La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Seminario SNV La valutazione delle politiche per ladattabilità dei lavoratori e delle imprese 14 aprile 2010 La formazione continua: verso la definizione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Seminario SNV La valutazione delle politiche per ladattabilità dei lavoratori e delle imprese 14 aprile 2010 La formazione continua: verso la definizione."— Transcript della presentazione:

1 Seminario SNV La valutazione delle politiche per ladattabilità dei lavoratori e delle imprese 14 aprile 2010 La formazione continua: verso la definizione di oggetti e di domande di valutazione Cristina Lion ISFOL Area valutazione politiche risorse umane

2 La valutazione della formazione continua: perché un focus specifico? Riconoscimento della necessità di migliorare la qualità del fattore lavoro (Montanino; 2005) Aumento dellinvestimento pubblico in FC: dal FSE alle leggi nazionali (l. 236, l. 53) Presenza di nuovi soggetti che programmano ed erogano la formazione continua: dal 2004 Fondi interprofessionali Scarsità di valutazioni sulla FC: problemi connessi alla natura dei dati necessari e alla loro disponibilità Isfol – Struttura nazionale di valutazione Fse Area valutazione politiche risorse umane

3 La formazione continua: un oggetto complesso Cosa si intende per formazione continua? La formazione continua nelle definizioni internazionali La formazione continua nella prassi delle politiche In particolare le politiche pubbliche hanno contribuito a rendere ambiguo il concetto di formazione continua (coincidente spesso con quello di lifelong learning) e le finalità ad essa attribuite e quindi più complessa la definizione di un disegno di valutazione.

4 La formazione continua in alcune definizioni CEDEFOP (2004): continuing (education and) training: Education or training after initial education and training – or after entry into working life aimed at helping individuals to: improve or update their knowledge and/or skills; acquire new skills for a career move or retraining; continue their personal or professional development OCSE (2007): continuing (education and) training continuing (education and) training for adults is defined as all kinds of general and job-related education and training that is organised, financed or sponsored by authorities, provided by employers or self-financed. Job-related continuing (education and) training refers to all organised, systematic education and training activities in which people take part in order to obtain knowledge and/or learn new skills for a current or a future job, to increase earnings, to improve job and/or career opportunities in a current or another field and generally to improve their opportunities for advancement and promotion EUROSTAT-CVTS (2005): employer provided training attività di formazione svolte in unimpresa per la crescita professionale e culturale del proprio personale in servizio. Tali attività sono decise dallimpresa e inserite nella programmazione delle sue attività di gestione delle risorse umane, finanziate dallimpresa stessa, almeno per la parte che riguarda la remunerazione del tempo di lavoro destinato alla formazione, e svolte con lausilio di un docente e/o di adeguato materiale didattico Isfol – Struttura nazionale di valutazione Fse Area valutazione politiche risorse umane

5 La formazione continua nelle politiche pubbliche di finanziamento: cosa viene finanziato e come FSE: adattabilità: formazione continua rivolta ai lavoratori occupati per adeguare conoscenze e competenze L. 236: interventi di formazione continua di aggiornamento e riqualificazione (voucher, piani formativi) L. 53: congedi per la formazione continua destinati ai lavoratori, occupati e non occupati, per accrescere conoscenze e competenze professionali (scelta autonoma del lavoratore o predisposta dallazienda attraverso piani formativi concordati con le parti sociali) Fondi interprofessionali (art. 118, l. 388/2000): sono finalizzati allo sviluppo della formazione professionale continua, in un'ottica di competitività delle imprese e di garanzia di occupabilità dei lavoratori (piani formativi) Isfol – Struttura nazionale di valutazione Fse Area valutazione politiche risorse umane

6 Due elementi di snodo nella formazione continua (e quindi nella sua valutazione): Chi decide di fare formazione (e chi ne sostiene i costi)….. Il lavoratore (formazione a domanda individuale – voucher individuali) Limpresa (piani formativi aziendali, voucher aziendali) Ruolo crescente della bilateralità … ma soprattutto..… quali obiettivi si attribuiscono alle politiche di finanziamento della formazione continua? Isfol – Struttura nazionale di valutazione Fse Area valutazione politiche risorse umane

7 Quali sono gli obiettivi perseguiti dalle politiche pubbliche? Alcuni obiettivi della politica di incentivazione della formazione continua: Sostenere laccesso delle imprese alla FC (target specifici, come PMI) Sostenere laccesso dei lavoratori alla FC (target specifici, come over45) Migliorare la competitività delle imprese (aumento dellefficienza dei processi di produzione e della performance delle imprese) Migliorare ladattabilità dei lavoratori (stabilità dellimpiego, dinamica salariale, mobilità interna allimpresa) Migliorare loccupabilità dei lavoratori (riduzione del rischio di disoccupazione, mobilità esterna allimpresa) Warning! 1. spesso una stessa politica persegue più obiettivi (trade off equità/efficienza) 2. più politiche si rivolgono a target simili Isfol – Struttura nazionale di valutazione Fse Area valutazione politiche risorse umane

8 Dagli obiettivi alle domande di valutazione Isfol – Struttura nazionale di valutazione Fse Area valutazione politiche risorse umane Si possono individuare almeno tre ordini di domande di valutazione: Lintervento pubblico ha modificato il comportamento dei lavoratori e delle imprese? (valutazione dellefficacia della politica di incentivazione) Quali sono gli effetti della formazione continua sui lavoratori e sulle imprese in termini di competitività, adattabilità e occupabilità? (valutazione dei rendimenti per limpresa e per i lavoratori) Quale è il contributo dei diversi strumenti finanziari? (valutazione della concorrenza/spiazzamento tra i diversi strumenti)

9 Per una maggiore utilizzabilità delle valutazioni: andare oltre gli obiettivi dichiarati nelle politiche Ricostruire la logica degli interventi (ipotesi di cambiamento associata allintervento) Ricostruire i processi di implementazione (meccanismi di funzionamento, processi di negoziazione) Individuare cosa ha funzionato e perché Indicare ipotesi sviluppo Isfol – Struttura nazionale di valutazione Fse Area valutazione politiche risorse umane

10 Ampliare il focus di valutazione: la strategia di adattabilità A livello europeo ladattabilità è una strategia complessiva di modernizzazione dellorganizzazione del lavoro e di supporto alladattabilità delle imprese: Innovative forms of work organisation Ensuring better access to training Improving working condition Anticipation and positive management of change (ESF, EES, Integrated guidelines for growth and jobs , Employment guideline ) Isfol – Struttura nazionale di valutazione Fse Area valutazione politiche risorse umane

11 Alcuni riferimenti bibliografici Bassanini, Booth, Brunello, De Paola, Leuven (2005), Workplace training in Europe, IZA DP No Croce e Montanino (2006), Selezione dei lavoratori nei processi formativi e ruolo delle politiche pubbliche in Italia, in MLPS, Rapporto al Parlamento sulla FC Isfol – Struttura nazionale di valutazione Fse Area valutazione politiche risorse umane


Scaricare ppt "Seminario SNV La valutazione delle politiche per ladattabilità dei lavoratori e delle imprese 14 aprile 2010 La formazione continua: verso la definizione."

Presentazioni simili


Annunci Google