La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ISBD = International standard bibliographic description La sintassi specifica da utilizzare nella descrizione bibliografica, ovvero lordine e il modo con.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ISBD = International standard bibliographic description La sintassi specifica da utilizzare nella descrizione bibliografica, ovvero lordine e il modo con."— Transcript della presentazione:

1 ISBD = International standard bibliographic description La sintassi specifica da utilizzare nella descrizione bibliografica, ovvero lordine e il modo con cui devono essere organizzati i vari elementi rilevati nel corso dellanalisi bibliografica è offerta dalle norme o codici di catalogazione, sia quelle redatte a livello nazionale che quelle accettate a livello internazionale.

2 ISBD = International standard bibliographic description A partire dagli Cinquanta del secolo scorso la comunità professionale si pose una serie di problemi: ampliare la funzionalità dei cataloghi delle biblioteche consentire una comunicazione e uno scambio di informazioni tra le varie realtà che producevano repertori predisporre delle soluzioni operative efficaci in vista dellapplicazione anche al settore bibliotecario delle nuove tecnologie informatiche

3 ISBD = International standard bibliographic description Una prima tappa operativa di questo processo fu costituita dalla conferenza internazionale di Parigi (1961), in cui si chiarirono definitivamente le funzioni e gli scopi attribuiti al catalogo alfabetico per autori e titoli. I principi di Parigi, però, non costituiscono un codice di catalogazione; essi offrono soltanto un quadro di riferimento a cui i vari codici nazionali avrebbero dovuto ispirarsi.

4 ISBD = International standard bibliographic description Laccettazione dei principi di Parigi comportava lobbligo di una revisione globale dei codici di catalogazione vigenti in quel momento per adeguarli a quanto stabilito nella conferenza.

5 ISBD = International standard bibliographic description Alcune tappe: Conferenza di Parigi I principi messi a punto in quelloccasione riguardavano soprattutto le intestazioni, ovvero il punto di accesso principale, normalmente costituito dallautore o dal titolo, in particolare le modalità e i criteri di scelta.

6 ISBD = International standard bibliographic description Lanalisi comparata dei vari codici di catalogazione aveva infatti messo in luce che le differenze più sostanziali fra i vari paesi erano da ricondursi proprio ai criteri di scelta dellaccesso principale, soprattutto nei casi in cui la responsabilità intellettuale di unopera non potesse essere ricondotta ad una persona fisica precisa e determinata.

7 ISBD = International standard bibliographic description La parte relativa alla descrizione bibliografica costituiva invece un problema meno complesso: infatti la stessa analisi comparata dei vari codici aveva dimostrato che i vari sistemi utilizzati non erano incompatibili e quindi si prestavano ad essere uniformati e standardizzati.

8 ISBD = International standard bibliographic description Conferenza di Copenhagen In questa sede fu affrontato il problema della forma dei punti di accesso da adottare nei cataloghi per autori e titoli, soffermandosi in particolare sui casi più complessi: autori classici; titoli di opere della classicità; forma dei titoli anonimi, autori collettivi, etc.

9 ISBD = International standard bibliographic description Durante la conferenza di Copenhagen si decise anche di studiare ed elaborare un modello di descrizione bibliografica uniforme, da sottoporre allanalisi e allapprovazione dei vari istituti e agenzie bibliografiche, affidando tale compito ad una commissione presieduta da Michael Gorman.

10 ISBD = International standard bibliographic description La prima ISBD fu lInternational Standard Bibliographic Description for Monographic Publications, ISBD(M), che apparve nel Dal 1973 il testo è stato adottato da diverse bibliografie nazionali e, con la traduzione del testo originale inglese in varie lingue, è stato preso in considerazione da diverse commissioni di catalogazione per la revisione delle regole di descrizione nazionali e internazionali.

11 ISBD = International standard bibliographic description La sperimentazione condotta allinterno delle biblioteche dagli utenti dellISBD(M) condusse alla decisione di produrre un testo rivisto, che fu pubblicato nel 1974 come Prima edizione standard. Sempre nel 1974 fu pubblicato lInternational Standard Bibliographic Description for Serials, ISBD(S)

12 ISBD = International standard bibliographic description Nel 1977 fu pubblicato ISBD (G) [G=general], che costituisce una sorta di manuale o di guida di riferimento per tutti gli altri membri della famiglia. Successivamente furono editi gli standard che mancavano e fu approntata una revisione del primo, per adeguarlo a quello generale. Tutti gli ISBD elencati di sotto, seguono la stessa filosofia e e gli stessi principi: ISBD (M), rivisto nel 1978 e una seconda volta nel 1987, si applica alle monografie;

13 ISBD = International standard bibliographic description ISBD (S), pubblicato nel 1977 e rivisto nel 1987, è stato ideato per descrivere il materiale seriale (giornali, riviste, collane editoriali, etc.) ISBD (A), pubblicato nel 1980 e rivisto nel 1991, è dedicato al libro antico. Nella prima versione stabiliva estremi cronologici precisi (materiale stampato da Gutenberg fino al 1801), ma nella nuova edizione il secondo termine è scomparso.

14 ISBD = International standard bibliographic description ISBD (CM), pubblicato nel 1977 e rivisto nel 1987, si riferisce al materiale cartografico. ISBD (NBM), (lacronimo sta per non book material) pubblicato nel 1977 e rivisto nel 1987, si riferisce al materiale non librario (registrazioni sonore, manifesti, etc.)

15 ISBD = International standard bibliographic description ISBD (PM), pubblicato nel 1980 e rivisto nel 1990, dedicato alla musica a stampa. ISBD (ER), pubblicato nel 1997, riguarda le risorse elettroniche e sostituisce un altro standard, edito nel 1990, che aveva lestensione CF (computer files). Infine sono state pubblicate delle linee guida per la catalogazione di contributi che non abbiano forma autonoma (articoli di riviste, parti di una monografia, ecc.)

16 ISBD = International standard bibliographic description Nel 2000 lIFLA progettò una revisione complessiva delle ISBD. Lobiettivo di questo secondo progetto di revisione generale era garantire la coerenza fra le prescrizioni delle ISBD e i requisiti di FRBR per la registrazione bibliografica nazionale di livello base.

17 ISBD = International standard bibliographic description Revisione Nellambito di questo progetto di revisione generale, lISBD(S) divenne ISBD(CR) per i seriali e le altre risorse continuative e fu pubblicata nel 2002 in seguito ad alcuni incontri dedicati allarmonizzazione dellISBD(S) con le linee guida ISSN e con le Regole di catalogazione angloamericane, seconda edizione.

18 ISBD = International standard bibliographic description Anche una ISBD(M) rivista fu pubblicata nel 2002 e unISBD(G) rivista nel LISBD(CM) e lISBD(ER) furono sottoposte al processo di revisione internazionale e quindi riviste di conseguenza, ma le rispettive revisioni non furono concluse perché, nel frattempo, era iniziato il lavoro di redazione dellISBD consolidata.

19 ISBD = International standard bibliographic description Nel 2007 è stata pubblicata ledizione preliminare di ISBD Consolidated Edition, unedizione dello standard che raccoglie e fonde insieme i testi delle diverse ISBD e che ha lo scopo di garantire una maggiore omogeneità nelle soluzioni utilizzate a livello descrittivo e di offrire un unico punto di riferimento per la svariata casistica che i diversi materiali trattati dalle biblioteche pongono. Ledizione definitiva è stata pubblicata nel 2011 e tradotta in italiano nel 2012.

20 ISBD = International standard bibliographic description Scopo e funzione dellISBD Il formato ISBD, così viene generalmente indicato in termini tecnici, intende porsi come riferimento per lelaborazione di regole nazionali per la catalogazione descrittiva, cioè fornisce norme per la descrizione bibliografica adattabili a varie tipologie di documenti.

21 ISBD = International standard bibliographic description Gli scopi fondamentali originari del formato ISBD sono tre rendere possibile lo scambio di registrazioni provenienti da fonti diverse favorire la lettura e la comprensione delle registrazioni, al di là di ogni barriera linguistica favorire la conversione delle registrazioni in un formato leggibile dalla macchina.

22 ISBD = International standard bibliographic description Per raggiungere questi obiettivi ISBD indica tutti gli elementi che possono essere usati per descrivere i documenti e propone unarchitettura normalizzata della descrizione, costituita da otto aree, allinterno delle quali trovano accoglienza i dati bibliografici rilevati sul documento; suggerisce il modo e la forma con cui gli elementi devono essere presentati

23 ISBD = International standard bibliographic description assegna un ordine obbligatorio sia alle aree che agli elementi che le compongono propone un sistema di punteggiatura per dividere i vari elementi allinterno delle singole aree e per introdurre le aree stesse. La punteggiatura serve a segnalare convenzionalmente lintroduzione di una nuova area e la tipologia degli elementi che seguono.

24 ISBD = International standard bibliographic description Per ogni area il formato ISBD indica anche le fonti dinformazioni prescritte. La fonte di informazione per il rilevamento dei dati è il documento nella sua interezza, ma alcune parti della pubblicazione presentano tradizionalmente alcune informazioni precise e sono quindi da consultare con maggiore attenzione delle altre (ad esempio il frontespizio per il titolo). Alcune di queste parti sono considerate obbligatorie e vengono definite fonti prescritte.

25 ISBD = International standard bibliographic description Le fonti hanno un ordine di preferenza, nel senso che si ricorre in via preliminare a quelle che sono collegate in modo permanente alla pubblicazione (frontespizio per un libro, ma anche etichetta su un disco) e si ricorre alle fonti mobili, solo quando le prime non offrano informazioni sufficienti (sovraccoperta o materiale allegato per un libro; contenitore di un disco, etc.).

26 ISBD = International standard bibliographic description Qualora le fonti prescritte non offrano informazioni sufficienti alla descrizione, è possibile ricorrere anche ad altre parti del documento o a fonti esterne, ma in tal caso gli elementi che si ricavano sono registrati fra parentesi quadre o inseriti nelle note.

27 Valore convenzionale della punteggiatura allinterno del formato ISBD / barra obliqua Introduce una formulazione di responsabilità;, virgola separa elementi dello stesso tipo; ; punto e virgola separa elementi di tipo diverso; : due punti introducono un legame, indicano un rapporto; = segno di uguale introduce un parallelismo in altra lingua o scrittura;

28 Valore convenzionale della punteggiatura allinterno del formato ISBD ( ) parentesi tonde racchiudono particolari informazioni nelle aree quattro, cinque e otto e lintera area sei; [ ] parentesi quadre indicano unintegrazione del catalogatore, nonché la natura di alcune informazioni in area uno e quattro; … punti di omissio- Indicano lesclusione di elementi non necessari: ne + segno più è utilizzato nellarea cinque per la segnalazione di materiale allegato.

29 Abbreviazioni Si possono utilizzare le seguenti abbreviazioni: cm = centimetri ed. = edizione rist. = ristampa ripr. facs. = riproduzione facsimilare

30 Abbreviazioni Alcune abbreviazioni risultano da espressioni latine: S.l. = sine loco (quando sia sconosciuto il luogo di pubblicazione) s.n. = sine nomine (quando sia sconosciuto il nome delleditore) et al. = et alii i.e. = id est (cioè) sic = così

31 Valore convenzionale della punteggiatura allinterno del formato ISBD La punteggiatura, come si è visto sopra, non ha valore grammaticale, ma è di natura convenzionale. Essa si ripete allinterno delle varie aree, mantenendo ad ogni segno uguale lo stesso valore convenzionale. Ogni area, ad eccezione della prima, è introdotta da un punto, spazio, linea lunga, spazio. In alternativa è possibile utilizzare il capoverso, il rientro o un corpo tipografico diverso.

32 AreaElemento 1. Area del titolo e formulazione di responsabilità [ ] = : / ; Titolo proprio Indicazione generale del materiale (facoltativo) *Titolo parallelo *Complemento del titolo Prima formulazione di responsabilità *successiva formulazione di responsabilità

33 2. Area delledizione= / ;, / ; Formulazione di edizione *Formulazione parallela di edizione Prima formulazione di responsabilità relativa alledizione *successiva formulazione di responsabilità relativa alledizione *formulazione ulteriore di edizione prima formulazione di responsabilità relativa alla formulazione ulteriore di edizione *successiva formulazione di responsabilità relativa alla formulazione ulteriore di edizione

34 3. Area specifica del materiale 4. Area della pubblica- zione, distribuzio- ne, etc. ; : [ ], ( :, ) Primo luogo di pubblicazione, distribuzione, etc. *successivo luogo di pubblicazione *nome delleditore e/o distributore *formulazione di funzione del distributore (facoltativo) data di pubblicazione, distribuzione, etc. *luogo di stampa (facoltativo) *nome dello stampatore (facoltativo) data di stampa (facoltativo)

35 5. Area della de- scrizione fisica :;+:;+ Indicazione specifica ed estensione del materiale Indicazione delle illustrazioni Dimensioni Indicazione di materiale allegato

36 6. Area della serie (=:/;,;.;)(=:/;,;.;) Titolo proprio della serie o sottoserie *titolo parallelo della serie o sottoserie *complemento del titolo della serie o sottoserie (facoltativo) prima formulazione di responsabilità *successiva formulazione di responsabilità ISSN della serie o sottoserie Numerazione allinterno della serie Indicazione e/o titolo della sottoserie Numerazione allinterno della sottoserie

37 7. Area delle note 8. Area del numero standard e delle condizioni di disponibili tà :Numero standard Condizioni di disponibilità e/o prezzo

38 ISBD Il formato ISBD si occupa soltanto di normalizzare la descrizione del documento, non prende assolutamente in considerazione larchitettura del catalogo, lasciando questo campo d'intervento alla normativa predisposta in ciascuna area nazionale. ISBD, quindi, non prende in considerazione i problemi trattati nelle conferenze di Parigi e di Copenhagen, ovvero non si preoccupa di stabilire norme o dare indicazioni per la scelta di quegli elementi che costituiranno i punti di accesso alla notizia bibliografica, che consentiranno cioè di avviare il meccanismo di recupero dellinformazione, né tanto meno forniscono suggerimenti rispetto al numero di tali accessi o alla forma con cui devono essere dati.

39 ISBD La ragione fondamentale è che, come abbiamo più volte detto, un catalogo deve essere funzionale al contesto in cui deve essere usato; di conseguenza è la biblioteca che lo compila a stabilire la quantità e il tipo di informazioni necessarie, rispetto alla propria utenza e alle proprie raccolte, ovviamente muovendosi allinterno di una normativa elaborata a livello nazionale, che per lItalia è costituita dalle Regole di catalogazione per autori (RICA e REICAT).


Scaricare ppt "ISBD = International standard bibliographic description La sintassi specifica da utilizzare nella descrizione bibliografica, ovvero lordine e il modo con."

Presentazioni simili


Annunci Google