La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Aspetti chirurgici nel trattamento della malattia diverticolare Dr. Carlo Augusto Sartori Primario Chirurgia Generale Castelfranco Veneto (TV) Centro Scuola.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Aspetti chirurgici nel trattamento della malattia diverticolare Dr. Carlo Augusto Sartori Primario Chirurgia Generale Castelfranco Veneto (TV) Centro Scuola."— Transcript della presentazione:

1 Aspetti chirurgici nel trattamento della malattia diverticolare Dr. Carlo Augusto Sartori Primario Chirurgia Generale Castelfranco Veneto (TV) Centro Scuola A.C.O.I. di Chirurgia Laparoscopica e Mininvasiva Dr.ssa Grazia Fusco Università La Sapienza- Roma Prof. P. Chirletti

2 Diverticolosi presenza di diverticoli in assenza di infiammazione della parete del colon Malattia diverticolare o Diverticolite al diverticolo si associa la presenza di eventi flogistici a carico della parete del colon Malattia diverticolare

3 Malattia diverticolare o Diverticolite conclamata presenza di flogosi o infezione (dolore addominale con risentimento peritoneale, febbre, leucocitosi neutrofila ed ispessimento della parete colica agli esami strumentali). Malattia diverticolare o Diverticolite complicata conseguenze dellulcerazione della mucosa colica e della perforazione della parete diverticolare (emorragia, ascesso, peritonite circoscritta o generalizzata, purulenta o fecale, fistole e stenosi).

4 Grade I II III Clinical Description Malattia non complicata sintomatica (o conclamata) Recidiva di malattia sintomatica o dolore cronico Malattia complicata Symptoms Febbre, dolore addominale, TC evidenza di diverticolite Recidiva dei sintomi più gravi Emorragia Perforatione Peritonite purulenta o fecale Ascesso Fistola Stenosi Clinical Classification

5 Ambrosetti Classification Moderate diverticulitis Severe diverticulitis Ispessimento pareti del sigma Irregolarità grasso pericolico Ascesso Aria extraluminale Contrasto extraluminale

6 Hinchey Classification Hinchey class IAscesso pericolico II aAscesso pelvico < 5 cm II bAscesso pelvico >5 cm IIIPeritonite purulenta IVPeritonite fecale

7 TRATTAMENTO MEDICO DOMICILIARE PERIODO DI QUIESCIENZA Dieta ricca di scorie Antibiotici: Rifaximina (Normix) Paromomicina Solfato (Humatin) Probiotici 5 gg al mese Management of Colonic Diverticular Disease G.Frieri a, M. T. Pimpo a, C. Scarpignato b Digestion 2006;73 (Suppl. 1):58-66

8 TRATTAMENTO MEDICO DOMICILIARE PERIODO DI ACUZIA Dieta priva di scorie Antibiotici ad ampio spettro Cefalosporine di 3°generazione (associazione aminoglicosidi + clindamicina o metronidazolo) Amoxicillina + ac. Clavulanico Antispastici ed analgesici ? Management of Colonic Diverticular Disease G.Frieri a, M. T. Pimpo a, C. Scarpignato b Digestion 2006;73 (Suppl. 1):58-66

9 Motivi di ospedalizzazione Febbre > 38 C Paziente sofferente Arresto del transito Segni di coinvolgimento peritoneale Dolore che richiede analgesici maggiori Leucocitosi neutrofila M. D. C O N C L A M A T A La malattia diverticolare complicata va sempre ospedalizzata!

10 Gestione durante il ricovero Esami ematochimici (GB, VES, PCR) TC addome in urgenza (con mdc) Digiuno NPT Terapia antibiotica ad ampio spettro ev Cefalosporine di III generazione (associazione aminoglicosidi + clindamicina o metronidazolo) Amoxicillina + ac. Clavulanico

11 OSSERVAZIONE Risoluzione del quadro clinico: Colon TC a gg Clisma opaco ? Colonscopia? Visita chirurgica di controllo

12 Quali indagini fare dopo lepisodio acuto? Colonscopia Clisma opaco Clisma opaco a doppio contrasto coloTC Indagini radiologiche

13 Indicazioni alla chirurgia Diversi episodi di diverticolite o diverticolite severa in pz giovani (< 50 aa) Dolore cronico persistente Nei pazienti immunosoppressi, nei pazienti giovani e nei portatori di patologie del tessuto connettivo lopzione chirurgica va considerata al primo attacco.

14 NON RISOLUZIONE DEL QUADRO CLINICO Presenza di ascesso Peritonite purulenta Drenaggio percutaneo Lavaggio e drenaggio laps Intervento di emicolectomia sinistra laparoscopica in elezione dopo 4-6 settimane OSSERVAZIONE

15 Malattia diverticolare complicata Ascessi Fistola (ileo-colica, colo-vaginale, colo-vescicale) Stenosi Urgenza (peritonite stercoracea, perforazione ed emorragia)

16 Terapia NPT Digiuno Terapia antibiotica ad ampio spettro ev Intervento di emicolectomia sinistra laps durante il ricovero Stenosi e fistola

17 Terapia Ascesso pericolico (Hinchey I) e Ascesso pelvico (Hinchey II) NPT Digiuno Terapia antibiotica ad ampio spettro ev Ascesso > 5 cm drenaggio percutaneo Intervento di emicolectomia sinistra laps in elezione

18 In alcuni casi selezionati lavaggio e drenaggio laps e successivo intervento in elezione. Peritonite purulenta (Hinchey III)

19 Peritonite stercoracea (Hinchey IV) Intervento chirurgico durgenza laparotomico (resez. Sec. Hartmann o resezione con anastomosi protetta o meno da stomia)

20 Laparoscopic colonic resections for diverticular disease Results of a single center series of 105 pts. Surgical strategy and technique Osp. Ital. Chir. 2003;9:

21 Laparoscopic left colon resection for diverticulitis. Personal experience Cases N °: m 92 f Mean age : 68.3 (min.30, max.81) Left colectomy : 130 (84.9%) Segmental resection : 23 (15.1%)

22 Diffuse diverticular disease Standard left colectomy Diverticular disease localized in the sigmoid colon Sigmoid resection with preservation of the origin of IMA and left colic artery

23 T 1 T 3 T 2 T 4 T 5 LEFT COLECTOMY

24 Results : 153 cases I.op. complications : 0,6% bladder damage (laparoscopic suture ) Average lenght of specimen : 25,05 cm. Histological examinations : 2 (1.3%) adenocarcinoma 1 (0.6%) adenoma villoso con displasia severa Deaths: 1 (0.6%) embolia polmonare in IV gpo

25 - Operative time: 153,2 min (range min) - Conversions:0,6% (1 case cirrhosis, severe diverticular disease) - Intra-operative blood loss: 66 ml (range ml) - Post-operative blood loss: 1,9% (3 cases) Results : 153 cases

26 Post-operative complications18 pts11,7% - Bleeding from anastomosis 2 1,2% - Ileal perforation (reoperated) 1 0,6% - Intraperitoneal bleeding 1 0,6% - Abdominal fluid collection 3 1,9% - Anastomotic fistula 1 0,6% - Wound infections 8 5,2% Results : 153 cases

27 Results: monocentric studiesAuthorsyearPtsConversionsLeaksStenosis Operative times (min) Hospital stay (days) Bruce %4.0%0% Sher %5.0%0% Trebuchet %2.9%5.9% Berthou %1.0%4.0% Sala %2.8%0% Sartori %0.6%0.9% Schwandner %1.6%2.7%

28 Results: multicentric studiesAuthorsyearPtsConversionsLeaksStenosis Operative times (min) Hospital stay (days) Franklin %0%1%-10.7 Kockerling %1.4%-164- Buillot %1.1%0.5%22313

29 Conclusioni La TC è laccertamento diagnostico più indicato sia per linquadramento clinico sia per definire la strategia terapeutica

30 Conclusioni Per la malattia diverticolare si ritiene che le indicazioni chrurgiche debbano essere limitate. Ridurre al minimo le indicazioni agli interventi durgenza, eventualmente eseguire lavaggio e drenaggio laps, in casi selezionati. Ridurre gli interventi di resezione sec. Hartmann.

31 L approccio laparoscopico è proponibile se la tecnica è ben standardizzata, la durata della procedura è contenuta e le percentuali di conversioni si attestano al di sotto del 10%. Conclusioni


Scaricare ppt "Aspetti chirurgici nel trattamento della malattia diverticolare Dr. Carlo Augusto Sartori Primario Chirurgia Generale Castelfranco Veneto (TV) Centro Scuola."

Presentazioni simili


Annunci Google