La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Idrogeno: filiera e tecnologie correlate Torino,16 Giugno 2004 Idrogeno: filiera e tecnologie correlate Le possibili ricadute.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Idrogeno: filiera e tecnologie correlate Torino,16 Giugno 2004 Idrogeno: filiera e tecnologie correlate Le possibili ricadute."— Transcript della presentazione:

1 Idrogeno: filiera e tecnologie correlate Torino,16 Giugno 2004 Idrogeno: filiera e tecnologie correlate Le possibili ricadute sul tessuto produttivo Giuseppe Gianolio Hydrogen System Laboratory Environment Park Torino Introduzione alla filiera dellidrogeno

2 Idrogeno: filiera e tecnologie correlate Torino,16 Giugno 2004 Sommario Dalla società attuale alla società dellidrogeno La filiera dellidrogeno Differenti livelli di attività Settori produttivi La situazione piemontese Vocazione tecnologica e ambientale Il Sistema Piemonte Idrogeno Conclusioni

3 Idrogeno: filiera e tecnologie correlate Torino,16 Giugno 2004 Dalla società attuale alla società dellidrogeno I limiti della società attuale risiedono in un settore energetico non sostenibile caratterizzato da: grande utilizzo di fonti fossili in via di esaurimento crescita dei consumi emissione di gas serra e sostanze inquinanti da parte dei cicli energetici disomogeneità nella distribuzione delle fonti Sistema energetico futuro Utilizzo energie rinnovabili Sicurezza approvvigionam ento Integrità ambientale IDROGENO

4 Idrogeno: filiera e tecnologie correlate Torino,16 Giugno 2004 Dalla società attuale alla società dellidrogeno: lidrogeno come vettore energetico Confinamento CO 2 Eolico, PV Solare Biomasse Carbone Nucleare Petrolio Gas naturale Fossili Rinnovabili Gassificazione Reforming Elettrolisi Gassificazione Processi termochimici CO 2 Residenziale Altro Industria Generazione potenza distribuita IDROGENO Idrogenodotti Richiede accumulo e distribuzione H 2 Trasporto

5 Idrogeno: filiera e tecnologie correlate Torino,16 Giugno 2004 Dalla società attuale alla società dellidrogeno: lidrogeno come vettore energetico Trasformazioni energetiche caratterizzate da: basso impatto ambientale differente efficienza e scalabilità differenti livelli di maturità tecnica ed economica differenti problematiche legate alla sicurezza

6 Idrogeno: filiera e tecnologie correlate Torino,16 Giugno 2004 Dalla società attuale alla società dellidrogeno

7 Idrogeno: filiera e tecnologie correlate Torino,16 Giugno H 2 prodotto per reforming del GN ed elettrolisi Cluster di reti di distribuzione H 2 Uso di H 2 in grandi applicazioni industriali Dalla società attuale alla società dellidrogeno: la Visione Europea Prime stazioni di distribuzione H 2 Trasporto su strada e produzione on site alla stazione di servizio (reforming ed elettrolisi) H 2 prodotto da fossili con sequestro CO 2 Produzione e distribuzione idrogeno Ampie reti di idrogenodotti Interconnessione di reti di distribuzione H 2 locali Produzione di idrogeno da rinnovabili Gassificazione biomasse Aumento della decarbonizzazione della produzione H 2 Rinnovabili, fossili con sequestro CO2 e nuovo nucleare Sistemi di accumulo H 2 di 2 a generazione FCEV competitivi I flotte a H2 (Sistemi di stoccaggio H 2 di 1 a generazione) Produzione di FCEV per flotte Ampio uso di FCEV a H 2 Significativa crescita di generazione di potenza distribuita, con sostanziale penetrazione delle celle a combustibile Celle a combustibile diventano una tecnologia di largo impiego per trasporto, generazione di potenza e microgenerazione 2040 Idrogeno 2050 Sviluppo celle a combustibile e applicazioni Fonti fossili 2000 Produzioni di serie di FCEV per flotte / Unità APU commerciali PEFC (< 300 kW) e SOFC/GT (1 MW) commerciali Nicchie di mercato per PEFC per usi residenziali Motori a combustione interna ad idrogeno Fonte: R. Vellone ENEA

8 Idrogeno: filiera e tecnologie correlate Torino,16 Giugno 2004 Dalla società attuale alla società dellidrogeno: dove siamo progetti di ricerca progetti dimostrativi mercati di nicchia in avvio

9 Idrogeno: filiera e tecnologie correlate Torino,16 Giugno 2004 Dalla società attuale alla società dellidrogeno: progetti di ricerca STATI UNITI EUROPA GIAPPONE Hydrogen R&D Program (DoE) Vision 21 Program FreedomCAR California Fuel Cell Partnership V-VI Programma Quadro EU TES Program (Germania) Clean Urban Transport for Europe (Germania) EQHHPP Programmi sullidrogeno sono in corso in Norvegia, Francia, Islanda. WE-Net Program Japan Hydrogen & Fuel Cell Demostration Project/METI Fonte: R. Vellone ENEA

10 Idrogeno: filiera e tecnologie correlate Torino,16 Giugno 2004 Dalla società attuale alla società dellidrogeno: progetti dimostrativi Fuel Cell Marathon

11 Idrogeno: filiera e tecnologie correlate Torino,16 Giugno 2004 La filiera dellidrogeno Il passaggio dallattuale società alla società dellidrogeno aprirà opportunità per una intera filiera produttiva 3 settori principali: produzione, stoccaggio e distribuzione, utilizzo tutti i settori sono caratterizzati da necessità di sviluppo tecnologico per la produzione di componenti dedicati un impatto potenziale ampio su settori tecnologici differenti

12 Idrogeno: filiera e tecnologie correlate Torino,16 Giugno 2004 Level 0 components suppliers Level 1 core technology developers Level 2 balance of plant makers Level 3 Final Users La filiera dellidrogeno Differenti livelli di attività

13 Idrogeno: filiera e tecnologie correlate Torino,16 Giugno 2004 La filiera dellidrogeno Livello 0 - components suppliers: fornitura di componenti necessari per la costruzione delle core technologies (es. elettrodi per fuel cells); Livello 1 - core technology developers: produzione di nuove tecnologie legate al cuore di uno dei settori della filiera dellidrogeno (es fuel cells); Livello 2 - balance of plant makers: produzione di componenti necessari al funzionamento delle core technologies (es. compressori per fuel cells); Livello 3 – final users: produzione di apparecchiature complete basate sulle core technologies (es. power system basato su tecnologie fuel cells) Il mercato potenzialmente molto ampio ma dipendente dalla penetrazione stessa delle tecnologie

14 Idrogeno: filiera e tecnologie correlate Torino,16 Giugno 2004 La filiera dellidrogeno Settori produttivi

15 Idrogeno: filiera e tecnologie correlate Torino,16 Giugno 2004 La filiera dellidrogeno: il panorama italiano core tecnology developers di livello internazionale: Arcotronics Fuel Cell, Nuvera, Ansaldo Fuel Cell, Fabbricazioni Nucleari final users qualificati in alcuni casi già attivi nel settore (FIAT, IRISBUS, EDISON) centri di ricerca pubblici e privati di livello internazionale (ENEA, CNR, HYSY_LAB) buone possibilità per balance of plant makers e component suppliers

16 Idrogeno: filiera e tecnologie correlate Torino,16 Giugno 2004 La situazione piemontese: vocazione tecnologica ambientale Alcuni esempi: Ampia diffusione di infrastrutture di distribuzione del gas naturale (a Torino da almeno 20 anni, l 86% degli impianti di riscaldamento è alimentato a metano); Una delle più grandi reti di cogenerazione/teleriscaldamento in Europa (AEM – Torino serve più di persone); Più di 250 mezzi a basso impatto (EEV) nelle flotte dei capoluoghi di provincia piemontesi; La produzione di energia idroelettrica e da fonti rinnovabili rappresenta più del 25% dellenergia richiesta. 718 imprese produttrici di tecnologie ambientali e fornitrici di beni e servizi legati allambiente sul territorio di cui 91 di livello tecnologico decisamente innovativo* *(Fonte, Il settore delle eco-industrie in Piemonte edito dalla Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Torino, Luglio 2003)

17 Idrogeno: filiera e tecnologie correlate Torino,16 Giugno 2004 La situazione piemontese: il Sistema Piemonte Idrogeno un insieme di iniziative volte alla realizzazione del cosiddetto Sistema Piemonte Idrogeno una rete vera è propria che consenta sia di valorizzare le sinergie possibili sia di tracciare strategie di ampio respiro Autorità locali Laboratori di ricerca Università Aziende

18 Idrogeno: filiera e tecnologie correlate Torino,16 Giugno 2004 La situazione piemontese: il Sistema Piemonte Idrogeno Il primo passo: Sviluppo nel 2001 del primo (ed al momento unico) autobus italiano ad idrogeno Partners: IRISBUS, GTT, Gruppo Sapio, Ministero dellAmbiente, Regione Piemonte, Città di Torino, ENEA, Ansaldo e C.V.A. Alcuni dati: veicolo CRISTALIS da 12 metri alimentato da un sistema ibrido composto da Fuel Cell di tipo PEM da 62 kW e batterie al piombo, sistema di stoccaggio dellidrogeno a 200 bar. Veicolo in fase di prova su strada

19 Idrogeno: filiera e tecnologie correlate Torino,16 Giugno 2004 La situazione piemontese: vocazione tecnologica ambientale

20 Idrogeno: filiera e tecnologie correlate Torino,16 Giugno 2004 La situazione piemontese: Sistema Piemonte Idrogeno Realizzazione del Laboratorio HYSY_Lab. Laboratorio realizzato, con un investimento iniziale di 2,7 M, dallEnvironment Park presso la propria sede in collaborazione con Politecnico di Torino, GTT, SAPIO e gli enti locali (Regione Piemonte, Provincia di Torino e Comune di Torino). Allocazione di 8 M (biennio ) da parte della Regione Piemonte per il cofinanziamento alla realizzazione di progetti di ricerca nel settore dellidrogeno da svilupparsi attraverso il coinvolgimento di aziende (piemontesi e non), gli atenei piemontesi e il laboratorio HYSY_LAB.

21 Idrogeno: filiera e tecnologie correlate Torino,16 Giugno 2004 La situazione piemontese: Sistema Piemonte Idrogeno Finanziamento da parte della Regione Piemonte di 18 dottorati di ricerca sullidrogeno, da svilupparsi negli Atenei piemontesi, per 1M, quale prima tranche di un più ampio ed articolato progetto di ricerca nel settore. Installazione di 9 laboratori dimostrativi in Istituti Tecnici Industriali in ogni provincia del Piemonte (finanziamento di 0,5 M della Regione Piemonte) per promuovere e diffondere la conoscenza delle tecnologie relative alla filiera dellidrogeno ed alle Fuel Cells.

22 Idrogeno: filiera e tecnologie correlate Torino,16 Giugno 2004 La situazione piemontese: Università e Laboratori Politecnico di Torino Università di Torino Università del Piemonte Orientale Environment Park - HYSY_LAB Centro Ricerche Fiat Centro Ricerche Edison

23 Idrogeno: filiera e tecnologie correlate Torino,16 Giugno 2004 La situazione piemontese: il laboratorio HYSY_LAB Dati Salienti: Inaugurato il 5 Giugno 2003 Volume di attività pari a 1 M (2004) 8 Ricercatori full time Collaborazioni e progetti con oltre 30 partner industriali (Italiani e non)

24 4 laboratorio di ricerca focalizzato sui seguenti macro obiettivi: A - Produzione B - Stoccaggio C - Applicazioni D - Analisi di sistema laboratorio di prova per componenti e sistemi laboratorio di formazione per tecnici operanti nel settore dellidrogeno centro di eccellenza per lo sviluppo e la realizzazione di progetti pilota sul territorio piemontese centro di aggregazione per i soggetti operanti nel settore dellidrogeno in Piemonte La situazione piemontese: il laboratorio HYSY_LAB

25 Idrogeno: filiera e tecnologie correlate Torino,16 Giugno 2004 La situazione piemontese: il Centro Ricerche FIAT Fondato nel 1976 come polo di riferimento per linnovazione e servizi di ricerca & sviluppo delle aziende del Gruppo Fiat Organico composto da circa 920 dipendenti di cui il 57% con laurea in discipline tecnico-scientifiche (ingegneria, scienze, matematica o economia). Nel 2003 lattività globale ha raggiunto 113 Meuro, con un aumento del 4,4% rispetto lanno precedente. Oltre 760 brevetti e 540 nuove domande di brevetto. Sede principale ad Orbassano e quattro centri decentrati (Trento, Pomigliano, Catania, Valenzano) e una nuova società, CRP Centro Ricerche Plast-Optica (UD).

26 Idrogeno: filiera e tecnologie correlate Torino,16 Giugno 2004 La situazione piemontese: il Centro Ricerche FIAT FIAT SEICENTO AD IDROGENO Lo sviluppo del prototipo a fuel cell Fiat Seicento Hydrogen, co-finanziato dal Ministero dellAmbiente (MATT), completato nel 2003 e presentato ufficialmente a Milano il 21 ottobre. Attualmente in fase di test su strada, nelle varie condizioni di guida per luso quotidiano. Il motopropulsore ibrido (fuel cell con buffer di potenza a batterie), grazie alle sue caratteristiche prestazionali ed energetiche, abilita una strategia di gestione che assicura una velocità massima continuativa di 130 km/h, uneccellente risposta dinamica in accelerazione ed un'autonomia di 220 km su ciclo urbano.

27 Idrogeno: filiera e tecnologie correlate Torino,16 Giugno 2004 La situazione piemontese: le aziende presenza di alcuni operatori attivi come core technology developer grandi potenzialità per component manufacturers e balance of plant makers presenza di potenziali final users di livello internazionale

28 Idrogeno: filiera e tecnologie correlate Torino,16 Giugno 2004 La situazione piemontese: le aziende Alcune delle aziende già operative nel settore della produzione: PRODUZIONELevel 1 core technology developers Level 0 components suppliers Level 2 balance of plant makers Level 3 Final Users Elettrolisi-GiacominiAllemano Metrology, Attas, Criotec, Giacomini, Belotti Sistemi. Ecotermica Piemontese, Idreg Piemonte, AgenBiella, Pianeta, AgenGranda, ReformingHysytechFilters, Criotec, Infragas Gruppo Sapio, Allemano Metrology, Attas, Idreg Piemonte, Giacomini, Belotti Sistemi, Edison, AgenBiella, Ecotermica Piemontese, Tea, Pianeta, AgenGranda, Azimut Benetti, Gruppo Sapio, Rivoira, SIAD Gassificazione-Filters, CriotecGruppo Sapio, Allemano Metrology, Attas, Idreg Piemonte, Giacomini, Belotti Sistemi, Edison, AgenBiella, Ecotermica Piemontese, Tea, Pianeta, AgenGranda, Sapio, Rivoira, SIAD

29 Idrogeno: filiera e tecnologie correlate Torino,16 Giugno 2004 La situazione piemontese: le aziende Alcune delle aziende già operative nel settore dello stoccaggio e distribuzione: STOCCAGGIO E DISTRIBUZIONE Level 1 core technology developers Level 0 components suppliers Level 2 balance of plant makers Level 3 Final Users CompressioneGruppo Sapio, SIAD, Rivoira, Messner CriotecAllemano Metrology, Attas, Giacomini, Belotti Sistemi Pianeta Liquefazione Gruppo Sapio, SIAD, Rivoira, Messner CriotecAllemano Metrology, Attas, Giacomini, Belotti Sistemi Edison, AgenBiella, Ecotermica Piemontese, Pianeta, AgenGranda, Idruri metallici-CriotecAgenBiella, Pianeta Distribuzione-Ecotermica Piemontese, AgenBiella, Pianeta, AgenGranda, Ecotermica Piemontese

30 Idrogeno: filiera e tecnologie correlate Torino,16 Giugno 2004 La situazione piemontese: le aziende APPLICAZIONILevel 1 core technology developers Level 0 components suppliers Level 2 balance of plant makers Level 3 Final Users PEM-Solvay Solexis, Industrie tessili Allemano Metrology, Attas, Giacobini, Belotti Sistemi, IREM, Centro di Cultura per lingegneria delle materie plastiche, AEM, AgenBiella, Ecotermica Piemontese, Pianeta, GTT, FIAT, Gruppo Bertone, Merlo, Azimut Benetti, IVECO- IRISBUS MCFCFN Allemano Metrology, Attas, IREM, Giacobini, Belotti Sistemi, AEM SOFC--Allemano Metrology, Attas, Giacobini, Belotti Sistemi, IREM, Centro di Cultura per lingegneria delle materie plastiche. Edison, Gas Turbine Technologies, AEM Alcune delle aziende già operative nel settore dellàutilizzo:

31 Idrogeno: filiera e tecnologie correlate Torino,16 Giugno 2004 Conclusioni la filiera dellidrogeno e le tecnologie ad esse connessa rappresentano non solo una speranza per il futuro sistema energetico ma soprattutto unimportante settore industriale nel possibile futuro scenario mondiale Il Piemonte ha ottime potenzialità per candidarsi a ricoprire il ruolo di Regione di Eccellenza per la filiera dellidrogeno


Scaricare ppt "Idrogeno: filiera e tecnologie correlate Torino,16 Giugno 2004 Idrogeno: filiera e tecnologie correlate Le possibili ricadute."

Presentazioni simili


Annunci Google