La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

C.G.Signori1 CPSE C.Gabriella Signori Le complicanze del Trapianto di Midollo Osseo Divisione Universitaria Di Oncologia Medica Ed Ematologia ASO Mauriziano.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "C.G.Signori1 CPSE C.Gabriella Signori Le complicanze del Trapianto di Midollo Osseo Divisione Universitaria Di Oncologia Medica Ed Ematologia ASO Mauriziano."— Transcript della presentazione:

1 C.G.Signori1 CPSE C.Gabriella Signori Le complicanze del Trapianto di Midollo Osseo Divisione Universitaria Di Oncologia Medica Ed Ematologia ASO Mauriziano Di Torino IRCC di Candiolo Professore Massimo Aglietta Divisione Universitaria Di Oncologia Medica Ed Ematologia ASO Mauriziano Di Torino IRCC di Candiolo Professore Massimo Aglietta

2 C.G.Signori2 TMO OBIETTIVI DELLASSISTENZA Controllo sullinsorgenza precoce, di sintomi premonitori di una probabile complicanza post trapianto. Rilevazione di comportamenti indicatori di insofferenza allisolamento protettivo.

3 C.G.Signori3 TRAPIANTI DI MIDOLLO OSSEO TMO AUTOLOGO Reinfusione di cellule staminali del paziente criopreservate TMO ALLOGENICO Reinfusione di cellule staminali da donatore fresche

4 C.G.Signori4 COMPLICANZE TMO Tossicità: a breve termine - prima dei 100 giorni e tardive - dopo i 100 giorni e diventano croniche

5 C.G.Signori5 Complicanze a Breve Termine Infezioni virali Infezioni batteriche Infezioni fungine Aplasia midollare Infezioni legate al CVC GVHD che colpisce : intestino, fegato, cute Problematiche legate allisolamento (ansia, aspettative del trapianto, speranza, paura dell isolamento forzato, necessità di socialità…)

6 C.G.Signori6 Complicanze Tardive Danni dorgano Impotenza Sterilità Tossicità immunologiche con infezioni tardive: infezioni micotiche ( candidosi, aspergillosi) infezioni batteriche (gram+ e gram-) Infezioni virali (CMV)

7 C.G.Signori7 STADIAZIONE DELLA GVHD La stadiazione e la severità della Graft-Versus-Host-Disease si ottiene con la valutazione di tre organi e cioè: CUTE FEGATO INTESTINo Dando un punteggio da 1 a 4

8 C.G.Signori8 GVHD CUTE +1: Eritema maculo-papulare che ricopre- del 25% della superficie corporea +2: Eritema maculo-papulare che ricopre dal 25% al 50% della superficie corporea +3: Eritroderma generalizzato +4: Eritroderma generalizzato con formazione di bolle e spesso con desquamazione

9 C.G.Signori9 GVHD FEGATO +1: Aumento della SGOT ( UI) e della bilirubina ( mg/dl) +2: Aumento della bilirubina (3-5.9 mg/dl) con o senza aumento della SGOT +3: Aumento della bilirubina ( mg/dl) con o senza aumento della SGOT +4: Aumento della bilirubina >15 mg/dl con o senza aumento della SGOT

10 C.G.Signori10 GVHD INTESTINO Diarrea, Nausea, Vomito di severità da +1a +4 Diarrea: +1: volume delle evacuazioni >500 ml/die +2: volume delle evacuazioni >1000 ml/die +3: volume delle evacuazioni >1500 ml/die +4: volume delle evacuazioni >2000 ml/die

11 C.G.Signori11 SEVERITÀ DELLA GVHD Grado 1– cutanea di stadio +1 o +2. Mancanza di coinvolgimento intestinale. Coinvolgimento epatico non > a +1.Non riduzione della Performance Status. Grado 2 – cutanea di stadio da +1 a +3. Intestinale di stadio da+1 a +2 e/o epatica di stadio da +1 a +2. Modica riduzione del Performance Status Grado 3- cutanea di stadio da +2 a +4 e intestinale di stadio da +2 a+4 con o senza interessamento epatico di stadio da+2 a +4. Marcata riduzione della Performance Status Grado 4– come il grado 3, ma con estremi sintomi funzionali. Aumento della SGOT relativo alla comparsa o peggioramento delleritema cutaneo

12 C.G.Signori12 G.V.H.D Graft Versus Host Disease Laggressione del tessuto trapiantato contro i tessuti del ricevente Quando il trapianto ha attecchito, le cellule linfocitarie del donatore si sviluppano nel ricevente. È unaggressione immunologica

13 C.G.Signori13 REAZIONI DA GVHD Congiuntiviti Rash cutanei (eruzione papulosa e desquamativa che prende origine dal volto e si diffonde a tutto il corpo) Ittero (con insufficienza epatica e ritenzione biliare crescente Diarrea Anemia emolitica Trombocitopenia immunologica Cistiti

14 C.G.Signori14 COMPLICANZE La G.V.H.D, acuta, può intervenire dal quarto al centesimo giorno Se precoce diviene insuperabile e mortale malattia severa, ma che può essere superata in più della meta` dei casi. Il trattamento consiste nella somministrazione di farmaci immunosoppressori assunti per via sistemica o per via orale (Ciclosporina )

15 C.G.Signori15 CONCLUSIONI Linfermiere deve essere professionalmente in grado di rilevare,comprendere e trascrivere tutti i dati raccolti in modo da poter pianificare e,dove possibile, prevenire le complicanze nel post trapianto. Per questo si avvale di scale di misurazione e quantificazione dei sintomi. Inoltre deve: Saper comunicare con il paziente, Saper interagire con altre figure professionali ( Medici,Dietiste,Assistenti Sociali, Psicologi…) Sapere come mantenere lambiente idoneo nei TMO


Scaricare ppt "C.G.Signori1 CPSE C.Gabriella Signori Le complicanze del Trapianto di Midollo Osseo Divisione Universitaria Di Oncologia Medica Ed Ematologia ASO Mauriziano."

Presentazioni simili


Annunci Google