La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lezione 3. La Retorica Esistono tre generi di retorica: –il giudiziario: rivolto a chi deve giudicare, legato allambiente processuale –il deliberativo:

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lezione 3. La Retorica Esistono tre generi di retorica: –il giudiziario: rivolto a chi deve giudicare, legato allambiente processuale –il deliberativo:"— Transcript della presentazione:

1 Lezione 3

2 La Retorica

3 Esistono tre generi di retorica: –il giudiziario: rivolto a chi deve giudicare, legato allambiente processuale –il deliberativo: rivolto a chi deve decidere del bene comune, legato allambiente politico –lepidittico: rivolto a chi deve farsi unopinione, legato allambiente sociale Questultimo è il genere a cui appartiene la pubblicità In tutto questo manca la retorica letteraria – il bel parlare – il bello scrivere

4 Lo sviluppo della retorica Sempre segnato da due dissidi Retorica come falsità/demagogia (Platone – Cartesio) vs. Retorica come persuasione utile (Aristotele – Vico – Perelman) Retorica come persuasione utile (Aristotele – Vico – Perelman) Retorica come tecnica persuasiva (Aristotele – Perelman) vs. Retorica come bel parlare/scrivere Retorica come bel parlare/scrivere (Quintiliano – retorica barocca) (Quintiliano – retorica barocca)

5 Persuasione e Realtà Anche le realtà sono persuasive – cambiano la mente di chi le ascolta per la prima volta Teoricamente non hanno bisogno di retorica ma solo di dimostrazione Siamo nel campo della conoscenza, non dellopinione Del vero, non del verosimile La retorica entra comunque in campo: –per quello che riguarda laffidabilità della fonte –e limportanza del dato reale

6 oratore-discorso-uditori = emittente-messaggio-destinatario Per Aristotele: tre tecniche di persuadere Le prove coordinate dal discorso sono di tre tipi: –le prime consistono nel carattere delloratore; –le seconde nella disposizione danimo in cui si mettono gli uditori; –le terze nel discorso stesso per quello che dimostra o sembra dimostrare

7 Questi tre ambiti della comunicazione argomentativa sono: –Due di tipo soggettivo: –Lethos (o messaggio comportamentale) riguarda il carattere e limmagine delloratore lo scopo è quello di piacere –Il pathos (o messaggio emotivo) riguarda le passioni suscitate negli uditori lo scopo è quello di emozionare –Uno di tipo oggettivo: –Il logos (o messaggio razionale) riguarda il discorso vero e proprio lo scopo è quello di dimostrare

8 Ethos Da non confondere con morale E il comportamento dellemittente Che produce unimmagine nella mente del destinatario Per Aristotele solo al momento dellorazione Per noi anche nel passato Nel linguaggio della comunicazione pubblicitaria: Brand Identity I tre passaggi della personalità del marchio: –Brand personality – chi si vuol essere o apparire –Brand identity – come lo si comunica –Brand image – che cosa arriva al destinatario

9 Pathos Le emozioni, le passioni insite nel destinatario che il messaggio riesce a tirar fuori e potenziare sento il dovere di porre un problema morale a questi maestri della pubblica opinione, chiedendo se qualche volta non giochino un po troppo spregiudicatamente con le nostre passioni –Samuel Johnson, Articolo senza titolo, The Idler, 40, 20 gennaio 1759

10 Logos Argomentazione Aristotele, Retorica e Topici C. Perelman e L. Olbrechts-Tyteca, Traité de largumentation. La nouvelle rhétorique, Parigi, Presses Universitaires de France, 1958; trad. it., Trattato dellargomentazione. La nuova retorica, Torino, Einaudi, 1966.

11 Deduzione Dal generale al particolare Entimema – parallelo al sillogismo – ma partendo dal probabile non dal vero Tutti gli uomini sono (veramente) mortali – Socrate è un uomo – Socrate è (sicuramente) mortale (sillogismo) Tutti i fagioli in quel sacchetto sono neri – Questo fagiolo viene da quel sacchetto – Questo fagiolo è nero (sillogismo) Tutte le donne (probabilmente) preferiscono gli uomini giovani e belli – Charlize è una donna – Charlize preferisce un uomo giovane e bello (entimema)

12 Entimema pubblicitario Tutti gli uomini che stanno attenti allalimentazione hanno (probabilmente) un fisico più giovanile – Chi usa olio Cuore sta attento allalimentazione – Chi usa olio Cuore ha un fisico più giovanile (quindi anche tu, quarantenne)

13 Induzione Dal particolare al generale Questo fagiolo è nero – Questo fagiolo viene da quel sacchetto – Tutti i fagioli in quel sacchetto sono neri Esempio – parallelo allosservazione scientifica Utilità di più esempi paralleli Inietto a x il vaccino e x non prende il vaiolo – Inietto a y il vaccino e y non prende il vaiolo – Inietto a z il vaccino e z non prende il vaiolo – Ne induco che chiunque è iniettato con il vaccino non prende il vaiolo

14 Esempio pubblicitario Faccio provare alla signora x il detersivo O e lei è soddisfatta Faccio provare alla signora y il detersivo O e lei è soddisfatta Faccio provare alla signora z il detersivo O e lei è soddisfatta Ne induco che a qualsiasi signora io faccia provare il detersivo O, lei ne sarà soddisfatta

15 Tre tipi di induzione: Esempio (vero o verosimile) Parabola (falso ma realistico) Fabula (falso e irrealistico)

16 LAccordo con lUditorio E segno di ignoranza adoperare ununica forma di discorso con coloro che sono variamente disposti (Antistene - IV secolo a.C.) Concetto di politropia = facoltà di trovare i diversi modi di espressione convenienti a ciascuno Nelleloquenza la cosa sta tutta fra noi e gli ascoltatori: noi dobbiamo adattare il nostro discorso alle loro opinioni. (G. B. Vico XVII-XVIII secolo) (G. B. Vico XVII-XVIII secolo)

17 Dal momento che tutti gli uomini accettano i discorsi consonanti con il proprio carattere e [stanno ad ascoltare solo] le persone che sentono simili a sé stessi, è chiaro che dobbiamo costruire i nostri discorsi in modo da apparire simili ai nostri ascoltatori (Aristotele, Retorica) (Aristotele, Retorica)

18 [I cattivi politici] lusingano la folla che essi dovrebbero dirigere (Platone) Non sono mai quelli che vi parlano a rendervi buoni o cattivi: siete invece voi che fate di loro ciò che volete. Infatti non siete voi a sforzarvi di fare ciò che essi vogliono: sono piuttosto loro che si sforzano di dire ciò che essi pensano che voi desideriate. Conviene quindi che voi vogliate cose buone e tutto andrà bene: infatti, in tal modo, o nessuno terrà più discorsi cattivi, oppure, se qualcuno lo farà, non ne trarrà alcun vantaggio, perché non troverà chi si lasci persuadere. (Demostene) (Demostene)

19 Le basi dellaccordo I dati di fatto I valori (ciò in cui si crede ideologicamente – onestà – ricchezza) Le presunzioni (ciò in cui si crede materialmente – i preti sono onesti – i calciatori sono ricchi) Le gerarchie (è meglio essere onesti che essere ricchi – o viceversa) I luoghi comuni (ciò che la maggioranza pensa: è più difficile che un cammello ecc.)


Scaricare ppt "Lezione 3. La Retorica Esistono tre generi di retorica: –il giudiziario: rivolto a chi deve giudicare, legato allambiente processuale –il deliberativo:"

Presentazioni simili


Annunci Google