La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Diritto amministrativo a.a. 2006/2007 Manuale di riferimento: E. Casetta, Manuale di diritto amministrativo, Milano, Giuffrè, 2007 Il sito –Ricevimento:

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Diritto amministrativo a.a. 2006/2007 Manuale di riferimento: E. Casetta, Manuale di diritto amministrativo, Milano, Giuffrè, 2007 Il sito –Ricevimento:"— Transcript della presentazione:

1 1 Diritto amministrativo a.a. 2006/2007 Manuale di riferimento: E. Casetta, Manuale di diritto amministrativo, Milano, Giuffrè, 2007 Il sito –Ricevimento: giovedì, ore 11 e 30 – 12 e 30 »Il coordinamento tra la segreteria e gli studenti sarà gestito dalla dott.ssa Francesca Mattassoglio cell

2 2 Diritto di accesso SPL

3 3 Trasformazione del diritto di accesso Introdotto a livello normativo dalla l. 142/1990 e poi regolato in generale dalla l. 241/1990, nel corso degli anni il diritto di accesso è stato profondamente modificato dal legislatore capo V l. 241/1990 è stato interamente riscritto dalla l. 15/2005 (ad eccezione dellart. 23) –I c.d. LEP Il d.p.r. 184/2006 –L'esame è effettuato dal richiedente o da persona da lui incaricata, con l'eventuale accompagnamento di altra persona di cui vanno specificate le generalità (art. 7, d.p.r. 184/2006). –l'amministrazione deve comunicare ai soggetti controinteressati individuati la richiesta di accesso –Essi possono presentare motivata opposizione alla richiesta entro il termine di dieci giorni, decorso il quale l'amministrazione provvede sulla richiesta. –ove l'amministrazione riscontri la loro esistenza in base al contenuto del documento richiesto, essa non può dar seguito alla richiesta di accesso informale, ma deve chiedere di presentare domanda scritta, al fine di avviare apposito procedimento amministrativo

4 4 Trasformazione del diritto di accesso frammentazione della struttura unitaria del diritto di accesso in una pluralità di tipologie di « diritti di accesso »: –diritti di accesso ai dati personali e ai documenti amministrativi –diritti di accesso relativi ad alcune specifiche materie (alle informazioni ambientali, agli archivi di Stato e a quelli storici degli enti pubblici) –diritti di accesso nei confronti delle autorità indipendenti.

5 5 Diritti di accesso ai dati personali e ai documenti amministrativi diritto di accesso extraprocedimentale esercitato dal titolare dei dati personali volto a ottenerne la comunicazione in forma intelligibile: regolato dal d.lgs. 196/2003 (codice della privacy) art. 19, d.lg. n. 196/2003, fa salva la disciplina del diritto di accesso a documenti amministrativi contenenti dati personali dato personale e documento si intrecciano: le informazioni relative ai soggetti dellordinamento giuridico (i dati personali, appunto) sono istituzionalmente trattate dagli enti pubblici sotto forma di documenti amministrativi

6 6 segue art. 7 codice privacy = diritto di venire a conoscenza: del fatto che un ente pubblico detenga o meno dati personali; da dove provengano; perché e come vengano trattati; a quali soggetti potrebbero eventualmente essere comunicati. limitazione a questo diritto: accesso alle informazioni trattate per esclusive finalità inerenti alla politica monetaria e valutaria, al sistema dei pagamenti, al controllo degli intermediari e dei mercati creditizi e finanziari, nonché alla tutela della loro stabilità (art. 8, co. 2, lett. d, d.lgs. n. 196/2003). esercizio di questo diritto di accesso: richiesta rivolta senza formalità allamministrazione che deve fornire idoneo riscontro senza ritardo (in forma orale, mediante trascrizione, esibizione o produzione di copia, nonché per via telematica natura di diritto soggettivo

7 7 Diritti di accesso ai dati personali e ai documenti amministrativi 2. diritto di accesso extraprocedimentale volto alla conoscenza di documenti contenenti dati personali di titolarità di un soggetto diverso dal richiedente: regolato dal capo V, l. 241/1990 (applicabile a tutti gli enti pubblici italiani): riservatezza come limite allaccesso art. 24, c. 7, l. 241/1990: «Deve comunque essere garantito ai richiedenti laccesso ai documenti amministrativi la cui conoscenza sia necessaria per curare o per difendere i propri interessi giuridici» potere amministrativo natura di interesse legittimo, nonostante: sia definito diritto sia ricondotto ai «livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali» la l. 80/2005 abbia riconosciuto in materia la giurisdizione esclusiva amministrativa: –per intreccio con diritti soggettivi (soprattutto dei controinteressati per riservatezza) –per necessità di notifica ai controinteressati

8 8 Diritti di accesso ai dati personali e ai documenti amministrativi 3. diritto di accesso extraprocedimentale volto alla conoscenza di documenti contenenti dati sensibili e giudiziari di titolarità di un soggetto diverso dal richiedente: regolato dal capo V, l. 241/1990 art. 24, c. 7, l. 241/1990: «Nel caso di documenti contenenti dati sensibili e giudiziari, laccesso è consentito nei limiti in cui sia strettamente indispensabile» potere amministrativo comunicazione al titolare dei dati sensibili e giudiziari della sussistenza di una domanda di accesso a quei dati riservati, affinché egli possa partecipare al relativo procedimento natura di interesse legittimo

9 9 Diritti di accesso ai dati personali e ai documenti amministrativi 4. diritto di accesso extraprocedimentale volto alla conoscenza di documenti contenenti dati supersensibili (salute e vita sessuale) di titolarità di un soggetto diverso dal richiedente: regolato dal capo V, l. 241/1990 e dallart. 60, codice privacy accesso è consentito «se la situazione giuridicamente rilevante che si intende tutelare con la richiesta di accesso ai documenti amministrativi è di rango almeno pari ai diritti dellinteressato, ovvero consiste in un diritto della personalità o in un altro diritto o libertà fondamentale e inviolabile» potere amministrativo per una «valutazione ampiamente discrezionale» comunicazione al titolare dei dati sensibili e giudiziari della sussistenza di una domanda di accesso a quei dati riservati, affinché egli possa partecipare al relativo procedimento natura di interesse legittimo

10 10 Diritti di accesso ai dati personali e ai documenti amministrativi 5. diritto di accesso extraprocedimentale volto alla conoscenza di documenti contenenti dati superipersensibili di titolarità di un soggetto diverso dal richiedente: art. 24, comma 1, lett. d, l. 241/1990, prevede che, quanto ai procedimenti selettivi, sono sottratti alla visione i «documenti amministrativi contenenti informazioni di carattere psico- attitudinale relativi a terzi» nessuna eccezione = come segreto di Stato (sic!) Non … è un diritto evidente svista del legislatore è necessaria interpretazione giurisprudenziale che attribuisca a «nei procedimenti» (selettivi) il significato di durante le procedure (selettive) per far vale questo divieto solo durante lo svolgimento del procedimento selettivo

11 11 Diritti di accesso ai dati personali e ai documenti amministrativi 6. diritto di accesso endoprocedimentale: –potere di differimento (artt. 24, comma 4, e 25, comma 3, l. 241/1990): ambito privilegiato di applicazione è durante il procedimento –art. 41, comma 2, d.lgs. 7 marzo 2005, n. 82, consente diritto di accesso partecipativo «in via telematica» –natura di interesse legittimo: lad. plenaria

12 12 La questione è ritenuta inutile al fine di stabilire il regime sostanziale e processuale del diritto di accesso Il diritto di accesso non sarebbe volto a «fornire utilità finali», ma ad «offrire al titolare dellinteresse poteri di natura procedimentale volti in senso strumentale alla tutela di un interesse giuridicamente rilevante (diritti o interessi)». Stesso carattere strumentale avrebbero linteresse alla riservatezza dei terzi e la «tutela del segreto» : «la strumentalità dellazione correlata» volta ad «assicurare, al tempo stesso, la tutela dellinteresse ma anche la certezza dei rapporti amministrativi e delle posizioni giuridiche di terzi controinteressati».

13 13 Conseguenze (Occhiena) a) il processo in materia di accesso ha natura impugnatoria; b) il termine di trenta giorni previsto dallart. 25, 4° comma, l. 241/90, per esercitare lactio ad exhibendum ha natura decadenziale: ciò in considerazione delle esigenze «di stabilità delle situazioni giuridiche e di certezza delle posizioni dei controinteressati» c) la mancata impugnazione del diniego nel termine decadenziale impedisce al cittadino di reiterare listanza e di ricorrere contro il successivo diniego, trattandosi di atto meramente confermativo del primo; d) la richiesta può essere reiterata con pretesa di ottenere «riscontro alla stessa in presenza di fatti nuovi, sopravvenuti o meno, non rappresentati nelloriginaria istanza o anche a fronte di una diversa prospettazione dellinteresse giuridicamente rilevante, cioè della posizione legittimante allaccesso»: se listante introduce elementi di novità, il replicato rifiuto (tacito o espresso) di esibire gli atti richiesti non ribadirebbe un contenuto decisorio già adottato, producendo dunque una nuova e diversa vicenda giuridicain capo allistante, cui deve riconoscersi il diritto di azione giurisdizionale.

14 14 La tutela: in generale Tutela in caso di diniego espresso o tacito (dopo 30 gg. dalla richiesta) oppure in caso di differimento: ricorso al TAR + Cons. Stato listante può fare richiesta di riesame (ma è ricorso) a: difensore civico (se diritto di accesso è svolto nei confronti degli atti delle amministrazioni comunali, provinciali e regionali; se un ente non lha istituito, competenza è del difensore civico competente per lambito territoriale immediatamente superiore) CADA (se diritto di accesso è svolto nei confronti degli atti delle amministrazioni dello Stato)

15 15 La tutela speciale Se diniego riguarda accesso ai dati personali da parte del titolare: –ricorso al Garante della privacy o al giudice ordinario (art. 145, co. 1, d.lg. n. 196/2003 –alternatività del ricorso al Garante rispetto al ricorso giurisdizionale Ricorso al Garante: –Garante ha ampi poteri di cognizione e di condanna, che si spingono anche alla fase dellottemperanza (art. 150) –Garante deve chiedere il parere, obbligatorio e non vincolante, della CADA (art. 25, co. 4, l. proc.). Ricorso al giudice ordinario (composizione monocratica): –se contro provvedimento del Garante = entro 30 gg. dalla comunicazione –potere della.g.o.: accogliere o rigettare la domanda, in tutto o in parte prescrivere le misure necessarie condannare lamministrazione al risarcimento dei danni, anche in deroga allart. 4 della legge abolitrice

16 16 Spunti problematici il doppio binario: tutela giurisdizionale (giurisdizione esclusiva giudice amministrativo) e tutela giustiziale il doppio giudice (ordinario e amministrativo) a seconda della tipologia di accesso lalternatività imperfetta: vale per il richiedente e non per il controinteressato, che può avvalersi soltanto del rimedio giurisdizionale il riesame dei difensori civici e della Cada: unipotesi di ricorso gerarchico improprio a fronte della possibilità per le parti di stare personalmente in giudizio e della complessità dei procedimenti di riesame, a quali fini la previsione della tutela giustiziale?

17 17 La tutela giustiziale sulla richiesta di riesame = pronuncia di difensore civico o CADA entro 30 giorni in caso di inerzia: silenzio-rigetto in caso di accoglimento per illegittimità diniego o differimento: difensore civico o CADA informano il richiedente e lo comunicano allente pubblico se ente pubblico non emana provvedimento confermativo motivato entro 30 gg. dal ricevimento della comunicazione del difensore civico o CADA, laccesso è consentito se accesso è negato o differito per motivi inerenti ai dati personali che si riferiscono a soggetti terzi, CADA deve acquisire il parere del Garante per la protezione dei dati personali: –che deve pronunciarsi entro 10 giorni dalla richiesta, altrimenti parere si intende reso

18 18 Riflessioni sui procedimenti di riesame Se lamministrazione non dà seguito silenzio assenso/devolutivo? Manca una forma immediata di tutela il parere obbligatorio e non vincolante del Garante in ipotesi di ricorso alla Cada per diniego o differimento dellaccesso per motivi inerenti ai dati personali che si riferiscono a soggetti terzi: –dieci giorni per decidere –in caso di inerzia: silenzio devolutivo (il parere «si intende reso»: art. 25, comma. 4) –seppure non previsto, deve ritenersi che questo parere debba essere richiesto anche nel caso di procedimenti di riesame svolti dal difensore civico

19 Disciplina processuale: quadro normativo Lart. 25, l. 241/1990, ovvero lintroduzione di un rito speciale ed autonomo La l. 205/2000 (modifica allart. 21, l. Tar): lintroduzione di un rito incidentale La considerazione della posizione del terzo

20 20 La tutela giurisdizionale Oggi giurisdizione esclusiva del g.a. ricorso al TAR nel termine di 30 gg. da: –diniego espresso o tacito –ricevimento esito procedimento davanti al difensore civico o CADA (è ricorso contro queste decisioni o contro diniego originario?) le parti possono stare in giudizio personalmente senza lassistenza del difensore lamministrazione può essere rappresentata e difesa da un proprio dirigente, autorizzato dal rappresentante legale dellente.

21 La legittimazione (attiva e passiva) Lart. 22, l. 241/1990 Laccesso correlato alla partecipazione procedimentale Lampliamento dello spettro dei legittimati ad esercitare il c.d. diritto daccesso Interpretazione dellart. 25, l. 241/1990 La legittimazione passiva

22 Il giudizio instaurato a seguito del ricorso avverso la determinazione dellamministrazione sulla richiesta di accesso Procedimento camerale speciale e semplificato I poteri del giudice Il problema del ricorso proposto da soggetto diverso dal richiedente laccesso Laccostamento alla figura della condanna attraverso la reintegrazione in forma specifica

23 Il giudizio incidentale ex art. 21, l. Tar Lautonomia tra ricorso giurisdizionale e diritto daccesso I profili di specialità del rito modalità di presentazione della domanda facoltatività attrazione di competenza in capo al giudice del processo pendente

24 In sintesi decisione del ricorso per tutela diritto di accesso: –TAR decide con sentenza in camera di consiglio –entro 30 gg.. dalla scadenza del termine per il deposito del ricorso, uditi i difensori delle parti che ne abbiano fatto richiesta –se accogli ricorso, nella sentenza ordina allamministrazione di esibire i documenti richiesti decisione del ricorso nel rito incidentale: –ordinanza istruttoria adottata in camera di consiglio

25 Spunti di riflessione (1) la previsione della giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo alla luce di Corte cost. n. 204/2004 processo in materia di accesso = rito speciale, camerale, accelerato non è necessaria la presentazione dell'istanza di fissazione di udienza: ma alcuni Tar comunque la richiedono in relazione alla camera di consiglio la decisione: contiene un ordine specifico, che impone allente pubblico di esibire il documento che ha negato allaccesso lactio ad exhibendum ha comunque natura impugnatoria: –prima di ordinare lesibizione degli atti, il giudice deve annullare il provvedimento di diniego che la impedisce (il rapporto tra cittadino e amministrazione è definito da un provvedimento: Travi)

26 26 Spunti di riflessione (2) la possibilità della difesa processuale non tecnica: –a) Novità rispetto al testo ex l. 205/2000: attribuita a tutte le parti del giudizio, e non più alla sola parte ricorrente riguarda tutti i processi in materia di accesso (e non solo giudizi di cui allart. 25, comma 5): quindi anche per accesso alle informazioni ambientali, beni culturali, autorità indipendenti… –b) questioni problematiche: nel processo vengono in rilievo questioni molto importanti (si pensi ad accesso ai dati sensibili o supersensibili): si può fare a meno della alla difesa tecnica? in tutti i gradi di giudizio o si applica art. 417-bis c.p.c. (che prevede difesa diretta di amministrazioni statali solo per primo grado)?

27 27 La natura del giudizio incidentale ex art. 21, l. Tar TESI A Il carattere autonomo del giudizio –Le conseguenze in tema di impugnazione dellordinanza I profili critici –In particolare: il problema della notifica ai controinteressati i controinteressati sarebbero tali in ordine non già alla vicenda processuale principale, ma a quella incidentalmente instaurata con listanza presentata al Presidente di cui allart. 21, l. ampliamento della materia del contendere fino a ricomprendere laccessibilità ad atti del tutto irrilevanti per il processo principale, si smarrirebbe il carattere incidentale del giudizio, risulterebbe incongruente la previsione della sua soluzione a mezzo ordinanza istruttoria

28 28 Segue: la natura del giudizio incidentale ex art. 21, l. Tar TESI B La valenza istruttoria del giudizio –Le conseguenze in tema di notifica, di delibazione del giudice e di impugnabilità autonoma dellordinanza CONSIGLIO DI STATO, SEZ. VI – Ordinanza 22 gennaio 2002 n. 397

29 29 Segue: la natura del giudizio incidentale ex art. 21, l. Tar TESI C Il nesso con listituto dei motivi aggiunti –Le conseguenze in tema di parti del processo (in particolare: lidentificazione dei controinteressati) e di delimitazione degli atti (inerire alla prova di fatti allegati nel ricorso proposto, valorizzando il nesso con i motivi aggiunti lorizzonte si amplia, incontrando lunico limite costituito dalla connessione del documento con loggetto del ricorso )

30 30 Un possibile percorso di verifica: la posizione del terzo titolare dellinteresse alla riservatezza Sacrificio della tutela dei controinteressati La tutela dellaccesso come valore insuscettibile di recedere a fronte di esigenze di semplificazione?

31 31 Uno sguardo di sintesi La natura polivalente del giudizio in materia di accesso Linteresse protetto dallordinamento Una conclusione provocatoria –La difficoltà di semplificare –Ancora sulla scarsa considerazione della posizione del terzo (v. però oggi d.p.r. 184/2006) –La canalizzazione del dissenso, almeno nei casi in cui laccesso non sia piegato ad esigenze istruttorie Ottemperanza e privato soccombente (Cons. giust. amm reg. Sic., n. 42/2007)


Scaricare ppt "1 Diritto amministrativo a.a. 2006/2007 Manuale di riferimento: E. Casetta, Manuale di diritto amministrativo, Milano, Giuffrè, 2007 Il sito –Ricevimento:"

Presentazioni simili


Annunci Google