La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Gruppo Fiordaliso La continuità assistenzialequale occasione per ripensare al ruolo e alle responsabilità dellinfermiere territoriale nel distretto di.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Gruppo Fiordaliso La continuità assistenzialequale occasione per ripensare al ruolo e alle responsabilità dellinfermiere territoriale nel distretto di."— Transcript della presentazione:

1

2 Gruppo Fiordaliso

3 La continuità assistenzialequale occasione per ripensare al ruolo e alle responsabilità dellinfermiere territoriale nel distretto di Pinerolo. Un progetto per andare oltre al lavoro per prestazione Gruppo Fiordaliso BALDIN Carla CHARRIER Fiorentina DEPETRIS Anna DESTEFANIS Diego MIRARCHI Morena SALUTA Paola Coordinatore infermieristico AFD Luigina Chessa

4 Riunione del 14/06/2006 Maggior comunicazione Maggior comunicazione Integrazione con sede di Cumiana Integrazione con sede di Cumiana Maggior conoscenza dei pazienti più complessi Maggior conoscenza dei pazienti più complessi Evitare spaccature nel gruppo Evitare spaccature nel gruppo Visibilità carichi di lavoro Visibilità carichi di lavoro Flessibilità dellorganizzazione Flessibilità dellorganizzazione Maggiori tempi di rotazione sulle zone Maggiori tempi di rotazione sulle zone Mini riunioni Mini riunioni Carteggi domiciliari Carteggi domiciliari Riferimento inf. Casi ADI Riferimento inf. Casi ADI Richieste emerse

5 Esito della riunione Formazione di 2 gruppi di lavoro: Formazione di 2 gruppi di lavoro: 1. Riorganizzazione del modello funzionale già in atto 2. Studio di fattibilità per un modello organizzativo a piccoli gruppi (Gruppo Fiordaliso)

6 Obiettivi gruppo Fiordaliso 1. Equità nella distribuzione del lavoro Visibilità del carico assistenziale settimanale 2. Valorizzazione della professionalità e competenze Maggiore conoscenza dellutenza da parte di più operatori attivi sulla stessa zona 3. Continuità assistenziale Presa in carico globale del paziente, integrazione fra gli operatori, rivalutazione del ruolo IP di riferimento

7 Zona A: Via Podgora, Riva - Baudenasca e S.Lazzaro Zona B: Via Lequio, Cottolengo Zona C: S.Secondo - Prarostino, S.Pietro - Abbadia Dietro indicazione del gruppo di controllo* sarà possibile porre alcune correzione allestensione delle zone

8 Organigramma e funzionigramma 1 IP referente a tempo pieno (1) 1 IP referente a tempo pieno (1) 1 IP a tempo pieno (2) 1 IP a tempo pieno (2) 1 IP a tempo parziale (3) 1 IP a tempo parziale (3) A supporto delle 3 zone sono previsti 2 IP Jolly di cui uno a tempo pieno e uno a tempo parziale Ogni zona sarà composta da 3 unità

9 IP referente: ruolo e responsabilità Dietro supervisione del coordinatore attribuisce le attività assistenziali Dietro supervisione del coordinatore attribuisce le attività assistenziali Accoglie la segnalazione di assistenza Accoglie la segnalazione di assistenza E responsabile della riunione settimanale E responsabile della riunione settimanale Organizza il planning settimanale della zona di competenza compreso i festivi Organizza il planning settimanale della zona di competenza compreso i festivi Si integra con il coordinatore infermieristico e con gli altri referenti Si integra con il coordinatore infermieristico e con gli altri referenti Se assente incarica un suo sostituto Se assente incarica un suo sostituto

10 IP di zona ruolo e responsabilità E responsabile dei casi a lui affidati E responsabile dei casi a lui affidati Partecipa alla 1^ visita di presa in carico Partecipa alla 1^ visita di presa in carico E tenuto a partecipare alle riunioni settimanali E tenuto a partecipare alle riunioni settimanali

11 In accordo con il coordinatore infermieristico si integra nelle attività di gruppo degli altri operatori In accordo con il coordinatore infermieristico si integra nelle attività di gruppo degli altri operatori Svolge attività prevalentemente ambulatoriale e di prelievi ematici Svolge attività prevalentemente ambulatoriale e di prelievi ematici Dietro convocazione del referente partecipa alle riunioni di gruppo Dietro convocazione del referente partecipa alle riunioni di gruppo IP Jolly ruolo e responsabilità

12 IP turno festivo E tenuto ad operare secondo il precedente modello di organizzazione funzionale E tenuto ad operare secondo il precedente modello di organizzazione funzionale Prende visione degli accessi previsti recuperando le necessarie informazioni relative allassistenza Prende visione degli accessi previsti recuperando le necessarie informazioni relative allassistenza Prende contatti con il collega reperibile Prende contatti con il collega reperibile

13 La rotazione

14 MESE ZONA A ZONA B ZONA C JOLLY MIRDEPBAUPAL VENDAMANMCOT BALSALDES

15 MESE ZONA A ZONA B ZONA C JOLLY MIRDEPBAUPAL VENDAMANMCOT BALSALDES

16 MESE ZONA A ZONA B ZONA C JOLLY MIRDEPBAUPAL COT BALSALDES VENDAMMAT

17 Schema di rotazione sulle zone rotazione

18 Flussi informativi In uso In uso Cartella SID Cartella SID Statistica Statistica Cartella ADI Cartella ADI Schema terapia Schema terapia Foglio di consegna di zona* Foglio di consegna di zona* Riunioni saltuarie Riunioni saltuarie Da integrare Griglie settimanali** Griglie settimanali**settimanali Scheda segnalazione paziente Scheda segnalazione paziente Scheda Schema medicazioni domiciliare e ambulatoriale Schema medicazioni domiciliare e ambulatoriale Schema Modulo rintracciabilità IP referente Modulo rintracciabilità IP referente Modulo rintracciabilità Modulo rintracciabilità Scheda di controllo del progetto Scheda di controllo del progetto Scheda di controllo Scheda di controllo Riunioni settimanali e periodiche Riunioni settimanali e periodiche * Non condiviso da tutti * Non condiviso da tutti ** Proposto e approvato dallufficio infermieristico

19 Richiesta MMG O telefonica Compilazione scheda segnalazione paziente (allegato 4) Operatore sede Contatto telefonico con IP referente di zona e accordi per prima visita/prestazione Paziente da inserire in ADI Visita congiunta MMG/Caposala/IP di riferimento Compilazione cartella ADI Passaggio paziente ad altro servizio: Contatto con nuovo serv.per aggiornamento condizioni paziente e famiglia. Ritiro CC, consegna C/C e statistica mensile allufficio archivio Chiusura ADI: ritiro C/C e sua consegna con Statistica mensile Allufficio archivio Paziente da inserire in SID 1^ visita/prestazione Controlla al domicilio della richiesta del MMG Compilazione carteggi infermieristici e statistiche mensili Passaggio paziente ad altro servizio: Contatto con nuovo serv.per aggiornamento condizioni paziente e famiglia. Ritiro CC, consegna C/C e statistica mensile allufficio archivio Chiusura SID: Archiviazione cartella inf. Presso schedario

20 LA PROCEDURA DEI PRELIEVI VENOSI.doc LA PROCEDURA DEI PRELIEVI VENOSI.doc

21 StrumentoStrumento di controllo Strumento

22 Non sarà il traguardo che ci renderà migliori ma è nel cammino che troveremo stimoli ad esserlo. Gruppo Fiordaliso


Scaricare ppt "Gruppo Fiordaliso La continuità assistenzialequale occasione per ripensare al ruolo e alle responsabilità dellinfermiere territoriale nel distretto di."

Presentazioni simili


Annunci Google