La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Radiazioni Ionizzanti D.lgs 230/95 Attuazione delle direttive 89/618/Euratom, 90/641 Euratom, 92/3/Euratom, 96/29/Euratom, In materia di radiazioni ionizzanti.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Radiazioni Ionizzanti D.lgs 230/95 Attuazione delle direttive 89/618/Euratom, 90/641 Euratom, 92/3/Euratom, 96/29/Euratom, In materia di radiazioni ionizzanti."— Transcript della presentazione:

1 Radiazioni Ionizzanti D.lgs 230/95 Attuazione delle direttive 89/618/Euratom, 90/641 Euratom, 92/3/Euratom, 96/29/Euratom, In materia di radiazioni ionizzanti

2 Generalità Il termine radiazione è usato in fisica per descrivere fenomeni apparentemente assai diversi tra loro, come l'emissione: di luce visibile da una lampada, di calore da una fiamma, di raggi infrarossi da un corpo incandescente, di radioonde da un circuito elettrico, di raggi X da una macchina radiogena, di particelle elementari da una sorgente radioattiva e così via. La caratteristica peculiare comune a tutti questi fenomeni è il trasferimento di energia da un punto a un altro dello spazio senza che vi sia il movimento di corpi macroscopici e senza il supporto di un mezzo materiale. Quando la propagazione di energia avviene secondo queste modalità si dice che si è in presenza di radiazione. Ad esempio, il suono emesso dalle casse di uno stereo non è una radiazione, bensì un'onda sonora che per propagarsi ha bisogno di un mezzo materiale che è laria.

3 Lle radiazioni sono costantemente intorno a noi, in casa, in ufficio, in natura, ovunque. Sono quindi un fenomeno presente nell'ambiente non sempre da demonizzare. Le principali sorgenti di tali radiazioni sono: tv, radio, telefonia mobile, elettrodomestici, le mura delle nostre abitazioni (radon), ripetitori radio-tv,raggi UV del sole, antenne cellullari e televisive, esami radiologici e medicina nucleare, raggi cosmici, elettrodotti, reattori nucleari, rocce e altro.

4 Parlando di radioattività bisogna partire dai concetti di fisica nucleare Latomo può essere definito la più piccola parte di un elemento che ne conserva ancora tutte le caratteristiche. Esso è costituito da un nucleo nel quale si trovano particelle di carica positiva (protoni) e particelle dello stesso peso dei protoni ma prive di carica elettrica (neutroni). Allesterno del nucleo ruotano seguendo orbitali ben definiti particelle di carica negativa (elettroni) 1840 volte più leggeri de protoni.Per cui si può dire che la massa dellatomo è tutta concentrata nel nucleo. Il numero di protoni è uguale al numero di elettroni, così che latomo è elettricamente neutro. La molecola è linsieme di più atomi uguali o diversi e può essere definita come la più piccola parte di una sostanza composta conservandone tutte le caratteristiche. Gli isotopi sono atomi dello stesso elemento chimico, e quindi con lo stesso numero atomico, ma con differente numero di massa. La differenza dei numeri di massa è dovuta a un diverso numero di neutroni presenti nel nucleo dell'atomo a parità di numero atomico. Se 2 nuclei contengono lo stesso numero di protoni, ma un numero differente di neutroni, i due nuclei avranno lo stesso comportamento chimico, ma avranno comportamenti fisici differenti, essendo uno più pesante dell'altro.

5 La radioattività Internamente ad un nucleo sono presenti due forze delle quali una coulombiana (protoni dello stesso segno si respingono) ed una nucleare (mutua attrazione fra le masse). Tra queste due forze esiste equilibrio, che però si può rompere con la conseguenza che qualcuno dei componenti riesca a sfuggire. Poiché queste due forze agiscono in maniera opposta può nascere una squilibrio che porta alla radioattività. Gli isotopi in natura sono quasi tutti stabili. Tuttavia, alcuni isotopi naturali, e quasi tutti gli isotopi artificiali, presentano nuclei instabili, a causa di un eccesso di protoni e/o di neutroni. Tale instabilità provoca la trasformazione spontanea in altri isotopi, e questa trasformazione si accompagna con lemissione di particelle. Questi isotopi sono detti isotopi radioattivi o anche radioisotopi, o anche radionuclidi. La trasformazione di un atomo radioattivo porta alla produzione di un altro atomo, che può essere anchesso radioattivo oppure stabile. Questo processo è chiamato disintegrazione o decadimento radioattivo.

6

7 Classificazione delle radiazioni La distinzione è fondamentale per capire limpatto sulla salute umana, esse si dividono: a) radiazioni ionizzanti (pericolose per la salute) b) radiazioni non ionizzanti.

8 La radioattività La radioattività può definirsi come una fuga molto veloce di particelle o gruppi di particelle dallinterno del nucleo. In molti casi può liberarsi energia, e pertanto la radiazione non sarà di tipo particellare ma è costituita da onde elettromagnetiche come quelle della luce. La rottura dellequilibrio con conseguente radioattività può essere spontanea o indotta artificialmente. Figura : Henry Bequerel e i coniugi Curie.

9 Vita media e tempo di dimezzamento Il tempo medio che occorre aspettare per avere la trasformazione spontanea in altri isotopi può essere estremamente breve o estremamente lungo. Esso viene detto vita media del radioisotopo e può variare da frazioni di secondo a miliardi di anni (es: il Potassio 40 ha una vita media di 1.8 miliardi di anni) un altro tempo caratteristico di un radioisotopo è il tempo di dimezzamento, ovvero il tempo necessario affinchè la metà degli atomi radioattivi inizialmente presenti subisca una trasformazione spontanea. Esistono tre diversi tipi di decadimenti radioattivi, che si differenziano dal tipo di particella emessa a seguito del decadimento. Le particelle emesse vengono indicate col nome generico di radiazioni: decadimento alfa decadimento beta decadimento gamma.

10 Tempo di dimezzamento Rappresenta il tempo che una sorgente impiega a ridurre di circa la metà la propria attività Isotopo Tempo di dimezzamento Argon 41 1,8 ore Cobalto 60 5,27 anni Cesio ,2 anni Potassio anni

11 Tipi di radiazioni La disintegrazione del nucleo può provocare, lemissione di componenti di vario tipo, ne conseguono diverse forme di radioattività. Radiazioni alfa: radiazione corpuscolare composta da due protoni e due neutroni, è dotata di due cariche positive. Molto ionizzante- debolmente penetrante (100 volte meno dei raggi beta) in aria percorre circa 7 cm. Radiazioni beta: radiazione corpuscolare dotata di una carica negativa, è simile allelettrone, da cui differisce solo per la sua origine nucleare. Molto ionizzante-debolmente penetrante (100 volte meno dei raggi gamma) in aria percorre circa 5 m. Radiazioni Gamma: radiazione elettromagnetica simile alla luce, ovviamente, priva di carica elettrica e di massa. Poco ionizzante- molto penetrante. In aria percorre circa 3 km. Radiazioni X: radiazione elettromagnetica simile alla gamma da cui differisce per la sua origine, in generale per lenergia associata. Poco ionizzante-fortemente penetrante.

12 Tipi di radiazioni

13 Potere penetrante delle diverse radiazioni α particella alfa β particella beta γ raggi gamma carta corpometallo

14 Da dove nascono le radiazioni Esistono tre possibili fonti radioattive, due di queste naturali e l'ultima prodotta dallumano. 1 Radiazioni cosmiche 2 radiazioni provenienti dalla crosta terrestre 3 Macchine radiogene Ancora adesso, malgrado il largo impiego di sostanze radioattive artificiali e di impianti radiogeni di vario genere, la radioattività naturale continua a fornire il maggior contributo alla dose ricevuta dalla popolazione mondiale ed è assai improbabile che ciò non continui a verificarsi anche in futuro.

15 Macchine radiogene - Le applicazioni industriali Le radiazioni sono impiegate in moltissimi settori industriali per gli scopi più diversi. Unapplicazione molto diffusa riguarda limpiego di intensi fasci di raggi X e raggi γ per radiografare componenti meccanici, per assicurare la qualità delle fusioni e delle saldature e per verificare lintegrità di componenti impiantistici di elevato spessore rilevanti ai fini della sicurezza. Una diversa categoria di applicazioni è quella dei sistemi di misura e di analisi on-line attraverso lemissione di radiazioni beta e attraverso lattivazione neutronica. Emettitori di particelle beta sono diffusamente utilizzati nellindustria cartaria per la misurazione dello spessore dei fogli di carta durante il processo di fabbricazione.

16 Sorgenti sigillate e non sigillate Una sorgente sigillata è una sorgente formata da materie radioattive solidamente incorporate in materie solide e di fatto inattive, o sigillate in un involucro inattivo che presenti una resistenza sufficiente per evitare, in condizioni normali di impiego, dispersione di materie radioattive superiori ai valori stabiliti dalle norme di buona tecnica applicabili. La sigillatura evita la dispersione di materie radioattive, ma non è un mezzo di protezione contro le radiazioni prodotte dalla sorgente.

17 Sorgenti sigillate e non sigillate Per sorgente non sigillata si intende qualsiasi sorgente che non ha caratteristiche della sorgente sigillata. Tali sorgenti vengono spesso impiegate (anche in forma di soluzione o sospensione liquida) come traccianti radioattivi o per analisi radiochimiche e di laboratorio Gli isotopi sono a contatto diretto con laria dellambiente in cui si lavora, per cui il rischio di contatto, ingestione o inalazione è elevato e pertanto luso dei dispositivi di protezione è fondamentale.

18 Effetti della radioattività Le radiazioni prodotte dai radioisotopi interagiscono con la materia con cui vengono a contatto, trasferendovi energia. Tale apporto di energia, negli organismi viventi, produce una ionizzazione delle molecole: da qui la definizione di radiazioni ionizzanti. La ionizzazione è un processo mediante il quale gli atomi acquistano o perdono elettroni diventando quindi elettricamente carichi. La dose di energia assorbita dalla materia caratterizza questo trasferimento di energia. Gli effetti possono essere irrilevanti o più o meno dannosi, a seconda della dose di radiazioni ricevuta e del tipo di radiazioni.

19 Dose assorbita L'unità di misura della dose assorbita dalla materia a seguito dell'esposizione alle radiazioni ionizzanti é il Gray (Gy). 1 Gy corrisponde a una quantità di energia di 1 Joule (J) assorbita da 1 kilogrammo di materia. Per la misura delle dosi di radiazioni assorbite dall'uomo, o più precisamente per una misura degli effetti biologici dovuti alla dose di radiazioni assorbita, è stato introdotto il concetto di equivalente di dose, che tiene conto della dannosità più o meno grande, a parità di dose, dei vari tipi di radiazioni ionizzanti. In questo caso, l'unità di misura è il Sievert (Sv). Di uso più comune è il sottomultiplo millisievert (mSv), pari a un millesimo di Sv. Ad esempio, una radiografia al torace comporta l'assorbimento di una dose di circa 0,14 mSv. La dose annualmente assorbita da ogni individuo per effetto della radioattività naturale è in media di 2,4 mSv per anno. Il limite massimo di dose stabilito dalla legge italiana per le persone è 1 mSv per anno al di sopra della dose naturale di radiazioni.

20 Unità di misura della radioprotezione Le grandezze di interesse in radioprotezione sono: La grandezza della sorgente, che descrive le caratteristiche di una sorgente irradiante (attività); le grandezze dosimetriche che misurano lenergia (per unità di massa) ceduta alla materia irradiata: a) la dose assorbita misura lenergia fornita al mezzo indipendentemente dalla natura di questo; b) la dose equivalente tiene conto degli effetti sul corpo umano in base al tipo di radiazione e al tessuto interessato.

21 Radioprotezione Il principio fondamentale della radioprotezione è il cosiddetto ALARA- As Low As Reasonably Achievable, il che significa che il livello di esposizione a radiazioni ionizzanti deve essere mantenuto il più basso possibile e quindi ogni esposizione inutile deve essere evitata. Questo principio è fondamentale, visto il carattere stocastico di alcuni effetti delle radiazioni ionizzanti. Le modalità per ridurre lesposizione sono tre: schermatura della sorgente; incremento della distanza limitazione dei tempi di esposizione. Al fine di rendere efficace la schermatura di una sorgente è necessario operare in condizioni di buona geometria, ovvero, in modo tale che il fascio di radiazioni sia ben collimato e la radiazione diffusa sia minima.

22 Radioprotezione – esposizione esterna Per la diminuzione del rischio da esposizione esterna da radiazioni ionizzanti è opportuno predisporre adeguate procedure operative: programmare preventivamente le operazioni da effettuare; esecuzione preliminare di prove in bianco; predisposizione di norme operative e di radioprotezione; accertamento preventivo del corretto funzionamento di attrezzature e dispositivi di sicurezza.

23 Dosimetri personali Per verificare lesposizione alle radiazioni di un soggetto vengono utilizzati dei dosimetri personali, esistono: Dosimetri a lettura differita, quali dosimetro a luminescenza Dosimetri a lettura immediata che però sono più costosi ed ingombranti

24 Classificazione dei luoghi di lavoro Le zone in cui si utilizzano radiazioni ionizzanti si dicono zone classificate e si distinguono in zone controllate e zone sorvegliate. Zona controllata: è ogni area in cui sulla base degli accertamenti compiuti dallesperto qualificato, sussiste per i lavoratori in essa operanti il rischio di superamento di uno qualsiasi dei valori limite per esposti di categoria A. Zona sorvegliata: è un ambiente di lavoro in cui possono essere superati i limiti fissati per le persone del pubblico, ma che non è zona controllata. Le zone classificate sono segnalate con segnaletica definita dalle norme e devono essere ben visibili e comprensibili. Laccesso alle zone controllate deve essere delimitato e regolamentato.

25 Normativa – D.ls 230 del 17 marzo 1995 Attuazione delle direttive 89/618/Euratom, 90/641 Euratom, 92/3/Euratom, 96/29/Euratom, In materia di radiazioni ionizzanti Normativa specifica non integrata nella ex D.lgs 626/94 abrogata dal D.Lgs 81/08 Testo unico in materia di sicurezza Aggiornata varie volte Es D.lgs 241 del 26/05/2000, D.lgs 257 del 09/05/2001 etc. Introduzione figure specifiche (esperto qualificato di radioprotezione, medico competente), con ben precise responsabilità

26 Normativa – D.lgs 230 del 17 marzo 1995 Lart.61 comma 3 lettera e del D.lgs 230/05, fa obbligo al datore di lavoro, a dirigenti e ai preposti di: rendere edotti i lavoratori, nellambito di un programma di formazione finalizzato alla radioprotezione, in relazione alle mansioni cui essi sono addetti, dei rischi specifici cui sono esposti, delle norme di protezione sanitaria, delle conseguenze derivanti dalla mancata osservazione delle prescrizioni mediche, delle modalità di esecuzione del lavoro e delle norme interne di cui alla lettera c.

27 Normativa – D.lgs 230 del 17 marzo 1995 Lart. 68 stabilisce gli obblighi dei lavoratori: 1.i lavoratori devono: a)osservare le disposizioni impartite dal datore di lavoro o dai suoi incaricati, ai fini della protezione individuale e collettiva e della sicurezza, a seconda delle mansioni alle quali sono addetti; b) usare secondo le specifiche istruzioni i dispositivi di sicurezza, i mezzi di protezione e di sorveglianza dosimetrica predisposti o forniti dal datore di lavoro; c) segnalare immediatamente al datore di lavoro, al dirigente o al preposto le deficienze dei dispositivo e dei mezzi di sicurezza, di protezione e di sorveglianza dosimetrica, nonché le eventuali condizioni di pericolo di cui vengono a conoscenza; d) non rimuovere né modificare, senza averne ottenuto l'autorizzazione, i dispositivi, e gli altri mezzi di sicurezza, di segnalazione, di protezione e di misurazione;

28 Normativa – D.lgs 230 del 17 marzo 1995 Lart. 68 stabilisce gli obblighi dei lavoratori: e) non compiere, di propria iniziativa, operazioni o manovre che non sono di loro competenza o che possono compromettere la protezione e la sicurezza ; f) sottoporsi alla sorveglianza medica ai sensi del presente decreto. 2. I lavoratori che svolgono, per più datori di lavoro, attività che li espongano al rischio di radiazioni ionizzanti, devono rendere edotto ciascun datore di lavoro delle attività svolte presso gli altri, al fini di quanto previsto al precedente articolo 66. Analoga dichiarazione deve essere resa per eventuali attività pregresse. I lavoratori esterni sono tenuti ad esibire il libretto personale di radioprotezione all'esercente le zone controllate prima di effettuare le prestazioni per le quali sono stati chiamati. La presente pubblicazione è stata scritta con il duplice scopo di dare un contributo per l'adempimento dell'obbligo stabilito dall'art. 61, comma 3, lettera e), e di rendere i lavoratori più consapevoli dell'importanza di ottemperare, a loro volta, agli obblighi loro imposti dall'art. 68.

29 D.lgs 230 del 17 marzo 1995 all. III valori limite di esposizione Nel D.Lgs. 230/95 si parla di zone classificate per gli ambienti di lavoro sottoposti a regolamentazione per motivi di protezione contro le radiazioni ionizzanti. Le zone classificate possono essere: zone controllate zone sorvegliate.

30 D.lgs 230 del 17 marzo 1995 – zona controllata E' classificata zona controllata ogni area di lavoro ove sussiste per i lavoratori ivi operanti il rischio di superamento di uno qualsiasi dei seguenti valori: 6 mSv/anno per esposizione globale o di equivalente di dose efficace; 45 mSv/anno per il cristallino; 150 mSv/anno per la pelle, mani, avambracci, piedi, caviglie.

31 D.lgs 230 del 17 marzo 1995 – zona sorvegliata E' classificata zona sorvegliata ogni area di lavoro, che non debba essere classificata zona controllata, ove sussiste per i lavoratori ivi operanti il rischio di superamento di uno qualsiasi dei seguenti valori: 1 mSv/anno per esposizione globale o di equivalente di dose efficace; 15 mSv/anno per il cristallino; 50 mSv/anno per la pelle, mani, avambracci, piedi, caviglie. Nell'accertamento delle condizioni di cui sopra, l'esperto qualificato deve tener conto anche delle esposizioni conseguenti a eventi anomali e a malfunzionamenti che siano suscettibili di aumentare le dosi derivanti dalla normale attività lavorativa programmata, ma non delle esposizioni accidentali o di emergenza.

32 Principi fondamentali di prevenzione Partendo dal principio conservativo che nessuna radiazione, per quanto modesta) possa essere considerata completamente sicura, i principi di tutela si basano: Informazione e formazione Sorveglianza fisica da parte dellesperto qualificato Classificazione delle aree Calssificazione dei lavoratori Norme interne di radioprotezione (procedure) Sorveglianza medica Sorgenti sigillate


Scaricare ppt "Radiazioni Ionizzanti D.lgs 230/95 Attuazione delle direttive 89/618/Euratom, 90/641 Euratom, 92/3/Euratom, 96/29/Euratom, In materia di radiazioni ionizzanti."

Presentazioni simili


Annunci Google