La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

11 1 Roma, 4 aprile 2007 Antonella Gentili Nuove regole per le banche.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "11 1 Roma, 4 aprile 2007 Antonella Gentili Nuove regole per le banche."— Transcript della presentazione:

1 11 1 Roma, 4 aprile 2007 Antonella Gentili Nuove regole per le banche

2 22 2 Equator Principles Equator Principles II Gli EP II in pratica Le novità degli EP II Differenze EP vs CA Risvolti operativi Benefici e critiche Indice

3 33 3 Equator Principles Nel giugno 2003 un piccolo gruppo di banche ha adottato volontariamente un set di linee guida ambientali, sviluppate con il supporto della IFC (1) : (1) International Finance Corporation (IFC), istituzione del gruppo Banca Mondiale dedicata al finanziamento nel settore privato

4 44 4 Equator Principles Dal 2003 ad oggi il numero di istituzioni finanziarie che ha deciso di adottare gli EP è aumentato, sono più di 40, coprendo circa l80% del Project Finance Mondiale. Ma chi ha aderito?

5 55 5 Equator Principles per aggiornamenti:

6 66 6 Equator Principles Lattuazione degli EP ha un corso diverso nelle varie istituzioni finanziarie: a volte rappresenta il passo iniziale di un percorso e richiede tempo per consolidarsi Gli EP non sono firmati ma adottati: cosa significa? In altri casi gli EP sono solo un aspetto di una politica più ampia. Ogni banca è un caso a sé.

7 77 7 Equator Principles II Gli EP sono stati revisionati e trasformati nei cosiddetti Equator Principles II, lanciati nel luglio 2006 La revisione è stata spinta dalladozione da parte di IFC dei nuovi Performance Standards che rappresentano una rivoluzione del precedente sistema di regole di IFC.

8 88 8 Equator Principles II La revisione degli EP è stata però anche loccasione per valutare i primi risultati della sua attuazione da parte delle banche più attive (tempi diversi) e per un confronto con gli stakeholders, tra cui le ECA, spesso coinvolte sugli stessi progetti e che hanno sviluppato ampia casistica ed esperienza in house

9 99 9 Gli EP II in pratica Si tratta di 10 principi: 1. Review and Categorisation 2. Social and Environmental Assessment 3. Applicable Social and Environmental Standards 4. Action Plan and Management System 5. Consultation and Disclosure 6. Grievance Mechanism 7. Independent Review 8. Covenants 9. Independent Monitoring and Reporting 10. EPFI Reporting new!

10 10 Le novità degli EP II soglia di importo: da 50 a 10 mln USD paesi: OECD High Income Countries progetti: nuovi ma anche espansioni significative standard: da SP a PS ma sempre IFC reporting annuale: numero e categoria (minimo) servizi di advisory: cauta estensione degli EP Cosa è cambiato dalla prima versione?

11 11 Le differenze: EP vs CA Principali differenze tra EP e CA (ma la revisione…?) Common Approaches oggiEquator Principles II ambito Rimborso 24 mesi Tutti gli schemi finanziari Solo project finance, come definito da Basel II, con importo in conto capitale 10 mln di USD paesiTuttiNON - OECD High Income Countries classificazioneCat A, B, C – Allegato I per settori ACat A, B, C valutazioneStudio di Impatto Ambientale per tutte le AConsulente indipendente per tutte le A e, dove appropriato, per le B. (Principle 7) standardGruppo Banca Mondiale (WB + IFC) ma solo 3 SP Standard delle RDB Standard più rigorosi (es. UE) Performance Standards dellIFC (e automatica adesione alle nuove linee guida di settore) monitoraggioModalità flessibili secondo necessitàConsulente indipendente trasparenzaProprie procedure/linee guida Ex-ante: 30 giorni, categoria A, info ambientali Ex-post: annuale, categoria A e B Ex-post: annuale, categoria A e B, dettaglio (OCSE) Ex-post: annuale, numero e categoria progetti

12 12 BA Le differenze: EP vs CA Rispetto ai progetti quali differenze di approccio? PS 2 Common Approaches Equator Principles

13 13 risvolti operativi Se operanti sullo stesso progetto? - possibile una diversa classificazione - stessa richiesta: SIA - consulente indipendente: automatico o no? - atteggiamento del consulente - covenants - monitoraggio - disclosure: tempi?

14 14 benefici e critiche BENEFICI: costruzione di uno standard industriale diffuso migliore valutazione dei rischi, anche reputazionali sviluppo di terminologia e riferimenti comuni aumento della produttività (migliore, da subito) CRITICHE: la categoria è soggettiva: rischio downgrading il project finance è solo una minima parte manca il controllo sulleffettiva applicazione poca trasparenza (meno delle non EP?)

15 15 Grazie per lattenzione… Tel.: Contatti Antonella Gentili Manager Unità Ambiente Tel

16 16 Disclaimer This presentation has been prepared solely for information purposes and should not be used or considered as an offer to sell or a solicitation of an offer to buy any insurance/financial instrument mentioned in it. The information contained herein has been obtained from sources believed to be reliable or has been prepared on the basis of a number of assumptions which may prove to be incorrect and, accordingly, SACE does not represent or warrant that the information is accurate and complete.


Scaricare ppt "11 1 Roma, 4 aprile 2007 Antonella Gentili Nuove regole per le banche."

Presentazioni simili


Annunci Google