La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PREPARAZIONE DEL PAZIENTE ALL’INTERVENTO CHIRURGICO

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PREPARAZIONE DEL PAZIENTE ALL’INTERVENTO CHIRURGICO"— Transcript della presentazione:

1 PREPARAZIONE DEL PAZIENTE ALL’INTERVENTO CHIRURGICO
Matteo VITA S.C. Chirurgia Generale Ospedale di Lavagna A.S.L. 4 - Chiavarese

2 VALUTAZIONE DEL RISCHIO OPERATORIO
VANTAGGI RISCHI complicanze guarigione invalidità controllo della malattia decesso

3 VALUTAZIONE DEL RISCHIO OPERATORIO
…l’importanza dell’esperienza clinica… Età > 70 anni condizioni fisiche generali diatesi emorragica/allergica intervento di elezione vs urgenza complessità della procedura chirurgica malattie concomitanti

4 RAPPORTO MEDICO-PAZIENTE
COMUNICAZIONE MINORI PROBLEMI MEDICO-LEGALI INFORMAZIONE FIDUCIA CONSENSO

5 PREPARAZIONE PSICOLOGICA
Parlare al paziente con onestà e franchezza, ma in tono ottimistico,delle prospettive di vita o di recupero postoperatorio,accennando l’eventuale impiego di presidi (drenaggi, sondini, cateteri) di cui il paziente deve comprendere l’utilità per accettarne meglio il disagio. Stress e depressione influenzano negativamente il risultato chirurgico riducendo la soglia del dolore e lo scudo immunitario

6 VALUTAZIONE CLINICA P O L M N I R E N I F E G A T O E N C F A L O C I
S I P O L M N I R E N I F E G A T O E N C F A L O

7 VALUTAZIONE CLINICA VOLUME EMATICO ANEMIA ACUTA ANEMIA CRONICA
FREQUENZA CARDIACA P.A. e P.V.C. DIURESI ANEMIA ACUTA Normale volume circolante (aumento della quota plasmatica), ma ridotto scambio di ossigeno tissutale ANEMIA CRONICA

8 VOLUME EMATICO Non è prevedibile con certezza che durante l’atto operatorio non si verifichi un’importante perdita ematica od un’ipossia accidentale quindi è consigliabile correggere preoperatoriamente la massa eritrocitaria ( > / = a 10 mg.%) come?

9 EMOTRASFUSIONE Il rischio trasfusionale è nettamente inferiore al danno di un possibile insulto ischemico/ipossico ai parenchimi nobili ( cuore, encefalo, reni)

10 VOLUME PLASMATICO Ridotto per : vomito, diarrea ustioni estese fratture sequestri nel “terzo spazio” (peritoniti, occlusione intestinale)

11 VOLUME PLASMATICO Monitoraggio : Trattamento : Diuresi oraria P.V.C.
P di riempimento telediastolica e gittata cardiaca (catetere di Swan-Ganz in arteria polmonare) Reidratazione isotonica (es. Ringer Lattato 250 ml/h) sino alla ripresa della diuresi fisiologica (1-2 ml/Kg/h) Trattamento :

12 NUTRIZIONE PARAMETRI DI VALUTAZIONE : prealbumina transferrina sierica
perdita di peso corporeo (> 10 % nella malnutrizione) TRATTAMENTO : Nutrizione Parenterale Totale o di supporto preoperatoria (7-10 gg.) Nutrizione Enterale

13 APPARATO CARDIOVASCOLARE
Fattori quali ipertensione arteriosa, diabete mellito, tabagismo,iperlipidemie,angina pectoris stabile,valvulopatie moderate non vanno ignorati nella valutazione del rischio E.C.G. Insufficienza cardiaca congestizia visita cardiologica angina instabile ecocardio(stress) recente infarto miocardico (<6m.) coronarografia + valvulopatie severe angioplastica

14 APPARATO CARDIOVASCOLARE
Rischio di TROMBOEMBOLISMO VENOSO ( insufficienza venosa agli arti inferiori, interventi sulla pelvi, obesità, pregressa anamnesi di TVP e/o di embolia polmonare, durata dell’intervento, posizione sul tavolo operatorio, neoplasie ) PROFILASSI ANTITROMBOTICA (eparine a basso peso molecolare,calze antitrombo)

15 APPARATO RESPIRATORIO
FATTORI DI RISCHIO PER COMPLICANZE POLMONARI POSTOPERATORIE CHIRURGIA ADDOMINALE “ALTA” B P C O TOSSE PRODUTTIVA PREOPERATORIA DURATA ANESTESIA > 3 h TABAGISMO ETA’ > 60 aa. OBESITA’ SCADENTE STATO DI NUTRIZIONE

16 APPARATO RESPIRATORIO VALUTAZIONE DEL RISCHIO
TESTS PREOPERATORI : Rx TORACE STANDARD (AP E LL) PROVE DI FUNZIONALITA’ RESPIRATORIA EMOGASANALISI TC TORACICA SCINTIGRAFIA PERFUSIONALE-VENTILATORIA VALUTAZIONE DEL RISCHIO

17 APPARATO RESPIRATORIO PREPARAZIONE PREOPERATORIA
(PAZIENTI A RISCHIO) SOSPENSIONE FUMO (almeno 5-7 gg. prima dell’intervento) FISIOTERAPIA RESPIRATORIA DRENAGGIO POSTURALE, BRONCOASPIRAZIONE MUCOFLUIDIFICANTI, ANTIBIOTICI, BRONCODILATATORI

18 Dosaggio di urea, creatinina, elettroliti sierici, es. urine completo
FUNZIONALITA’ RENALE Dosaggio di urea, creatinina, elettroliti sierici, es. urine completo IDRATAZIONE PREOPERATORIA EMODIALISI RISOLUZIONE DI PROBLEMI OSTRUTTIVI TERAPIA SEPSI URINARIA

19 FUNZIONALITA’ EPATICA
VALUTAZIONE ACCERTAMENTI SIEROLOGICI: AST,ALT, ALP, gGT, Bilirubina diretta ed indiretta, Albumina, Transferrina ASCITE ENCEFALOPATIA COAGULOPATIA ALCOOLISMO

20 SISTEMA NERVOSO IN PAZIENTI CHE IN ANAMNESI PRESENTANO SEGNI E SINTOMI RIFERIBILI AD OSTRUZIONI CAROTIDEE SIGNIFICATIVE (>70% DEL LUME) ECOCOLORDOPPLER TSA + ev. ANGIOGRAFIA ENDOARTERIECTOMIA CAROTIDEA (prima di interventi di chirurgia maggiore)

21 PREVENZIONE DELLA SEPSI ANTIBIOTICOPROFILASSI
DIFESE IMMUNITARIE DEFICIT NUTRIZIONALI NEOPLASIE CHIRURGIA “CONTAMINATA” ANTIBIOTICOPROFILASSI (PROTOCOLLI)


Scaricare ppt "PREPARAZIONE DEL PAZIENTE ALL’INTERVENTO CHIRURGICO"

Presentazioni simili


Annunci Google