dordine progressivi di quelle slide

4 IL MEZZO ELETTRICO IDEALE 3 Poiché gli studenti di questo corso sono privi di una preparazione di base specifica sulla fisica e sullingegneria dei conduttori elettrici, i relativi concetti vengono qui riassunti, ma solo in maniera approssimata e qualitativa

5 AWG: AMERICAN WIRE GAGE 5 Notare che il corretto spelling di gage è in realtà gauge [in italiano calibro, ma anche misura, diametro, spessore, strumento di misura, contatore, scartamento (ferr.), immersione o pescaggio (di nave)] Il sostantivo gage nulla ha a che fare con i mezzi trasmissivi elettrici: significa pegno, garanzia, (pegno di) sfida, oppure – come abbreviazione di greengage (USA) – anche prugna regina Claudia Per il solo verbo to gauge, e solo in USA, è ammesso il meno corretto spelling to gage

6 AWG PRINCIPALMENTE UTILIZZATI 6 Per il cablaggio fisso si utilizzano soprattutto cavi con conduttore solido (meno flessibile) di diametro che le norme vogliono compreso tra 24 e 22 AWG (e non soltanto le misure 24 oppure 22 AWG) Per le bretelle di collegamento si utilizzano soprattutto cavi con conduttore trefolato (più flessibile) di diametro che le norme vogliono compreso tra 26 a 24 AWG (e non soltanto la misura 26 AWG) Abitualmente si utilizzano cavi da 24 AWG per entrambi gli scopi

7 DIAFONIA TRA I CAVI 9 Diafonia: rapporto tra la potenza indotta sul cavo adiacente e la potenza del segnale originale Attenuazione di diafonia: rapporto tra potenza del segnale originale e potenza indotta sul cavo adiacente Anche ACR (Attenuation to Cross-Talk Ratio): differenza tra attenuazione e NEXT, ossia la porzione (residua) di segnale attenuato (sul cavo di ricezione) non inquinata dal NEXT (generato dal cavo di trasmissione)

8 NEXT: NEAR-END CROSS-TALK 10 Coppie twistate (o doppini ritorti) –Se ne veda la ragione duso alle slide 22 e 23 –Se ne vedano i tipi alle slide da 24 a 30 Altri concetti oggi utilizzati nelle specifiche di cavi e canali: –PSNEXT (Power Sum Near-End Cross-Talk Loss, o somma di potenza di paradiafonia): NEXT cumulativo, ossia somma dei NEXT di tutte le (altre) coppie su una sola coppia –PSACR (Power Sum Attenuation to Cross-Talk Ratio): porzione (residua) di segnale attenuato (sul cavo di ricezione) non inquinata dal NEXT cumulativo (generato dallinsieme di tutti gli altri cavi di trasmissione adiacenti)

9 FEXT: FAR-END CROSS-TALK 11 Altri concetti oggi utilizzati nelle specifiche di cavi e canali: –ELFEXT (Equal Level Far-End Cross-Talk Loss, o perdita di diafonia allestremità lontana a pari livello, o anche scarto di telediafonia): rapporto tra segnale desiderato sulla coppia di ricezione e disturbo indesiderato indotto sulla medesima, provocato da un segnale proveniente dalla estremità lontana –PSFEXT (Power Sum Far-End Cross-Talk Loss, o somma di potenza di telediafonia): somma dei FEXT di tutte le (altre) coppie su una sola –PSELFEXT (Power Sum Equal Level Far-End Cross-Talk; in italiano: somma di potenza di scarto di telediafonia): somma dei PSFEXT di tutte le (altre) coppie su una sola coppia

10 IMPEDENZA DEL CAVO 12 Return Loss (Perdita di Ritorno): quantità di energia del segnale che viene riflessa nei punti di interfaccia tra i vari componenti di un circuito, o comunque nei punti di variazione di impedenza di un conduttore

11 TIPI DI SCHERMI 14 Schermo a calza: tipicamente treccia di rame stagnato

12 SICUREZZA IN CASO DI INCENDIO 16 Nel nostro paese (e in Europa) i cavi di tipo plenum non sono a norma –In USA vengono installati p.es. nei controsoffitti, che in USA spesso fungono da circuito di ritorno dellimpianto di condizionamento dellaria, consentendo lasportazione dei gas tossici Sono invece a norma i cavi LSZH (o LS0H), a propagazione ritardata della fiamma, a bassa emissione di fumi scuri e senza emissione di gas alogeni Per ambienti a più elevato rischio dincendio esistono cavi simili ai precedenti, ma che non propagano la fiamma per nulla (carbonizzano)

13 CARATTERISTICHE ED IMPIEGO 19 Impiego di coax escluso da tempo dalle norme di cablaggio di edifici commerciali Impiego di coax non solo previsto, ma fondamentale per le norme di cablaggio di edifici residenziali Distribuzione del segnale televisivo ad alta definizione in edifici commerciali potrebbe richiedere reintroduzione del coax, oppure sviluppo di cavi a prestazioni ancora maggiori (oggi si comincia a parlare di Categoria 8), o ancora ladozione su larga scala di fibra ottica

14 THICK ETHERNET 20 Impiego di cavo per Thick Ethernet escluso da tempo dalle norme di cablaggio degli edifici commerciali

15 THIN ETHERNET 21 Impiego di cavo per Thin Ethernet escluso da tempo dalle norme di cablaggio degli edifici commerciali

16 IL DOPPINO 22 Le recenti norme in lingua italiana adottano (sfortutamente) il termine coppia twistata, assai meno elegante di coppia ritorta In senso stretto, per doppino si intende una singola coppia ritorta di conduttori Nel gergo corrente, si indica con doppino anche un cavo multicoppia, soprattutto se contiene un numero limitato di coppie (p.es. 4) Delay skew (distorsione di propagazione): variazione dei ritardi di propagazione, dovuta alla differente lunghezza delle coppie in un cavo multicoppia (vi contribuisce soprattutto il diverso passo di binatura)

17 TIPI DI DOPPINO 24 Termine S-UTP poco usato Il cavo S-FTP (Screened Foiled Twisted Pair) è detto anche ScFTP (termine S-UTP non usato) Tipi di cavo prevalenti nei vari Paesi europei –UTP: Belgio, Danimarca, Irlanda, Italia, Norvegia, Olanda, Portogallo, Regno Unito, Spagna, Svezia –FTP: Francia (e Unimi, Unimib, etc.) –S-FTP e STP: Austria, Germania, Svizzera Esiste anche il tipo PiMF (Pair in Metal Foil) Comuni anche i cavi corazzati (antiroditore) e/o armati (interrabili senza altre protezioni)

18 CAVO UTP A Cavi multicoppia: fino a 2400 coppie per cavo Per i cavi multicoppia (fino a 25 coppie) le norme definiscono standard di colorazione per ciascuna coppia e per i relativi cavetti –in ogni coppia, uno dei cavetti deve essere colorato a tinta unita, laltro deve essere colorato con lo stesso colore alternato al bianco (es. rosso e bianco-rosso) Cavi multicoppia per interni contenenti un multiplo di 25 coppie (max 100) si realizzano mediante giustapposizione di cavi da 25 coppie (max 4), racchiusi in ununica guaìna –Attenzione gli accenti: guaìna, valùto, valùti, valùta, valùtano, scandinàvi, motoscàfo, ucraìno, Pollùce, etc.

19 CAVO STP A Non più utilizzato da tempo Oggi la struttura STP viene utilizzata per cavi di Categoria 7 (ancora non standardizzata)

20 CAVO DI TIPO 2 IBM 29 Non più utilizzato da tempo immemorabile

21 CAVO DI TIPO 6 IBM 30 Non più utilizzato da tempo immemorabile

22 CATEGORIE DEI CAVI ED IMPIEGHI 31 Categoria 5: secondo le norme più recenti, le specifiche sono ora quelle della precedente Categoria 5e (enhanced) Categoria 6: cavi testati fino a 250MHz (norma approvato nel 1998) Categoria 7: cavi testati fino a 600MHz (norma in fase di approvazione) Categoria 8: cavi testati fino a 800MHz (norma in fase di discussione) Possono essere UTP, FTP, S-FTP, PiMF o STP Solo Categoria 7 (per ora) limitata a PiMF/STP

23 CATEGORIE E STANDARD 32 Le norme più recenti di cablaggio generico –escludono da tempo limpiego di cavi di Categoria 1 e 2 –escludono da poco limpiego di cavi di Categoria 3 –escludono da poco limpiego di cavi STP da 150 –adottano le nuove specifiche per i cavi di Categoria 5 –suggeriscono limpiego di cavi di Categoria 6 –consentono limpiego di cavi di Categoria 7 –non fanno alcuna menzione di cavi di Categoria 8 (ma indicano che in futuro potranno rendersi disponibili ed essere adottate nuove categorie di cavi con prestazioni migliori di quelli attuali)

24 SLIDE DA 33 A 38 Le norme più recenti –definiscono (normativamente) le caratteristiche elettriche mediante formule (a valori continui), invece che mediante tabelle (a valori discreti) – forniscono (informativamente) tabelle, per valori usuali delle variabili, unicamente per continuità con il passato –oltre a caratteristiche elettriche e limiti per attenuazione e diafonia (NEXT e FEXT), specificano anche i limiti per ELFEXT, PSNEXT, PSFEXT, PSELFEXT, ACR, PSACR, return loss, propagation delay, delay skew, etc.

25 CATEGORIA 5 (EX 5e) Dati in 100 MHz tranne dove specificato Grandezza Canale Cavo fisso –Attenuation: –NEXT: –PSNEXT: –ACR: –PSACR: –ELFEXT: –PSELFEXT: –Return Loss: –Propagation Delay: 548ns 510ns –Delay Skew: 50ns 45ns


Scaricare ppt "RETI FISSE E MOBILI Anno Accademico 2003-04 I MEZZI TRASMISSIVI ELETTRICI Gianfranco Prini DICO - Università di Milano"

Presentazioni simili


Annunci Google