La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Guido CANDELA & Paolo FIGINI The Economics of Tourism Destination, Springer 2012 Testimonianza di: Roberto CELLINI (Università di Catania)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Guido CANDELA & Paolo FIGINI The Economics of Tourism Destination, Springer 2012 Testimonianza di: Roberto CELLINI (Università di Catania)"— Transcript della presentazione:

1 Guido CANDELA & Paolo FIGINI The Economics of Tourism Destination, Springer 2012 Testimonianza di: Roberto CELLINI (Università di Catania)

2 Messaggio pubblicitario: Perché acquistare, leggere, ma soprattutto STUDIARE

3 Messaggio pubblicitario E chiaro che è frutto di una continua e appassionata ricerca! 1. Non solo è chiarissimo didatticamente … 2. Ricostruisce la ricerca di frontiera 3. Dà idee per la ricerca in tema di turismo 4. Dà tante idee di investigazione, anche per altri campi 5. Dà indicazioni agli operatori privati 6. Dà valutazioni sulle politiche effettuate 7. Dà indicazioni ai policy-maker, per ciò che è da fare

4 Messaggio pubblicitario Rende chiaro che leconomia del turismo NON E (o non è soltanto) unappendice della micro- o della macro- economia! Certo, Teoria del consuno Tourism economics Teoria della produzione Tourism economics Industrial organization Tourism economics Economia pubblica Tourism economics Economia della crescita / sviluppo Tourism economics Ma anche Tourism economics tanti altri campi

5 Messaggio pubblicitario La mia esperienza con Tourism economics Certo, Laurea … Dottorato … Ricerca prevalente … Ma poi, GUIDO CANDELA va in crociera … Le navi hanno gli stabilizzatori articolo su beni di qualità esogena Il soggiorno è lungo e si informa molto informazione e prezzi Il mare non è bello tutto nello stesso modo Vs. Lanza&Pigliaru Gli elementi di contorno sono diversissimi Oligopolio differenziato

6 TEMI RILEVANTI 0. Il metodo scientifico 1. INFORMAZIONE dei CONSUMATORI e STRATEGIE delle IMPRESE 2. INVESTIMENTI (privati e pubblici) 3. IL TURISMO COME BENE COMPOSITO DIFFERENZIATO 3a. DIFFERENZIAZIONE DEL BENE (oligopolio differenziato) 3b. IMPORTANZA della RETE Ricerche in corso, di cui vorrei parlare: Strumenti di promozione (certificazioni volontarie dal basso; certificazioni esterne) La Stagionalità e il suo governo

7 Alcune ricerche Efficacia di strumenti di promozione turistica - Intervento pubblico (la politica economica): spese in conto corrente e in conto capitale - Certificazione volontaria (individuale e collettiva) della qualità del prodotto - Riconoscimento della rilevanza della dotazione (UNESCO W.H.L.) Il profilo stagionale dei flussi turistici - Misurazione - Relazione con visite a musei e monumenti - Incentivi pubblici e privati alla riduzione della stagionalità - Politiche di destagionalizzazione tramite promozione del turismo culturale

8 Alcuni spunti di riflessione (e provocazione) 1. Lefficiacia della spesa pubblica per turismo è limitata. A livello regionale, la relazione tra entità della spesa pubblica per turismo e indicatori di dotazioni infrastrutturale è poco significativa. Anche la relazione con le performance nelle presenze turistiche è piuttosto limitata.

9 Alcuni spunti di riflessione (e provocazione) 2. LAutorità di politica economica ha un maggiore incentivo a de-stagionalizzare, rispetto alle imprese private. Pertanto, talvolta i privati non seguono il pubblico nelle iniziative di de-stagionalizzazione.

10 Alcuni spunti di riflessione (e provocazione) 3. Strani effetti del riconoscimento UNESCO I marchi (segnatamente, riconoscimenti UNESCO) incrementano le presenze turistiche negli anni precedenti lattribuzione del riconoscimento! I marchi (segnatamente, riconoscimenti UNESCO) hanno un effetto di livello ma non di crescita. E lo sforzo per ottenere il riconoscimento a essere premiante, più che il riconoscimento in quanto tale.

11 Alcuni spunti di riflessione (e provocazione) 4. (Dopo essermi un po occupato di stagionalità nei flussi turistici, … perchè non applicare le conoscenze a temi cosiddetti hard?) Anna Kreuger sulla distinzione tra temi hard e temi soft.

12 GUARDARE I GRAFICI SEGUENTI a. La stagionalità nel turismo (Tourist overstays)

13 GUARDARE I GRAFICI SEGUENTI b. La stagionalità nelle visite a musei e monumenti

14 GUARDARE I GRAFICI SEGUENTI c. Presenze turistiche e visite a musei e monumenti

15 GUARDARE I GRAFICI SEGUENTI d. Che cosa sono le seguenti serie??

16 Esternalità da Tourism economics: La stagionalità nei tassi di cambio Su dati mensili certo che sì Su dati giornalieri * effetti giorno lunedì, venerdì, post- pre-vacanza * effetti mese -(nel livello medio, -nella variabilità) Perchè? (idee benvenute!)

17 Ai presenti : Grazie per l attenzione ! Agli Autori : Grazie per il libro ! Roberto ( ma anche Tiziana, Ilde, Isidoro,Gianpi, Giuseppi,…)


Scaricare ppt "Guido CANDELA & Paolo FIGINI The Economics of Tourism Destination, Springer 2012 Testimonianza di: Roberto CELLINI (Università di Catania)"

Presentazioni simili


Annunci Google