La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il quadro normativo e gli strumenti del GPP Quarrata, 20 novembre 2007 Simone Ricotta ARPAT – AF Educazione Ambientale Rete delle Agenda 21 Locali della.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il quadro normativo e gli strumenti del GPP Quarrata, 20 novembre 2007 Simone Ricotta ARPAT – AF Educazione Ambientale Rete delle Agenda 21 Locali della."— Transcript della presentazione:

1 Il quadro normativo e gli strumenti del GPP Quarrata, 20 novembre 2007 Simone Ricotta ARPAT – AF Educazione Ambientale Rete delle Agenda 21 Locali della Toscana

2 Introduzione al GPP

3

4 Sommario Introduzione al GPP In particolare: - Il quadro normativo europeo, nazionale e regionale - Il Piano dAzione Nazionale per il GPP – PAN PP I sistemi di ecoetichettatura I sistemi di gestione ambientale I sistemi di gestione della responsabilità sociale Lesperienza di ARPAT I riferimenti per il GPP PremioToscanaEcoefficiente Il quadro normativo

5 Partiamo dagli acquisti verdi…. Green Public Procurement (GPP) In termini generali: Lintegrazione di considerazioni ambientali negli appalti pubblici In termini specifici: Lapproccio in base al quale le Amministrazioni Pubbliche integrano i criteri ambientali in tutte le fasi del processo di acquisto, incoraggiando la diffusione di tecnologie ambientali e lo sviluppo di prodotti validi sotto il profilo ambientale, attraverso la ricerca e la scelta dei risultati e delle soluzioni che hanno il minore impatto possibile sullambiente lungo lintero ciclo di vita (definizione della Commissione Europea) Introduzione al GPP

6 Le potenzialità del GPP a livello europeo, gli appalti pubblici costituiscono circa il 16,3% del PIL europeo a livello italiano, la spesa di Stato, Regioni, Province e Comuni, solo per acquisti di beni e servizi, ammonta a circa 50 miliardi di euro (dati ISTAT). Perché fare GPP? orientare il mercato migliorare le prestazioni ambientali degli enti pubblici indurre comportamenti ambientalmente preferibili nei consumatori Introduzione al GPP

7 Il contesto normativo europeo - Comunicazione interpretativa della Commissione Europea (n.274/2001) - Sentenze della Corte di Giustizia Europea - caso Helsinki (2002) - caso Wienstrom (2003) - Direttiva 17/2004/CE (appalti acqua, energia, trasporto e servizi postali – utilities) - Direttiva 18/2004/CE (appalti lavori, forniture e servizi) Il quadro normativo

8 Il contesto normativo italiano D.Lgs 22/97: il 40% del totale dei consumi di carta riciclata D.M : il 50% di veicoli a carburanti alternativi entro lanno 2003 L. 448/01 (legge finanziaria 2002): 20% dei pneumatici ricostruiti DM 203/2003: almeno il 30% del fabbisogno annuale di manufatti e beni coperto con prodotti ottenuti da materiale riciclato D.Lgs. 163/06, Codice appalti Legge Finanziaria 2007 (L. 296/06) Il quadro normativo

9 Il contesto normativo toscano L.R. 25/98 (art 4, come modificato dalla LR 29/02): c.2: la Regione, le Province, i Comuni e gli altri enti, istituti e aziende soggette alla vigilanza degli stessi, sono tenuti a impiegare, per la proprie necessità e in misura non inferiore al 40% del fabbisogno, carta e cartoni prodotti utilizzando, integralmente o prevalentemente, residui recuperabili. Essi sono altresì tenuti a utilizzare, nellidentica misura del 40% del fabbisogno annuale relativo, manufatti in plastica riciclata. c.3: ai soggetti di cui al comma 2 è fatto divieto di utilizzare, nelle proprie mense per la somministrazione degli alimenti o delle bevande, contenitori e stoviglie a perdere. I medesimi soggetti hanno altresì lobbligo di provvedere alla raccolta differenziata di carta e cartone, cartucce di inchiostro e toner per fotocopiatrici e stampanti, o nastri per macchine da scrivere. Il quadro normativo

10 L.R. 38/07 Norme in materia di contratti pubblici e relative disposizioni sulla sicurezza e regolarità del lavoro. Art. 33 Clausole ambientali 1. Le stazioni appaltanti, in attuazione delle disposizioni comunitarie e nazionali vigenti in materia, prevedono nei bandi di gara e nei capitolati specifiche disposizioni finalizzate a valorizzare gli aspetti ambientali. A tale fine, configurano la prestazione tenendo conto, in particolare, dei seguenti elementi: a) minore impatto ambientale dei prodotti e servizi utilizzati; b) minore consumo di risorse naturali non rinnovabili; c) minore produzione di rifiuti; d) utilizzo di materiali recuperati e riciclati; e) utilizzo di tecnologie e tecniche ecocompatibili e di sistemi di produzione a ridotto impatto ambientale; f) utilizzo di prodotti ecocompatibili e di facile smaltimento. 2. Restano fermi gli obblighi vigenti in materia di acquisti di beni realizzati con materiali riciclati. Il quadro normativo

11 Art. 34 Requisiti di capacità delle imprese 1. Le stazioni appaltanti, sulla base dei capitolati tipo, definiscono e verificano i requisiti necessari a dimostrare la capacità tecnico- organizzativa ed economico-finanziaria delle imprese, tenendo conto anche: a) nel caso di appalti di servizi, delle specifiche esperienze dellimpresa in campo ambientale, nonché delle misure di gestione ambientale che saranno applicate durante lesecuzione dellappalto; b) del possesso di certificazioni di qualità, responsabilità sociale e gestione ambientale conformi a norme comunitarie e internazionali; c) degli indici di congruità determinati ai sensi dellarticolo 1, commi 1173 e 1174, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato legge finanziaria 2007) e successive modifiche. Il quadro normativo

12 Art. 36 Criterio di aggiudicazione 1. Le stazioni appaltanti utilizzano per laggiudicazione il criterio dellofferta economicamente più vantaggiosa, ad esclusione dei casi nei quali la natura dellappalto non lo consente, individuati e motivati in relazione alle caratteristiche ed alle condizioni della prestazione, con particolare riferimento allassenza di impiego diretto di lavoratori e sulla base di specifiche linee guida approvate ai sensi dellarticolo Le stazioni appaltanti, nella definizione degli elementi di valutazione dellofferta, tengono conto anche di elementi di sostenibilità ambientale, quali, in particolare, il risparmio energetico, lutilizzo di tecniche innovative ed ecocompatibili per lapprovvigionamento e lo smaltimento dei materiali, lutilizzo di materiali riciclati, lintroduzione di elementi di bioedilizia e di tecniche di ingegneria naturalistica. Nei casi in cui è previsto limpiego diretto di lavoratori, le stazioni appaltanti tengono conto, compatibilmente con la natura del contratto, di misure per linserimento lavorativo di persone disabili, di disoccupati di lungo periodo e di lavoratori in cassa integrazione. Il quadro normativo

13 Il PAN GPP La Legge 27 dicembre 2006, n. 296 "Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2007) prevede il finanziamento per la elaborazione di un "Piano dazione per la sostenibilità ambientale dei consumi nel settore della pubblica amministrazione", detto Piano dAzione Nazionale GPP – PAN GPP (art. 1, commi 1126, 1127 e 1128). Il quadro normativo

14 1126. "Piano dazione per la sostenibilità ambientale dei consumi nel settore della pubblica amministrazione", predisposto dal Ministero dellambiente di concerto con i Ministri delleconomia e delle finanze e dello sviluppo economico, dintesa con le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, e sottoposto alla approvazione dalla CONSIP Spa Criteri del Piano: a) riduzione delluso delle risorse naturali; b) sostituzione delle fonti energetiche non rinnovabili con fonti rinnovabili; c) riduzione della produzione di rifiuti; d) riduzione delle emissioni inquinanti; e) riduzione dei rischi ambientali. Il quadro normativo

15 1127. Il Piano indica gli obiettivi di sostenibilità ambientale da raggiungere per gli acquisti nelle seguenti categorie merceologiche: a)arredi; b)materiali da costruzione; c)manutenzione delle strade; d)gestione del verde pubblico; e)illuminazione e riscaldamento; f)elettronica; g)tessile; h)cancelleria; i)ristorazione; l)materiali per ligiene; m) trasporti. Il quadro normativo

16 1128. Per il monitoraggio degli obiettivi è istituito un apposito Comitato composto dal Ministro dellambiente e della tutela del territorio e del mare, dal Ministro delleconomia e delle finanze, dal Ministro dello sviluppo economico nonché dai presidenti delle regioni interessate. Il quadro normativo

17 Il Codice appalti e il GPP Il principale riferimento normativo italiano per gli appalti pubblici è il D.Lgs. 163/06, Codice appalti, recepimento delle Direttive 17/2004/CE e 18/2004/CE. La tutela dellambiente è integrata tra i principi degli appalti pubblici: Art 2 - Principi 2. Il principio di economicità può essere subordinato, entro i limiti in cui sia espressamente consentito dalle norme vigenti e dal presente codice, ai criteri, previsti dal bando, ispirati a esigenze sociali, nonché alla tutela della salute e dellambiente e alla promozione dello sviluppo sostenibile. Il quadro normativo

18 Il Codice appalti, le fasi di un appalto pubblico e il GPP Oggetto: libertà della stazione appaltante Selezione dei candidati (artt. 40, 42 e 44): solo negli appalti di servizi o lavori, unicamente nei casi appropriati, stabiliti dal regolamento (2008), possibile riferimento ai sistemi di gestione ambientale (es.: EMAS/ISO 14001) come mezzo di prova (non esclusivo) della capacità tecnica degli operatori ad applicare misure di gestione ambientale durante la realizzazione dellappalto Specifiche tecniche (art. 68 c. 9): possibile riferimento alle specifiche definite dalle eco-etichettature europee (multi)nazionali Aggiudicazione (art. 83): caratteristiche ambientali tra i criteri di valutazione delle offerte Esecuzione: misure di gestione ambientale (gestione imballaggi, rifiuti, mezzi di trasporto, ecc.) Il quadro normativo

19 1. Definizione delloggetto dellappalto Le direttive sugli appalti pubblici non contengono alcuna prescrizione riguardo le caratteristiche degli acquisti, e sono quindi neutrali quanto alloggetto dellappalto Gli Enti aggiudicatori hanno ampia possibilità di tener conto di considerazioni ambientali nella scelta di ciò che intendono appaltare. Le possibilità dipendono dal tipo di appalto: Suggerimento: indicare chiaramente lintenzione di acquistare un bene/servizio dal ridotto impatto ambientale. Es.: acquisto di stampanti a basso consumo energetico; contratto per servizio di pulizie a ridotto impatto ambientale, ecc. Il quadro normativo

20 2. Definizione delle specifiche tecniche delloggetto Art Specifiche tecniche Ogni qualvolta sia possibile le specifiche tecniche devono essere definite in modo da tenere conto … della tutela ambientale. Le specifiche tecniche possono essere formulate secondo due modalità: a) in termini di norme tecniche: caratteristiche, livelli di qualità, processi e metodi di produzione ecc. contenute in leggi o normative tecniche di settore; ciascun riferimento contiene la menzione o equivalente; L'allegato VIII riporta un elenco esemplificativo di tali standard tecnici, tra cui vi possono essere anche "i livelli di prestazione ambientale b) in termini di prestazioni e requisiti funzionali, che "possono includere caratteristiche ambientali In tal caso l'amministrazione lascia i concorrenti liberi di proporre soluzioni tecniche innovative per il raggiungimento della prestazione richiesta. Offre maggiori opportunità alla creatività del mercato e in alcuni casi rappresenta una sfida per il mercato nello sviluppo di soluzioni tecniche innovative. Il quadro normativo

21 Si possono usare i sistemi di eco-etichettatura: Art. 68, comma 9: Le stazioni appaltanti, quando prescrivono caratteristiche ambientali in termini di prestazioni o di requisiti funzionali, quali sono contemplate al comma 3, lettera b), possono utilizzare le specifiche dettagliate o, all'occorrenza, parti di queste, quali sono definite dalle ecoetichettature europee (multi)nazionali o da qualsiasi altra ecoetichettatura, quando ricorrono le seguenti condizioni: a) esse siano appropriate alla definizione delle caratteristiche delle forniture o delle prestazioni oggetto dell'appalto; b) i requisiti per l'etichettatura siano elaborati sulla scorta di informazioni scientifiche; c) le ecoetichettature siano adottate mediante un processo al quale possano partecipare tutte le parti interessate, quali gli enti governativi, i consumatori, i produttori, i distributori e le organizzazioni ambientali; d) siano accessibili a tutte le parti interessate. Il quadro normativo

22 10. Nellipotesi di cui al comma 9 le stazioni appaltanti possono precisare che i prodotti o servizi muniti di ecoetichettatura sono presunti conformi alle specifiche tecniche definite nel capitolato d'oneri; essi devono accettare qualsiasi altro mezzo di prova appropriato, quale una documentazione tecnica del fabbricante o una relazione di prova di un organismo riconosciuto. 11. Per organismi riconosciuti ai sensi del presente articolo si intendono i laboratori di prova, di calibratura e gli organismi di ispezione e di certificazione conformi alle norme europee applicabili. Dal manuale sul GPP della Commissione europea: … non è consentito porre come requisito il possesso da parte delle società di unecoetichetta oppure la (totale) conformità ad una certa ecoetichetta. È sempre obbligatorio accettare anche altre prove adeguate, come ad esempio una relazione valutativa redatta da un ente riconosciuto o un fascicolo tecnico del produttore. Il quadro normativo

23 Lallegato VIII definendo le specifiche tecniche, indica la possibilità di far riferimento a: materiali specifici: è possibile indicare la gamma di materiali preferiti (es.: % minima di materiale riciclato), o specificare i materiali o le sostanze chimiche che non devono essere utilizzati. Es. appalti di pulizia: lente aggiudicatore può fornire un elenco indicativo di sostanze pericolose che non devono essere presenti nel prodotto. processi e metodi di produzione: ad esempio, è possibile: –richiedere la fornitura di elettricità prodotta da fonti rinnovabili anche se lelettricità verde non è fisicamente diversa da quella prodotta da fonti energetiche convenzionali –per la mensa, richiedere la fornitura di una certa percentuale di cibo biologico oppure che certi alimenti siano prodotti biologicamente. –per il legname, richiedere requisiti sulla sostenibilità della gestione delle foreste da cui proviene il legname Il quadro normativo

24 3. Selezione dei candidati Motivi di esclusione dalla partecipazione allappalto (Direttiva 18/2004: art. 45; Direttiva 17/2004: art. 54) a) condanna, con sentenza passata in giudicato, per reati che incidano sulla moralità professionale b) in materia professionale, aver commesso errore grave, accertato con qualsiasi mezzo da parte dellamministrazione aggiudicatrice E necessario che la normativa nazionale indichi per quali reati ambientali è prevista lincidenza sulla moralità professionale, e sia definito il concetto di errore grave in materia professionale. Capacità economica e finanziaria del candidato Non è riscontrabile una possibile integrazione con considerazioni ambientali Il quadro normativo

25 Capacità tecnica e professionale dei fornitori e dei prestatori di servizi D.Lgs 163/03, art Qualificazione per eseguire lavori pubblici …omissis… c. 4. Il regolamento definisce in particolare: … omissis… Tra i requisiti di capacità tecnica e professionale il regolamento comprende, nei casi appropriati, le misure di gestione ambientale. Il quadro normativo

26 D.Lgs 163/03, art Capacità tecnica e professionale dei fornitori e dei prestatori di servizi Negli appalti di servizi e forniture la dimostrazione delle capacità tecniche dei concorrenti può essere fornita in uno o più dei seguenti modi, a seconda della natura, della quantità o dellimportanza e delluso delle forniture o dei servizi:: … f) indicazione, per gli appalti di servizi e unicamente nei casi appropriati, stabiliti dal regolamento, delle misure di gestione ambientale che loperatore potrà applicare durante la realizzazione dellappalto; Quindi lamministrazione può richiedere di specificare come il candidato renderebbe la propria prestazione ambientalmente efficace....unicamente nei casi appropriati... Il manuale europeo Acquistare verde! considera la competenza tecnica in campo ambientale come particolarmente rilevante nel casi di gestione dei rifiuti, costruzioni, manutenzioni e ristrutturazioni di edifici, e nei servizi di trasporto. Il quadro normativo

27 D.Lgs 163/06, art Norme di gestione ambientale 1. Qualora, per gli appalti di lavori e di servizi, e unicamente nei casi appropriati, le stazioni appaltanti chiedano lindicazione delle misure di gestione ambientale che loperatore economico potrà applicare durante lesecuzione del contratto, e allo scopo richiedano la presentazione di certificati rilasciati da organismi indipendenti per attestare il rispetto da parte dell'operatore economico di determinate norme di gestione ambientale, esse fanno riferimento al sistema comunitario di ecogestione e audit (EMAS) o a norme di gestione ambientale basate sulle pertinenti norme europee o internazionali certificate da organismi conformi alla legislazione comunitaria o alle norme europee o internazionali relative alla certificazione. Le stazioni appaltanti riconoscono i certificati equivalenti in materia rilasciati da organismi stabiliti in altri Stati membri. Esse accettano parimenti altre prove relative a misure equivalenti in materia di gestione ambientale, prodotte dagli operatori economici. Quindi lamministrazione può richiedere, unicamente in casi appropriati, la presentazione di certificati rilasciati da organismi indipendenti quali prova del rispetto di determinate norme di gestione ambientale. Quando ciò accade, lamministrazione fa riferimento al sistema EMAS o a norme equivalenti (ISO 14001, ad esempio) Il quadro normativo

28 4. Aggiudicazione dellappalto (Art. 83 D.Lgs 163/06) Criterio dellofferta economicamente più vantaggiosa 1. Quando il contratto è affidato con il criterio dellofferta economicamente più vantaggiosa, il bando di gara stabilisce i criteri di valutazione dellofferta, pertinenti alla natura, alloggetto e alle caratteristiche del contratto, quali, a titolo esemplificativo: a) il prezzo; b) la qualità; c) il pregio tecnico; d) le caratteristiche estetiche e funzionali; e) le caratteristiche ambientali; f) il costo di utilizzazione e manutenzione; g) la redditività; h) il servizio successivo alla vendita; i) lassistenza tecnica; l) la data di consegna ovvero il termine di consegna o di esecuzione; m) limpegno in materia di pezzi di ricambio; n) la sicurezza di approvvigionamento; o) in caso di concessioni, altresì la durata del contratto, le modalità di gestione, il livello e i criteri di aggiornamento delle tariffe da praticare agli utenti. Il quadro normativo

29 5. Esecuzione dellappalto È ammesso che le considerazioni ambientali siano inserite tra le clausole di esecuzione di un appalto, a condizione che queste siano pubblicate nellavviso di gara o nelle specifiche e siano conformi al diritto comunitario. Tali clausole possono riguardare ad esempio: – consegna/imballaggio di merci all'ingrosso anziché per singola unità – recupero o riutilizzo dei materiali d'imballaggio e dei prodotti usati da parte del fornitore – consegna di merci in contenitori riutilizzabili – raccolta, ritiro, riciclaggio o riutilizzo da parte del fornitore dei rifiuti prodotti durante o dopo l'uso o il consumo di un prodotto – trasporto e consegna di prodotti chimici (ad esempio prodotti per la pulizia) concentrati e loro diluizione sul luogo di impiego. - modalità di trasporto (a condizione che tale requisito non sia discriminante) Il quadro normativo

30 In sostanza, i sistemi di etichettatura ambientale … come supporto nella redazione delle specifiche tecniche per definire le caratteristiche delle forniture o dei servizi da acquistare; come supporto per la valutazione delle offerte nella fase di aggiudicazione (cioè nella fase di attribuzione dei punteggi); altri idonei mezzi di prova dovranno comunque essere accettati; nella fase di controllo della conformità ai requisiti richiesti, letichetta può essere accettata come prova di conformità (non unica); i sistemi di gestione ambientale … nel caso di servizi e lavori, e solo in casi appropriati, la certificazione/registrazione dei sistemi di gestione ambientale (EMAS/ISO 14001) come mezzo di prova della capacità tecnica di un candidato a implementare determinate misure di gestione ambientale Il quadro normativo

31 Recenti orientamenti istituzionali confermano la ratio del quadro normativo degli appalti pubblici rispetto alle certificazioni ambientali Circolare del Ministro per le Politiche Comunitarie 1 marzo 2007 Principi da applicare, da parte delle stazioni appaltanti, nella scelta dei criteri di selezione e di aggiudicazione di un appalto pubblico di servizi. Deliberazione n. 197 del dellAutorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Il quadro normativo

32 I sistemi di eco-etichettatura Per rendere effettiva la capacità dei consumatori (pubblici e privati) di orientamento del mercato verso prodotti dalle migliori prestazioni ambientali, linformazione sulle caratteristiche dei prodotti assume un ruolo fondamentale. Dai primi anni 80 sono proliferati programmi di etichettatura ambientale. Le norme tecniche ISO distinguono tre tipologie di etichettature ambientali volontarie: - etichettatura ambientale di Tipo I (UNI EN ISO 14024); - asserzioni ambientali auto-dichiarate (etichettatura ambientale di Tipo II, UNI EN ISO 14021); - dichiarazioni ambientali di Tipo III (UNI ISO 14025). I sistemi di ecoetichettatura

33 Le tipologie delle etichette ambientali I sistemi di ecoetichettatura

34 Le etichette ambientali Tipo I - caratteristiche - sono volontarie e di parte terza (necessaria la verifica a cura di un organismo pubblico o privato, di carattere nazionale, regionale o internazionale, indipendente dal fornitore, che certifica la conformità a determinati criteri); - vengono assegnate a prodotti che rispondono a determinati criteri ambientali e prestazionali; - i criteri sono predeterminati per ogni categoria di prodotto e sono di dominio pubblico; - i criteri vengono definiti considerando gli aspetti ambientali lungo tutto il ciclo di vita del prodotto, a cura di un forum di parti interessate mediante un processo di consultazione aperta; I programmi di etichettatura ambientale di Tipo I hanno il compito di identificare e promuovere prodotti di avanguardia ambientale, per cui i criteri sono stabiliti su prestazioni superiori al livello medio (prodotti di eccellenza). I sistemi di ecoetichettatura

35 Etichettature ambientali di Tipo I Esempi: Blauer Angel (Germania) Nordic Swan (Danimarca, Islanda, Finlandia, Svezia e Norvegia) NF Environnement (Francia) Umweltzeichen (Austria) I sistemi di ecoetichettatura

36 Etichettature ambientali di Tipo I Esempi: El Distintiu (Catalogna) Milieukeur (Danimarca) AENOR Medio Ambiente (Spagna) Ecolabel (Unione Europea) ? Marchio ecologico nazionale (L. 344/97) I sistemi di ecoetichettatura

37 Asserzioni ambientali auto-dichiarate (etichette ambientali di Tipo II) - non sono certificabili da una parte terza; - non si basano su criteri predefiniti e riconosciuti; - fanno riferimento solo a singoli aspetti del prodotto Non devono essere utilizzate asserzioni ambientali vaghe o non specifiche, come sicuro per lambiente, amico dellambiente, amico della terra, non inquinante, verde, amico della natura e amico dellozono. Neppure asserzioni con riferimenti alla sostenibilità. La norma UNI EN ISO tratta solo delluso di un simbolo (ciclo di Mobius) I sistemi di ecoetichettatura

38 - riciclabile se un simbolo è utilizzato per asserzioni di riciclabilità, deve essere il ciclo di Mobius (senza valore percentuale) - contenuto riciclato se è utilizzato un simbolo per unasserzione di contenuto riciclato, deve essere il ciclo di Mobius accompagnato da un valore percentuale indicato come X% dove X esprime il rapporto tra la massa di materiale riciclato e la massa del prodotto. I sistemi di ecoetichettatura

39 Esempi di asserzioni auto-dichiarate PANNELLO ECOLOGICO 100% legno riciclato (400 produttori italiani) DIGODREAM pavimentazione tessile riciclabile al 100% (Diddi & Gori, Calenzano – Firenze) I sistemi di ecoetichettatura

40 Dichiarazioni ambientali di Tipo III Dichiarazioni Ambientali di Prodotto – DAP Environmental Product Declaration – EPD -forniscono dati standardizzati sugli impatti ambientali del ciclo di vita del prodotto/servizio -verificate da un organismo di terza parte -si applicano a tutti i prodotti, indipendentemente dalla posizione nella filiera produttiva Caratteristiche: -credibili -permettono il confronto tra le prestazioni ambientali dei prodotti della stesso gruppo -destinate al consumatore professionale (B2B o PA) I sistemi di ecoetichettatura

41 Dichiarazioni ambientali di Tipo III Esempio: I sistemi di ecoetichettatura

42 Marchi di settore Esempi: Energy Star (USA e EU) TCO (Svezia) Forest Stewardship Council (internazionale) Pan European Forest Certification (internazionale) I sistemi di ecoetichettatura

43 FSC I sistemi di ecoetichettatura

44

45

46

47 Il trend delle certificazioni FSC I sistemi di ecoetichettatura

48 Il trend delle certificazioni PEFC I sistemi di ecoetichettatura

49 Energy Star I sistemi di ecoetichettatura

50

51

52

53 Etichette obbligatorie - alcuni esempi etichetta energetica frigoriferi, congelatori, frigo-congelatori lavatrici domestiche asciugabiancheria lavatrici-asciugabiancheria combinate lavastoviglie lampade condizionatori daria materiali da imballaggio sostanze pericolose I sistemi di ecoetichettatura

54 LEcolabel Europeo LEcolabel europeo è il marchio di qualità ecologica rivolto ai prodotti e ai servizi di largo consumo dellUnione Europea. E stato istituito dal Regolamento CE 880/92, revisionato dal Regolamento CE 1980/00. Possono richiedere il marchio: -produttori/fornitori di beni/servizi -venditori allingrosso e al dettaglio che utilizzino il proprio marchio -gli importatori Il marchio viene rilasciato dallOrganismo Competente presente in ogni Stato Membro. In Italia è deputato il Comitato Ecolabel-Ecoaudit. I sistemi di ecoetichettatura

55 Gruppi di prodotti/servizi etichettabili con Ecolabel servizio campeggiolavatrici servizio di ricettività turistica detersivi per bucato televisoridetersivi per lavastoviglie prodotti tessilidetersivi per il lavaggio a mano dei piatti prodotti in carta-tessutodetergenti multiuso pitture e vernicicoperture dure per pavimenti personal computercomputer portatili materassicarta per copie lampade elettrichecalzature lavastoviglieaspirapolveri frigoriferiammendanti lubrificanti shampoo e saponi I sistemi di ecoetichettatura pompe di calore

56 Licenze Ecolabel - per Stato Membro I sistemi di ecoetichettatura Sito APAT, 31 ottobre 2007

57 Licenze Ecolabel - per gruppo di prodotti Sito APAT, 31 ottobre 2007 I sistemi di ecoetichettatura

58 Evoluzione Ecolabel in Italia Sito APAT, 3 ottobre 2007 I sistemi di ecoetichettatura

59 Ecolabel in Italia, per Regione, 2007 Sito APAT, 31 ottobre 2007 I sistemi di ecoetichettatura Numero di licenze

60 Per avere informazioni sui prodotti/servizi con il marchio Ecolabel: I sistemi di ecoetichettatura

61

62

63

64

65 I Sistemi di Gestione Ambientale I Sistemi di Gestione Ambientale rappresentano strumenti innovativi per favorire limpegno consapevole e continuativo delle organizzazioni al rispetto della normativa in campo ambientale in unottica di miglioramento continuo delle prestazioni ambientali. Sono basati sull'adesione volontaria delle organizzazioni alla norma internazionale ISO e al Regolamento Comunitario 761/2001EMAS (Enviromental Management and Audit Scheme) che disciplinano un metodo per la gestione e controllo degli aspetti ambientali. Si tratta di vere e proprie tecniche di gestione che, con approccio analogo a quello della certificazione di Qualità (ISO 9000-Vision 2000), tendono a portare allinterno dellorganizzazione la tematica ambientale, intesa come parte integrante della produzione/servizio, favorendo atteggiamenti pro-attivi basati sulla prevenzione dei problemi e sulla partecipazione di tutti i soggetti che con diversi ruoli intervengono nelle varie attività. I sistemi di gestione ambientale

66 Relazione tra sistemi di gestione ambientale e prestazioni ambientali dei prodotti I sistemi di gestione ambientale: - non specificano quali debbono essere i livelli di performance ambientale da raggiungere; - non specificano le prestazioni ambientali del prodotto - non sono in grado di assicurare che il prodotto/servizio dellorganizzazione sia più eco-compatibile dei succedanei. I sistemi di gestione ambientale

67 I sistemi di gestione ambientale sono strumenti che riguardano la gestione delle organizzazioni e non riguardano direttamente le prestazioni ambientali dei beni prodotti o dei servizi offerti dalle organizzazioni. (Documento di Posizionamento Tecnico del Gruppo di Lavoro Acquisti Verdi del Coordinamento Agende 21 Locali Italiane) I sistemi di gestione ambientale

68 I sistemi di gestione della Responsabilità Sociale dImpresa - la norma SA 8000 I sistemi di gestione della responsabilità sociale

69 SA caratteristiche principali - lorganizzazione deve rispettare gli otto requisiti previsti dalla norma e le leggi nazionali vigenti; nel caso lo standard e le leggi riguardino la stessa materia, lorganizzazione deve applicare quella più restrittiva (a garanzia dei lavoratori); - lorganizzazione deve garantire che la catena dei fornitori e subfornitori rispetti i requisiti sociali; - il meccanismo della certificazione del sistema, da parte di un organismo terzo, è analogo a quello riguardante i sistemi qualità ISO 9000 e di gestione ambientale ISO I sistemi di gestione della responsabilità sociale

70 I requisiti 1. lavoro infantile 2. lavoro obbligato 3. salute e sicurezza 4. libertà di associazione e diritto alla contrattazione collettiva 5. discriminazione 6. pratiche disciplinari 7. orario di lavoro 8. retribuzione 9. sistema di gestione I sistemi di gestione della responsabilità sociale

71 I sistemi di certificazione del commercio equo e solidale I sistemi di gestione della responsabilità sociale

72 Il commercio equo e solidale Il Commercio Equo e Solidale è un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove giustizia sociale ed economica, sviluppo sostenibile, rispetto per le persone e per lambiente, attraverso il commercio, la crescita della consapevolezza dei consumatori, leducazione, linformazione e lazione politica. Il Commercio Equo e Solidale è una relazione paritaria fra tutti i soggetti coinvolti nella catena di commercializzazione: produttori, lavoratori, Botteghe del Mondo, importatori e consumatori. (art. 1 della Carta italiana dei criteri del commercio equo e solidale) I sistemi di gestione della responsabilità sociale

73 Come introdurre il commercio equo e solidale negli acquisti pubblici? Progetto Fair Procura Co-finanziato dalla Commissione Europea, con partner da Italia, Belgio, Olanda e Spagna. Un manuale: Acquisti pubblici e commercio equo e solidale. Pubbliche amministrazioni protagoniste dello sviluppo sostenibile Il manuale si scarica dal sito del progetto Fair Procura I sistemi di gestione della responsabilità sociale

74 Lesperienza di ARPAT 1.Attuazione del GPP e del consumo sostenibile nelle proprie strutture 2.Promozione del GPP nella comunità Toscana Lesperienza di ARPAT

75 1.Attuazione del GPP e del consumo sostenibile nelle proprie strutture a.adozione di una "Politica degli appalti che integra considerazioni di carattere ambientale e sociale b.integrazione di criteri ambientali per gli appalti di ARPAT Carta per copie: 80% di carta ecologica fornitura 2004: carta con marchio Ecolabel europeo fornitura : carta con marchio Blue Angel Fornitura : convenzione CONSIP Fotocopiatrici: con marchio Blue Angel (criteri energetici più selettivi rispetto al marchio Energy Star Pubblicazioni: su carta con marchio Ecolabel europeo Lesperienza di ARPAT

76 Cancelleria: su carta riciclata/ecologica, con marchio Blue Angel Autoveicoli: automezzi con alimentazione metano- benzina (acquisto/noleggio) PC e monitor: consumi energetici più bassi dei criteri del marchio Energy Star Servizi di pulizia: applicazione dei criteri proposti dalla campagna europea Procura + promossa da ICLEI Lesperienza di ARPAT

77 c.integrazione delle considerazioni ambientali tra le attività dei Gruppi di lavoro per la razionalizzazione degli approvvigionamenti d.adesione alla Campagna europea "Procura + " promossa da ICLEI (aderiscono 36 Enti pubblici europei); e.formazione interna f.adesione alliniziativa "M'illumino di meno" sul risparmio energetico ( ) g.progetto Se spengo, non spreco e non spendo! con Azienda USL 11 di Empoli Lesperienza di ARPAT

78 h.integrazione del GPP nel Sistema di Gestione per la Qualità ISO 9001:2000 Esempio: PG 10. Approvvigionamento e valutazione fornitori i.integrazione tra GPP e EMAS. Registrazione EMAS del Dipartimento Provinciale di Lucca Esempio: informazione ai fornitori Registrazione n. IT Lesperienza di ARPAT

79 2.Promozione nelle Pubbliche Amministrazioni –AER S.p.A.; –Prov. Firenze –Prov. Massa-Carrara –Prov. Livorno –Prov. Bologna –Comuni di Firenze, Livorno, Comunità Montana Alta Versilia, ecc. Lesperienza di ARPAT

80 a.dal 2003, percorsi formativi sugli appalti pubblici sostenibili a favore degli EE.LL toscani b.su indicazione della Regione Toscana, PRAA , Azione B.15, Diffusione degli Acquisti pubblici sostenibili negli Enti locali, ARPAT ha svolto attività di progettazione ed erogazione di percorsi formativi sugli "appalti sostenibili (coinvolti oltre 90 Enti locali toscani) c.partecipazione ai Gruppi di Lavoro sul GPP: –GdL Acquisti Verdi del Coordinamento Agende 21 Locali Italiane Lesperienza di ARPAT

81 –GdL GPP della Rete delle Agenda 21 Locali della Toscana Il GdL ha realizzato la pubblicazione: LABC degli acquisti verdi pubblici –GdL per lintegrazione di aspetti sociali ed ambientali nel Mercato Elettronico del Comune di Firenze-Regione Toscana Il GdL ha definito il Disciplinare per lacquisto di beni e servizi con caratteristiche etico-ambientali Lesperienza di ARPAT

82 d.partecipazione a reti locali di GPP: Carta degli impegni per la promozione del GPP promossa dal Comune di Pisa Protocollo dintesa per gli acquisti pubblici verdi promosso dalla Prov. di Massa-Carrara e.supporto tecnico alle PA della Toscana progetto Rete GPP promosso dai Comuni di Follonica, Gavorrano e Scarlino, in Provincia di Grosseto progetto PS 21 Grosseto promosso del Comune di Grosseto Lesperienza di ARPAT

83 f.Partecipazione al Comitato di Gestione per lattuazione del Piano dAzione Nazionale sul GPP e per lo sviluppo della strategia Nazionale di Politica Integrata di Prodotto, coordinato dal Ministero dellAmbiente e della Tutela del Territorio e del Mare g.Attività di assistenza agli EE.LL toscani vedi (slide successiva) Per le attività sul GPP, ARPAT ha ottenuto la segnalazione al premio Toscana Ecoefficente 2005 e al premio nazionale Innovazione amica dellAmbiente promosso da Legambiente e Regione Lombardia Lesperienza di ARPAT

84 Lassistenza di ARPAT per il GPP Servizio di supporto tecnico e informativo per via telematica post formazione di assistenza ed informazione sulla Spesa Verde in attuazione della Azione B P.R.A.A Diffusione degli Acquisti pubblici sostenibili negli Enti locali. Formazione specializzata promossa dalla Regione Toscana e organizzata da ARPAT. Possibilità richiedere pareri tecnici (sugli aspetti normativi e sulle criticità ambientali delle categorie di prodotti/servizi acquistabili) e sottoporre alla supervisione di i documenti di gara, redatti dalle Amministrazioni (es. lettere di invito, capitolati speciali, ecc.). Attraverso linvio di al seguente indirizzo dedicato telefonicamente al numero 055/ , ogni mercoledì dalle 9.00 alle Dal 3 ottobre 2007, per 6 mesi Lesperienza di ARPAT

85 I riferimenti per il GPP -Manuali -Linee guida -Disciplinari -Siti internet -Pubblicazioni -Ecc. Vedi file Riferimenti GPP doc nel materiale didattico I riferimenti per il GPP

86 Premio Toscana Ecoefficiente Il Premio Toscana Ecoefficiente è l'invito a segnalare le azioni e le buone pratiche che la Regione Toscana rivolge a tutti i cittadini che, in Toscana, abbiano concretamente innovato processi, sistemi, tecnologie, e prodotti in un'ottica di ecoefficienza, sviluppo sostenibile, condivisione di buone pratiche ambientali, rispetto degli aspetti etico-sociali, qualità e sostenibilità della vita dei cittadini. Il Premio consiste in azioni di comunicazione: logo, campagne stampa, partecipazione a trasmissioni televisive RAI, ecc.

87 A chi è rivolto il premio Possono presentare candidatura: imprese di produzione di beni o servizi - private, pubbliche, individuali, cooperative, consorzi, organizzazioni no-profit - e liberi professionisti per realizzazioni effettuate in Toscana. amministrazioni pubbliche e singoli settori della pubblica amministrazione scuole, università pubbliche e private nel territorio della regione Toscana. istituzioni scientifiche e tecniche, pubbliche e private, per azioni realizzate in Toscana. associazioni di cittadini, condomini, famiglie, studenti, gruppi scolastici e singoli soggetti per azioni realizzate in Toscana.

88 Verranno premiati i seguenti ambiti: azioni in agricoltura azioni nel commercio e turismo azioni nelle attività produttive e servizi buone pratiche delle pubbliche amministrazioni buone pratiche dei cittadini (singoli, associazioni, famiglie, studenti e gruppi scolastici, tutti gli altri)

89 In tema di: uso dei materiali, riduzione, riuso e valorizzazione dei rifiuti acqua edilizia e abitare sostenibile consumo energia e fonti rinnovabili pianificazione urbanistica

90 Per informazioni: Bando, domanda di partecipazione, ecc. Scadenza: 12 dicembre 2007

91 Vincitori precedente edizione (2005): (pubbliche amministrazioni per il tema Consumo) Comune di Capannori per "Palazzo comunale ecologico – Green Public Procurement Azienda USL 7 Siena, Ospedali Riuniti Valdichiana Loc. Nottola – Montepulciano (SI) e Monoblocco Ospedaliero Alta Valdelsa Loc. Campostaggia – Poggibonsi (SI) per "Registrazione EMAS di due presidi ospedalieri

92 Contatti: Simone Ricotta ARPAT A.F. Educazione Ambientale Via N. Porpora, Firenze Tel.:


Scaricare ppt "Il quadro normativo e gli strumenti del GPP Quarrata, 20 novembre 2007 Simone Ricotta ARPAT – AF Educazione Ambientale Rete delle Agenda 21 Locali della."

Presentazioni simili


Annunci Google