La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Istituto di Radiologia – Università di Parma Se piccolo può essere asintomatico Distensione addominale, nausea, distress respiratorio Dati obiettivi ASCITE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Istituto di Radiologia – Università di Parma Se piccolo può essere asintomatico Distensione addominale, nausea, distress respiratorio Dati obiettivi ASCITE."— Transcript della presentazione:

1 Istituto di Radiologia – Università di Parma Se piccolo può essere asintomatico Distensione addominale, nausea, distress respiratorio Dati obiettivi ASCITE Cause più frequenti Cirrosi Scompenso VS Sindrome nefrosica con ipoalbuminemia TBC Neoplasie (HCC, carcinosi peritoneale) RX mostra solo ascite massivo ECO piccolo ascite (ca. 100 cc) in decubito supino, sotto a emidiaframma dx e lobo dx fegato, doccia paracolica, scavo pelvico, tasca di Morrison, recesso epato-renale. Cercare anche versamento pleurico e pericardico. Eco non ottimale per diagnosi etiologica. TC Più frequentemente mostra la causa; può d.d. tra sangue, linfa, ascite neoplastico, TBC

2 Istituto di Radiologia – Università di Parma Difficoltà a iniziare la deglutizione Bolo in sede cervicale Dolore alla deglutizione (odinofagia) Rigurgito, aspirazione Cause DISFAGIA Neoplasia Stenosi peptica Acalasia SSP Plica (web) esofago-cervicale Schatzki ring Spasmo esofageo diffuso Disordini neuromuscolari (geriatria) RX esofago con studio dinamico ( bario) Non MDC idrosolubile se cè rischio di aspirazione

3 Istituto di Radiologia – Università di Parma Clinica: EMORRAGIA DIGESTIVA CRONICA Cause: Anemia sideropenica Sangue occulto fecale + Ulcera peptica, gastrite erosiva, neoplasie, Diverticolo di Meckel in bambini (mucosa gastrica ectopica) Angiodisplasia del colon in anziani Gli esami radiologici sono usati in prima linea 1.CLISMA OPACO 2.T D 3.CLISMA DEL TENUE (non il pasto frazionato) Gastroscopia; colonscopia sono usati in seconda linea Angiografia e scintigrafia sono poco utili

4 Istituto di Radiologia – Università di Parma In particolare, la scintigrafia con G R autologhi marcati ha poche probabilità di identificare sede e causa dellemorragia, in genere inferiore alla soglia di 0.5 cc/min. Può però essere utile la scinti con Tc 99m pertecnetato per identificare il diverticolo di Meckel nei bambini (sensibilità 75%; mucosa gastrica ectopica) Larteriografia del tripode celiaco, dellarteria mesenterica superiore e inferiore può essere usata nel bilancio di tumori e angiodisplasia del colon

5 Istituto di Radiologia – Università di Parma Clinica Emorragia rettale con aspirato gastrico negativo EMORRAGIA DIGESTIVA ACUTA BASSA Cause: Diverticoli, angiodisplasia, colite ischemica, emorroidi, diverticoli di Meckel in bambini. Al contrario, cancri, leiomiomi, polipi danno in genere emorragia cronica. SE MASSIVA, CHIRURGIA DURGENZA! Tc 99m pertecnetato per diverticolo di Meckel (bimbi) Per dimostrare sede dellemorragia, se essa è intensa ( > ,5cc/min) utile scintigrafia con Tc99m - solfuro colloide (più sensibile) o con GR autologhi marcati (meno sensibile ma più accurata se lemorragia è intermittente). Se la scinti sequenziale mostra movimento delle emazie marcate nel lume intestinale, ciò indica emorragia attiva; se no, è più probabile la diagnosi di malformazioni AV, angiodisplasia, neoplasie. Se la scintigrafia indica emorragia, si passa allarteriografia. MEDICINA NUCLEARE

6 Istituto di Radiologia – Università di Parma ARTERIOGRAFIA Mostra emorragie > 1 cc/min, quindi è meno sensibile della scintigrafia; indica la sede e talora la causa (come nella angiodisplasia). Possibilità di iniezione di vasocostrittori o di embolizzazione selettiva per evitare o dilazionare la chirurgia (specie in caso di diverticoli del colon). Molti pazienti hanno scintigrafia positiva ma angio negativa. In questo caso spesso si ricorre alla chirurgia COLONSCOPIA (accuratezza 50-90%) o CLISMA OPACO Utili in caso di emorragia di modica entità o già risoltasi spontaneamente, per cercare sede e causa del sanguinamento. Non utili se lemorragia è abbondante. Medicina nucleare e arteriografia sono le metodiche più utilizzate. Evitare il clisma opaco prima dellangiografia.

7 Istituto di Radiologia – Università di Parma Clinica Ematemesi, melena sangue nellaspirato gastrico con SNG EMORRAGIA DIGESTIVA ACUTA ALTA Cause: Ulcera peptica (stomaco, duodeno, esofago) gastrite erosiva varici esofagee rottura dellesofago tumori (leiomioma) fistola aorto-enterica pseudoaneurismi da pancreatite SE MASSIVA, CHIRURGIA DURGENZA! ENDOSCOPIA (per sede, causa e terapia) Accuratezza = 90% Possibili falsi negativi se lemorragia è massiva

8 Istituto di Radiologia – Università di Parma T D ARTERIOGRAFIA Se endoscopia non possibile o non risolutiva e se lemorragia è >1cc/min. Possibilità terapeutiche (vasocostrittori; embolizzazione) specie per gastrite erosiva. In caso di varici esofagee sanguinanti, utile infusione di vasopressina nell arteria mesenterica superiore. Laccurateza dellarteriografia nella diagnosi non è elevata (50-75%, ma giunge al 90% in caso di emorragia intensa e attiva). Si impiega in caso di emorragia di modesta entità o già esaurita. Da notare che – spesso- lendoscopia deve essere comunque eseguita e che il bario ostacola lesecuzione della successiva endoscopia.

9 Istituto di Radiologia – Università di Parma ITTERO Clinica ittero, urine scure, feci chiare, enzimi epatici Cause Mediche ( ittero epatocellulare): epatite, alcoolismo…. Chirurgiche: calcolo del coledoco, tumore del pancreas, metastasi epatiche, colangiocarcinoma, colangite sclerosante Il primo esame è lecografia ECO: dimostra la presenza e talora sede e causa dell ostruzione delle vie biliari ma la diagnosi di sede e causa è più difficile. In particolare, lo studio del coledoco distale e del pancreas è spesso insufficiente. Può mostrare calcoli e tumori. Limitata da gas intestinale e taglia fisica. Leco (come la TC) nella diagnosi di calcolo del coledoco è specifica ma non molto sensibile (circa 80%). Dunque leco non può escludere la litiasi biliare.

10 Istituto di Radiologia – Università di Parma TAC superiore alleco per la dimostrazione di sede e causa; mostra bene anche fegato, ilo epatico, pancreas, retroperitoneo L ASSENZA DI DILATAZIONE DELLE VIE BILIARI NON ESCLUDE LA POSSIBILITA DELLOSTRUZIONE MECCANICA (ostruzione recente o intermittente ; colangite sclerosante) COLANGIOSCINTI con Tc 99m HIDA (ac.iminodiacetico) oppure PIPIDA o DISIDA; è utile per capire se cè o meno ostruzione anche quando la bilirubina è alta(10-15 e persino mg/dl) COLANGIO RM ; è utile, specie se ERCP difficile o controindicata (pazienti operati; pancreatite acuta). Può determinare sede e causa dellostruzione.

11 Istituto di Radiologia – Università di Parma PTC Invasiva. Utile in caso di ostruzione alta e vie biliari dilatate. Possibilità terapeutiche. Possibili complicazioni (sepsi, emorragia, peritonite, PNX) ERCP invasiva; fallisce nel 10%; complicanze 7%; mortalità 1%; richiede anestesia. Utile in caso di ostruzione bassa o vie biliari poco dilatate(es: colangite sclerosante). Possibilità terapeutiche Pericolosa in caso di pancreatite acuta e diatesi emorragica

12 Istituto di Radiologia – Università di Parma COLECISTITE ACUTA litiasica alitiasica Clinica: Dolore, febbre, nausea, vomito, ittero lieve, leucocitosi; aumento bilirubina, fosfatasi alcalina e SGOT 1)SCINTIGRAFIA è il primo esame e serve a rispondere al quesito: il dotto cistico è pervio? Si impiega TC 99m –HIDA. Se si vede la colecisti, la diagnosi di colecistite si può escludere e il dotto cistico è pervio (specificità 95%). Se la colecisti non si vede dopo 4 ore (2 con morfina), la diagnosi di colecistite è stabilita con sensibilità 98% Qualche falso positivo: alcoolisti, pancreatite, nutrizione parenterale. La specificità migliora se 20 prima della scinti si inietta CCK

13 Istituto di Radiologia – Università di Parma 2)ECO Mostra calcoli della colecisti (radio-opachi solo nel 20%), ma da soli questi non bastano per la diagnosi di colecistite Altri segni: ispessimento della parete, edema colecistico, fluido pericolecistico, contenuto ecogeno, dolorabilità elettiva (Murphy) Mostra patologia alternativa di fegato, pancreas, rene e dunque è utile per la diagnosi differenziale Solo 1/3 dei pazienti con sospetto clinico di colecistite lha davvero !

14 Istituto di Radiologia – Università di Parma 3)TAC 4)Colangio RM Utile dopo lecografia, se leco non è stata risolutiva. Utile per valutare il dotto cistico e diagnosticare calcoli nel colletto della colecisti

15 Istituto di Radiologia – Università di Parma Clinica Cause RX TORACE: Sospetto ascesso addominale (sede incerta) SCINTI : (Leucociti marcati con In 111 ). Utile per localizzazione nei casi dubbi o sedi multiple (lettura dopo 24 ore) Non utile Ga 67 citrato perché si accumula in milza, fegato, colon e viene fissato da carcinomi e linfomi. Possibile utile impiego della FDG-PET. Febbre con brivido, leucocitosi, dolore addominale, alvo irregolare, occlusione o subocclusione. Nel paziente immunodepresso, spesso decorso meno acuto. Esame urine; urinocoltura; emocoltura Diverticoli, trauma, chirurgia, appendicite, malattia biliare, renale, malattie ginecologiche… Fattori favorenti: alcoolismo, tossicodipendenza, patologie croniche, steroidi, immunodepressione Utile per escludere polmonite TAC ADDOME-PELVI: Utile per localizzazione e diagnosi etiologica

16 Istituto di Radiologia – Università di Parma ECOGRAFIA Possibile anche al letto; utile se cè controindicazione TAC con uso del MDC iodato. Preferita in bambini e donne incinte ma limitata da gas, ferite,bendaggi, obesità, strutture ossee…. Eco e TAC consentono il drenaggio guidato e la terapia percutanea Sedi peculiari: fegato, spazio periepatico e subfrenico rene, spazio peri- o para- renale pancreas, milza appendice ascesso peridiverticolare del colon (sigma) ascesso pelvico

17 Istituto di Radiologia – Università di Parma ClinicaDolore,disuria, piuria, febbre, brividi, leucocitosi, ileo paralitico Cause ECO TAC anche segni minori come ispessimento fasciale; gas, calcoli, masse fluide con parete vascolarizzata, idropionefrosi… Ascesso renale - perirenale Litiasi, chirurgia, neoplasia, pielonefrite SCINTI Ascesso pelvico Clinica Cause Dolore, massa, febbre, leucocitosi Appendicite, diverticolite, infezioni annessiali ECO endovaginale /transrettale TAC SCINTI RM

18 Istituto di Radiologia – Università di Parma Clinica : disfagia ( a solidi, poi a liquidi), dolore retrosternale o infrascapolare, cachessia, aspirazione Cause : alcool, fumo, stenosi da caustici, esofago di Barrett, megaesofago, radioterapia, acalasia Sopravvivenza a 5 anni post-intervento: 5-20 % DIAGNOSI: Esofagografia a doppio contrasto – Primo esame Non svela il carcinoma in situ. Esofagoscopia con biopsia CARCINOMA ESOFAGEO SQUAMOSO: 80 % ADENOCARCINOMA ( BARRETT)

19 Istituto di Radiologia – Università di Parma STAGING (TNM): EUS: dimostra invasione longitudinale e adenopatie; permette la biopsia guidata. Accuratezza 85% (per N = 70%) TAC torace/addome : utile per dimostrare T ( invasione tracheobronchiale, aorta, pericardio) con accuratezza circa del 90 % N ( linfonodi mediastinici o sottofrenici, ma spesso meta in linfonodi normali ) (per N, accuratezza 65%) M (fegato) ( accuratezza 70% ) Accuratezza globale della TAC nello staging : 50% circa

20 Istituto di Radiologia – Università di Parma PET : accuratezza 80% ( per N = 50 %, a causa della scarsa risoluzione spaziale ), con sensibilità e specificità circa dell 80% circa Entro 1 anno dallintervento, 2/3 dei pazienti presentano recidive (più spesso M), per la diagnosi delle quali la TAC ha sens. 80% e spec. 80%; la PET ha sens. 90% e spec 80%.

21 CA. STOMACO Clinica: dispepsia, anoressia, dolore, dimagramento, nausea e vomito, sarcofobia, emorragia digestiva Cause e fattori favorenti: gastrite atrofica, fumo, polipi adenomatosi Diagnosi: TD a doppio contrasto Endoscopia. Più sensibile e specifica (>95%). Meno accurata per il ca. scirroso. Conferma bioptica. Staging: TC accurata per definire i fattori T e M; meno per N.

22 Istituto di Radiologia – Università di Parma Clinica : Dolore epigastrico circa 2 ore dopo il pasto; dolore notturno, ridotto dal cibo; dolore cronico, ricorrente, stagionale. Emorragia digestiva Addome acuto, se perforazione Ostruzione fibrotica piloro-duodenale ( 5 %) 1.TD doppio contrasto: mostra presenza, numero, sede delle ulcere, profondità e caratteristiche morfologiche. Non facile la dd tra ulcere gastriche benigne e maligne (endoscopia!); quelle del cardias sono quasi sempre maligne. Sono probabilmente benigne se hanno margini e colletto regolari, bordi edematosi; se lulcera si proietta oltre il lume (non è incastrata), se pliche sottili a raggiera si estendono fino al margine del cratere.TD utile nel follow-up. ULCERA PEPTICA GASTRICA

23 Istituto di Radiologia – Università di Parma 2.Endoscopia con biopsia; sempre necessaria nellulcera gastrica (il TD può diagnosticare erroneamente come benigne ulcere maligne -1% circa delle ulcere gastriche); non per ulcere duodenali. Superiore al TD per mostrare ulcera attiva in periduodenite cicatriziale. La endoscopia ha sensibilità del 90-95% (5- 10% falsi negativi) Sindrome di Zollinger-Ellison: gastrinoma del pancreas ulcere peptiche multiple, ricorrenti e anche in sedi atipiche; ipersecrezione gastrica, diarrea, gastrinemia 1.TD doppio contrasto: ulcere multiple gastroduodenali; ulcere distali rispetto al bulbo nel 50%; pliche ispessite, ipersecrezione 2. TC con MDC: 1 o più piccoli tumori (endocrini) del pancreas, con intenso enhancement dopo iniezione del contrasto ev.

24 Istituto di Radiologia – Università di Parma Clinica: dolori crampiformi, nausea e vomito, dolorabilità, peritonismo, distensione addominale, alvo chiuso Cause: aderenze, ernie strozzate, invaginazione, tumori, compressione estrinseca 1.Rx diretto in più proiezioni e decubiti: livelli idroaerei, string of beads, brusco cambio di calibro (dilatazione a monte, collasso a valle); colon vuoto di rado diagnosi etiologica( es: ileo biliare) 2.TC : per confermare locclusione, se Rx dubbio. Diagnosi di sede e natura. Più accurata delleco e del pasto frazionato, che è obsoleto e poco accurato. 3. Entero- RM OCCLUSIONE TENUE (meccanica)

25 Istituto di Radiologia – Università di Parma Se, dopo la TC, la causa non è ancora chiara, dopo aver escluso lostruzione del colon destro (clisma opaco; colonscopia) si può eseguire il Clisma del tenue con bario. Non usare il MDC idrosolubile che, richiamando acqua, dilata ulteriormemte le anse, rendendo la diagnosi impossibile

26 Istituto di Radiologia – Università di Parma Clinica : cambio dellalvo, costipazione, distensione addominale ; dolori crampiformi, vomito (se valvola ileocecale incontinente) Cause : Tumore del colon; diverticolite, volvolo; ernie; compressione ab extrinseco OCCLUSIONE o SUBOCCLUSIONE DEL COLON Rx diretto : distensione gassosa; ampi livelli idroaerei; cambio di calibro nella sede dellostruzione Clisma opaco: diagnosi di sede e causa dellostruzione. Usare MDC idrosolubiole in caso di ostruzione acuta. Nei pz. con volvolo o invaginazione il clisma può essere terapeutico Se si fa lendoscopia, questa deve precedere il clisma opaco TC: Utile in caso di tumori; infezione, infarto intestinale, diverticolite, appendicite etc. Oggi si tende ad impiegare la TC come esame iniziale

27 \ Istituto di Radiologia – Università di Parma APPENDICITE Dolore epigastrico o periombelicale, dolorabilità, febbre, leucocitosi Rx : appendicoliti nel 15% ; segni locali che però sono poco sensibili e specifici TC Spirale : Gold Standard (pre e post MDC) - appendice dilatata, ispessita, parete con enhancement appendicoliti nel 30 %, ascesso, flogosi pericecale - se la TC mostra appendice completamente normale : stop - diagnosi alternative - drenaggio ascessi ECO: bimbi e donne incinte ma limiti in obesi, gas, appendice retrocecale, peritonismo

28 Istituto di Radiologia – Università di Parma Clinica: alterazione dellalvo, perdite ematiche, dolore addominale, anemia sideropenica, sangue occulto +, calo ponderale poliposi familiare adenomatosa storia personale o familiare di polipi o carcinoma CUC, Crohn ipercolesterolemia - CLISMA DC TC - PANCOLONSCOPIA ECO TRANSRETTALE - COLONSCOPIA VIRTUALE TC CARCINOMA del COLON SCREENING STAGING

29 Istituto di Radiologia – Università di Parma Clinica Cause Ematuria, disuria, piuria, ostruzione delluretere Anilina, plastica e gomma, tabacco, calcoli vescicali, estrofia vescicale, schistosomiasi Inferiore alla cistoscopia,ma utile per vedere lesioni multiple delle vie urinarie superiori CARCINOMA della VESCICA 1. ECO Poco sensibile (circa 40% falsi negativi); non sufficiente per staging. Migliore sensibilità della eco transrettale 2. CISTOSCOPIA 3.UEV Work-up:1,2,3

30 Istituto di Radiologia – Università di Parma Superiore alla TAC per invasione parete. In T2w, la parete è normalmente ipointensa. Estensione nel grasso perivescicale, che normalmente è iperintenso in T1w; adenopatie locali e retroperitoneali; invasione prostata e vescicole seminali STAGING 1)MR : 2)TAC + M.D.C.: Se MR non disponibile Esame più globale (fegato, torace) 3)RX TORACE: 4)SCINTIGRAFIA OSSEA 1+3+(4)

31 Istituto di Radiologia – Università di Parma MASSE SURRENALICHE Allautopsia, 2-9% adulti (1% alla TAC), spesso asintomatiche (incidentalomi), di scoperta casuale. Per lo più sono adenomi non iperfunzionanti Non iperfunzionanti Iperfunzionanti Conn Cushing S.adrenogenitale +-+- storia neoplastica Per le iperfunzionanti, diagnosi con clinica e laboratorio. Imaging utile per localizzazione. Gli incidentalomi sono più spesso adenomi non iperfunzionanti;

32 Istituto di Radiologia – Università di Parma altre cause di massa surrenalica sono: - carcinoma surrene - cisti - emorragia - mielolipoma (grasso, calcio, tessuti molli,emorragia) - angioma - tumori della midollare surrenalica Diagnosi TAC agevole per cisti, emorragia, mielolipoma, molti casi di adenoma e ca. surrene

33 Istituto di Radiologia – Università di Parma 1 % circa delle TAC in adulti Nel 50% sono < 3 cm di diametro - captazione alla scintigrafia con colesterolo marcato - negativi alla PET-FDG - TAC: densità para-idrica a vuoto. Dopo MDC, captazione < alle metastasi e wash out più rapido - MR: ipointense in T2 (ma lo sono anche il 25% delle meta) Utile imaging con chemical shift Adenomi non iperfunzionanti o iperplasia macronodulare

34 Istituto di Radiologia – Università di Parma ADDISON Clinica: debolezza, ipotensione, dimagrimento, disidratazione, pigmentazione cutanea, cuore piccolo, anoressia, vomito, diarrea, ridotta tolleranza al freddo Cause: atrofia idiopatica (autoimmune) TBC, micosi Infarto, emorragia Metastasi, linfoma RX: calcificazioni (TBC) TAC: masse (linfoma, metastasi) atrofia surrenalica

35 Istituto di Radiologia – Università di Parma CONN Clinica: debolezza, ipertensione, ipokalemia, bassa renina sierica, aldosterone siero e urina Cause: adenoma (80%) iperplasia bilaterale (20%) TAC a vuoto: adenomi piccoli (diametro < 2 cm); densità paraidrica SCINTIGRAFIA con iodocolesterolo (+ test soppressione al desametasone per provare che il nodulo è funzionalmente autonomo): sens. e spec. circa 90% Sampling venoso: 100% specif. ma invasivo. Fallimento tecnico nel 10-30%

36 Istituto di Radiologia – Università di Parma CUSHING Clinica: Cause: iperplasia surrenalica (70%) adenoma surrenalico (20%) carcinoma surrenalico (10%) Facies lunare, obesità buffalo hump atrofia muscolare, ipertensione, osteoporosi, diabete, frequenti infezioni, lenta guarigione delle ferite Microadenoma ipofisario(ACTH) Produz.ectopica ACTH (neo.polmonare) TAC: a vuoto accuratezza circa 95% MR: studio ipofisi Rx Torace + TAC: tumori polmonari (Microcitomi) Scintigrafia con iodocolesterolo Sampling venoso

37 Istituto di Radiologia – Università di Parma Nel 50% iperfunzionante (Cushing, Conn, S. adreno-genitale) Nel 10% bilaterale Diametro spesso > 5cm, irregolare, con calcificazioni nel 20% TAC: enhancement eterogeneo; necrosi invasione vena renale e VCI MR: iperT1 e T2 (necrosi ed emorragia) CARCINOMA del SURRENE LINFOMA 4% delle masse surrenaliche. In genere non Hodgkin; spesso masse bilaterali (50%). Frequente coinvolgimento secondario da adenopatie retroperitoniali

38 Istituto di Radiologia – Università di Parma Tumore maligno della midollare surrenalica (nei bambini, neuroblastoma; forma benigna: ganglioneuroma) 10% asintomatico 10% bilaterale 10% extrasurrenalico (torace, retroperitoneo, pelvi) Il F.,composto da cellule cromaffini, produce catecolamine CLINICA: Ipertensione stabile o parossistica Tachicardia, sudorazione, ipotensione posturale, tachipnea, cefalea, tremori Frequente + con sindromi MEN Aumento catecolamine sieriche e dei metaboliti FEOCROMOCITOMA

39 Istituto di Radiologia – Università di Parma Individuazione clinica ma localizzazione radiologica; - Scintigrafia MIBG I PET-FDG può essere positiva anche se MIBG negativa - TAC facile diagnosi se il F. ha sede surrenalica diametro generalmente > 2cm altrimenti, TAC addome, torace, pelvi dopo MDC (enhancement eterogeneo, necrosi, emorragia). Rischio da MDC per crisi ipertensive (Regitin) - MR iperintenso in T2w; enhancement disomogeneo.

40 Istituto di Radiologia – Università di Parma 1/3 dei pazienti con neoplasie solide (polmone, mammella, reni, melanoma…) spesso bilaterali; spesso asintomatiche >50% delle meta. surrenaliche sono da microcitoma polmonare TAC: piccole meta sono simili ad adenomi anche in pazienti con neoplasia nota, >50% delle piccole masse surrenaliche solo adenomi incidentali. E giusto perseguire la diagnosi differenziale solo se non ci sono altre lesioni metastatiche e se si ipotizzano possibili effetti su terapia. a vuoto: se massa piccola e regolare con densità paraidrica (soglia = o < 10 HU) diagnosi di adenoma (sensib.75%, spec. 100%) dopo MDC: ? 1/3 degli adenomi sono poveri di contenuto lipidico. In tal caso, utile valutare la curva di wash-out: gli adenomi a 15 hanno densità < 30 HU e calo di densità = o > 50% rispetto alle immagini ottenute ad 1(sens. 88%; spec. 96%) METASTASI SURRENE

41 Istituto di Radiologia – Università di Parma Nel complesso, la TAC a vuoto e + MDC caratterizza correttamente le masse surrenaliche in > 90% (circa 95%) Attenzione ad escludere dalle misure le zone necrotiche ed emorragiche Scinti colesterolo NP 59 PET - FDG NAB (needle aspiration biopsy) guidata ( accur. 90%, con 3% complicanze) MR: meta iperintense in T2; captano Gd chemical shift (adenomi ipointensi; meta intermedie) sens. e spec. > 90%

42 Istituto di Radiologia – Università di Parma SCHELETRO DOLORE ACUTO MONOARTICOLARE Cause: gotta pseudogotta (CPPD: calcio pirofosfato) artrite settica tendinite; borsite trauma emartro (diatesi emorragica) S.di Reiter Psoriasi Rx: tumefazione tessuti molli, erosioni, calcificazioni, riduzione spazio articolare, fratture

43 Istituto di Radiologia – Università di Parma DOLORE POLIARTICOLARE Cause: artrite reumatoide spondilite anchilosante S.Reiter psoriasi artrosi LES osteop.ipertrofizzante pneumica (Sindrome di Pierre Marie- Bamberger) polimialgia reumatica gotta, CPPD, artrite settica

44 Istituto di Radiologia – Università di Parma ARTROSI ( OSTEOARTRITE ) Clinica: dolore articolare che aumenta con lo sforzo, di notte o al freddo rigidità mattutina una o poche articolazioni col tempo, tumefazione articolare, limitazione al movimento, sublussazioni contrattura in flessione, dolorabilità scrosci articolari Primaria: anche, ginocchia, mani da usura meccanica; carico Secondaria: trauma, forme dismetaboliche, malformazioni congenite; anche monolaterale, in giovani ed in varie sedi

45 Istituto di Radiologia – Università di Parma Rx: riduzione asimmetrica o irregolare dello spazio articolare, osteofiti alla periferia articolare, sclerosi subcondrale, geoidi (pseudocisti) subcondrali nelle mani, articolazioni distali e prossimali interfalangee (noduli di Heberden e Bouchard) nel polso, rizoartrosi trapezio-metacarpale del primo dito nel ginocchio, parete mediale articolazione

46 Istituto di Radiologia – Università di Parma Primaria (post-menopausa, senile) > 95% OSTEOPOROSI Secondaria < 5% da: mal.endocrine steroidi immobilizzazione prolungata post-traumi (ATROFIA DI SUDEK) IRC leucemia osteogenisi imperfetta Clinica: spesso asintomatica dolore ( rachide dorso-lombare) cifosi dorsale fratture da compressione vertebrale con minimo o nessun trauma fratture di anca e polso per piccoli traumi

47 Istituto di Radiologia – Università di Parma Rx colonna: schiacciamento corpi vertebrali da compressione ( D10-L3) Misure: spessore vertebre TC quantitativa assorbiometria fotonica Energia singola isotopo I 125 su osso compatto (corticale) nella radio. Sens. per la perdita BMC (massa ossea) > a 10% ma non cè stretta correlazione tra osso centrale e periferico e la misurazione dovrebbe essere fatta su osso spongioso trabecolare ( vertebre) Doppia energia (Gd 153 con radiazione gamma da 44 e 100 KeV) per colonna e femore

48 Istituto di Radiologia – Università di Parma ARTRITE REUMATOIDE Poliartrite simmetrica, articolazioni periferiche ( mani, piedi, polsi) con dolore, dolorabilità e tumefazione; S. del tunnel carpale( sinovite) Progressiva, Rigidità mattutina Noduli reumatoidi (1/3 dei casi; segno di attività) Aumento fattore reumatoide sierico Più comune nelle donne (3:1); anni Deformità (contrattura in flessione, deviazione ulnare dita mani) Rx : tumefazione tessuti molli, osteoporosi (carpale) periarticolare, riduzione spazio articolare erosioni marginali simmetriche(+ spesso metacarpo-falangee e interfalangee prossimali, metatarso-falangee) Possibile coinvolgimento viscerale Le varianti (Psoriasica; Reiter) sono + frequentemente asimmetriche e colpiscono le interfalangee distali

49 Istituto di Radiologia – Università di Parma METASTASI OSSEE Origine: polmone, mammella, tiroide, rene,melanoma, linfoma (osteolitiche) prostata (osteosclerotiche) Clinica: spesso asintomatiche (scoperte allo staging del tumore) dolore (specie vertebre, fratture vertebrali) Scintigrafia ossea: Tc 99m MDP. Aree calde. Se clinica e scinti tipiche Stop. La scinti però è sensibile ma non specifica. Proseguire le indagini (Rx, TAC, RM; follow-up) Falsi negativi: 2-8% specie da mieloma e ca midollare tiroide (utile scinti total body con I 131) e superscan da prostata (però manca la captazione renale) Falsi positivi (molto frequenti): fratture anche > 1 anno, neoplasie primitive, osteomielite, artrite, displasia fibrosa, Paget

50 Istituto di Radiologia – Università di Parma Rx:dopo la scinti nelle zone ipercaptanti per aumentare la specificità (ridurre i falsi positivi) Non iniziare con Rx perché poco sensibile (30% falsi negativi) Il 50% o più dellosso spongioso deve essere distrutto prima che la meta si veda sul Rx Fratture patologiche In genere meta centrate nellosso spongioso o compatto, di rado subperiostale(ca polmonare; anche arti) Se il dubbio persiste dopo Scinti + Rx: controllo a 2 mesi PET TAC/ RM (MDC) NAB (biopsia)

51 Istituto di Radiologia – Università di Parma MIELOMA Clinica: dolore, specie schiena e torace fratture patologiche vertebrali IRA o IRC ricorrenti infezioni (specie polmoniti batteriche) anemia, debolezza, fatica ipercalcemia aumento immunoglobuline con tipica elettroforesi e positività Bence-Jones Rx: lesioni osteolitiche a foro di biglietto fratture patologiche o collasso vertebrale lesioni diffuse tipo osteoporosi Scinti ossea: inutile, molti falsi negativi (possibile ruolo PET-FDG) MR: sostituzione del midollo giallo con tessuto patologico (bassa intensità in T1w). Fratture vertebrali- Uso del MDC per dd tra fratture vertebrali osteoporotiche e da mieloma NAB guidata


Scaricare ppt "Istituto di Radiologia – Università di Parma Se piccolo può essere asintomatico Distensione addominale, nausea, distress respiratorio Dati obiettivi ASCITE."

Presentazioni simili


Annunci Google