La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lezione Analisi performance imprese turistiche a.a. 2009/10 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere e Filosofia Prof.ssa Claudia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lezione Analisi performance imprese turistiche a.a. 2009/10 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere e Filosofia Prof.ssa Claudia."— Transcript della presentazione:

1 Lezione Analisi performance imprese turistiche a.a. 2009/10 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere e Filosofia Prof.ssa Claudia M. Golinelli

2 Indice oBreak Even Analysis (BEA) oValore Attuale Netto (VAN) o Net Present Value (NPV) oTasso Interno di Rendimento (TIR) oPeriodo di Recupero (PdR) Payback Period (PBP) oMargine Operativo Lordo (MOL/EBITDA), Margine Operativo Netto (MON/RO), EBIT, Reddito Netto (RN) oROS/ROI/ROE oBalanced ScoreCard

3 BEA: Configurazioni di Costo Costi Fissi Non variano in relazione al volume della produzione entro la capacità produttiva esistente (es. componente base retribuzione lavoratori a tempo indeterminato) Costi Variabili Variano al variare del volume della produzione (es. lavoratori stagionali) Costi Semivariabili Comprendono sia una componente fissa che una variabile. Per tale motivo, possono essere suddivisi nelle prime due categorie (es. alcune utenze)

4 BEA: Costi Fissi (esempi) Costo del lavoro del personale stabile Costi generali (amministrativi, ecc.) Costi di manutenzione ordinaria Costi di assicurazione Ammortamenti degli arredi e dei costi di rinnovo Ammortamenti, canoni di leasing o di affitto Parte dei costi di marketing

5 BEA: Costi Variabili (esempi) Costi di intermediazione (commissioni agenzie di viaggio, T.O., ecc.) Costo del lavoro (personale stagionale) Costi per servizi acquisiti da soggetti esterni Costi dei prodotti alimentari, pulizia, room, ecc. Costo per illuminazione e acqua nelle camere Parte dei costi di marketing

6 BEA 1) U = RT – CT U = utile/perdita del periodo RT = ricavi totali del periodo CT = costi totali del periodo 2) RT = p x q p = ricavo unitario medio del periodo (prezzo) q = quantità prodotte e vendute nel periodo 3) CT = CF + CV CF = costi fissi CV = costi variabili totali = cv x q cv = costo variabile unitario

7 BEA Il break even point si ha quando U = 0, ossia quando RT = CT. Sostituendo nella formula al punto 1 si ha: RT – CT = 0 ossia p x q – CF – CV = 0 da cui p x q – CF – cv x q = 0 ovvero q (p – cv) – CF = 0; q (p – cv) = CF e quindi q* = CF / (p – cv) (BEP calcolato per quantità) p – cv = margine di contribuzione

8 BEA CF CV CT RT Quantità RT CT CF CV Break Even Point q* R* Area delle Perdite Area dei profitti

9 BEA MS = (q max – q*) / q max MS = margine di sicurezza q max = quantità massima vendibile nel periodo Nel valutare la quantità massima è opportuno distinguere quella teorica (q max ) da quella che ha le maggiori probabilità di verificarsi (q e max ). È su questultima (q e max )che è più prudente effettuare le stime sulle vendite.

10 BEA: Esempio Costi Fissi Personale Manutenzione e riparazioni Utenze (fisse) Ammortamenti Altri costi fissi Costi Fissi Totali (CF) Costo Variabile Unitario (cv)50 Prezzo medio di vendita (p)120 Camere disponibili70 Tasso di occupazione60% Utile obiettivo (U) (possibile?)

11 BEA 1) Brek Even Point q* = / (120 – 50) = camere da vendere nel periodo 2) Margine di sicurezza q max teorico = 70 (camere) x 360 (giorni) = camere vendibili q max reale = 60% (tasso di occupazione) q max teorico = MS (teorico) = ( – 8.200)/ = 67,46% MS (reale) = ( – 8.200)/ = 45,76%

12 BEA 3) Utile obiettivo = 120q – 50q = 70q q = / 70 = (circa) Confrontando tale dato con il qmax teorico sarebbe possibile ottenere un utile di , che in realtà è praticamente impossibile da conseguire in quanto il qmax (vendibile) maggiormente probabile è pari al 60% di quello teorico. 3 bis) Utile Obiettivo = px – – 50x = p p = / = 154,10

13 BEA: Limiti Validità solo nel breve periodo Rappresentazione statica Non tiene conto di economie di scala o di scopo Non tiene conto della stagionalità Prezzi costanti Non tiene conto delle scorte (ritenendo sempre valida luguaglianza produzione = vendita) Difficoltà utilizzo per le aziende multiprodotto

14 Valutazioni di convenienza Valore Attuale Netto (VAN) o Net Present Value (NPV): VAN = F t / (1+i) t F t = flussi finanziari (annuali, trimestrali ecc.) i = tasso di sconto (interesse) = costo medio ponderato del capitale t = tempo in anni t = 0 n Esempio

15 Valutazioni di convenienza Tasso interno di Rendimento (TIR): F t / (1+TIR) t = VAN = 0 F t = flussi finanziari (annuali, trimestrali ecc.) TIR = tasso interno di rendimento: quello che rende = 0 il VAN t = tempo in anni Periodo di Recupero (PdR) = numero di anni per coprire linvestimento iniziale t = 0 n Esempio

16 MOL et al.

17 ROS/ROI/ROE ROS = Reddito Operativo (MON) / Ricavi netti di Vendita ROI = Reddito Operativo (MON) / Capitale Netto Investito ROE = Risultato Netto / Mezzi Propri

18 Balanced ScoreCard Prospettiva economico-finanziaria Prospettiva della clientela Prospettiva interna (processi) Prospettiva innovazione/apprendimento

19 Balanced ScoreCard Objective Operational Effectiveness Revenue Maximization EBITDA Room RevPAR RevPAR Index Guest Comment Cards Customer Satisfaction Survey Mystery Shopper Customer Loyalty Team Loyalty Team Member Survey Brand Management Standard Compliance Measure Hotel Hotel A Hotel B Hotel C Hotel D Hotel E $20,730 $8,065 $11,622 $16,252 $3,055 $ $73.15 $ $93.59 $ % 91.3% 89.8% 85.3% 88.7% 60% 73% 70% 69% 67% 100% 97% 90% 100%


Scaricare ppt "Lezione Analisi performance imprese turistiche a.a. 2009/10 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere e Filosofia Prof.ssa Claudia."

Presentazioni simili


Annunci Google