La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Economia AziendaleMarco Ferretti1 Economia Aziendale Marco Ferretti.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Economia AziendaleMarco Ferretti1 Economia Aziendale Marco Ferretti."— Transcript della presentazione:

1 Economia AziendaleMarco Ferretti1 Economia Aziendale Marco Ferretti

2 Economia AziendaleMarco Ferretti2 Organizzazione... Un sistema di parti interdipendenti che interagiscono tra di loro in modo tale per cui modificazioni in una parte del sistema inducono modificazioni nelle altre parti e in ogni caso la risultante dellazione è superiore alla somma delle singole parti (Zan, 1992)

3 3 CONCETTO DI SISTEMA

4 Economia AziendaleMarco Ferretti4 Un sistema è un insieme coordinato di parti e di relazioni tra parti che tende naturalmente o è programmato al raggiungimento di un fine. Il concetto di sistema

5 Economia AziendaleMarco Ferretti5 Insieme di parti: presenza di più componenti materiali e immateriali Insieme relazionale: linterdipendenza e la comunicazione tra le parti Insieme finalizzato: lattivazione di relazioni finalizzate agli obiettivi del sistema Il concetto di sistema

6 Economia AziendaleMarco Ferretti6 Sistemi

7 Economia AziendaleMarco Ferretti7 Il concetto di sistema Il concetto di gerarchia di sistemi Lidea di equilibrio dinamico del sistema Lidea di un meccanismo input-output Il concetto di feed back Il concetto di relazione funzionale Il Modello di Seiler

8 Economia AziendaleMarco Ferretti8 Il comportamento umano in una organizzazione è visto come un sistema complesso in cui tutto dipende da tutto per modo che un cambiamento in una qualsiasi parte produce un cambiamento in tutte le altre semplificazioni…. Il concetto di sistema

9 Economia AziendaleMarco Ferretti9 Un sistema complesso è formato da sistemi via via minori che è possibile studiare con schemi più semplici, per poi tornare ad una visione globale (parti e relazioni) Il concetto di gerarchia

10 Economia AziendaleMarco Ferretti10 Un sistema opera in un ambiente, rispetto al quale ha un diverso grado di apertura/chiusura Lidea di equilibrio dinamico del sistema Rilevanza dellinflusso che lambiente esercita sul sistema vincoli/ oppurtunità Il collegamento tra sistema a ambiente è definito in termini di confini

11 Economia AziendaleMarco Ferretti11 Un sistema opera in un ambiente, più o meno intensamente dinamico che con i suoi mutamenti sollecita il sistema a ricercare nuovi equilibri Lidea di equilibrio dinamico del sistema Relazioni ambientali con altri sistemi Relazioni ambientali sovra sistemiche

12 Economia AziendaleMarco Ferretti12 Il comportamento organizzativo può essere considerato un processo di trasformazione di determinati fattori di entrata (input) in certi risultati (output). Gli input condizionano e determinano il comportamento ma, a loro volta, si configurano in funzione del comportamento/output voluto Lidea di un meccanismo input-output

13 Economia AziendaleMarco Ferretti13 I risultati prodotti diventano a loro volta input del sistema grazie al meccanismo del feed back Il concetto di feed back

14 Economia AziendaleMarco Ferretti14 Un sistema organizzativo consta di numerose variabili interrelate, ciascuna delle quali può essere con le altre in un rapporto di funzionalità o di disfunzionalità. Il concetto di relazione funzionale

15 Economia AziendaleMarco Ferretti15 Il modello di Seiler

16 16 Il modello generale di sistema organizzativo Un sistema si può rappresentare tramite un modello, che permette di semplificare fenomeni complessi. In particolare Rugiadini ha elaborato (adattando il modello di Seiler) un modello generale per la rappresentazione del sistema organizzativo

17 17 Individuali Variabili Organiz- zative IstituzionaliSociali Tecniche Variabili di contesto Sistema Organizzativo Comportamento organizzativo Variabili ambientali Finalità Istituzionali Variabili Risultanti Efficacia organiz- zativa Soddisfa- zione individuale

18 18 Le variabili ambientali Lambiente è linsieme dei fenomeni o accadimenti che è esterno alloggetto di indagine ma che su di esso manifesta uninfluenza rilevante Situazione generale dei settori economici in cui limpresa opera (caratteristiche delle altre imprese operanti, capacità produttiva, struttura finanziaria, etc.) Situazione generale dei mercati (prezzi, condizioni di scambio, etc.) Lorganizzazione è parte di un sistema più ampio che lo comprende. Regolamentazioni pubbliche (interventi legislativi, politici, etc. che condizionano le scelte dimpresa) Fenomeni demografici, culturali, del territorio (infrastrutture, condizioni climatiche, composizione della popolazione, valori culturali dominanti) Ambiente Istituzionale (generale):

19 Economia AziendaleMarco Ferretti19 Mercato del lavoro: le caratteristiche del mercato del lavoro determinano le modalità di composizione dinamica dei sistemi organizzativi in termini di ingresso, permanenza e uscita dei lavoratori che compongono lorganismo personale Cultura organizzativa: è data dai contenuti propri della cultura diffusa in una società riguardo ai fenomeni organizzativi. Si manifesta attraverso ipotesi di valore su vari aspetti, come relazioni etiche e sociali nel lavoro organizzato, diritti e doveri dei lavoratori, livello di prestigio riconosciuto Tecnologie: insieme di conoscenze scientifiche che si realizzano in applicazioni socialmente rilevanti e si riferiscono comunemente ad attività di trasformazione, in forma industrializzata della realtà fisica Ambiente organizzativo (specifico): Le variabili ambientali

20 20 Variabili di contesto INPUT Le variabili interne input sono i fattori determinanti il comportamento organizzativo Variabili individuali: le caratteristiche delle persone che operano nel sistema (esterne ed interne), rilevanti per il funzionamento dellorganizzazione. Si tratta delle caratteristiche di personalità attinenti al comportamento organizzativo (qualificazione professionale, atteggiamenti e motivazioni riguardo al lavoro) Es. lavoro come strumento per il soddisfacimento dei bisogni umani o come espressione della personalità

21 Economia AziendaleMarco Ferretti21 Variabili sociali: linsieme delle relazioni interpersonali rilevanti per il comportamento organizzativo (rapporto giuridico di dipendenza gerarchica, relazioni di tipo non gerarchico) Variabili tecniche: le modalità operative e applicative di cui si avvale il lavoro umano, collegate a strumenti di varia natura. Si possono individuare nei processi di trasformazione industriale e dal punto di vista dinamico, esse influenzano gli assetti di fondo dellimpresa (strumenti impiegati, caratteristiche dei processi di trasformazione, conoscenze applicate agli strumenti e ai processi) Variabili istituzionali: le caratteristiche essenziali dell > cui il sistema organizzativo appartiene e che in molti casi si presentano come vincoli (finalità istituzionali, struttura di soggetto dellimpresa, struttura dellazienda nelle sue combinazioni produttive) Variabili di contesto INPUT

22 22 Le variabili di contesto non possono essere determinate dallorganizzazione, sono interne allorganizzazione stessa, ma chi governa può cercare di incidere su di esse con la quinta tipologia di variabili variabili organizzative Variabili di contesto INPUT

23 Economia AziendaleMarco Ferretti23 Variabili organizzative: le modalità con cui si realizzano le connessioni tra i diversi elementi del sistema organizzativo, quali struttura organizzativa, meccanismi operativi e potere (compiti assegnati, posizioni occupate, etc.) Struttura organizzativa: insieme degli elementi di base (stabili) del sistema dei ruoli, esprime i criteri con cui viene effettuata la divisione del lavoro (organigramma) Meccanismi o sistemi operativi: insieme dei processi che fanno funzionare operativamente il sistema organizzativo (elemento dinamico) – (procedure) Potere organizzativo: capacità di influenzare i comportamenti dei membri operanti nel sistema organizzativo (stile di direzione – partecipativo o autoritario) Variabili di contesto INPUT

24 24 Il comportamento organizzativo Le attività: qualunque azione umana di tipo esecutivo (quindi con immediato riflesso sulla realtà circostante) o di tipo decisionale Le interazioni: qualunque contatto, formale ed informale, tra i diversi membri dellorganizzazione (chiedere e fornire informazioni, collaborare nello svolgimento di unoperazione, etc.) I sentimenti: qualunque sentimento che le persone sviluppano nello svolgimento delle attività e delle interazioni (amicizia, ostilità, fiducia, timore, etc.) Il comportamento organizzativo può essere classificato su tre dimensioni (tripartizione di Homans), tra di loro correlate: Questa tripartizione richiama una visione più ampia del comportamento organizzativo, che non si riduce a ciò che una persona fa, ma che comprende anche i modi in cui essa è in relazione agli altri e a se stessa

25 25 Le variabili risultanti output (relativamente allintero sistema o a specifici sottosistemi/persone) si definiscono in termini di: Le variabili risultanti Efficacia organizzativa: è ladeguatezza del contributo fornito dal lavoro organizzato nel sistema al conseguimento delle finalità istituzionali Indici di rendimento tecnico-economico Sinergie fra le prestazioni individuali Capacità di attrarre e mantenere talenti Adattabilità del sistema a far fronte ai mutamenti nei contenuti di lavoro richiesto

26 Economia AziendaleMarco Ferretti26 Soddisfazione individuale: è il grado di soddisfacimento dei bisogni che le persone ritengono rilevanti nella situazione di lavoro Condizioni di lavoro adeguate alla persona Equità percepita tra contributi/ricompense (monetaria e non) Utilità dellesperienza di lavoro per lo sviluppo psicologico dellindividuo La variabili risultanti Da entrambe dipendono: Indici di assenteismo e turnover Sviluppo professionale

27 Economia AziendaleMarco Ferretti27 Le finalità istituzionali Finalità: ragione dellesistenza o scopo permanente di unorganizzazione (intenti complessivi e di fondo) Obiettivi e mete: risultati specifici attesi, con riferimento ad un determinato periodo di tempo, dallintera organizzazione, dalle sue diverse componenti e da ogni singolo operatore Premesse di valore: presupposti di carattere religioso, culturale, filosofico e politico determinati per la definizione delle finalità e degli obiettivi delle organizzazioni Nelle scelte dellorganizzazione possiamo individuare:

28 Economia AziendaleMarco Ferretti28 Caratteristiche del modello Distinzione fra variabili ambientali a varabili interne al sistema organizzativo Distinzione fra variabili interne di tipo input e variabili risultanti di tipo output Elencazione della prima classe di variabili interne: istituzionali, individuali, tecniche, sociali e organizzative Collegamento fra sistema organizzativo e istituto Come tutti i modelli, quello di Rugiadini, mette in luce alcuni aspetti importanti, mentre ne trascura degli altri Aspetti rilevati

29 Economia AziendaleMarco Ferretti29 Proprietà delle relazioni fra le variabili indicate Peso delle diverse variabili rispetto ai problemi Condizioni di equilibrio e di squilibrio del sistema Desiderabilità delle varie categorie di risultati Relazioni intrasistemiche Aspetti trascurati Richiamo a processi di retroazione e di dinamismo del sistema Richiamo allopportunità di coerenza fra i contenuti delle diverse variabili sia in termini statici che dinamici

30 Economia AziendaleMarco Ferretti30 Strutture, processi, meccanismi I meccanismi di coordinamento Lazienda deve acquisire, organizzare, guidare e sviluppare risorse in modo coerente con i suoi obiettivi ed i suoi fabbisogni. Lorganizzazione è materia interdisciplinare, si presta ad essere indagata da prospettive diverse: economia, sociologia, psicologia, ….

31 Economia AziendaleMarco Ferretti31 IndividualiTecniche SocialiIstituzionali Organizzative Variabili di Contesto Comportamento Organizzativo Efficacia Organizzativa - Soddisfazione Individuale Sistema Organizzativo Variabili AmbientaliFinalità Istituzionali Strutture, processi, meccanismi Il sistema organizzativo


Scaricare ppt "Economia AziendaleMarco Ferretti1 Economia Aziendale Marco Ferretti."

Presentazioni simili


Annunci Google