La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Workshop 3: La donna Moderatori: G. Ippolito, M. Moroni Discussant: R. Iardino Donna in età fertile A. Ammassari.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Workshop 3: La donna Moderatori: G. Ippolito, M. Moroni Discussant: R. Iardino Donna in età fertile A. Ammassari."— Transcript della presentazione:

1 Workshop 3: La donna Moderatori: G. Ippolito, M. Moroni Discussant: R. Iardino Donna in età fertile A. Ammassari

2 La donna in età fertile Adriana Ammassari INMI L. Spallanzani, Roma

3 La selezione di un regime antiretrovirale deve tenere in considerazione i rischi di specifiche complicazioni (elevato rischio cardiovascolare, osteopenia, ecc.) che possono compromettere la durata e laderenza alla terapia [AIII] Design: retrospective US cohort Population: 631 HIV+ (F164/M467) Discontinuation similar in F & M Reasons for treatment changes are different based on gender Kempf MC, et al. J AIDS 2009

4 La selezione di un regime antiretrovirale deve tenere in considerazione i rischi di specifiche complicazioni (elevato rischio cardiovascolare, osteopenia, ecc.) che possono compromettere la durata e laderenza alla terapia [AIII] More HIV-positive women are referred to a medication adherence clinic than men Women seem to be referred because of specific social factors: children at home, black sub- Saharan ethnicity, difficulties in medication and disease management due to stigmatization Schneider MP. et al. Rev Med Suisse Nicastri E, et al. JAC 2007

5 Riconoscere e trattare la depressione nelle donne con infezione da HIV è di prioritaria importanza [AIII]. Women had more depression diagnoses: F 34% vs. M 29% (p=0.001) Women responded better to psychiatric care combined with antidepressants: AOR 1.92 vs respectively Turner BJ et al. J Gen Intern Med 2003 Survival is lowest in poorly adherent patients with depressive symptoms Lima VD et al. AIDS 2007:21: Female gender was an independent risk factor for attempted suicide among a representative sample of French HIV+ individuals Préau M et al. AIDS Care 2008

6 Strategia di counselling in epoca preconcezionale rappresenta lopzione ottimale per definire adeguatamente le scelte relative al concepimento e preparare adeguatamente una gravidanza nella donna con HIV. Nelle donne che prevedono una possibile gravidanza o che non possono/non vogliono utilizzare efficaci metodi contraccettivi non è raccomandato lutilizzo di efavirenz per lelevato rischio teratogeno del farmaco durante il primo trimestre di gravidanza [AIII] In a survey of 700 women with HIV, 22% became pregnant after HIV diagnosis, but: –57% of these never discussed pregnancy or treatment options before pregnancy –42% had limited / no knowledge of ART options during early pregnancy Bridge DA, et al. IAS Mexico City 2008 Studies have reported that only about 50% of pregnancies are planned Floridia M, et al. Epidemiol Infect 2006 Finer LB, et al. Perspective Sex Reprod Health 2006 Proportions of unplanned pregnancies as high as 83.3% have been reported among young women with HIV (13-21 years) Koenig, LJ et al. Am J Obstet Gynecol 2007 A large number of different regimens were being prescribed including: ddI+d4T-based regimens (9.6%); EFV-based regimens (13.5%) Once pregnant, patients receiving EFV or ddI often had to change ART (OR 13.2 P<0.001 & 1.8 P=0.033, respectively) Floridia M, et al. Epidemiol Infect 2006

7 Valutare attentamente ed informare la paziente sulle possibili interazioni tra contraccettivi orali e farmaci antiretrovirali [AI]. Le donne in terapia antiretrovirale con farmaci che interagiscono con i contraccettivi orali devono usare metodi contraccettivi supplementari per prevenire il concepimento [AIII] Current contraceptive use among HIV+ women Stanwood N, et al. Contraception 2006 PIs and NNRTIs decrease hormone concentrations leading to contraceptive failure druginteractions.org

8 La diagnosi e il trattamento delle infezioni sessualmente trasmesse non differiscono nelle donne HIV positive rispetto alla popolazione generale [AII]. La valutazione del rischio sessuale, la diagnosi e la cura delle infezioni genitali è raccomandata per ridurre il rischio di trasmissione e di acquisizione di virus HIV [CIII]. In considerazione dellaumentato rischio di ascessi tubo-ovarici infiammazione pelvica con conseguente possibile occlusione tubarica bilaterale e relativa infertilità, si raccomanda uno screening con infezione da Clamidia e Mycoplasma [AII]. Screening prevents serious complications such as pelvic inflammatory disease, ectopic pregnancy, chronic pelvic pain, and infertility in women with asymptomatic CT or GC. CT or GC is associated with increased cervicovaginal HIV shedding that may increase HIV transmissibility. Of the 1037 women tested for CT or GC, 7.1% had a positive test result for either CT or GC. Multivariate analysis adjusting for age, viral load, and HAART identified age 35 years as the only risk factor associated with CT or GC infection The prevalence of CT or GC was 16.5% in women 35 years Screening only women 35 years would have detected 74% of CT and GC cases Ghys PD et al. AIDS 1997

9 Screening delle neoplasie femminili nella donna HIV-positiva

10 LHAART non influenza il tasso di persistenza di HPV, ma è in grado di ridurre lincidenza dellinfezione e la persistenza delle CIN [73]. Essa è consigliata dopo le terapie escissionali ed ablative standard [BII]. Lesiguità dei dati sul carcinoma invasivo della cervice non permette di formulare linee di terapia adattate allHIV, la strategia terapeutica deve pertanto essere simile a quella della popolazione generale e deve prevedere lassociazione con lHAART negli stadi in cui la terapia abbia finalità di radicalità o sia in grado di migliorare il tempo di progressione della neoplasia [AII]. Minkoff H, et al. JID 2010


Scaricare ppt "Workshop 3: La donna Moderatori: G. Ippolito, M. Moroni Discussant: R. Iardino Donna in età fertile A. Ammassari."

Presentazioni simili


Annunci Google