La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La microzonazione sismica LAquila, 1 marzo 2010 Giuseppe Naso Dipartimento della Protezione Civile Uff. Rischio Sismico.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La microzonazione sismica LAquila, 1 marzo 2010 Giuseppe Naso Dipartimento della Protezione Civile Uff. Rischio Sismico."— Transcript della presentazione:

1 La microzonazione sismica LAquila, 1 marzo 2010 Giuseppe Naso Dipartimento della Protezione Civile Uff. Rischio Sismico

2 Cosa fa la microzonazione sismica La microzonazione sismica si propone di: identificare e perimetrare le aree a differente pericolosità sismica (microzone, solitamente grandi alcuni ettari o alcuni isolati) stimare le risposte dei terreni delle diverse microzone in modo da stabilire gerarchie di pericolosità e fornire elementi conoscitivi per la pianificazione del territorio e la progettazione e la ricostruzione post evento delle opere antropiche

3 A cosa serve la microzonazione sismica (in tempo di pace) microzonazione sismica (pericolosità di base+pericolosità locale) vulnerabilità urbana vulnerabilità del costruito esposizione Mitigazione rischio sismico piani territoriali e urbanistici

4 A cosa serve la microzonazione sismica (post evento) microzonazione sismica (pericolosità di base+pericolosità locale) vulnerabilità del costruito Ricostruzione* e Mitigazione rischio sismico * Attenzione ai rapporti tra i risultati della microzonazione sismica e quelli previsti dalle Norme Tecniche per le Costruzioni (vedi cap Risposta sismica locale)

5 Terremoto Sottosuolo Effetti in superficie Amplificazioni e deformazioni cosismiche Il problema che affronta la microzonazione sismica

6 I dati di base per risolvere il problema Modello del sottosuolo geologia, geotecnica, geofisica Terremoto (tutti i parametri)

7 Come risolve il problema: amplificazioni Analisi strumentale Analisi numerica Or o And

8 Come risolve il problema: deformazioni cosismiche Analisi del territorio Analisi numerica

9 Il programma di questo corso Ora/giorno 1° giorno (lunedì 01-03) 2° giorno (martedì 02-03) 3° giorno (mercoledì 03-03) 4° giorno (giovedì 04-03) 1° ora 9:30- 10:00 Introduzione (Galeota) Saluti del Preside (Foscolo) 2° ora 10:00- 11:00 Introduzione tecnica (Naso) I dati strumentali (Milana) Pericolosità sismica (Sabetta) Carte livello 2 e 3 (Castenetto) 3° ora 11:00- 12:00 I dati geologici (Tallini) Strong e weak motion (Milana) Input sismico (Sabetta) MS e urbanistica (Bramerini) 4° ora 12:00- 13:00 Carte livello 1 (Tallini) Le prove geofisiche (Albarello) Simulazioni numeriche (Sanò) MS e normativa sismica (Di Pasquale) 5° ora 14:00- 15:00 Le prove geotecniche (Lanzo) SASW, MASW, H/V (Albarello) Codici numerici (Sanò) 6° ora 15:00- 16:00 Prove statiche e dinamiche (Lanzo) SASW, MASW, H/V (Albarello) Uso di PSHAKE (Sanò) 7° ora 16:00- 17:00 Prove SDMT (Totani) Down hole (Di Fiore) Uso di PSHAKE (Sanò) 8° ora 17:00- 18:00 Prove SDMT (Totani) Down hole (Di Fiore) Risultati attesi (Sanò)


Scaricare ppt "La microzonazione sismica LAquila, 1 marzo 2010 Giuseppe Naso Dipartimento della Protezione Civile Uff. Rischio Sismico."

Presentazioni simili


Annunci Google