La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

2007/05/28La proposta dmin.it per lo sviluppo dei media digitali in Italia 1 Leonardo Chiariglione Convegno TOP-IX – Autori in digitale Torino, 2007/05/28.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "2007/05/28La proposta dmin.it per lo sviluppo dei media digitali in Italia 1 Leonardo Chiariglione Convegno TOP-IX – Autori in digitale Torino, 2007/05/28."— Transcript della presentazione:

1 2007/05/28La proposta dmin.it per lo sviluppo dei media digitali in Italia 1 Leonardo Chiariglione Convegno TOP-IX – Autori in digitale Torino, 2007/05/28

2 2007/05/28La proposta dmin.it per lo sviluppo dei media digitali in Italia 2 Chi è dmin.it e perché serve Nato a novembre 2005 a Torino come gruppo –Interdisciplinare, aperto, senza scopo di lucro –Costituito da professionisti o rappresentanti di aziende, istituzioni, associazioni –Che si propone di definire aree di interventi che consentano allItalia di acquisire un ruolo primario nello sfruttamento del fenomeno globale digital media LItalia ha tutti i numeri per partecipare alla corsa, ma ha difficoltà a sfruttare le opportunità dei digital media dmin.it propone un modello alternativo a quello attuale –Rispettoso della libertà degli attori della catena del valore –Che opera in parallelo a quelli attuali –Reso possibile da specifiche tecniche –Supportato da un numero ridotto di interventi normativi –Sotto la sorveglianza di un sistema di governance

3 2007/05/28La proposta dmin.it per lo sviluppo dei media digitali in Italia 3 Digital media Definizione: per digital media intendiamo contenuti espressi in bit, quindi trasportabili su reti digitali, elaborabili e fruibili attraverso dispositivi programmabili Esempi: –file audio/video (MP3, MP4...) –programma TV sulla DTT, satellite, IP,... –e-book

4 2007/05/28La proposta dmin.it per lo sviluppo dei media digitali in Italia 4 Il contesto dei digital media I digital media offrono un ventaglio di vantaggi –Ma modificano in modo sostanziale i ruoli tradizionali e le modalità operative delle catene del valore Negli ultimi 10 anni molti hanno tentato di innovare le catene del valore sfruttando i vantaggi dei digital media –Ad oggi però ci sono solo catene del valore basate su tecniche di "controllo" proprietarie simili a quelle tradizionali Le dimensioni del mercato di alcuni media sono ordini di grandezza più piccole di quelle del mercato sommerso –Ma il problema non si risolve mettendo la gente in prigione Intanto le realtà economiche italiane del settore faticano ad emergere –Incombe la colonizzazione dellindustria italiana dei digital media e quindi delle industrie collegate –Tratti dellidentità nazionale sono destinati alloblio

5 2007/05/28La proposta dmin.it per lo sviluppo dei media digitali in Italia 5 Le tre aree target della proposta dmin.it La proposta dmin.it si propone di massimizzare la circolazione dei digital media –Coniugando i requisiti Degli autori: libertà di poter offrire le proprie opere Degli intermediari: libertà di scelta del ruolo Dei consumatori: libertà di poter accedere ai contenuti –Agendo sulle modalità di offerta di/accesso a Contenuti Reti a larga banda Servizi di pagamento Vediamo come…

6 2007/05/28La proposta dmin.it per lo sviluppo dei media digitali in Italia 6 Le 3 gambe della proposta

7 2007/05/28La proposta dmin.it per lo sviluppo dei media digitali in Italia 7 1 – Offerta di/accesso a contenuti A livello nazionale è adottata una specifica di Digital Rights Management interoperabile (iDRM) che è Pubblica Realizzata in codice sorgente aperto (Open Source) Abilitante tutti i ruoli legittimi di intermediazione, cioè non prescrittiva di particolari business model Se un fornitore offre contenuti con DRM proprietario su un canale di distribuzione deve anche offrirli su quel canale Con iDRM affinché gli autori possano proporre le loro opere ed i cittadini possano accedervi con il dispositivi di loro scelta A condizioni eque e non discriminatorie se confrontate con lofferta fatta usando la propria tecnologia

8 2007/05/28La proposta dmin.it per lo sviluppo dei media digitali in Italia 8 Contenuti delloperatore A pDRM iDRM pDRM iDRM Canale distributivo di tipo 1 Canale distributivo di tipo 2 dispositivo pDRM dispositivo iDRM dispositivo pDRM dispositivo iDRM pDRM: DRM proprietario iDRM: DRM interoperabile LiDRM al lavoro

9 2007/05/28La proposta dmin.it per lo sviluppo dei media digitali in Italia 9 I vantaggi delliDRM Si abbassa la soglia dingresso alle catene del valore –Lautore può accedere alla distribuzione ed essere remunerato Si possono costruire nuove catene del valore –Chiunque può offrire servizi agganciati alle catene del valore Si incentiva il consumo –Si può accedere ad una grande varietà di contenuti con il proprio dispositivo Si scoraggia luso di contenuti ottenuti in modo improprio –I diritti sono affermati ma il loro rispetto è esercitato in maniera equa Si riduce il costo della tecnologia DRM –La tecnologia è standard ed è offerta da più fornitori in concorrenza Si apre il mercato dei dispositivi Chiunque può realizzare apparati o servizi di conformità garantita e offrirli a terze parti

10 2007/05/28La proposta dmin.it per lo sviluppo dei media digitali in Italia 10 2 – Accesso alla rete a larga banda 1.Un operatore di rete a larga banda può offrire accesso bundled e/o unbundled alla sua rete con caratteristiche tecniche di sua scelta 2.Un utente della rete (fornitore di contenuti, intermediario o utente finale) può richiedere ed ottenere da un operatore di rete a larga banda 1.Il puro accesso service-agnostic alla "big Internet con le caratteristiche tecniche già offerte dalloperatore 2.A condizioni non discriminatorie nei confronti delle altre offerte delloperatore 3.Gli operatori di rete a larga banda 1.Garantiscono linteroperabilità dei servizi di rete 2.Concordano e forniscono specifici livelli di qualità di servizio (QoS) ai punti di peering per fornire agli utenti della rete opportuni livelli di QoS

11 2007/05/28La proposta dmin.it per lo sviluppo dei media digitali in Italia 11 Rete proprietaria delloperatore A Rete aperta delloperatore A Rete proprietaria delloperatore B Rete aperta delloperatore B Rete dell operatore C Accesso dmin.it Accesso dmin.it Peering Point Peering Point Accesso proprietario Laccesso alla rete a larga banda secondo dmin.it Accesso proprietario

12 2007/05/28La proposta dmin.it per lo sviluppo dei media digitali in Italia 12 I vantaggi dellaccesso aperto alla rete a larga banda secondo dmin.it Tutti gli end point della rete (che lo desiderano) possono accedere a ed essere acceduti da tutti gli end point (nelle stesse condizioni) –Si massimizza il flusso di contenuti È garantita la facoltà agli operatori di rete che lo desiderano di adottare modelli di business diversi –È possibile una competizione tra modelli di business

13 2007/05/28La proposta dmin.it per lo sviluppo dei media digitali in Italia 13 3 – Servizi di pagamento pensati per digital media Chiunque, compatibilmente con le norme bancarie, può –Diventare un Virtual Account Service Provider (VASP) –Offrire servizi di account non direttamente monetari (punti, unità ecc.) Interoperabili con i servizi offerti da altri operatori (i punti di un operatore sono onorati dallaltro) Per transazioni collegate alluso di digital media Effettuate tra account Ogni account si appoggia su uno strumento di pagamento ad incasso garantito, ad esempio: –Conto corrente, Carta di credito, Carta prepagata –Domiciliazione bancaria, Borsellino elettronico La sincronizzazione di un account con il suo circuito di appoggio è effettuata su base periodica o a richiesta

14 2007/05/28La proposta dmin.it per lo sviluppo dei media digitali in Italia 14 Utente 1 della catena del valore (p.e. Venditore) Utente 2 della catena del valore (p.e. Consumatore) Fornitore di Servizi di Account 1 Fornitore di Servizi di Account 2 Conto Corrente Carta di Credito Carta prepagata Conto Corrente Carta di Credito Domicil. bancaria Pagamenti Negoziazione contenuti con dati di pagamento Negoziazione rete con dati di pagamento Acct11 Acct12 Acct1n Acct21 Acct22 Acct2m Servizi Condivisi Il sistema economico di dmin.it

15 2007/05/28La proposta dmin.it per lo sviluppo dei media digitali in Italia 15 Vantaggi del sistema di pagamenti dmin.it È concepito per transazioni piccole –Si possono inventare una quantità di modelli di business basati sulla raccolta delle briciole E.g.: uso della banda upstream in un sistema P2P Tratta oggetti che sono infinitamente replicabili –Se non mi pagano il brano musicale non sono più povero Tra attori che possono assumere qualsiasi ruolo Coinvolge persone che ora sono fuori del sistema –Giovani senza carta di credito ecc. Fa diventare tutti parte del sistema –Non si paga soltanto, ma si incassa anche Permette forme più sofisticate di remunerazione –Non solo levies o pubblicità o vendita Non ci sono interessi né costi finanziari Tipicamente un operatore cumula la funzione di VASP con altre Crea uno spazio economico parallelo (ma lIVA cè sempre…)

16 2007/05/28La proposta dmin.it per lo sviluppo dei media digitali in Italia 16 Caso 1 – Distribuzione di contenuti non protetti Una distribuzione in cui i contenuti –Non siano protetti –Abbiano associata una licenza duso espressa in un linguaggio interpretabile da una macchina Una macchina (dispositivo dutente) –Legge la licenza –Aiuta il suo utilizzatore a comportarsi secondo i desideri di chi ha rilasciato il contenuto –Invia una segnalazione dellevento (event report) a chi ha rilasciato il contenuto

17 2007/05/28La proposta dmin.it per lo sviluppo dei media digitali in Italia 17 Caso 2 – Sistema di compensazione alternativa Tutti i cittadini italiani pagano una tassa per poter utilizzare in liberamente tutti i contenuti pubblicati in Italia Si costituisce/individua unagenzia destinata a ricevere linformazione duso dei contenuti Ogni autore ecc. rilascia i suoi contenuti con la tecnologia di event report che informa lagenzia ogni volta che un contenuto è usato Tutti i dispositivi venduti in Italia sono certificati per emettere correttamente levent report Lagenzia fornisce al MinFin linformazione corretta per ridistribuire i proventi delle tasse agli aventi diritto in proporzione al consumo dei contenuti stessi

18 2007/05/28La proposta dmin.it per lo sviluppo dei media digitali in Italia 18 Caso 3 – Una DTT che porta valore I soggetti: A.Fornitore/aggregatore di contenuti che vuole offrire tali contenuti su DTT B.Operatore di rete o altro aggregatore/fornitore di contenuti presente sul mercato DTT C.Telespettatore munito di dispositivo iDRM per servizi pay diffusi via DTT Il servizio: A. 1.Gestisce/protegge i suoi contenuti con iDRM 2.Affitta il servizio di diffusione da C o acquista spazio nel palinsesto di B C.Accede ai contenuti di A sulla rete di B

19 2007/05/28La proposta dmin.it per lo sviluppo dei media digitali in Italia 19 Caso 4 – UnIPTV che funziona I soggetti: A.Puro operatore di rete B.Operatore di rete che offre contenuti IPTV ai propri clienti C.Consumatore che sottoscrive i servizi di connettività di A ed è dotato di dispositivo iDRM per servizi IPTV Il servizio: B.Si interconnette con loperatore A C.Accede ai contenuti di B con il suo dispositivo iDRM per IPTV con una qualità del servizio (QoS) che è la minore tra le QoS dei due operatori B e C

20 2007/05/28La proposta dmin.it per lo sviluppo dei media digitali in Italia 20 Caso 5 – WebTV cioè TV da e per tutti I soggetti: A.Puro operatore di rete B.Un sottoscrittore dei servizi di connettività di A C.Un altro puro operatore di rete D.Un fornitore di contenuti protetti, sottoscrittore dei servizi di connettività di C Il servizio: D.Pubblica i propri servizi WebTV tramite loperatore C C.Si interconnette con loperatore A B. Indirizza i servizi WebTV di D Accede a tali servizi attraverso loperatore B interconnesso con C con QoS pari alla minore tra A e B

21 2007/05/28La proposta dmin.it per lo sviluppo dei media digitali in Italia 21 Vantaggi della proposta dmin.it (oltre a quelli già citati) Si crea un mercato omogeneo con 60 milioni di consumatori/creatori che sostiene il business delle imprese della filiera, anche medio-piccole Si raggiunge una maggiore visibilità dei digital media italiani per promuovere lItalian lifestyle, con ricadute positive su cultura, turismo, abbigliamento, alimentari ecc… Si può realizzare un modello esportabile nei mercati esteri dalle imprese che si saranno fatte le ossa nel nuovo mercato nazionale

22 2007/05/28La proposta dmin.it per lo sviluppo dei media digitali in Italia 22 La proposta dmin.it richiede governance Garantire che il sistema sia amministrato nellinteresse di tutte le parti coinvolte Definire le responsabilità degli attori dellecosistema Amministrare il processo di certificazione Gestire il ciclo di vita delle specifiche –Gestirne le versioni/errori –Sviluppare nuove versioni per nuovi requisiti –Mantenerne la competitività nei confronti dellevoluzione tecnologica –Raccogliere le condizioni di licenza delle tecnologie non gratuite Prevenire i contenziosi tra attori dellecosistema ed agevolarne la risoluzione Garantisce la propria sostenibilità finanziaria

23 2007/05/28La proposta dmin.it per lo sviluppo dei media digitali in Italia 23 Dmin.it: quello che abbiamo fatto e quello che ancora ci attende 2005NovPrimo incontro 2006SetPubblicazione proposta 2007MarSpecifiche funzionali Richiesta tecnologie Richiesta commenti governance Richiesta commenti/proposte azioni normative AprPrototipi sperimentali MagRisposte alle richieste LugNuovo ciclo di richieste (governance, normat.) SetRisposte alle richieste (governance, normat.) DicPubblicazione finale specifiche, governance, azioni normative

24 2007/05/28La proposta dmin.it per lo sviluppo dei media digitali in Italia 24 Per saperne di più


Scaricare ppt "2007/05/28La proposta dmin.it per lo sviluppo dei media digitali in Italia 1 Leonardo Chiariglione Convegno TOP-IX – Autori in digitale Torino, 2007/05/28."

Presentazioni simili


Annunci Google