La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Indirizzi in merito ad Alcol e Lavoro dr.ssa Sandra Bianchi dr.ssa Livia Rondina U.F. PISLL 25 giugno 2013.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Indirizzi in merito ad Alcol e Lavoro dr.ssa Sandra Bianchi dr.ssa Livia Rondina U.F. PISLL 25 giugno 2013."— Transcript della presentazione:

1 Indirizzi in merito ad Alcol e Lavoro dr.ssa Sandra Bianchi dr.ssa Livia Rondina U.F. PISLL 25 giugno 2013

2 Riferimenti normativi Legge 125/ 2001 Intesa Stato Regioni 03/2006 D.lg.vo 81/ 2008 e successive modifiche Legge 120 del 07/2010

3 Le leggi citate sono a tutela della salute e sicurezza dei lavoratori e di terze persone Sono finalizzate alla prevenzione, alla diagnosi, alla riabilitazione

4 Finalità del nostro intervento Presentazione delle indicazioni procedurali della Regione Toscana, in merito alle problematiche alcol lavoro correlate. Confronto su eventuali criticità

5 . Le indicazioni procedurali proposte dalla Regione Toscana tengono conto, tra l altro, della necessità: del rispetto della dignità della persona e della privacy del rispetto delle norme di garanzia circa l oggetto dellaccertamento e la sua rapportabilità al lavoratore

6 Rischio alcol L assunzione di bevande alcoliche è un rischio aggiuntivo, di tipo comportamentale, trasversale

7 IL Datore di lavoro provvede alla stesura di un Regolamento specifico contenente le politiche aziendali rispetto all alcol con 1) valutazione e gestione del rischio legato all assunzione di alcol 2)proposte di programmi ed azioni di promozione della salute, nell ambito di attività di informazione e formazione.

8 Il Medico Competente collabora a tale attività di valutazione del rischio e di sensibilizzazione con azioni di promozione della salute collettiva e individuale

9 Politica aziendale sull alcol La valutazione dei rischi e le misure di prevenzione sono finalizzate a: a) individuare in azienda le mansioni ad elevato rischio infortuni, che prevedono il lavoratore completamente sobrio e quelle per cui non cè il divieto totale dell assunzione di bevande alcoliche (mansioni alternative) b) definire le procedure per proibire la somministrazione di alcolici all interno dell azienda e nelle mense convenzionate

10 Politica aziendale sull alcol c)Individuare le misure preventive ed educative per attenuare il rischio d)Esplicitare i criteri adottati per leffettuazione dei controlli alcolimetrici e) Definire le procedure aziendali in caso di individuazione di un lavoratore con intossicazione acuta da alcol ( art. 18 – comma 1, punto C - D.lgv. 81/08) o con positività all etilometro e nel caso in cui il lavoratore si rifiuti di eseguire il test con etilometro ( art. 20 – comma 2 punto B – D.lgv.81/08)

11 Politica aziendale sull alcol f) provvedere all informazione dei lavoratori sulle leggi e gli obblighi in merito ad alcol e lavoro g) sensibilizzare sui rischi derivanti dall assunzione di bevande alcoliche e lo svolgimento delle mansioni lavorative ( contenuti minimi…)

12 Politica aziendale sull alcol Il divieto riguarda anche i lavoratori reperibili e i lavoratori autonomi, inoltre gli autisti ( alleg. I – legge 125/2001 ), cioè tutti coloro che trasportano merci o persone.

13 Attività lavorative ad alto rischio infortunistico L obbligo della Sorveglianza sanitaria non scatta per la semplice appartenenza di una lavorazione all allegato I della legge 125/01, mentre in tal caso sono possibili i controlli alcolimetrici da parte dei medici dei servizi pubblici di vigilanza

14 Politica aziendale sull alcol Informare i lavoratori che l Inail non copre gli infortuni per i quali la causa o la concausa è luso di bevande alcoliche e che l Inail stesso farà rivalsa sul lavoratore nei casi in cui siano state danneggiate anche terze persone.

15 . Il Medico competente, nel Protocollo sanitario, precisa le azioni atte ad individuare eventuali consumatori di alcol nelle mansioni a rischio (etilometro – L. 125/01) e le procedure per l individuazione dei lavoratori dipendenti da alcol (D.lgv. 81/08)

16 Protocollo sanitario Etilometro… - Consigliato ( non obbligatorio ) - Modalità trasparente - Omologato (sensore a raggi infrarossi) - Non omologato (con sensore elettrochimico) - Per tutti i due tipi marchio CE

17 Etilometro Alcolemia 0 Però… tenere presenti: 1)I limiti delle metodiche analitiche 2)La produzione endogena di alcol

18 Valutazione sanitaria di I livello per la verifica di assenza alcoldipendenza ( D.lgv. 81/2008 ) 1) anamnesi specifica 2) visita medica 3) colloquio clinico per patologie alcolcorrelate 4) prelievo ematico almeno per: MCV, AST, ALT, γGT, Trigliceridi 5) Audit-C/ Audit test

19 Consumo di alcol: 1)A rischio: Donne > 20 gr. di alcol al giorno Uomini > 40 gr. di alcol al giorno 2) Dannoso: se causa danno alla salute a livello fisico o mentale Unità Alcolica: 12 gr. di alcol

20 Valutazione sanitaria di I livello Se il consumo di alcol è a rischio o dannoso 1) Azioni di counseling e brief intervention 2) Eventuale ravvicinamento periodicità visite 3) Etilometro a sorpresa 4) Collaborazione col Medico di medicina generale ed altre figure specialistiche (previo consenso informato)

21 Valutazione sanitaria di II livello ( se c è sospetto alcol dipendenza) Il M.C. invia il lavoratore al Ser.T. o C.C.A. ( Centro consulenza alcologica ) Il Ser.T. o il C.C.A.,dopo un periodo di valutazione, effettuano la diagnosi di dipendenza da alcol Il M.C. non fa la diagnosi di Dipendenza da Alcol

22 ICD –10 Dipendenza 1) Forte desiderio o compulsione ad usare una o più sostanze 2) Compromissione della capacità di controllare l uso di una o più sostanze 3) Stato di astinenza o uso della sostanza per attenuare o evitare sintomi di astinenza 4) Presenza di tolleranza agli effetti della sostanza 5) Progressiva trascuratezza dei piaceri, comportamenti o interessi a favore dell uso della sostanza 6) uso persistente della sostanza nonostante le conseguenze dannose E necessaria la presenza di almeno 3 delle precedenti condizioni

23 Reintegro nella mansione In caso di certificata dipendenza da alcol in remissione, il M.C. esprime giudizio di idoneità alla mansione specifica per non oltre 3 mesi, con successiva rivalutazione del Ser.T. o del C.C.A., fino al raggiungimento della remissione completa protratta di 12 mesi.

24 Ricaduta Se in tale periodo di 12 mesi vi è una ricaduta o non aderenza al programma, il Medico del Ser.T. o del Centro di Consulenza Alcologica lo comunica in forma scritta al M.C.

25 Conservazione del posto di lavoro Legge 125/01: Il lavoratore alcoldipendente, se assunto a tempo indeterminato, ha diritto alla conservazione del posto di lavoro, durante il trattamento di riabilitazione, per un periodo massimo di 3 anni

26 Mansione alternativa ( in cui non c è obbligo di alcolemia 0) Mansione alla quale destinare i lavoratori risultati positivi al test o in osservazione per valutare le condizioni di alcoldipendenza


Scaricare ppt "Indirizzi in merito ad Alcol e Lavoro dr.ssa Sandra Bianchi dr.ssa Livia Rondina U.F. PISLL 25 giugno 2013."

Presentazioni simili


Annunci Google