La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lavoisier e la nascita della chimica moderna Eleonora Aquilini.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lavoisier e la nascita della chimica moderna Eleonora Aquilini."— Transcript della presentazione:

1 Lavoisier e la nascita della chimica moderna Eleonora Aquilini

2 ..Ma non è un mistero che a molti giovani la scienza appaia disumana, fredda e noiosa…Limmagine della scienza come impresa umana e culturale migliorerebbe molto se la si concepisse come una storia degli esseri umani che superano le idee ricevute – Lavoisier che supera il dogma del flogisto, Darwin che rivoluziona il rispettabile creazionismo….Può darsi che abbiamo sbagliato staccando la scienza dalla narrazione della cultura. Una sintesi è forse necessaria…

3 Che cosa intende Bruner quando parla di narrazione?..Una narrazione comporta una sequenza di eventi, ed è dalla sequenza che dipende il significato….Lobiettivo della narrazione è chiarire i dubbi, di spiegare lo squilibrio che ha portato lesigenza di narrare la storia. La narrazione è inoltre strettamente connessa con linterpretazione.. …la comprensione, a differenza della spiegazione comporta sempre più interpretazioni.

4 Il processo di fare scienza è narrativo. Consiste nel produrre ipotesi verificabili, correggerle e rimettere ordine nelle idee. Nel corso della produzione di ipotesi verificabili giochiamo con le idee, cerchiamo di creare anomalie, cerchiamo di trovare belle formulazioni da applicare alle contrarietà più intrattabili, in modo da poterle trasformare in problemi solubili, inventiamo trucchi per aggirare le situazioni più intricate. Non sto proponendo di sostituire la scienza con la storia della scienza.. Sostengo invece che la nostra educazione dovrebbe tenere conto dei processi vivi del fare scienza e non limitarsi ad essere un resoconto della scienza finita. (Bruner, La cultura delleducazione)

5 . Perché un metallo può per riscaldamento, oltre che fondere, calcinare? Che tipo di spiegazione può essere data di questo fenomeno? piombo (calcinazione) calce gialla (litargirio) litargirio (calcinazione) calce rossa (minio) [Esperienze: 1.la calcinazione dei metalli (Fe, Sn, Zn, Pb)]

6 Come è possibile spiegare laumento di peso? Perché la calcinazione si verifica alla superficie dei metalli? Perché la calcinazione avviene più facilmente in recipienti aperti, quali la capsula?

7 Già prima del Settecento si era capito che anche la calcinazione (come la combustione delle sostanze combustibili) dei metalli è una trasformazione che si verifica soltanto in presenza di aria: era stata in questo modo fornita una prima risposta alle ultime due domande precedenti, ma non era stata data spiegazione soddisfacente del fenomeno ed in particolare non era stata individuata quale fosse la funzione dellaria.

8 metallo + particelle ignee calce metallica Il fatto che si parlasse di fuoco in termini di corpuscoli del fuoco ci rivela la loro concezione: questi scienziati pensavano che il fuoco fosse materia, anche se di tipo particolare. Il fuoco avrebbe dovuto infatti essere costituito di particelle così sottili da poter passare attraverso i recipienti.

9 [Esperienze: 2.la combustione della candela 3.la combustione del magnesio] La teoria del flogisto Alcune sostanze, i combustibili, benché dallaspetto siano molto diversi fra loro, possono bruciare perché contengono una sostanza particolare (chiamata flogisto) che ha la capacità, quando esce dal combustibile che si sta consumando, di trasformarsi in fuoco.

10 combustibile (innesco) flogisto (luce + calore) + cenere Laria è concepita come lo strumento fisico essenziale della combustione, ma laria non ha nessuna funzione chimica, non si combina con il combustibile

11 Secondo Stahl anche la calcinazione dei metalli può essere spiegata in modo simile alla combustione. combustibile (innesco) flogisto (luce + calore) + cenere metallo flogisto + calce metallica

12 Questultima ipotesi di Stahl, cioè che anche i metalli contengano flogisto e lo perdano durante la calcinazione, su che cosa si basa?. minerale + carbone metallo + residuo minerale + flogisto (contenuto nel carbone) metallo

13 metallo calce metallica + flogisto A quellepoca si sapeva che dalla combustione dello zolfo (un combustibile) si otteneva una sostanza acida, che si riteneva essere acido solforico, [zolfo (innesco) acido solforico + flogisto] e che mescolando acido solforico con carbone si riotteneva zolfo: acido solforico + carbone zolfo.

14 IL PARADOSSO DELLA VARIAZIONE DI PESO com è infatti possibile che un metallo perda qualcosa, il flogisto, e produca una sostanza pi ù pesante? Questa domanda mette in evidenza, per noi, una contraddizione insanabile nella teoria del flogisto; ma tale non risultò durante il Settecento, prima dellaffermazione del principio della conservazione del peso (della massa).

15 Anche il principio della conservazione del peso (della massa) è una legge tuttaltro che evidente: in molte reazioni chimiche il peso (massa) sembra non conservarsi la variazione di peso (e non la conservazione) non risultava assurda in quanto le trasformazioni chimiche erano considerate in generale qualcosa di magico.

16 Se con le reazioni chimiche è possibile ottenere (creare) sostanze completamente diverse da quelle iniziali, non avrebbe potuto anche essere possibile un aumento o una diminuzione di peso? Prima di Lavoisier il peso era ritenuto dalla maggior parte degli scienziati una proprietà della materia di scarsa importanza per la spiegazione dei fenomeni chimici.

17 Una teoria falsa può rappresentare una grande conquista, quanto una vera. Le teorie false hanno giovato alla ricerca della verità più di altre, meno interessanti, ancora oggi accettate. Le teorie false possono infatti essere di aiuto in molteplici modi: per esempio, suggerendo alcune modifiche più o meno radicali, e stimolando la critica. (K.Popper)

18 Lavoisier : Il grande merito di Stahl è di aver capito la somiglianza, oggi riconosciuta da tutti, tra metalli e combustibili e tra calcinazione e combustione

19 LA RIVOLUZIONE CHIMICA: IL TRIONFO DELLA MISURA Esperienze di Lavoisier sulla trasmutazione dellacqua in terra per distillazione

20 1772: la scoperta fondamentale Lo storico della chimica Guerlac ha definito il 1772 lanno cruciale della rivoluzione chimica.Lavoisier effettuò delle scoperte rivoluzionarie: 1.il fosforo e lo zolfo, quando bruciano trasformandosi rispettivamente in acido fosforico e solforico, assorbono aria; 2.la calcinazione dei metalli avviene in modo simile, in quanto, anche in questo caso, abbiamo assorbimento di aria.

21 Sono circa otto giorni che ho scoperto che lo zolfo, bruciando, invece di perdere peso, ne acquista... avviene la stessa cosa con il fosforo: questo aumento di peso deriva da una quantità prodigiosa di aria che si fissa durante la combustione e che si combina con i vapori.

22 Questa scoperta, che ho constatato con delle esperienze che considero decisive, mi ha fatto pensare che ciò che ho osservato nella combustione dello zolfo e del fosforo avrebbe potuto aver luogo con tutte le sostanze che acquistano peso con la combustione e la calcinazione; e mi sono persuaso che laumento di peso delle calci metalliche deriva dalla stessa causa. Lesperienza ha completamente confermato le mie congetture...

23 teoria del flogisto zolfo (innesco) luce + calore + acido solforico + flogisto metallo (calcinazione) calce metallica + flogisto teoria di Lavoisier zolfo + aria (innesco) luce + calore + acido solforico metallo + aria (calcinazione) calce metallica

24 LA CONFERMA SPERIMENTALE DELLE IPOTESI DI LAVOISIER: I RECIPIENTI CHIUSI È in generale difficile ricostruire il contesto della scoperta (spiegare come lo scienziato arriva ad effettuare la scoperta); è molto più facile ricostruire il contesto della giustificazione, cioè illustrare e discutere le esperienze che hanno permesso di confermare le scoperte iniziali.

25 La calcinazione dello stagno in recipienti chiusi Lavoisier dopo aver introdotto in una storta di vetro una quantità nota di stagno richiude ermeticamente lestremità del collo del recipiente ed inizia il riscaldamento. Dopo pochi minuti si forma una pellicola nera (ha inizio la calcinazione); dopo mezzora la quantità di polvere nera non aumenta più;

26 dopo unora la storta viene lasciata raffreddare e ripesata: Lavoisier constata che il peso del recipiente chiuso, nel quale aveva introdotto il metallo, rimane sostanzialmente inalterato, mentre il peso del solo metallo calcinato aumenta. Comè possibile spiegare il fatto che mentre il peso totale rimane invariato, il peso del metallo calcinato aumenta (peso storta + peso metallo = peso storta + peso calce metallica )?

27 1) i fatti sperimentali smentiscono lipotesi di Boyle: la trasformazione del metallo e leventuale aumento di peso non sono dovuti alle particelle ignee del fuoco, in quanto non si è verificata nessuna modificazione della quantità di materia contenuta nel recipiente;

28 la trasformazione è avvenuta con la conservazione del peso, cioè il peso totale delle sostanze prima della calcinazione (reagenti) è uguale al peso totale delle sostanze dopo la calcinazione (prodotti). Lavoisier ha infatti constatato sperimentalmente che il peso del recipiente chiuso prima della calcinazione è uguale al peso del recipiente chiuso dopo la calcinazione.

29 . Lavoisier, essendo la trasformazione avvenuta con la conservazione del peso, avanza la ovvia previsione, confermata dalla conclusione dellesperimento, che leventuale aumento di peso del metallo non possa che essere attribuito alla combinazione del metallo con una parte di aria contenuta nel recipiente.

30 Che cosa dovrebbe succedere allapertura della storta dopo la calcinazione? Ripesando la storta aperta dopo la calcinazione, si ha un aumento di peso in quanto entra dellaria. Se lipotesi di Lavoisier è corretta, che relazione vi è fra il peso dellaria entrata nella storta e il peso del metallo calcinato?

31 Lavoisier al momento dellapertura della storta sente un sibilo della durata di 5/6 secondi, dovuto allaria che entra nel recipiente. Il peso dellaria che entra per rimpiazzare laria che si è combinata con lo stagno corrisponde esattamente allaumento del peso dello stagno.

32 È con esperimenti di questo tipo, condotti in recipienti chiusi che Lavoisier fu in grado di confermare due dei principi basilari della chimica: 1) il principio di conservazione del peso (della massa);. 2) la combustione e la calcinazione dei metalli sono due fenomeni che avvengono per combinazione con l aria.

33 Laspetto fenomenico della combustione e della calcinazione dei metalli non permette di cogliere questi principi, o addirittura risulta con essi contraddittorio. Mentre, durante la combustione il peso sembra diminuire, durante la calcinazione dei metalli sembra aumentare. La realtà è diversa dallapparenza.

34 Era la necessit à di estendere alla chimica il rigore delle procedure dimostrative, che conferiva chiarezza e concatenazione ai ragionamenti dei matematici, e il metodo sperimentale che, dopo Galileo, tanto successo aveva assicurato alla fisica. Indubbiamente l essere messe alla prova dei fatti costituisce l aspetto decisivo che caratterizza le affermazioni scientifiche; è solo in questo senso che, a nostro parere, è corretto parlare di metodo scientifico, intendendo ciò che è comune a tutte le scienze.

35 …..Il 26 Aprile 1775 Lavoisier lesse all Académie una memoria sulla natura del principio che si combina con i metalli durante la calcinazione Il principio che si combina con i metalli e che ne aumenta il peso, non è che la parte più pura dellaria che ci circonda, che respiriamo, la quale passa in questa operazione dallo stato di espansione a quello di solidità.


Scaricare ppt "Lavoisier e la nascita della chimica moderna Eleonora Aquilini."

Presentazioni simili


Annunci Google