La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La comunicazione interna

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La comunicazione interna"— Transcript della presentazione:

1 La comunicazione interna
Mattia Miani

2 Contenuti del modulo Principi di comunicazione interna
Come si costruisce una strategia di comunicazione interna Gli strumenti

3 Che cos’è la comunicazione interna
Parte I

4 Due approcci alla comunicazione interna
Approccio psicologico Pone l’accento sulla dimensione interpersonale Focus su come interagiscono gli individui Approccio organizzativo Pone l’accento sui flussi di comunicazione Focus su come gli individui operano nell’organizzazione

5 L’approccio organizzativo
Organizzazioni sono unità sociali guidate da obiettivi Progettate come sistemi di attività deliberatamente strutturate e coordinate Che interagiscono con l’ambiente esterno

6 La prospettiva psicologica
Soggetto plurale e soggetto individuale Organizzazione come produttore di soggettività Importanza del clima organizzativo

7 Perché è importante oggi
Periodo di forti mutamenti organizzativi (fusioni, incorporazioni, ristrutturazioni, ridefinizione di business, ecc.) Bisogno delle organizzazioni di cambiare e di comunicare il cambiamento all’interno come all’esterno Nuovi modelli organizzativi orientati alla comunicazione Impatto organizzativo delle nuove tecnologie Approccio della comunicazione globale

8 Comunicazione interna e identità
La comunicazione interna è fondamentale per diffondere i valori dell’organizzazione In particolare la vision e la mission

9 La vision Si può definire la Vision come l’obiettivo riguardante ciò che vuole essere l’organizzazione In questo senso occorre tenere in considerazione che tale obiettivo di lungo periodo dovrebbe riguardare: Ciò che l’organizzazione vuole essere e non che è già; Concezione generica di prodotti/servizi futuri, non specifici; Aree di mercato future, senza riferimento in ogni modo a dettagli. La vision deve, inoltre, essere una semplice dichiarazione, lapidaria, non articolata in molti periodi.

10 Alcuni esempi di vision
Essere lo stabilimento di riferimento per l’intero gruppo Essere il leader europeo nel settore della componentistica oleodinamica

11 La mission La mission è il mezzo con cui l’organizzazione vuole ottenere l’obiettivo di vision. La vision comprende i valori e gli standard di comportamento dell’organizzazione. La mission dovrebbe, perciò, dichiarare: Come raggiungere la vision; Attività per raggiungere la vision; Riferimenti e consenso degli stakeholder (possibili riferimenti alla dimensione etiche dell’organizzazione); Eventuale periodo di applicazione della mission.

12 Alcuni esempi di mission
Essere i "first in class" all’interno del gruppo nelle performance legate alla redditività, qualità, ambiente, sicurezza ed etica, soddisfacendo al meglio i bisogni degli azionisti, dei clienti, dei dipendenti, dei fornitori e della collettività La nostra missione aziendale, ragione di esistenza dell’azienda stessa, è quella di innovare continuamente i prodotti ed i processi produttivi, rendendo orgoglioso di ciò ogni nostro dipendente e facendolo percepire all’esterno come la migliore opportunità di crescita per tutti….. concorrenza inclusa.

13 Comunicazione interna e organizzazione
La comunicazione non è un elemento accessorio: coincide con l’organizzazione Il disegno dei flussi di comunicazione e delle strategie di comunicazione interna influisce sull’assetto organizzativo

14 La comunicazione organizzativa
Alcuni autori (es. Invernizzi) preferiscono parlare di comunicazione organizzativa come insieme dei processi di scambio di messaggi all’interno delle diverse reti di relazioni che costituiscono l’organizzazione Rispetto a comunicazione interna questo termine richiama maggiormente il collegamento con l’organizzazione e la possibilità di instaurare canali a due vie

15 La comunicazione organizzativa
La comunicazione deve essere considerata organizzativa “perché serve al funzionamento e allo sviluppo dell’organizzazione nel suo insieme” (Invernizzi 1996)

16 Differenti esigenze per differenti organizzazioni
La razionalizzazione delle organizzazioni: comunicare per dare istruzioni La valorizzazione del fattore umano: comunicare per motivare Il governo delle contingenze: comunicare per decidere L’intervento proattivo verso l’interno e esterno: comunicare per legittimarsi Le reti: comunicare per creare il contesto

17 Comunicazione interna e know how
La comunicazione interna serve per diffondere conoscenze Rapporto con i sistemi di knowledge management dell’organizzazione La formazione diventa uno strumento di comunicazione interna

18 Comunicazione interna e cambiamento
Importanza del tema del cambiamento per la PA  Vedi i piani integrati del cambiamento promossi da Cantieri La comunicazione come facilitatrice del cambiamento

19 Comunicazione interna ed esterna
Che rapporto c’è tra comunicazione interna ed esterna: La qualità della comunicazione interna è condizione della qualità della comunicazione esterna La comunicazione esterna raggiunge anche i pubblici interni Bisogno di coordinamento fra i due livelli: prospettiva integrata e globale

20 Progettare una strategia di comunicazione interna
Parte II

21 I pubblici della comunicazione interna
Diversi livelli di personale Dirigenti e top management Quadri Impiegati Operai Le famiglie dei dipendenti, i pensionati Problema di definire i confini fra interno ed esterno: fornitori, finanziatori, sponsor, collaboratori e consulenti, ecc.

22 Gli obiettivi Condividere il progetto organizzativo (la missione e la visione dell’ente) Diffondere il know how Organizzare il lavoro  Gestire situazioni, casi, problemi di comunicazione

23 Gli strumenti La comunicazione interpersonale
Pubblicazioni: House Organ, Newsletter, manuali, ecc. Audiovisivi e comunicazioni radiofoniche Strumenti telematici: banche dati ed Intranet

24 La collocazione funzionale
Chi fa comunicazione interna? La direzione del personale La direzione marketing comunicazione Lo staff del vertice dell’organizzazione

25 Gli strumenti Parte III

26 La comunicazione interpersonale
Incontri e colloqui informali tra pari e tra capo-collaboratore Incontri formali e informali di staff ES: le riunioni di negozio di Coop Adriatica

27 Il passaparola organizzato
Il passaparola è una dinamica tipica dei rapporti informali È possibile organizzarlo per accelerare la diffusione delle informazioni nell’organizzazione Es. FIAT AUTO utilizzò la figura dei “diffusori”, scelti più per caratteristiche relazionali che gerarchiche, per comunicare sui nuovi prodotti e cambiamenti organizzativi e strategici.

28 I codici di comportamento
I codici di comportamento formalizzano una serie di principi di comportamento del personale Possono variare a seconda del profilo organizzativo (es. Datalogic ha il manuale del dipendente e quello del capo) Possono diventare veri e propri manuali Un caso particolare: il codice etico

29 La convention del personale
Evento aziendale Incontro di tutto il personale (o settore) attentamente orchestrato Dimensione teatrale dell’incontro Presenza dei vertici Obiettivo: comunicare lo stato dell’arte e il futuro dell’organizzazione

30 Gli house organ Strumento classico e molto diffuso
Di norma diretto a tutta l’organizzazione, ma ce ne possono essere diversi (può anche rivolgersi a pubblici esterni) Periodicità rarefatta: mensile o bimestrale (ma ci sono anche alcuni semestrali). Spesso allegato alla busta paga

31 Obiettivi dell’house organ
Dare notorietà ai fatti aziendali Fare capire le ragioni delle scelte dell’organizzazione Fare conoscere l’organizzazione e il funzionamento dell’ente Informare sul contesto Dare voce ai protagonisti dell’organizzazione

32 La newsletter Strumento più flessibile rispetto all’house organ con periodicità più frequente Informa con notizie brevi e di attualità È di solito rivolta a segmenti settoriali dell’organizzazione

33 La posta elettronica Potente strumento organizzativo
Riunisce i pregi della comunicazione scritta (la strutturazione e permanenza) e orale (l’informalità), ma anche i difetti Diverse modalità di utilizzo: uno a uno, uno a molti, molti a molti La posta elettronica non sostituisce necessariamente le classiche lettere cartacee ai dipendenti e collaboratori

34 Gli audiovisivi Uso di audiovisivi in formato giornalistico
Es. Ford Motor Company con notiziari di cinque minuti diffusi a flusso continuo (ma anche video di formazione e supporto alle riunioni) Es. TelePA: videonotiziario interno per i dipendenti della PA

35 Altre pubblicazioni/documenti
Manuali operativi Manuale di stile Fact Book/bilancio Welcome book L’organigramma Circolari e ordini di servizio Position paper/white paper Reportistica e progetti Memo e minute  L’importanza della comunicazione scritta per le organizzazioni

36 La rassegna stampa Raccoglie una selezione degli articoli che parlano dell’organizzazione e/o interessano l’organizzazione Strumento di diffusione di conoscenze ma anche senso di identità Diversi sistemi di diffusione: cartacea o elettronica Curata in genere dall’Ufficio Stampa negli enti pubblici

37 La radio Coop Adriatica ha studiato un sistema di notiziari radiofonici da diffondere nei supermercati prima dell’apertura al pubblico per i dipendenti usando il sistema di corporate radio dei punti vendita Necessità di raggiungere personale escluso dalla intranet

38 Gli spazi Importanza degli spazi per definire la prossemica
Uso della cartellonistica (es. un cartellone che spiega la mission e la vision dell’organizzazione) Uso di bacheche/Infopoint

39 Gli eventi sociali Organizzazione di eventi conviviali per il personale con il fine di promuovere la socializzazione e i rapporti informali Spesso organizzati in ricorrenze speciali e con il coinvolgimento delle famiglie Importanza degli anniversari Open day: aprirsi alla comunità Viaggi e incentivi Es: La Festa “multietnica” di Manutencoop

40 Il merchandising Personalizzazione e declinazione dell’immagine su:
Spille Porta biglietti da visita Tazze Calendari Ecc.

41 I circoli aziendali Strumento di promozione del senso di appartenenza, ma anche mezzo per fornire ai dipendenti “benefit” tramite convenzioni o altro

42 Che cos’è una intranet An intranet is the corporate-wide Web, the corporate cybersite where business and communication take place, it shares the same technologies of Internet with two main differences, ownership and access "Understanding Intranets", Tyson Greer  Focus sulla tecnologia web, ma è importante anche la dimensione di “rete” (condivisione dischi e altre risorse)

43 Funzionalità delle intranet
Piattaforma di servizio (sportello risorse umane, prenotazione sale riunioni, acquisti, modulistica, e-learning, ecc.) Canale di comunicazione (bollettini, informazioni, ecc.) Gestione documenti (indicizzazione e organizzazione) Community (forum, IM, chat) Lavoro di gruppo (groupware) Supporto alle attività (sales force automation, gestione flussi magazzini, ecc.)

44                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                             Tipologia di Intranet


Scaricare ppt "La comunicazione interna"

Presentazioni simili


Annunci Google