La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Conduzione del gruppo e Animazione dell incontro Oratorio di Ghedi Formazione catechisti Gennaio 2012.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Conduzione del gruppo e Animazione dell incontro Oratorio di Ghedi Formazione catechisti Gennaio 2012."— Transcript della presentazione:

1 Conduzione del gruppo e Animazione dell incontro Oratorio di Ghedi Formazione catechisti Gennaio 2012

2 PER CONDURRE UN GRUPPO….. CONSAPEVOLEZZA DI SE DA PARTE DEL CONDUTTORE ( LIMITI-RISORSE) E SUPPORTO DA PARTE DEL SUO GRUPPO CONOSCENZA DEI BAMBINI E DELLE LORO DINAMICHE CONOSCENZA DELLE DINAMICHE DI QUEL PRECISO GRUPPO DI BAMBINI IN QUEL PRECISO MOMENTO DELLA LORO VITA MODELLI DI APPRENDIMENTO TECNICHE DI ANIMAZIONE

3 I MODELLI DI APPRENDIMENTO APPRENDERE E ISTINTIVO ( NON SI PUO FARE A MENO DI APPRENDERE) LUOMO E DA SEMPRE AFFASCINATO DALLE MODALITA DI APPRENDIMENTO LA PSICOLOGIA DELLAPPRENDIMENTO E DISCIPLINA CON UNA GRANDE STORIA, ANCHE SE RECENTE (PAVLOV, SKINNER, LEWIN, PIAGET, BRUINER, MASLOW, ROGERS, BANDURA, ECC)

4 MODELLI DI APRENDIMENTO ESERCITAZIONE: IN GRUPPO, IMMAGINATE DI PREPARARE UNA LEZIONE DI CATECHISMO *decidete voi largomento *decidete che età hanno i bambini con cui lavorerete *decidete quali strumenti usare *decidete come procedere

5 MODELLI DI APPRENDIMENTO TOP-DOWN VS COOPERATIVE LEARNING

6 APPRENDIMENTO TOP-DOWN (DA ME A TE) Statico Soggetto di apprendimento è passivo Apprendimento individuale Il soggetto dimentica, non e coinvolto nellapprendimento, ma usa solo la via della memorizzazione Formato facile e semplice Formato ripetibile allinfinito Utilizzo prodotti già pronti e reperibili

7 COOPERATIVE LEARNING APPR. COOPERATIVO interattivo, relazionale, pratico, esperienziale Il soggetto è parte attiva dellesperienza di apprendimento Rimane nel bagaglio esperienziale del soggetto ( esperienza VISSUTA) Favorisce la creazione e stabilizzazione del gruppo Da personalizzare per ogni gruppo ( anche se si può partire da una base uguale per tutti) Complessità organizzativa Alto livello di coinvolgimento del formatore

8 LE TECNICHE DI ANIMAZIONE Utili per passare gli apprendimenti in modo originale Devono essere scelte strategicamente in base al gruppo ed alle sue dinamiche Diverse in base ai contenuti che voglio passare Presuppongono personalizzazione (ognuno ha le sue) Il conduttore ci deve credere Avere chiari gli obiettivi ( dove voglio portare il gruppo?)

9 Alcuni esempi di tecniche di animazione Lavoro di gruppo ( grande gruppo) Lavoro in piccoli gruppi Dallo stimolo alla deduzione Confronto e dialogo su un tema dato Brainstorming Altro.. Vedi allegato…..

10 COME ORGANIZZARE UNATTIVITA Non arrivare mai allultimo tempo e improvvisare Pensa ai ragazzi a cui è diretta lattività Pensa al luogo in cui si svolge lattività Pensa alla finalità È importante provare lattività prima di proporla ai ragazzi Servirsi di tutti gli ausilii bibliografici che possono esserci utili ( ad un certo punto la fantasia non basta più!!)

11 COME ORGANIZZARE UNATTIVITA Avere tutto il materiale ben disposto prima attenzione e clima, magari facendo costruire il materiale stesso ai ragazzi. Variare molto Accentuare lo spettacolo: inserire lattività in una storia, creando unambientazione Fare attenzione anche alle più piccole cose, perché tutto è importante.

12 Educare e…………... Grazie a tutti!!!


Scaricare ppt "Conduzione del gruppo e Animazione dell incontro Oratorio di Ghedi Formazione catechisti Gennaio 2012."

Presentazioni simili


Annunci Google