La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Provvedimento di massa estensivo selettivo Professioni Classi di età Viaggiatori Attività sportive Abitudini di vita.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Provvedimento di massa estensivo selettivo Professioni Classi di età Viaggiatori Attività sportive Abitudini di vita."— Transcript della presentazione:

1 Provvedimento di massa estensivo selettivo Professioni Classi di età Viaggiatori Attività sportive Abitudini di vita

2 FATTORI CHE INFLUENZANO LA RISPOSTA INDIVIDUALE AD UNA VACCINAZIONE Inerenti la vaccinazione Tipo di antigene Microrganismo ucciso Microrganismo attenuato Anatossine Componenti microbiche (naturali, DNA ricombinante, polipeptidi sintetici) Idiotipici Adiuvanti Fosfato ed idrossido di alluminio Associazione con altri antigeni e componenti strutturali (muramildipeptide) Liposomi Polimeri a rilascio controllato Somministrazione Dose Numero di dosi Intervalli fra le dosi Vaccini associati o combinati Inerenti lindividuo Età Maturazione del sistema immunitario Presenza di anticorpi materni Caratteristiche genetiche Deficit immunitari Alimentazione Patologie concomitanti

3

4

5 ALCUNE TAPPE FONDAMENTALI NELLA STORIA DELLE VACCINAZIONI 1721 Introduzione della variolizzazione in Inghilterra 1798 Pubblicazione del lavoro di Jenner 1885 Vaccinazione antirabbica di Pasteur 1921 vaccino antitubercolare B.C.G. 1923Anatossina difterica 1927 anatossina tetanica 1954 vaccino antipolio inattivato da Salk 1957 vaccino antipolio attenuato di Sabin 1960 vaccino antimorbilloso: Edmonston B e Schwarz 1962 vaccini antirosolia 1966 vaccini antiparotite 1967 vaccino antirabbico su cellule diploidi vaccino anti-meningococcico 1973 vaccino contro la varicella 1977 ultimo caso di vaiolo naturale registrato nel mondo 1979 dic. Dichiarazione ufficiale di eradicazione del vaiolo (maggio 1980 Assemblea Mondiale) 1980 vaccino contro lHaemophilus influenzae tipo B 1987 vaccino ricombinante contro lepatite B

6 REAZIONI INDESIDERATE ALLE VACCINAZIONI Reazioni locali Lievi Gravi Dolore, rossore, edema, indurimento, Impotenza funzionale Rossore esteso, edema esteso, indurimento esteso, contrattura muscolare, lesioni del tronco nervoso, ascessi batterici o sterili, emorragie intramuscolari, ulcerazioni, necrosi tissutale Reazioni generali Lievi Moderate Gravi (complicazioni) Febbre > 38°C < 39°C, anoressia, cefalea, vomito, diarrea, stipsi, esantemi, tumefazioni dei linfonodi, pallore, irritabilità Febbre > 39°C, pianto persistente > 3 h, convulsioni Collasso, paralisi flaccida (dopo OPV), manifestazioni da ipersensibilità generalizzata (anafilassi)

7 Controindicazioni alla somministrazione di vaccini Controindicazioni temporanee di ordine generale valide per tutti i vaccini 1)Malattia acuta febbrile (> 38°C) 2)Turbe generali giudicate clinicamente importanti Controindicazioni temporanee o permanenti relative a situazioni particolari 1)Stati di immunodepressione: -primitiva (immunodeficienze congenite); -Secondaria a patologie (HIV, leucemie, linfomi, tumori) -In seguito a trattamenti farmacologici (alchilanti, antimetaboliti, radiazioni, corticosteroidei a dosaggi elevati) 2) Allergia a costituenti di vaccini. Possibili reazioni locali o sistemiche da: -componenti del vaccino (antigeni proteici): -Antibiotici aggiunti o residuati dalle colture cellulari -Conservanti, stabilizzanti

8 Fattori di cui bisogna tener conto nella formulazione del Calendario vaccinale dellinfanzia Epidemiologici limmunizzazione deve avvenire prima dellesposizione al rischio efficacia protettiva del vaccino (in base ai risultati dei saggi clinici) la copertura vaccinale deve raggiungere i livelli richiesti per conseguire lobiettivo prefissato limmunizzazione estensiva della popolazione riduce la circolazione naturale dellagente patogeno e modifica la herd immunitty Immunologici maturità del sistema immunitario interferenza con anticorpi di origine materna numero di dosi e relativi intervalli, richiesti per conseguire la protezione compatibilità tra diversi vaccini che potrebbero essere somministrati nella stessa seduta Pratici numero di vaccini da inserire nel calendario disponibilità di vaccini combinati numero di richieste di accessi al servizio vaccinazioni conservabilità del vaccino

9

10

11

12 Vaccini Sono il mezzo più efficace e conveniente per prevenire le malattie infettive e le loro complicazioni. Stimolano l'organismo a produrre attivamente una risposta immunitaria e lo rendono capace di resistere, così, alle infezioni. Con le vaccinazioni vengono evitati nel mondo, ogni anno, non meno di tre milioni di decessi nei bambini di età inferiore a 5 anni, ed almeno casi di polio paralitica, malattia di cui è prossima la totale eliminazione in tutto il mondo, al pari di quanto già avvenuto per il vaiolo. Questi traguardi sono stati raggiunti grazie al "Programma Esteso di Immunizzazione" (EPI), promosso dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) nell'ambito del Piano "Salute per tutti nell'anno 2000". Anche l'Italia, come Stato membro dell'OMS, ha aderito al programma EPI e ne segue le raccomandazioni, che prevedono il controllo delle malattie infettive attraverso vaccinazioni e calendari vaccinali differenti a seconda delle situazioni sanitarie dei diversi Paesi. In Italia sono raccomandabili nell'infanzia vaccinazioni per prevenire le seguenti malattie: tetano e difterite (DT), polio (OPV), epatite virale B (HB), morbillo, parotite e rosolia (MMR), infezioni da Haemophilus influenzae b (Hib), pertosse (DTP). Le vaccinazioni antidifterica-tetanica (DT), antipolio (OPV-IPV) antiepatite B (HB) sono obbligatorie per legge nel nostro Paese. Calendario vaccinale dell'infanzia * Nei bambini nati da madri positive per HBsAg, da somministrare entro ore, contemporaneamente alle immunoglobuline specifiche antiepatite B; il ciclo va completato da una seconda dose a distanza di 4 settimane dalla prima, da una terza dose dopo il compimento della ottava settimana e dalla quarta dose in un periodo compreso tra l'undicesimo ed il dodicesimo mese di vita, in concomitanza con le altre vaccinazioni. °° E' possibile la somministrazione simultanea, in un'unica seduta vaccinale, delle vaccinazioni antidifterico-tetanica-pertossica, antiepatite virale B, antipoliomielitica ed antimorbillo-parotite- rosolia, anticipando quest'ultima al dodicesimo mese di vita. Qualora non sia stato possibile somministrare una dose di vaccino MPR entro i 24 mesi di vita, è necessario utilizzare ogni seduta vaccinale successiva per il recupero dei soggetti non vaccinati. # L'offerta attiva della seconda dose di routine della vaccinazione antimorbillo-parotite-rosolia è epidemiologicamente importante soltanto dopo il raggiungimento di coperture vaccinali pari o superiori all'80 % nella popolazione bersaglio (bambini di età inferiore a 24 mesi di vita). § Ai sensi della legge 27 maggio 1991, n. 165, per gli adolescenti non precedentemente vaccinati. Vaccin o alla nascita 3° mese 5° mese 11° mese 12° mese 15° mese 3° anno 5-6 anni anni anni DTP Td Antipo lio IPV Epatit e B Epatite B-0* Epatit e B Epatite B§ MPR MPR°° MPR# Hib N.B. Le barre colorate di azzurro indicano gli ambiti temporali accettabili per la somministrazione dei vaccini DTP: vaccinazione antidifterico-tetanico-pertossica IPV: vaccino antipoliomielitico iniettabile - inattivato OPV: vaccino antipoliomielitico orale - vivente attenuato MPR: vaccinazione antimorbillo-parotite-rosolia Td: vaccino antidifterico-tetanico per adulti, contenente soltanto 2 Lf di anatossina difterica Hib: vaccinazione anti-Haemophilus influenzae b

13 IMMUNOPROFILASSI PASSIVA SIEROPROFILASSI: Sieri eterologhi: cavallo, bue, dealbuminati, proteolitici Sieri omologhi RISCHI DA SIEROPROFILASSI: shock anafilattico, malattia da siero PREVENZIONE: anamnesi, adrenalina, prove di sensibilità, desensibilizzazione IMMUNOGLOBULINOPROFILASSI: Ig standard Ig iperimmuni

14

15

16 Malattie cronico-degenerative Le malattie cronico-degenerative non rappresentano un gruppo nosologico ben definito, ma, in unottica igienistica, tale denominazione riunisce patologie caratterizzate da: Patogenesi su base degenerativa Evoluzione cronica Eziologia multifattoriale Importanza sociale per gravità, diffusione e costi Ad esempio: MALATTIE CARDIOCIRCOLATORIE TUMORI DIABETE BRONCOPNEUMOPATIE CRONICO-OSTRUTTIVE CIRROSI EPATICA ECC.

17 anni anni + Tumori Malattie cardiovascolari Broncopneumopatie croniche Malattie dismetaboliche Malattie mentali, ecc. Abitudini personali Alimentazione Fumo di tabacco Alcool\droga sedentarieta Contaminazione ambientale Inquinamento atmosferico Inquinamento idrico Contaminazione alimentare Andamento della vita media nel periodo Eta in anni Maschi59,672,475,2 Femmina64,675,380,8 Hanno almeno una malattia cronica (%)

18 Caratteristiche epidemiologiche differenziali delle patologie infettive e cronico-degenerative CaratteristicheMalattie infettive (acute) Malattie non infettive (croniche) Fattori causali maggioriPer lo piu specifici. Necessari Molteplici. Per lo piu aspecifici. Non necessari Durata del periodo di latenza Per lo piu breve (giorni o settimane) Per lo piu lunga (anni o decenni) EsordioPer lo piu clamorosoSpesso subdolo e lento. La manifestazione dei sintomi puo essere graduale oppure improvvisa e drammatica DecorsoRapido (giorni o settimane)Lento (anni o decenni) EsitoGuarigioneStabilizzazione o progressivo peggioramento. In molte frome decesso a distanza di anni o decenni Effetto dei miglioramenti terapeutici Abbreviano il decorso. Diminuisce la prevalenza Allungano il decorso. Aumenta la prevalenza

19 FATTORI DI RISCHIO DELLE CARDIOPATIE ISCHEMICHE Alterazioni del metabolismo lipidico (Colesterolemia) Ipertensione arteriosa Fumo Età Sesso Ereditarietà Sedentarietà Stress psichici Altre patologie (diabete) Dieta

20 I PRINCIPALI FATTORI DI RISCHIO DEI TUMORI UMANI

21 Fattori di rischio esogeni riconosciuti come preminenti nel modello etiologico dei tumori: broncopolmonari, gastrici, del grosso intestino e della mammella Fattore di rischio TIPI DI TUMORE Bronchi e polmoni StomacoGrosso intestino mammella Tabacco Alcool Alimentazion e Radiazioni X Inquinamento atmosferico Inquinamento idrico Fattori occupazionali Fattori endocrini e/o riproduttivi

22

23 Prevenzione primaria dei tumori bronco polmonari, gastrici, della mammella, del grosso intestino. Fattori e/o condizioni da incoraggiare Fattori e/o condizioni da evitareFattori e/o condizioni da incoraggiare FumareIntrodurre abbondanti quantità di fibre (frutta e verdura fresca) Fare uso eccessivo di alcoolIntegrare eventualmente la dieta con le vitamine A, C, B 2 Introdurre eccessivi grassi (saturi e insaturi) Assicurare una congrua presenza nella dieta degli oligoelementi Selenio, Ferro, Iodio Introdurre eccessive calorieFavorire tutte le condizioni che riducono liper-estrogenismo nella donna Inquinamento atmosferico (in particolare da idrocarburi, asbesto, composti organici clorurati ecc.) Inquinamento idrico (in particolare da metalli pesanti, nitrati, floruri, organoclorurati, sostanze derivanti da trattamenti di clorazione) Eccessivi esami radiologici (soprattutto durante alcune fasi della vita quali pubertà e gravidanza) Esposizione professionale a sostanze cancerogene

24 Fattori da considerare in una campagna di screening 1.Aumento significativo della durata e della qualità della vita 2.Sensibilità, specificità, valori predittivi del test 3.Disponibilità di mezzi diagnostici per esaminare i positivi al test 4.Problemi psicologici legati alla falsa positività 5.Costo del test, del personale impiegato e della conferma diagnostica 6.Modalità e tecniche di esecuzione del test 7.Invasività e dannosità del test Elenco di un gruppo di patologie suscettibili di screening Displasia congenitaesame obiettivo Fenilchetonuriaesame di laboratorio (test di Guthrie) Mucoviscidosiesame di laboratorio (test del sudore) Galattosemiaamniocentesi ed esame di laboratorio Albinismoesame di laboratorio Ipotiroidismo congenitoesame di laboratorio Anemia ferrocarenzialeesame di laboratorio Criptorchidismoesame obiettivo Sorditàaudiometria Alterazioni oculariesame obiettivo e strumentale Glaucomapressione intraoculare Seminomi testicolaripalpazione Diabeteglicemia Ipertensionemisurazione P.A. Tumore della cervice uterinaPap-test Tumore mammariopalpazione, mammografia, termografia Tumore del colon-rettoricerca di sangue occulto nelle feci Tumore dei bronchiesame dellespettorato Talassemiaresistenze globulari Sindrome di Downamniocentesi Spina bifidaamniocentesi Malattie cardiovascolariECG ed esami di laboratorio

25

26

27

28

29

30


Scaricare ppt "Provvedimento di massa estensivo selettivo Professioni Classi di età Viaggiatori Attività sportive Abitudini di vita."

Presentazioni simili


Annunci Google