La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL PORTFOLIO EUROPEO DELLE LINGUE SEMINARIO DI FORMAZIONE IL PORTFOLIO EUROPEO DELLE LINGUE SEMINARIO DI FORMAZIONE Virgilio Marrone PRESENTAZIONE DEL.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL PORTFOLIO EUROPEO DELLE LINGUE SEMINARIO DI FORMAZIONE IL PORTFOLIO EUROPEO DELLE LINGUE SEMINARIO DI FORMAZIONE Virgilio Marrone PRESENTAZIONE DEL."— Transcript della presentazione:

1 IL PORTFOLIO EUROPEO DELLE LINGUE SEMINARIO DI FORMAZIONE IL PORTFOLIO EUROPEO DELLE LINGUE SEMINARIO DI FORMAZIONE Virgilio Marrone PRESENTAZIONE DEL PROGETTO PRESENTAZIONE DEL PROGETTO C.N. Cirillo – Bari – 19/4/2006

2 Punti principali La fase sperimentale La fase sperimentale Il PEL Il PEL Cosa è Cosa è Come è articolato Come è articolato Principi e funzioni Principi e funzioni Articolazione del progetto Articolazione del progetto

3 La fase sperimentale (1) Progettazione: Progettazione: Commissione Direzione generale dellUSR- PUGLIA. Commissione Direzione generale dellUSR- PUGLIA. Sperimentazione: Sperimentazione: 56 istituti secondari superiori 56 istituti secondari superiori 115 docenti di lingue straniere 115 docenti di lingue straniere

4 La fase sperimentale (2) COMPONENTI N° SCHEDE % DOCENTI STUDENTI DIRIGENTI GENITORI

5 La fase sperimentale (3) Lingue insegnate dai docenti sperimentatori Lingue insegnate dai docenti sperimentatori

6 Comitato Europeo di Validazione Validazione con Validazione con n n

7 IL PEL: cosa è Un documento per mezzo del quale chi sta apprendendo o ha appreso una lingua – a scuola o fuori della scuola – può riflettere sul proprio apprendimento e sulle proprie esperienze interculturali e registrare le competenze acquisite. Un documento per mezzo del quale chi sta apprendendo o ha appreso una lingua – a scuola o fuori della scuola – può riflettere sul proprio apprendimento e sulle proprie esperienze interculturali e registrare le competenze acquisite.

8 IL PEL: come è articolato In generale In generale passaporto passaporto biografia linguistica biografia linguistica Dossier Dossier PEL elaborato in Puglia PEL elaborato in Puglia fascia detà fascia detà cinque lingue cinque lingue descrittori relativi ai linguaggi settoriali descrittori relativi ai linguaggi settoriali guida per luso guida per luso glossario glossario C-DRom C-DRom raccordo con Università e mondo del lavoro raccordo con Università e mondo del lavoro

9 IL PEL in dettaglio 1. IL PASSAPORTO 1. IL PASSAPORTO E un documento che offre un quadro generale delle conoscenze linguistiche acquisite, dei certificati o diplomi ottenuti e delle esperienze vissute nelle diverse lingue E un documento che offre un quadro generale delle conoscenze linguistiche acquisite, dei certificati o diplomi ottenuti e delle esperienze vissute nelle diverse lingue

10 IL PASSAPORTO: sezioni (1) 1) Chi sono 1) Chi sono Consente una prima registrazione delle lingue conosciute. In una società multiculturale come è diventata quella italiana, può essere possibile che vengano registrate lingue diverse. Consente una prima registrazione delle lingue conosciute. In una società multiculturale come è diventata quella italiana, può essere possibile che vengano registrate lingue diverse. 2)Autovalutazione. Contiene tabelle nelle quali è possibile registrare il livello raggiunto dal possessore nelle diverse abilità per ogni lingua che conosce, anche se non è stata appresa a scuola. Le tabelle sono seguite da una griglia da utilizzare per lautovalutazione, formulata nelle cinque lingue. 2)Autovalutazione. Contiene tabelle nelle quali è possibile registrare il livello raggiunto dal possessore nelle diverse abilità per ogni lingua che conosce, anche se non è stata appresa a scuola. Le tabelle sono seguite da una griglia da utilizzare per lautovalutazione, formulata nelle cinque lingue.cinque lingue.cinque lingue.

11 IL PASSAPORTO: Sezioni (2) 3.Scheda riassuntiva delle esperienze linguistiche 3.Scheda riassuntiva delle esperienze linguistiche Consente di registrare le esperienze linguistiche vissute a scuola e fuori della scuola. Il possessore del PEL ha la possibilità di ripercorrere le esperienze scolastiche fatte, a partire dalla scuola materna. Consente di registrare le esperienze linguistiche vissute a scuola e fuori della scuola. Il possessore del PEL ha la possibilità di ripercorrere le esperienze scolastiche fatte, a partire dalla scuola materna. 4.Scheda riassuntiva delle esperienze interculturali, Registrazione di soggiorni allestero, stage, scambi culturali, contatti per corrispondenza, progetti europei cui il possessore può aver partecipato, con la possibilità di indicare anche la durata del soggiorno e delle altre esperienze. 4.Scheda riassuntiva delle esperienze interculturali, Registrazione di soggiorni allestero, stage, scambi culturali, contatti per corrispondenza, progetti europei cui il possessore può aver partecipato, con la possibilità di indicare anche la durata del soggiorno e delle altre esperienze. 5.Tabella riassuntiva dei certificati e dei diplomi 5.Tabella riassuntiva dei certificati e dei diplomi (Estremi di) Certificati e diplomi posseduti, con la specificazione, per quanto possibile, del livello del QCER a cui è riferibile la competenza attestata. (Estremi di) Certificati e diplomi posseduti, con la specificazione, per quanto possibile, del livello del QCER a cui è riferibile la competenza attestata.

12 BIOGRAFIA LINGUISTICA Costituisce la documentazione storica dellapprendimento linguistico del possessore. Costituisce la documentazione storica dellapprendimento linguistico del possessore. Consente di riflettere sulle esperienze sia linguistiche, sia interculturali, di riconoscere le esigenze di apprendimento e di determinare il livello raggiunto in ogni lingua dal possessore del PEL. Consente di riflettere sulle esperienze sia linguistiche, sia interculturali, di riconoscere le esigenze di apprendimento e di determinare il livello raggiunto in ogni lingua dal possessore del PEL. Tutte queste informazioni lo mettono in grado di prendere decisioni adeguate per ulteriori studi. Tutte queste informazioni lo mettono in grado di prendere decisioni adeguate per ulteriori studi.

13 B.L.: sezioni (1) 1. La mia storia nello studio delle lingue 1. La mia storia nello studio delle lingue il learner può riassumere in ordine cronologico tutte le esperienze vissute nello studio delle lingue, sia a scuola, sia fuori della scuola, per contatti avuti con persone che parlavano lingue diverse, soggiorni allestero, stage o occasioni di lavoro in Italia o allestero. il learner può riassumere in ordine cronologico tutte le esperienze vissute nello studio delle lingue, sia a scuola, sia fuori della scuola, per contatti avuti con persone che parlavano lingue diverse, soggiorni allestero, stage o occasioni di lavoro in Italia o allestero.

14 B.L.: sezioni (2) 2. Le esperienze linguistiche e interculturali più significative, 2. Le esperienze linguistiche e interculturali più significative, Consente di descrivere le esperienze ritenute più importanti nello studio delle lingue e nel campo interculturale e la frequenza con cui, in vario modo, accade di avere contatti con le altre lingue (visione di film, programmi televisivi, videocassette, ascolto di canzoni, lettura di giornali, fumetti, ecc.); Consente di descrivere le esperienze ritenute più importanti nello studio delle lingue e nel campo interculturale e la frequenza con cui, in vario modo, accade di avere contatti con le altre lingue (visione di film, programmi televisivi, videocassette, ascolto di canzoni, lettura di giornali, fumetti, ecc.); 3. Gli obiettivi di studio, 3. Gli obiettivi di studio, Consente allo studente di riflettere sul proprio processo di apprendimento. Vi può descrivere il perché sta studiando la/e lingua/e, quali sono le abilità linguistiche più importanti, qual è il modo migliore per lui/lei per studiare o, comunque, per apprendere le lingue; (sezione della metacognizione) Consente allo studente di riflettere sul proprio processo di apprendimento. Vi può descrivere il perché sta studiando la/e lingua/e, quali sono le abilità linguistiche più importanti, qual è il modo migliore per lui/lei per studiare o, comunque, per apprendere le lingue; (sezione della metacognizione)

15 B.L. : sezioni (3) 4. Cosa so fare (Can do) 4. Cosa so fare (Can do) Contiene le liste di controllo per lautovalutazione. Sono liste di descrittori di attività e di competenze linguistico- comunicative che, riferite alle diverse abilità, possono essere acquisite a sei livelli Contiene le liste di controllo per lautovalutazione. Sono liste di descrittori di attività e di competenze linguistico- comunicative che, riferite alle diverse abilità, possono essere acquisite a sei livelli Descrittori riferiti ai linguaggi del turismo, del commercio (da A2 a C2) e della letteratura (da C1) Descrittori riferiti ai linguaggi del turismo, del commercio (da A2 a C2) e della letteratura (da C1) Le colonne consentono di registrare se il descrittore; Le colonne consentono di registrare se il descrittore; - rappresenta un obiettivo primario, importante, - rappresenta un obiettivo primario, importante, - se cè bisogno di aiuto per riuscire a padroneggiarlo - se cè bisogno di aiuto per riuscire a padroneggiarlo - è un obiettivo raggiunto - è un obiettivo raggiunto - la data in cui ha acquisito appieno la competenza. - la data in cui ha acquisito appieno la competenza. La acquisizione del 70% delle attività indicate per ciascun livello consente di passare al livello successivo. La acquisizione del 70% delle attività indicate per ciascun livello consente di passare al livello successivo.

16 DOSSIER Consente di collezionare i diplomi ed i lavori a scelta del possessore del PEL al fine di documentare e illustrare le competenze, le esperienze ed i risultati ottenuti in campo linguistico. Consente di collezionare i diplomi ed i lavori a scelta del possessore del PEL al fine di documentare e illustrare le competenze, le esperienze ed i risultati ottenuti in campo linguistico. Anche il Dossier aiuta il learner a riflettere sui propri progressi. Anche il Dossier aiuta il learner a riflettere sui propri progressi. Possono essere inseriti documenti, diplomi, certificati, descrizioni di corsi frequentati; rendiconti di insegnanti; testimonianze di altre persone. Possono essere inseriti documenti, diplomi, certificati, descrizioni di corsi frequentati; rendiconti di insegnanti; testimonianze di altre persone.

17 IL PEL: a che può servire motivare i discenti riconoscendo i loro sforzi per estendere e diversificare le loro abilità linguistiche a tutti i livelli; motivare i discenti riconoscendo i loro sforzi per estendere e diversificare le loro abilità linguistiche a tutti i livelli; consentire la registrazione delle abilità linguistiche e culturali che essi hanno acquisito consentire la registrazione delle abilità linguistiche e culturali che essi hanno acquisito ( per passare ad un più alto livello di apprendimento o quando in cerca di un lavoro in patria o allestero ).

18 IL PEL: funzioni (1) A) pedagogica A) pedagogica A1. accrescere la motivazione del discente per migliorare la sua abilità nel comunicare in diverse lingue, apprendere altre lingue e cercare nuove esperienze interculturali; A1. accrescere la motivazione del discente per migliorare la sua abilità nel comunicare in diverse lingue, apprendere altre lingue e cercare nuove esperienze interculturali; A2. stimolare e aiutare il discente a riflettere sui suoi obiettivi, sul suo modo di apprendere e sul successo nelle lingue, a pianificare il proprio apprendimento e ad apprendere in maniera autonoma: A2. stimolare e aiutare il discente a riflettere sui suoi obiettivi, sul suo modo di apprendere e sul successo nelle lingue, a pianificare il proprio apprendimento e ad apprendere in maniera autonoma: a3. incoraggiare il discente ad accrescere le sue esperienze plurilingui e interculturali, per esempio, attraverso contatti e visite, la lettura, luso dei media, la realizzazione di progetti a3. incoraggiare il discente ad accrescere le sue esperienze plurilingui e interculturali, per esempio, attraverso contatti e visite, la lettura, luso dei media, la realizzazione di progetti S S

19 IL PEL: FUNZIONI (2) B) documentazione e comunicazione. B) documentazione e comunicazione. Documentare le capacità linguistiche plurilingui e le esperienze nelle altre lingue del possessore in maniera completa, concreta, trasparente e affidabile. Documentare le capacità linguistiche plurilingui e le esperienze nelle altre lingue del possessore in maniera completa, concreta, trasparente e affidabile. ( Trasferimento ad unaltra scuola, di passaggio ad un ciclo di studi superiore, di inizio di un corso di lingue, di domanda di assunzione, ecc.)

20 IL PEL: PRINCIPI è proprietà dellapprendente; è proprietà dellapprendente; mette in grado lapprendente di valutare tutte le competenze in maniera positiva; mette in grado lapprendente di valutare tutte le competenze in maniera positiva; promuove lapprendimento linguistico e interculturale dentro e fuori del sistema di educazione formale; promuove lapprendimento linguistico e interculturale dentro e fuori del sistema di educazione formale; ha una prospettiva per lintero arco della vita (long life language learning) ha una prospettiva per lintero arco della vita (long life language learning) è fondato sul Quadro Comune europeo di riferimento è fondato sul Quadro Comune europeo di riferimento

21 FRAMEWORK: cosa è Un documento che Un documento che fornisce uno strumento pratico per definire standard chiari da raggiungere a stadi successivi di apprendimento e per valutare i risultati in maniera da rendere possibili i confronti a livello internazionale fornisce uno strumento pratico per definire standard chiari da raggiungere a stadi successivi di apprendimento e per valutare i risultati in maniera da rendere possibili i confronti a livello internazionale definisce i livelli di competenza che permettono di misurare il progresso dellapprendente ad ogni stadio del percorso, nella prospettiva delleducazione permanente. definisce i livelli di competenza che permettono di misurare il progresso dellapprendente ad ogni stadio del percorso, nella prospettiva delleducazione permanente. fornisce una base per il riconoscimento reciproco delle qualifiche linguistiche, facilitando in tal modo la mobilità nel campo delleducazione e della occupazione. (v. Trattato) fornisce una base per il riconoscimento reciproco delle qualifiche linguistiche, facilitando in tal modo la mobilità nel campo delleducazione e della occupazione. (v. Trattato)

22 FRAMEWORK: cosa è 2 descrive in maniera esauriente, completa: le competenze necessarie per la comunicazione le competenze necessarie per la comunicazione le relative conoscenze e le abilità le relative conoscenze e le abilità le situazioni e i domini della comunicazione. le situazioni e i domini della comunicazione.

23 FRAMEWORK: cosa è 3 ha lo scopo di aiutare le persone che operano professionalmente nel campo delle lingue moderne a superare le difficoltà di comunicazione che la diversità dei sistemi scolastici europei fa insorgere ha lo scopo di aiutare le persone che operano professionalmente nel campo delle lingue moderne a superare le difficoltà di comunicazione che la diversità dei sistemi scolastici europei fa insorgere fornisce ad amministratori scolastici, estensori di programmi, insegnanti e loro formatori, organismi esaminatori, ecc. i mezzi per riflettere sulla loro pratica abituale, così da coordinarsi per rispondere ai bisogni reali degli apprendenti di cui sono responsabili. fornisce ad amministratori scolastici, estensori di programmi, insegnanti e loro formatori, organismi esaminatori, ecc. i mezzi per riflettere sulla loro pratica abituale, così da coordinarsi per rispondere ai bisogni reali degli apprendenti di cui sono responsabili.

24 Common European Framework for Languages: Learning, Teaching, Assessment (inglese e francese) (inglese e francese) Versioni cartacee: Versioni cartacee: italiana italiana www.lanuovaitalia.it inglese: inglese: francese francese spagnola spagnola tedesca tedesca

25 IL PEL: perché usarlo –guidare gli studenti nella acquisizione di strategie che favoriscano la sua autonomia, sostenendo in tal modo la loro formazione linguistica e metacognitiva; –omologare i criteri di valutazione dellapprendimento delle lingue allinterno della stessa scuola, anche in funzione della certificazione esterna; – favorire le intese fra i docenti dei consigli di classe in ordine alla acquisizione e allo sviluppo delle strategie di apprendimento degli studenti

26 ORDINE DI USO Non cè un ordine fisso, né. Non cè un ordine fisso, né prestabilito. Non cè un ordine fisso, né. Non cè un ordine fisso, né prestabilito.

27 IL PROGETTO Condivisione: Condivisione: i) obiettivi i) obiettivi ii) procedura metodologica ii) procedura metodologica iii) mezzi e strumenti iii) mezzi e strumenti

28 Il Progetto: obiettivi –favorire luso del PEL come potente strumento di coinvolgimento dello studente nel processo di insegnamento/apprendimento delle lingue –formulare descrittori per il linguaggio letterario –formulare descrittori per almeno un altro linguaggio settoriale –aggiungere unaltra lingua alle 5 presenti –aggiornare e tradurre la guida per luso nelle lingue del PEL –presentare il PEL al Comitato Europeo di Validazione per la conferma della validazione

29 IL PROGETTO: procedura metodologica (1) RICERCA – A ZIONE RICERCA – A ZIONE lo studio sistematico dei tentativi per cambiare e migliorare la pratica educativa degli operatori scolastici attraverso lazione e la riflessione sugli effetti dellazione lo studio sistematico dei tentativi per cambiare e migliorare la pratica educativa degli operatori scolastici attraverso lazione e la riflessione sugli effetti dellazione La ricerca-azione, in qualche misura, come formazione permanente La ricerca-azione, in qualche misura, come formazione permanente The systematic study of attempts to change and improve educational practice by groups of participants by means of their own practical actions and by means of their own reflections upon the effects of those actions D. Ebbut, (1985), Educational Action Research: Some General Concerns and Specific Squibbles, in BURGES Methods, London, The Falmer PressThe systematic study of attempts to change and improve educational practice by groups of participants by means of their own practical actions and by means of their own reflections upon the effects of those actions D. Ebbut, (1985), Educational Action Research: Some General Concerns and Specific Squibbles, in BURGES Methods, London, The Falmer Press

30 IL PROGETTO: procedura metodologica (2) linsegnante stesso artefice del lavoro di ricerca: linsegnante stesso artefice del lavoro di ricerca: - imposta e articola il lavoro nelle sue varie fasi - imposta e articola il lavoro nelle sue varie fasi - interpreta i dati per meglio comprendere il proprio operato nella classe (o nella scuola) - interpreta i dati per meglio comprendere il proprio operato nella classe (o nella scuola) - soprattutto nelle fasi di riflessione, lavori con altri colleghi. - soprattutto nelle fasi di riflessione, lavori con altri colleghi.

31 IL PROGETTO: procedura metodologica (3) Strumenti Strumenti da osservatore da osservato da osservatore da osservato - diario - video registrazione - diario - video registrazione - intervista (agli st.) - intervista - intervista (agli st.) - intervista - questionario - schede di osserv. - questionario - schede di osserv. - field notes - audioregistraz. - field notes - audioregistraz.

32 IL PROGETTO: mezzi e strumenti A) Forum di discussione per interventi osservazioni. proposte –Il PEL in classe (materiali, esperienze, monitoraggio) –PEL in progress (proposte di integrazione e modifica dei descrittori) –Spazio studenti e genitori (idee, suggerimenti, proposte) –Notizie dalle scuole (iniziative realizzate per la presentazione e luso del PEL) B) Creazione reti di scuole C) Visite di assistenza D) Monitoraggio con strumenti e procedure condivise


Scaricare ppt "IL PORTFOLIO EUROPEO DELLE LINGUE SEMINARIO DI FORMAZIONE IL PORTFOLIO EUROPEO DELLE LINGUE SEMINARIO DI FORMAZIONE Virgilio Marrone PRESENTAZIONE DEL."

Presentazioni simili


Annunci Google