La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Www.matura.it ELETTROMAGNETISMO. MENU Introduzione al fenomeno dellelettromagnetismo Nascita dellelettromagnetismo Rete cellulare Modulazione digitale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Www.matura.it ELETTROMAGNETISMO. MENU Introduzione al fenomeno dellelettromagnetismo Nascita dellelettromagnetismo Rete cellulare Modulazione digitale."— Transcript della presentazione:

1 ELETTROMAGNETISMO

2 MENU Introduzione al fenomeno dellelettromagnetismo Nascita dellelettromagnetismo Rete cellulare Modulazione digitale Antenne Ricerche scientifiche Interferenze Limiti di legge Strumento: RIVELATORE DI ONDE ELETTROMAGNETICHE Inglese Storia Italiano

3

4 ITALIANO Gabriele dAnnunzio VITA POESIE PROSE TEATRO Il PIACERE ANALISI DELLULTIMO CAPITOLO MENU

5 STORIA Vittoria mutilata; Crisi italiana e avvento del fascismo; Introduzione alla I Guerra Mondiale; Trattati di pace; Questione di Fiume. MENU

6 Introduzione Siamo arrivati alle soglie del terzo millennio e la società dipende ormai esclusivamente dalla corrente elettrica e dai suoi derivati. Elettrodotti, elettrodomestici, televisioni, radio, telefoni cellulari, radar: tutte queste apparecchiature fanno ormai parte della nostra vita e generano campi elettromagnetici. Ogni oggetto che funzioni tramite energia elettrica, genera intorno a sé un campo elettromagnetico. Gli oggetti in cui passa corrente producono onde elettromagnetiche e queste si propagano dalloggetto in tutte le direzioni; quindi un oggetto attraversato da corrente, produce un campo magnetico e comunica questo evento emettendo, in tutte le direzioni, onde elettromagnetiche. Onde che ci attraversano giungendo da qualsiasi oggetto che funzioni con energia elettrica. La corrente è un insieme di cariche che si muovono, quando una carica si muove produce anche un altro effetto: genera un campo magnetico. A questo punto si può pensare che i fenomeni elettrici e magnetici siano due aspetti di uno stesso fenomeno: il fenomeno dellELETTROMAGNETISMO. Così come un campo elettrico variabile genera per induzione elettromagnetica un campo magnetico, anche un campo magnetico variabile genera un campo elettrico. La variazione del campo elettrico equivale a una corrente elettrica, chiamata corrente di spostamento. Tra i due campi esiste una simmetria profonda. La variazione del flusso delluno genera le linee di forza dellaltro. In entrambi i casi queste linee di forza sono chiuse e perpendicolari a quelle dellaltro campo. I due campi costituiscono ununica entità: il campo elettromagnetico. Unonda elettromagnetica che si propaga nello spazio nasce da una generazione a ripetizione di campi elettrici e magnetici concatenati tra loro. Generatasi, ha unesistenza che non dipende più dalle cause che lhanno prodotta, ma è autonoma. Le onde elettromagnetiche si propagano anche nel vuoto e sono onde trasversali, in cui il campo elettrico e il campo magnetico,oltre ad essere sempre perpendicolari tra loro, sono anche perpendicolari alla direzione di propagazione. MENU

7 NASCITA DELLELETTROMAGNETISMO Già nel XVII secolo Gilbert aveva posto le basi dello studio dei campi magnetici.Gli studi effettuati nel secolo successivo portarono a grandi approfondimenti della conoscenza dei campi elettrici che culminarono nella invenzione della pila di Volta nel Luso di questa negli esperimenti effettuati da Ampere e Faraday allinizio del secolo XIX fece capire che vi era una stretta connessione tra magnetismo ed elettricità. Questa connessione era stata in precedenza intuita per alcuni fenomeni strani quale la smagnetizzazione della bussola di una nave durante una tempesta con fulmini. Faraday riuscì a produrre scintille, tipica manifestazione elettrica, utilizzando la corrente di una pila e quello che oggi chiameremmo trasformatore. Nobili, per primo, ottenne scintille da una calamita per induzione elettromagnetica. Maxwell riordinò i risultati di questi esperimenti costruendo una teoria matematicamente coerente dellelettromagnetismo ed ipotizzando che anche la luce fosse unonda elettromagnetica. Melloni dimostrò che la radiazione calorifica (infrarosso) si comporta in modo analogo alla luce. La spettroscopia associata alla fotografia, dimostrò che la luce del sole e quella dellarco elettrico contengono anche radiazioni (UV) non visibili di lunghezza donda minore della luce.

8 Hertz indicò come produrre onde elettromagnetiche con lunghezza donda di alcuni metri e Righi ottenne onde di qualche centimetro. Roentgen scoprì i raggi X e Bequerel i raggi gamma. Marconi produsse onde lunghe chilometri. Negli ultimi anni del secolo XIX veniva così completato lo spettro delle onde elettromagnetiche. I nomi con cui vengono classificate anche oggi le onde elettromagnetiche sono più legati alla storia della loro scoperta che alle loro proprietà fisiche: La gamma da 0 a 10 kHz sono denominate ELF (extremely low frequency) La gamma da 30 a 300 MHz sono denominate RF (radio frequency) La gamma da 300 a 300 GHz sono denominate MW (microwawe) Il meccanismo e la velocità di propagazione nel vuoto di tutte le onde elettromagnetiche sono identici, indipendentemente dalla lunghezza donda o frequenza. Allaumentare della frequenza si hanno però delle graduali variazioni riguardo il modo di interagire con la materia. Lemissione delle onde, il loro assorbimento e la loro propagazione in mezzi materiali, infatti, dipendono dalla natura fisica e dalle condizioni delle sostanze emittenti ed assorbenti o di quelle che consentono la propagazione. MENU

9 RICERCHE SCIENTIFICHE A partire dalla fine degli anni 70 si sono diffuse, nel mondo scientifico, numerose ricerche di laboratorio e indagini epidemiologiche dalle quali sono emerse possibili implicazioni per la salute umana da parte di campi elettromagnetici generati dagli impianti di distribuzione dellenergia elettrica (elettrodotti). Un primo riscontro concreto si ebbe nel 1975 ad opera del biochimico, studioso del cervello, Adey, direttore del laboratorio di biologia spaziale della NASA dal Egli raccolse una considerevole quantità di prove che dimostrarono leffetto diretto dei campi elettromagnetici (C.E.M.) sul sistema nervoso dei vertebrati, alterando la memoria e la chimica celebrale. In seguito i suoi programmi di ricerca vennero bloccati. Nel 1979 anche gli studiosi Wertheimer e Leeper incominciarono ad avere risultati concreti, evidenziando una relazione fra tumori infantili e residenza in case ad alta configurazione di corrente. A seguito della diffusione di questi risultati, diverse ricerche hanno affrontato il tema del rischio cancerogeno legato allesposizione a campi elettrici e magnetici a 50 / 60 Hz. MENU

10 LA CRISI ITALIANA E LAVVENTO DEL FASCISMO Alla fine della grande guerra in Italia emerge in modo drammatico la fragilità degli equilibri sociali e politici dello Stato liberale. Dal punto di vista economico, la riconversione dellindustria (gonfiata dalle esigenze della guerra) e linflazione (in buona parte determinata dallindebitamento dello Stato e dal passivo della bilancia commerciale) acutizzano i conflitti sociali nel paese. Il sistema di potere liberale viene messo in crisi dalle lotte operaie e contadine del biennio rosso e dalla crescita dei partiti di massa (il Partito socialista e il cattolico Partito popolare ), ma anche dal diffuso malcontento delle classi medie, i cui redditi reali sono falcidiati dallinflazione. Il mancato accoglimento delle pretese italiane alla conferenza di pace inserisce come ulteriore elemento destabilizzante il mito della vittoria mutilata, agitato da DAnnunzio e dai nazionalisti.vittoria mutilata Le elezioni del 1919 segnano il tracollo dei partiti tradizionali e lavanzata dei socialisti e dei popolari. Il Partito popolare diviene indispensabile per la creazione delle successive maggioranze, poiché i socialisti rifiutano ogni collaborazione di governo con liberali e cattolici. Da un lato lincapacità della classe dirigente di affrontare i problemi politici ed economici del paese, dallaltro i fermenti di cui si giova il nascente movimento fascista per attaccare la democrazia parlamentare e le organizzazioni politiche e sindacali socialiste.

11 Il fallimento delle prospettive rivoluzionarie e la crisi economica attraversata dallItalia nellinverno indeboliscono il movimento sindacale e la sua capacità di reazione al fascismo; mentre lazione del Partito socialista perde di efficacia, anche a causa delle sue divisioni ( nascono così il Partito comunista dItalia, gennaio 1921, e il partito socialista unitario,ottobre1922). Il movimento fascista intanto si è trasformato in un partito e si presenta ora come una forza di destra, capace di saldare intorno a sé un vasto blocco sociale e di puntare alla presa del potere. Dopo una lunga serie di violenze contro il movimento sindacale e socialista messe in atto da squadre armate, i fascisti, il cui pericolo viene sottovalutato dalla classe dirigente liberale, possono così realizzare una marcia militare su Roma (28 ottobre 1922), inducendo in tal modo il re a dare a Mussolini lincarico di formare un nuovo governo. MENU STORIA

12 Il mito della VITTORIA MUTILATA Orlando indotto da Wilson a lasciare il tavolo delle trattative alla volta di Roma il 24 aprile 1919,per chiedere al Parlamento un voto di fiducia, che gli venne concesso in maniera plebiscitaria. Il manifesto del presidente americano e la reazione di Orlando suscitarono in Italia un moto di orgoglio ferito, stimolato dalle agitazioni nazionalistiche. Nasceva così il mito della vittoria mutilata(espressione coniata da dAnnunzio ), di una vittoria risultata cioè inutile pur dopo tanti lutti: un mito che, alimentando il senso di delusione di una parte del paese, introdusse un grave elemento di tensione nellagitato clima del dopoguerra. In realtà i trattati di pace di Parigi assicurarono allItalia vantaggi sostanziali, che le consentirono il pieno raggiungimento dei suoi scopi di guerra. Il nostro paese venne escluso dalla spartizione delle colonie tedesche in Africa, ma conseguì la frontiera del Brennero, con un allargamento territoriale che andava oltre i termini del Patto di Londra, e ottenne la maggior parte della flotta mercantile austro-ungarica. Restava però insoluta la questione di Fiume, occupata da truppe italiane nel novembre 1918, dopo che il Consigli nazionale costituitosi nella città aveva proclamato lunione allItalia. questione di Fiume MENU STORIA

13 METAL DETECTOR Metal detector, despite their technical complexity, are based on a few very simple principles. The most important is that of electromagnetic induction. This means that if an object is placed in a changing magnetic field, an electrical voltage is created in the object.

14 ALTERNATING CURRENT (AC) is applied to the coil in the search head from the battery in the control box. This creates an ever-changing electromagnetic field around the coil. An electric current is induced in any metal object the coil passes near.

15 The current induced in the metal object produces its own magnetic field, wich in turn induces A voltage in the search coil, as the alternating current changes direction. The circuitry in the control box senses this reaction and converts the voltage into an audible Note, wich is sent to the headset. As the metal object is approached, the sound in the headset becomes louder, or changes pitch.

16 A metal detector is essential for todays amateur treasure hunter. But only the most expensive detector can reveal the difference between worthless items, such as pull-ring tops from soft drink cans or silver foil, and a rare find such as the gold necklace discovered by one enthusiast last year. Electronic metal detectors use the principle of electromagnetic induction. This means thatif an object is placed in a changing magnetic field, an electrical voltage is created in the object. In a metal detector, an electrical current is passed through a coil of wire, calledthe search coil, to create a magnetic field. An alternating current generator converts the direct current from the battery into the AC needed to drive the coil. As AC regulary reverses direction, it produces the necessary ever-changing magnetic field.

17 Currents are created in a metal object which comes within this magnetic field by a process know as induction. This is because all metals conduct electricity. When a current is induced in a metal object, this is turn produces its own magnetic fields. These magnetic fields are capable of inducing a small amount of electricity in the detectors search coil itself. The simplest kind of metal detector is the pulse induction type. A powerful current is passed from the battery through the search coil and then switched off. The pulse of magnetism causes current to flow in any target objects below the ground. But unlike the current in the search coil, the current in the object cannot be switched off; it has To die away naturally. As it dies, the current in the object reactivates the search coil. This voltage is then amplified to indicate with a sound or a flashing light that an object has been found The effectiveness of a metal detector depends on the size and position of the object and how far beneath the ground it is buried. For example, a coin buried edge-on to the search coil is much harder to detect than the same coin buried face up. MENU

18 GABRIELE DANNUNZIO VITA Gabriele dAnnunzio nasce a Pescara il 12 marzo Compiuti gli studi liceali a Prato, si trasferisce nel 1881 a Roma, dove diventa presto noto come giornalista letterario e cronista mondano. Dal 1891 al 93 vive a Napoli: in questo periodo è suggestionato da Nietzsche e Wagner. Dal 1898 al 1910 vive a Settignano, nella villa detta la Capponcina. Nel 1910, a causa dei debiti contratti, va in esilio volontario in Francia, dove rimane fino al Scoppiata la guerra, torna in Italia schierandosi tra gli interventisti e partecipando ad ardite imprese belliche. Conclusasi la guerra, compie nel limpresa di Fiume. Costretto nel 1921 ad abbandonare Fiume, si ritira a Gardone Riviera, in una villa detta il Vittoriale degli Italiani, nella quale vive in disparte fino alla morte, avvenuta il 1 marzo Amato e odiato dalla critica per la sua volontà di fare della sua vita unopera darte, Gabriele dAnnunzio con la sua concezione estetica, basata sul culto religioso della bellezza e con la sua esaltazione dell io, rappresenta uno dei massimi esponenti del decadentismo italiano. Da un lato è poeta Dandy dalle innumerevoli amanti, dallaltro Vate incomparabile, narratore, patriota, precursore dei tempi,anticipatore della modernità, DAnnunzio ha rappresentato un modello di comportamento, un ideale e uno stile di vita incarnati nel Dannunzianesimo. decadentismo italiano Dandy

19 Nella sua produzione letteraria e romanzesca dAnnunzio trasferisce gran parte dellesperienze autobiografiche e crea personaggi umani esemplificativi dei gusti del decadentismo, da Andrea Sperelli del romanzo Il Piacere a Claudio Cantelmo protagonista del romanzo Le vergini delle Rocce, fino a Mila,protagonista dellopera teatrale La figlia di Iorio e rappresentante del mito femminile dannunziano. Il dAnnunzio poeta, poi,spazia dallardore sensuale al desiderio di purificazione, dalla celebrazione degli eroi-in Elettra- a quella dei destini della Nazione-con il Notturno-che ripiega verso lintimismo, la meditazione e la scoperta degli altri. Lidentificazione di letteratura e vita è il presupposto essenziale dellarte dannunziana, che contrappone alla realtà dellItalia Giolittiana l estetismo, cioè il culto religioso della bellezza: sbocco inevitabile dellestetismo dannunziano è stata la scoperta di Nietzsche, dal quale ha ricavato il mito del superuomo, realizzando artisticamente i sogni velleitari della classe media (la forza fisica e lo sfrenato erotismo, il culto per lavventura e il disprezzo per la plebe, la difesa dellordine laspirazione alla grandezza nazionale);questo mito umano, elaborato sia nei romanzi che nelle opere teatrali, si accompagna con il mito femminile delle donne fatali, antagoniste delluomo nella sua affermazione-un superomismo al femminile. estetismo Nietzsche superuomo MENU ITALIANO

20 DECADENTISMO ITALIANO ( ) Il Decadentismo si sviluppa in Francia, a Parigi, nella prima metà degli anni 80. Il Decadentismo è una forma di cultura e di civiltà artistico letteraria e le componenti essenziali sono lestetismo e lirrazionalismo.Questa nuova tendenza è caratterizzata dalla sensazione di un eccesso di civiltà e dallimminenza di una catastrofe e dallorgogliosa rivendicazione del valore positivo dellartificio e della raffinatezza tipici delle epoche al tramonto. Lorgano ufficiale del Decadentismo è la rivista Le Decadent del Il termine Decadentismo venne usato allinizio in accezione negativa, mentre oggi designa una particolare civiltà letteraria e artistica. I caratteri del decadentismo sono: il rifiuto del metodo scientifico e razionale, soggettivismo e individualismo, scoperta dellinconscio, ricorso al simbolismo, lestetismo e la religione dellarte, concezione del poeta come artefice supremo o come profeta e vate (indovino) VITA

21 NIETZSCHE Nietzsche rifiuta ogni concezione progressista tornando a proporre unidea ciclica della vita. Egli è un maestro del sospetto, dietro le apparenze egli sospetta motivazioni taciute e nascoste che vuole trarre alla luce. Nietzsche non crede più ad alcuna verità, da qui il suo nichilismo, egli afferma che non esistono i fatti in se, ma esiste solo la loro interpretazione sempre relativa e parziale. Egli considera decisivo il momento dellinterpretazione che essendo sempre soggettiva e storicamente e socialmente condizionata non può mai essere vera. Secondo lui la storia non possiede alcuna finalità né alcuna legge che la indirizzi, tutto si ripete ciclicamente secondo lunica legge esistente: quella delleterno ritorno (delle stagioni, della vita, della morte, tutto si ripete). Nietzsche privilegia non la continuità e la struttura rigorosa del saggio, ma la forma breve e frammentata dellaforisma. VITA

22 DANDY Il Dandy è leccentrico che si diverte a stupire e a colpire lattenzione del pubblico, con gli atteggiamenti, con il modo di vestire e di vivere, con i gesti provocatori. Esibisce la propria diversità e, mentre ne fa spettacolo, cerca di imporla e di servirsene come trampolino per il successo. Si diverte dunque a scandalizzare e a provocare, ma in realtà vuole il riconoscimento e il plauso del pubblico. La figura del Dandy presuppone lisolamento sociale dellartista e la spinta della concorrenza che lo induce a differenziarsi con gesti clamorosi; ma rivela anche quanto sia ambiguo il suo anticonformismo: dietro la rivolta, si nasconde in realtà il desiderio del successo. Il personaggio del Dandy bene esprime, dunque, il destino dellartista nella società che mercifica larte e in cui lartista deve fare propaganda a se stesso per vendere i propri prodotti. VITA

23 ESTETISMO Lestetismo consiste nel privilegiare la Bellezza quale valore supremo, da realizzare ad ogni costo. Esso si incontra in ogni epoca, ma assume connotati organici e strutturati in forma ideologica soprattutto negli ultimi decenni dellOttocento; luso del termine in senso proprio è perciò oggi solitamente ristretto a indicare un aspetto del Decadentismo, legato alla teorizzazione dellarte per larte, al culto della Bellezza e allidentificazione di arte e vita. Ponendo la bellezza al di sopra di tutto, lestetismo rifiuta di rispondere ad altra morale che non sia quella stessa del proprio canone artistico. In Inghilterra sono riconducibili allestetismo Pater e Wilde; in Francia, Husysmans; in Italia dAnnunzio. TORNA

24 SUPERUOMO Il superuomo è un uomo molto superiore ai suoi simili per intensità di vita, per pensiero e forza di volontà che non si sottomette ala morale comune, ma la supera in unesistenza che è al di là del bene e del male. Nellideologia del superuomo lestetismo si diffonde con le tendenze aggressive e belliciste: lesaltazione del colonialismo e della guerra non ha solo una motivazione politica nelle idee nazionaliste, ma assume laspetto della celebrazione della bellezza della violenza, della strage e del sangue. Nietzsche indicava nel superuomo tanto un modello di umanità futura, liberata dalle superstizioni e da ogni forma tradizionale di cultura religiosa, morale, estetica ecc.,quanto il singolo individuo in grado di realizzarsi pienamente, in base alla propria personale morale, a dispetto e in contrasto rispetto al resto della società. TORNA

25 LE POESIE DAnnunzio esordisce con la raccolta di poesie Primo vere (1879). Dopo Primo vere si apre il cosiddetto periodo romano, che occupa circa un decennio ( ) e vede la pubblicazione di diverse raccolte poetiche : Canto novo (1882), Intermezzo di rime ( 1884), Isaotta Guttadauro ed altre poesie (1886), Elegie romane (1892). Nel 1893 vede la luce il Poema paradisiaco, che prelude ad una nuova fase caratterizzata dalla tematica della bontà. Dopo una pausa di qualche anno, nel 1889 dAnnunzio ritorna alla scrittura di versi con le Laudi. Secondo il progetto dellautore, le Laudi del cielo del mare e della terra degli eroi si sarebbero dovute articolare in sette parti. In realtà dAnnunzio realizzo compiutamente solo le prime quattro parti: Maia, Elettra e Alcyone, che escono nel 1903; Merope, che esce nel 1912.

26 LE PROSE Lesordio di dAnnunzio in qualità di prosatore avvenne con i bozzetti di Terra vergine (1882). I racconti successivi a Terra vergine confluirono, rielaborati e selezionati, in Novelle della Pescara (1902). Tra il 1888 e il 1910 dAnnunzio si dedicò alla stesura di numerosi romanzi: Il piacere (1889), Giovanni Episcopo(1891), Linnocente(1892), Il trionfo della morte(1894), Le vergini delle rocce(1895), Il fuoco(1900), Forse che sì forse che no(1910). Dopo il 1910 dAnnunzio utilizza la prosa per forme di scrittura concentrate, di tipo lirico.I risultati più convincenti di questa stagione vengono con il Notturno(1921). Escono poi, nel 1924 e nel 1928, due volumi di Faville del meglio. Il piacere

27 IL TEATRO Lattività teatrale di dAnnunzio si stende quasi per intero tra il 1897 e il I lavori dannunziani per le scene risultano sempre appesantiti da una ricerca di musicalità, o di raffinatezza e originalità espressiva, a tutto svantaggio dellefficacia drammatica e della credibilità psicologica. Al centro dellinteresse dello scrittore sta ancora una volta la parola, e proprio per dare alla parola più risalto dAnnunzio compose una parte dei suoi testi teatrali in versi. La tragedia dannunziana più apprezzata dal pubblico, La figlia di Iorio, è del MENU

28 IL PIACERE Il Piacere di dAnnunzio è il corrispettivo italiano de Il ritratto di Dorian Gray di Oscar Wilde e di Controcorrente di Huysmans e il suo protagonista, Andrea Sperelli, è una sorta di fratello spirituale di Dorian Gray e di Des Esseintes, il testamento italiano, insomma, dellEstesismo Decadente. Siamo a Roma, tra il 1885 e il 1888, e i due filoni tematici principali, sono lamore e il quadro sociale di fine secolo. Diviso tra lamore sensuale per donna Elena Muti quello spirituale per donna Maria Ferres (un tema che ricorda lamore nella doppia visione di Baudelaire, diviso tra la Madonna e la Vampira), Andrea Sperelli è il prototipo del Dandy, simbolo della aristocrazia capitolina, nutrito e imbevuto di cultura umanistica, è il testimone della fine di unepoca e della nascita di un mondo nuovo, in cui lArte e il Bello soccombono dinnanzi allirrefrenabile ascesa del potere e del denaro, di un mondo in cui la borghesia, rozza e volgare-completando un processo storico in atto già da almeno un secolo-si sostituisce alla nobiltà. DAnnunzio è impeccabile nellanalisi psicologica dei personaggi e, a questo scopo, sfrutta al massimo le possibilità offertegli dal romanzo autodiegetico, servendosi a seconda delle esigenze, del discorso diretto, indiretto e indiretto libero. Il Piacere è un caso isolato nella Storia della Letteratura Italiana e affonda le sue radici più nella sensibilità europea che in quella italiana, una sensibilità che deve molto alla lezione dei poeti simbolisti e, ancor più indietro nel tempo, del già citato Baudelaire. E, in Andrea Sperelli, alter-ego di DAnnunzio, lautore riesce a concretizzare quello che è il suo principio estetico di base, ossia fare della propria vita un opera darte.

29 LA TRAMA Andrea, dei conti fieschi dUngenta, fa di Roma il teatro della propria affermazione sociale e della propria ricerca di raffinatezza. La Roma alla quale egli guarda non è quella classica cantata da Carducci, ma la Roma barocca dei papi e della nobiltà, segnata dal piacere di vivere, e da una corruzione spirituale, che coincide con la facoltà stessa di vivere la vita secondo parametri estetici. Andrea vive nel palazzo Zuccari e a Trinità dei monti e passa da unavventura galante allaltra, immerso nella vita frivola della mondanità. La capacità di gestire questo copione con perfetto equilibrio e superiore distacco è però incrinata dal rimpianto per Elena Muti, unamante la cui bellezza e la cui forte personalità hanno eccezionalmente turbato Andrea. Interrotta la relazione con lei per in improvvisa fuga della donna da Roma, Andrea tenta in vano di ristabilire i contatti in occasione del ritorno della donna, due anni dopo, sposata da un ricco e perverso marchese. Minacciato da un inquietudine interiore che lo porta a una sgradita consapevolezza della propria aridità esistenziale, Andrea cerca scampo nella consueta vita frenetica e dissoluta, finchè resta ferito in un duello provocato dalla reazione gelosa del marito offeso dalla sua intraprendenza. Si apre quindi una parentesi di convalescenza nella villa di campagna chiamata Schifanoja, presso la cugina di Andrea marchesa dAtelata. Qui il protagonista recupera una serenità interiore riavvicinandosi ai propri interessi di scrittore e di artista la pace è turbata dallarrivo di unamica della cugina,Maria Ferres, caratterizzata da una femminilità ben diversa da quella di Elena: delicata, spirituale,sensibile. A poco a poco Andrea stabilisce con Maria un intimità affettuosa, che diviene vero e proprio rapporto damore dopo il ritorno dei due a Roma.Qui lattrazione per Elena che di tanto in tanto continua rivedere, si mescola allorrore della vita torrida di lei, e alla gelosia, per una nuova relazione della donna; Mentre il rapporto con Maria deve subire il peso di quella tensione erotica che nellanimo di Andrea non riesce a chiudersi. Andrea viene lasciato da Maria, mentre abbracciato a lei pronuncia il nome di Elena.La conclusione del romanzo registra il fallimento del protagonista e del suo progetto di esteta. MENU ITALIANO

30 ANALISI DELLULTIMO CAPITOLO DEL PIACERE La conclusione del romanzo In questo capitolo viene descritto il fallimento del protagonista, cioè del suo progetto di fare la vita come si fa unopera darte. Lesteta, infatti, non può che fallire, volendo subordinare tutto allarte in una società di massa che invece, con la sua volgarità economica, allarte è ostile o indifferente. Nella narrazione di questultimo capitolo si ha introspezione perché lazione conclusiva è ambientata nella casa di Maria Ferres. Nella casa si sta svolgendo unasta pubblica, dovuta al fallimento del marito di Maria, per colpa dei debiti di gioco, e Andrea si trova in questa casa circondato da una folla di rozzi mercanti.Tutto il capitolo è attraversato dal confronto tra la bellezza e il pregio del palazzo dove si svolge lasta, da una parte, e la volgarità degli acquirenti che lo hanno invaso dallaltra, in una scena di alto significato simbolico. Quando Andrea ritorna nella casa, a sera, mentre si stanno portando via gli ultimi mobili, vede la carta a fiorami volgari che sta sotto le tappezzerie staccate dalle pareti, simbolo della fragile copertura esercitata dalla bellezza rispetto ala volgarità ormai dilagante. I facchini intanto fumano, cantano canzoni volgaari, contribuendo al sentimento di sfascio e di profanazione. Il protagonista, nella conclusione del capitolo, è costretto a seguire lentamente i facchini che trasportano in casa sua un immenso armadio: questo è una sorta di simbolica cassa da morto, ed è come se Andrea seguisse un simbolico funerale, che congiunge il palazzo profanato di Maria Ferres alla sua casa: segno definitivo del fallimento della bellezza e dunque del progetto del protagonista. Andrea si trasforma da esteta a inetto.

31 LA QUESTIONE DI FIUME Il 12 settembre 1919 ebbe inizio la marcia di Ronchi: il generale Pittalunga,al comando del contingente italiano a Fiume, non ebbe il coraggio di fermarli, ed anzi fu lui stesso a scortarli in città dove vennero accolti tra applusi e grida di gioia. Il generale Pittalunga trasmise i poteri a DAnnunzio, simboleggiando con questo atto il ritorno del comando di Fiume agli italiani. Inglesi e francesi lasciarono la città senza creare disordini, accettando il fatto compiuto, e ciò fece sembrare inutili le scuse che il governo Nitti presentò alla conferenza di Parigi. Il 26 ottobre si ebbero le nuove elezioni per il Consiglio comunale, che divenne Consiglio nazionale. Lavventura dei legionari di Ronchi ripropose la questione adriatica all opinione pubblica e costrinse il governo a presentare alla Conferenza di Parigi numerosi progetti, al fine di definirla definitivamente. Il presidente americano Wilson, avverso alle mire imperialistiche italiane, presentò un progetto in cui si privava lItalia della Dalmazia continentale ed insulare, facendo di Zara una città libera e di Fiume uno stato cuscinetto amministrato dalla lega delle nazioni. In questo modo non si teneva conto del diritto allautodecisione e allautonomia, garanzie dellitalianità della città, che, in seguito alle rinunce annessionistiche italiane, era da tutti

32 ritenuto un diritto fondamentale per Fiume. Nel novembre del 1919 il generale Badoglio, in rappresentanza del governo italiano, offrì a Fiume un modus vivendi, un documento che, riconoscendo quanto fino ad allora chiesto dai fiumani, tentava di risolvere questa annosa questione. Le proposte governative, più volte emendate, contenevano una clausola sottile che, per allontanare DAnnunzio da Fiume, prevedeva linvio di truppe regolari per legittimare lannessione allItalia solo dopo e a patto che i legionari di DAnnunzio avessero lasciato la città. DAnnunzio, in seguito alla deliberazione negativa del plebiscito, respinse il patto.Dimessosi Nitti nel giugno 1920, gli succedette Giovanni Giolitti che riconfermò ministro degli esteri il conte Sforza. La soluzione della questione fiumana apparve sempre più difficile e lontana. L8 settembre 1920 DAnnunzio proclamo la Reggenza italiana del Carnaro dando vita, nel rispetto dellitalianità della città, ad uno stato libero che, al momonto opportuno, sarebbe stato annesso allItalia. Poco meno di un mese prima, il 12 agosto, nasceva, nella sala della Giovine Fiume, il Fascio fiumano, che ebbe tra i propri scritti lo stesso DAnnunzio. Questo piccolo spazio corporativo indipendente ebbe tuttavia vita breve poiché il governo Giolitti, intenzionato a risolvere nel più breve tempo possibile la questione adriatica, riprese le trattative con la Jugoslavia. Le trattive si svolsero a Rapallo: furono invitati i delegati jugoslavi (Vesnic, Trunbic e Sojanovic), ma nessun fiumano fu chiamato a partecipare.

33 Il trattato concluso a Rapallo il 12 novembre 1920 assegnava allItalia tutta lIstria fino a Preluca, Postumia, Idria e il Monte Nevoso, ma le toglieva tutta la costa orientale adriatica (prevista dal patto di Londra) ad eccezione di Zara. Fiume veniva costituita in stato libero ed indipendente, con limpegno reciproco dei firmatari di rispettarne in perpetuo la libertà ed indipendenza. Il trattato nascondeva delle clausole segrete negoziate dal ministro Sforza, che cedevano Porto Baross ed il delta dellEneo (Fiumara) alla Jugoslavia. Il bacino era parte integrante del porto, congiunto direttamente con la linea ferroviaria di Zagabria e la sua cessione significava la rovina economica della città, la cui principale risorsa era, appunto, il commercio marittimo. Nonostante le proteste della città, il trattato fu ratificato per la jugoslavia dal reggente Alessandro il 22 novembre; il 27 dalla Camera italiana ed il 17 dicembre anche dal Senao. Il 28 novembre il generale Caviglia ordinò al Comando di fiume di sgombrare immediatamente le isole di Veglia e di Arbe. DAnnunzio protestò contro il trattato, di cui non riconobbe la legaità, e chiese maggiori spiegazioni circa la sorte di Porto Baross. La tensione crebbe, inasprita dai numerosi rifiuti di DAnnunzio alle intimidazioni del generale Caviglia. La Reggenza proclamò, la notte del 21 dicembre 1920, lo stato di guerra. La sera della vigilia di Natale le truppe regolari attaccarono i legionari: in questo scontro

34 durato cinque giorni, che sarebbe stato ricordato come il Natale di sangue, numerosi furono i morti, anche tra i civili. DAnnunzio, per evitare ulteriori bombardamenti, rassegnò le dimissioni mantenendo solo il comando della legione di Ronchi, ed al Consiglio non rimase che accettare le condizioni del trattato di Rapallo. La creazione dello Stato libero di Fiume sembrò la realizzazione del disegno di Riccardo Zanella che, tornato in città, si presentò come il garante delle clausole del trattato di Rapallo.

35 Le elezioni per la nomina dei membri della nuova Assemblea Costituente si tennero il 24 aprile In previsione della vittoria zanelliana, i fascisti di Fiume, guidati da Nino Host- Venturi e dal sindaco Riccardo Gigante da poco dimissionario, entrarono nellaula del tribuale dove si procedeva allo spoglio delle schede, per impossessarsi delle urne ed incendiarle,così da invalidarle elezioni. I verbali furono messi in salvo e sulla loro base Zanella, prevalendo sul blocco nazionale, risultò il vincitore delle elezioni. Il 25 giugno il ministro Sforza confessò alla camera dei deputati lesistenza di quelle clausole segrete tanto temute dai fiumani poiché li privava di Porto Baross. Questa notizia fu accolta con dolore dai fiumani, che organizzarono un corteo di protesta conclusosi con un tragico scontro a fuoco tra gli alpini di guardia e i numerosi manifestanti, e con diversi morti da entrambe le parti. Al governo Giolitti seguì il nuovo governo presieduto da Bonomi, che decise di sospender le trattative con la Jugoslavia e, sostenendo Zanella, tentò una pacificazione tra i cittadini di Fiume. La libertà della città fu tuttavia una creatura esile, poiché essa si trovò a dipendere economicamente dallItalia e, costretta tra due stati, dovette subire anche le ingerenze croate. Per risollevare leconomia della città Zanella decise di vendere agli stranieri sia le strutture portuali, sia le ferrovie, misure, queste, che gli alienarono numerosi consensi in un

36 momento in cui gli scontri tra autonomisti zanelliana e fascisti si facevano sempre più frequenti. Il 3 marzo 1922 il fascio fiumano mosse, forte di duecento uomini, allassalto del governo zanelliano. Dinanzi alle cannonate fasciste contro il palazzo del municipio, le forze garanti dellordine pubblico rimasero indifferenti. Zanella, costretto a firmare due lettere di dimissioni, si rifugiò a Portorè con altri membri della costituente, e non volle avere alcun contatto con i rivoluzionari, sostenendo che il solo organo costituzionale legale era lassemblea votata i 24 aprile. A Fiume il consiglio militare affidò i poteri al professore Attilio Depoli, che venne riconosciuto anche dal governo di Roma quale capo provvisorio delo Stato di Fiume. Depoli, dichiaratamente antifascista, accettò il mandato nel solo ed unico interesse della città. Zanella, dal suo esilio a Portorè, continuò a lottare per lindipendenza dello Stato di Fiume, ma gli aiuti sia italiani che jugoslavi di cui potè godere furono sempre esigui. Nella conferenza di Genova, che si concluse con le convenzioni di Santa Margherita, si procedette a definire i particolari relativi allapplicazione del trattato di Rapallo. I protocolli vennero firmati alla vigilia della marcia su Roma: Mussolini dovette accettare il trattato di Rapallo, poiché questo ormai era legge dello Stato.

37 Tuttavia, forte degli aiuti economici che alargiva alla città, sentì di avere motivo di riprendere le trattative con Belgrado, per giungere allannessione di Fiume allItalia. Con il trattato di Roma del 27 gennaio 1924 si riconosceva alla Jugoslavia la sovranità sul delta e il porto Baross, allItalia la sovranità su Fiume, di cui lestremo territorio settentrionale doveva essere ceduto alla Jugoslavia, e si rimetteva la delineazione dei confini precisi al lavoro di una commissione mista. Il governatore Giardino, senatore del Regno, inviato dal Consiglio dei ministri per provvedere ai bisogni della città, proclamò il 16 marzo lannessione di Fiume allItalia. Il governo italiano, rendendosi conto dei danni commerciali subiti da Fiumi in seguito alle vicende degli ultimi anni, prese una serie di provvedimenti al fine di risollevarne leconomia. Venne creata, con R.D. 22 febbraio 1924, numero 213 ed in seguito con R.D. del 4 ottobre 1928, numero 2370, la Provincia del Carnaro, così da poter convogliare su Fiume i traffici del suo retroterra. Furono elargiti cospicui finanziamenti alle società armatrici fiumane; lAdria ad esempio, che svolgeva un importante servizio anche per altri scali dellAdriatico, del Mediterraneo e dellAfrica settentrionale, potè potenziare le proprie linee grazie alle sovvenzioni ricevute. La concorrenza che tuttavia subì dal bacino di Sussak spinse il governo ad istituire la zona franca del Carnaro che, istituita inizialmente fino al 1931, fu poi prorogata sine die dal successivo regio decreto L 8 ottobre numero Tra il 1934 ed il 1936 si cominciarono a vedere i primi segni di ripresa nel settore industriale, grazie anche dai contributi elargiti dallIRI.

38 Dei tremila autonomisti che avevano seguito Zanella nel suo esilio a Portorè, non rimase ben presto più traccia. Il partito comunista di Fiume, nato nel 1924, trovò pochi sostenitori e questi pochi furono schedati dalla Questura nel Se la difesa dellitalianità di Fiume rimase un valore irrinunciabile, la maggioranza dei componenti dellAssemblea Costituente, dotati di grande opportunismo politico, divenne favorevole al fascismo. Il solo vero antifascista rimase Zanella: unici suoi sostenitori, ed antifascisti dichiarati anche a Fiume, furono Antonio Luksich Yamini ed Angelo Adam. Questi alimentarono la propaganda antifascista trovando nei mezzi di cui Zanella disponeva un valido sostegno. La provenienza daltronde, delle ingenti somme di denaro di cui egli sempre dispose, resta un mistero. Zanella lasciò belgrado nel 1934 per recarsi a Parigi, dove restò fino al LItalia fascista, intanto, era entrata in guerra a fianco delle potenze dellAsse. In seguito al colpo di Stato del generale dellesercito slavo Simovic, Hitler ordinò, con la sua direttiva numero 25, la conquista e lannientamento della Jugoslavia, che nel 1941 aveva aderito al Patto tripartito con Germania ed Italia. Alla campagna partecipò anche lUngheria che, nellaprile del 1941, annesse a zona della Backa. La Germania occupò la maggior parte della Jugoslavia, eccetto alcuni territori sloveni, di Sussak e della Dalmazia, che passarono sotto il dominio italiano. Il tentativo di creare un regno di Croazia fu impedito dallazione di Ante Pavelic, fondatore del movimento degli Ustascia di ispirazione fascista, che costituì una repubblica indipendente croata sotto la sua presidenza.

39 I territori al di là dellEneo, che non erano stati mai rivendicati da Fiume e neppure dai precedenti trattati, furono dichiarati del Fiumano ed a questo annessi creando così il precedente delle sanguinose vicende che avrebbero avuto luogo al termine del conflitto mondiale. MENU STORIA


Scaricare ppt "Www.matura.it ELETTROMAGNETISMO. MENU Introduzione al fenomeno dellelettromagnetismo Nascita dellelettromagnetismo Rete cellulare Modulazione digitale."

Presentazioni simili


Annunci Google