La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I fenomeni vulcanici. [...] Il mattino della partenza mise bene in ordine il suo camino, spazzò accuratamente il camino dei suoi vulcani in attività.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I fenomeni vulcanici. [...] Il mattino della partenza mise bene in ordine il suo camino, spazzò accuratamente il camino dei suoi vulcani in attività."— Transcript della presentazione:

1 I fenomeni vulcanici

2 [...] Il mattino della partenza mise bene in ordine il suo camino, spazzò accuratamente il camino dei suoi vulcani in attività. Possedeva due vulcani in attività ed era molto comodo per far scaldare la colazione del mattino. E possedeva anche un vulcano spento. Ma, come lui diceva, "non si sa mai" e così spazzò anche il camino del vulcano spento. Un racconto

3 Se i camini sono ben puliti, bruciano piano piano, regolarmente, senza eruzioni. Le eruzioni vulcaniche sono come gli scoppi nei caminetti. E' evidente che sulla nostra terra noi siamo troppo piccoli per poter spazzare il camino dei nostri vulcani ed e' per questo che ci danno tanti guai. [...] da Il capitolo IX de' Il Piccolo Principe di Antoine de Saint-Exupéry

4 Cosè un vulcano?

5 Qual è la composizione del magma? E una miscela complessa di silicati, ad alta temperatura, ricca di gas. Cosè il magma?

6 Come si formano i magmi?

7 Corpi magmatici effusivi Corpi magmatici intrusivi

8

9

10 materiali aeriformi materiali solidi Quali sono i prodotti dellattività vulcanica?

11 vapor acqueo (fino al 75%); anidride carbonica; composti dello zolfo, dellazoto, del cloro, del fluoro. Materiali aeriformi

12 Funzione dei materiali aeriformi contribuire alla formazione dellatmosfera e alla sua alimentazione; favorire la risalita e linnesco delle eruzioni del magma, entro cui si trovano disciolti.

13 colate di lava piroclastiti Materiali solidi

14 Sono frammenti solidi o semisolidi, di composizione e dimensioni varie, eiettati dal vulcano nellatmosfera durante una fase di attività esplosiva. Derivano da materiali strappati alle rocce dellapparato vulcanico, oppure da lave solide che ostruiscono i condotti e vengono frantumate durante lesplosione. Piroclastiti

15 In base alle dimensioni si classificano in: Polveri tufi Ceneri tufi Lapilli brecce Bombe brecce Piroclastiti Nubi ardenti!

16

17

18

19

20 I detriti piroclastici incoerenti assorbono acqua sino a diventare saturi, e soprattutto quelli accumulati sulle pendici più ripide del vulcano, diventano instabili e si trasformano in: Colate di fango o lahar Altri fenomeni legati allattività vulcanica

21

22

23

24 Base – surge (onda basale) Tipo fungo atomico

25 se la lava che si raffredda è molto fluida, alla sua superficie si forma una crosta di aspetto regolare, liscio e levigato: (in hawaiiano significa: «ci si può camminare sopra a piedi nudi») pahoehoe Colate di lava

26

27

28

29

30 se la lava è viscosa, la superficie della colata, più rigida, si frantuma in numerosi frammenti spigolosi e taglienti: Lava aa («su cui non si può camminare a piedi nudi»)

31

32

33

34

35 Lava pahoehoe e lava aa

36 Colate di lava Nelle eruzioni sottomarine, per il brusco raffreddamento a contatto con lacqua, la superficie della colata forma una crosta vetrosa. La pressione, dovuta allarrivo di altro magma dal condotto, la frattura in vari punti consentendo la fuoriuscita della nuova lava che, a sua volta, forma una nuova crosta. Alla fine, la colata appare formata da una catasta di grosse «focacce»: Pillow-lavas o «lave a cuscini»

37

38

39

40 allestremità aperta in superficie (cratere) di un condotto di forma, in genere, quasi cilindrica: Vulcano centrale o areale lungo spaccature, che penetrano profondamente nellinterno della Terra, al cui interno si verifica la risalita di materiali fusi: Vulcani lineari Gli edifici vulcanici si accrescono?

41 La forma di un vulcano dipende strettamente dal tipo di materiali eruttati. Si distinguono: Vulcani strato o composto (assumono laspetto di una montagna) Vulcani a scudo (si formano diverse bocche effusive in unampia area senza la creazione di rilievi) Quale forma assumono i vulcani?

42 Si ha quando fasi di effusioni laviche si alternano con periodi di emissioni esplosive di frammenti sminuzzati di lava: Ledificio assume la forma di cono, costituito da unalternanza di «strati» di lava e piroclastiti. (scorie, lapilli, ceneri) che si depositano attorno al cratere piroclastiti Vulcano strato o vulcano composto

43 Il condotto o camino vulcanico Mette in comunicazione ledificio esterno con larea di alimentazione, che può trovarsi da 10 ad oltre 100 km di profondità. Il bacino magmatico o camera magmatica Nella sua risalita il magma può ristagnare in un bacino magmatico a bassa profondità (fra 2÷3 km e 10 km): da qui arriva allesterno e alimenta uneruzione.

44 E vulcano-strato formato, in realtà, da più edifici vulcanici susseguitisi nel tempo, ognuno dei quali ha parzialmente coperto i precedenti. La sua attività è iniziata anni fa, come un vulcano sottomarino. Successivamente, ledificio si è accresciuto sino ad emergere dal mare prosieguendo la sua attività a diretto contatto con latmosfera. LEtna **

45 Sono grandi edifici vulcanici di forma appiattita. Hanno una limitata attività esplosiva ed eruttano lave molto fluide, in grado di scorrere per molti chilometri in larghe colate prima di consolidarsi. Vulcani a scudo

46 Vulcano a scudo

47 La loro sommità è unampia depressione chiamata caldera, (dallo spagnolo «pentolone»), delimitata da ripide pareti. Ciò è dovuto al collasso del fondo, che rimane senza sostegno a causa del veloce svuotamento della camera magmatica. Vulcani a scudo

48

49

50 Rappresentazione del vulcano Mauna Loa

51 Vulcano Kilauea: caldera

52

53

54 In base alla viscosità si distinguono: Attività effusiva Attività effusiva : magma fluido e contenuto in acqua variabile Attività effusiva prevalenteAttività effusiva prevalente: magma meno fluido Attività mista (effusiva – esplosiva)Attività mista (effusiva – esplosiva): magma viscoso e contenuto in aeriformi elevato Tipi di eruzione

55 Eruzione del tipo hawaiiano Eruzione di tipo islandese Danno origine a vulcani a scudo Attività effusiva dominante

56 Eruzione tipo hawaiiano

57 Vulcano Kilauea

58 Vulcano Kilauea: lava in mare

59

60

61 Eruzione tipo islandese La lava, molto fluida, fuoriesce da lunghe fessure aperte nella crosta si espande in ampie coltri, originando grandi superfici basaltiche (plateaux)

62 Eruzione di tipo stromboliano con lava a volte fluida a volte viscosa, che ristagna periodicamente nel cratere, dove inizia a solidificarsi. La loro pressione cresce fino a far saltare la crosta, provocando modeste esplosioni che lanciano in aria brandelli di lava fusa. Al di sotto della crosta solida si accumulano i gas, che via via si liberano dal magma. Attività effusiva prevalente

63 Eruzione di tipo stromboliano

64

65

66

67

68

69

70

71 Eruzione di tipo vulcaniano Eruzione di tipo pliniano Eruzione di tipo pelèeano Attività mista

72 Eruzione di tipo vulcaniano La lava è molto viscosa, per cui i gas si liberano con difficoltà. La lava solidifica nella parte alta del condotto, dove si forma un tappo mancano quasi totalmente le colate laviche I gas impiegano tempi più lunghi per raggiungere pressioni sufficienti a vincere lostruzione; quando ciò avviene, lesplosione è violentissima.

73

74 Eruzione di tipo pliniano Attività vulcanica caratterizzata dallestrema violenza dellesplosione iniziale, che svuota rapidamente un gran tratto del condotto superiore. Il magma può allora risalire con grande velocità da zone profonde, causando unesplosione alluscita dal cratere e dissolvendosi in una gigantesca nube di piccoli frammenti. base surge

75 Dalla nuvola ricadono, su unampia area, grandi quantità di frammenti di lava vetrificata, sotto forma di pomici. Eruzione di tipo pliniano

76

77

78

79 Eruzione di tipo pelèeano (dalla montagna Pelèe, sullisola della Martinica)

80 Eruzione di tipo pelèeano E caratterizzata dallemissione di lava ad altissima viscosità, che viene spinta fuori dal condotto già quasi solida. Dalla base di queste protrusioni possono fuoriuscire grandi nuvole di gas e vapori caldissimi, che portano in sospensione notevoli quantità di ceneri e di lava finemente polverizzata. nubi ardenti Forma cupole e torri alte qualche centinaio di metri.

81 Eruzione di tipo pelèeano Tali emulsioni roventi e molto dense (nubi ardenti discendenti), rotolano come valanghe lungo le pendici del vulcano e si espandono su vaste aree con grande velocità.

82

83 Eruzioni freatiche Krakatoa –isola di 9 km 1883 Morti 35000

84

85

86

87 CLASSIFICAZIONE BASATA SUL TIPO DI ERUZIONI: Influenzano la morfologia e dipendono dalla Influenzano la morfologia e dipendono dalla viscosità a dalle condizioni chimiche

88 Vulcanesimo secondario Geyser Solfatare fumarole Soffioni boraciferi Sorgenti termali

89

90

91

92

93 Cause dei fenomeni vulcanici

94

95 La teoria della tettonica a zolle, ha permesso di comprendere le cause della distribuzione e della concentrazione dellattività vulcanica in ambienti così diversi e le sue relazioni con la dinamica crostale. La tettonica a zolle

96 Si possono distinguere quattro diverse situazioni: zone di distensione della crosta zone di subduzione zone di compressione zone in cui giungono in superficie colonne ascendenti di materiale caldo. La tettonica a zolle

97 Nelle zone di distensione della crosta, cioè lungo i margini divergenti delle placche,si osservano eruzioni lineari con attività effusiva tranquilla. Il magma che le alimenta è un magma primario, proveniente dalla fusione parziale del mantello astenosferico. Tale fusione è data dalla forte diminuzione di pressione in corrispondenza dellasse delle dorsali. La tettonica a zolle: zone di distensione

98 Il vulcanismo fortemente esplosivo è collegato al processo di subduzione, nel corso del quale la placca che sprofonda viene progressivamente fusa. La presenza di notevoli spessori di sedimenti marini,tutti imbibiti di acqua, fa sì che il magma prodotto dalla fusione sia ricco in silice(quindi viscoso) e con abbondanti fluidi (vapore acqueo, anidride carbonica). Il vulcanismo dà origine a manifestazioni altamente esplosive. La tettonica a zolle: zone di subduzione

99 Nelle zone di compressione, in cui avviene lo scontro tra due margini continentali, la crosta viene deformata e riscaldata e si formano «magmi di anatessi». Essi risalgono con difficoltà, a causa delle forti pressioni, e possono originare grandi «plutoni». La tettonica a zolle: zone di compressione

100 Nelle zone in cui giungono in superficie colonne ascendenti di materiale caldo, proveniente dal mantello profondo, si generano rigonfiamenti isolati punti caldi Il magma che alimenta questi vulcani è un magma primario, che si forma nelle zone di contatto tra mantello e nucleo, a causa di un innalzamento di temperatura provocato da anomalie termiche locali. La tettonica a zolle: zone con colonne ascendenti di materiale caldo

101 La distribuzione dei 500 vulcani attivi non è casuale né uniforme, ma tende a concentrarsi in lunghe fasce o catene di edifici. La distribuzione geografica dei vulcani

102

103 Proviamo a fare il confronto con la cartina a pag. 239

104 Si distinguono tre diverse situazioni geografiche cui risultano associati i fenomeni vulcanici: Vulcanismo lungo le dorsali oceaniche Vulcanismo lungo il margine di un continente o lungo catene di isole Vulcanismo in centri isolati (punti caldi) allinterno di aree continentali e di piane abissali oceaniche La distribuzione geografica dei vulcani

105 Vulcanismo associato alle dorsali oceaniche Una parte considerevole dei vulcani si trova in corrispondenza delle dorsali oceaniche. Le dorsali oceaniche sono catene montuose che attraversano gli oceani, formate da rilievi che si elevano dal fondale, in genere, di 1000÷3000 m. La zona di cresta delle dorsali presenta fratture allungate, lungo le quali si verificano eruzioni sottomarine con emissione di ingenti quantità di lave molto fluide.

106 Alcuni fanno parte di intere catene di isole vulcaniche anchesse accresciutesi lungo fosse abissali. Vulcanismo lungo il margine di un continente o lungo catene di isole I grandi vulcani della Terra, si sono sviluppati lungo margini di continenti che sono fiancheggiati da quelle strette e lunghissime depressioni del fondo oceanico, note come «fosse abissali».

107 La maggior parte dei vulcani di questo tipo (più di 300) si localizza in una fascia che corre lungo le coste americane e asiatiche del Pacifico, nota con il nome di «cintura di fuoco circumpacifica». Vulcanismo lungo il margine di un continente o lungo catene di isole

108 Vulcanismo in centri isolati (punti caldi) Si tratta di isole o vulcani continentali. Poiché sono vulcani isolati, non connessi con linee di particolare instabilità della crosta sono detti «punti caldi». Sono punti caldi, per esempio, le isole delle Hawaii.

109 Distribuzione dei vulcani in Italia La maggior parte è localizzata lungo le coste dalla Toscana alla Sicilia. Molti sono ormai estinti come il Monte Amiata e la catena dei grandi complessi vulcanici nel Lazio.

110 Altri sono in piena attività come: Etna Isole Eolie Altri sono in fase di riposo come: Campi Flegrei Ischia Vesuvio Distribuzione dei vulcani in Italia

111

112 Gli effetti disastrosi di un'eruzione sono tanto maggiori quanto maggiore è l'urbanizzazione dell'area circostante al vulcano e quanto maggiore è la probabilità di avere fenomeni di tipo esplosivo. Il rischio vulcanico:

113 Dal 1600 ad oggi, la perdita di vite umane a causa di eventi vulcanici è dovuta quasi interamente a sei episodi, riportati in tabella (modificata da Blong, 1984):

114 VulcanoAnno N° vittime Cause Laki (IslandA) Carestia Unzen(Giappone) % frana 30% maremoto Tambora(Indonesia) % carestia Krakatoa(Indonesia) % maremoto Pelèe(Martinica) Flussi piroclastici Ruiz (Colombia) Valanghe di fango

115 Il Rischio è definito (Unesco, 1972, Fournier d'Albe, 1979) come il prodotto: Rischio = (Danno) x (Pericolosità) Danni che il vulcano potrebbe provocare nel contesto in cui è inserito (tipologia costruzioni, densità abitativa, etc.) Pericolosità è la probabilità che una data area sia soggetta ad un determinato evento vulcanico distruttivo.

116 In tale contesto, per la densità degli insediamenti urbani che lo circondano, un vulcano a rischio altissimo è il Vesuvio, a riposo dal Il rischio vulcanico in Italia:

117 Unaltra area a rischio vulcanico altissimo è quella dei Campi Flegrei, i cui lenti movimenti verso lalto o verso il basso (bradisismi), che saltuariamente si manifestano,sarebbero causati da movimenti, in una massa di magma posta a qualche km di profondità. I campi Flegrei, sono un complesso vulcanico con una lunga evoluzione - iniziata anni fa - che comprende circa 20 crateri disseminati su unarea di 65 km 2. Il rischio vulcanico

118 Il rischio vulcanico: Nel caso del Vesuvio e dei Campi Flegrei, la cui attività è stata quasi sempre esplosiva,lunica possibilità di difesa è: riconoscere lavvicinarsi di uneruzione attraverso lo studio dei prodotti e delle caratteristiche delle eruzioni precedenti e la rilevazione continua di certi parametri fisici e chimici Per potere evacuare tempestivamente larea.

119 Il rischio vulcanico: Se lattività vulcanica è prevalentemente effusiva: si può tentare di attuare una difesa attiva LEtna,laboratorio naturale per la Vulcanologia, in relazione agli insediamenti urbani e agricoli in espansione sui suoi versanti, e una sorvegliata speciale.

120 Il rischio vulcanico: Cosa fare? Potenziare le reti strumentali (sismologica, magnetometrica, ecc…) Prendere coscienza, in quanto: Vivere con un vulcano non è impossibile, ma bisogna imparare a saperlo rispettare.

121 Alterna manifestazioni esplosive a colate di lava generando accumuli di piroclasti. Oggi le eruzioni avvengono sia da bocche stabili alla sommità delledificio, sia da numerose bocche laterali, lungo le pendici, in corrispondenza di fratture che le mettono in comunicazione con il condotto centrale (200 coni avventizi). La lava è un basalto, abbastanza fluido. LEtna **

122

123

124

125

126

127 Tornado sullEtna

128 E oggi? Nov 2011

129

130 Vista aerea del complesso del Cratere di Sud-Est, quello vecchio (Vecchio CSE) a destra e quello nuovo (Nuovo CSE) a sinistra, ripresa il giorno 2 ottobre 2011

131 Vista aerea del complesso del Cratere di Sud-Est, quello vecchio (Vecchio CSE) a destra e quello nuovo (Nuovo CSE) a sinistra, ripresa il giorno 2 ottobre 2011 guardando verso sud-sudovest. Sono visibili le bocche e fratture eruttive apertesi durante gli episodi parossistici dell'8 e 28 settembre sul fianco settentrionale del Nuovo CSE, la più recente delle quali ha intersettato il fianco del "Levantino", cono sub-terminale formatosi durante gli episodi parossistici del sul fianco nord- orientale del cono del Vecchio SEC. Al centro in basso la colata lavica emessa la sera del 28 settembre, che ha attraversato la parte alta della frattura eruttiva di maggio La Bocca Nuova (BN) si trova dietro la cresta in alto a destra. Foto ripresa da Mauro Coltelli, INGV-Osservatorio Etneo (Catania)

132 23 ottobre 2011 Etna Fontana di lava, nube di cenere, e trabocco lavico dal Nuovo Cratere di Sud-Est

133 STROMBOLI Lo Stromboli attualmente si trova in uno stato di attività eruttiva persistente, con esplosioni di medio-bassa entità


Scaricare ppt "I fenomeni vulcanici. [...] Il mattino della partenza mise bene in ordine il suo camino, spazzò accuratamente il camino dei suoi vulcani in attività."

Presentazioni simili


Annunci Google