La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Slides della relazione di Ornella Scandella al seminario residenziale di formazione dei tutor: Misure di accompagnamento per i corsi di istruzione e formazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Slides della relazione di Ornella Scandella al seminario residenziale di formazione dei tutor: Misure di accompagnamento per i corsi di istruzione e formazione."— Transcript della presentazione:

1 slides della relazione di Ornella Scandella al seminario residenziale di formazione dei tutor: Misure di accompagnamento per i corsi di istruzione e formazione tecnico superiore – IFTS Montecatini, 21 marzo 2006 irr e TOSCANA

2 etimologia di tutor da tutari intensivo di tueri difendere, proteggere, custodire da tutus rendere sicuro, far sviluppare Ornella Scandella Montecatini,

3 le ragioni del ricorso al tutor nei sistemi formativi garantire il successo formativo, anche migliorando la qualità del lavoro del team dei docenti introdurre innovazione didattica favorire larricchimento e la personalizza- zione del curricolo Ornella Scandella Montecatini,

4 sono ragioni connesse ai mutamenti sociali, culturali, economici e alla nuova domanda di formazione si è fatto ricorso al dispositivo del tutorato per fronteggiare la nuova complessità e le sue sfide Ornella Scandella Montecatini,

5 domanda di formazione eterogeneità utenza competenze per la cittadinanza attiva mutamenti culturali/tecnologici offerta di formazione nuove istanze pedagogiche, psico- pedagogiche arricchimento del curriculum, individualizzazione Ornella Scandella Montecatini,

6

7 approcci metodologici alla tutorship * psicodinamico connessionista educativo relazionale strumentale Ornella Scandella Montecatini, * riscontrati nelle prassi tutoriali

8 intenzionalità educativa oggetti della cura tutoriale ancoraggi teorici visione della tutorship le peculiarità degli approcci si delineano in riferimento a Ornella Scandella Montecatini,

9 lapproccio psicodinamico assicurare le condizioni psicologiche per lesperienza di apprendimento, favorire la disponibilità ad apprendere aspetti affettivo cognitivi inscindibilità della dimensione cognitiva e dimensione affettiva (Bion, I. Salzberger-Wittenberg) funzione quadro o di confine Ornella Scandella Montecatini,

10 lapproccio connessionista facilitare la costruzione di conoscenza attraverso il raffronto tra tutte le variabili implicate nellapprendimento apprendimento come costruzione delluni- tarietà del sapere, come conoscenza per- tinente (epistemologia della complessità, sistemica - Morin) saperi e contenuti disciplinari e aspetti psicosociali funzione di processo Ornella Scandella Montecatini,

11 lapproccio educativo relazionale funzione di supporto risorse e potenzialità di sviluppo indivi- duali favorire il superamento di blocchi che si verificano nel corso del processo di apprendimento vi sono in ciascun individuo potenzialità e intenzionalità evolutive (psicologia dello sviluppo vocazionale - Super, Ginsberg) Ornella Scandella Montecatini,

12 lapproccio strumentale funzione di supporto dimora fisica predisporre le condizioni fisiche (spazi, tempi, risorse materiali) per lapprendimento ergonomia della formazione Ornella Scandella Montecatini,

13 la meta della tutorship facilitare lapprendimento Ornella Scandella Montecatini,

14 centralità pedagogiche della tutorship riflessione sulle connessioni metacognizione acquisizione di consapevolezze Ornella Scandella Montecatini,

15 E possibile il presidio da parte del medesimo tutor di tutte le diverse aree dellintervento tutoriale?

16 culturale-simbolica: i contenuti di apprendimento (intesi in senso lato, non solo in senso disciplinare), che la tutorship aiuta a decodificare e ricostruire in quadri di sintesi socio-affettiva: la fenomenologia intra e inter- psichica (degli affetti, sentimenti, ecc.), sulla quale la tutorship aiuta a riflettere al fine di contenere ansie e preoccupazioni politico-integrativa: il sistema organizzativo e contestuale, per il quale la tutorship aiuta a riconoscere le relazioni tra gli attori coinvolti educativo-processuale: il processo di apprendimento nel suo divenire, che la tutorship presidia a partire dal suo monitoraggio logistico-organizzativa: il setting fisico, che la tutorship cura in tutti i suoi risvolti organizzativi normativo-formale: le regole, di cui la tutorship tende a garantire il rispetto le aree del presidio tutoriale (C. Piccardo, 2002) Ornella Scandella Montecatini,

17 per un approccio sistemico Ornella Scandella Montecatini, visione sistemica del processo visione olistica dellapprendimento

18 funzioni e compiti del tutor daula Ornella Scandella Montecatini,

19 il tutor nei primi documenti IFTS compare tra le funzioni di raccordo - interlocutore e punto di riferimento - facilitatore di apprendimento - interfaccia tra allievo/docenti/contesto figura di processo Ornella Scandella Montecatini,

20 operativamente il tutor in aula funzioniesercitate analisi dei bisogni/selezione dei corsisti monitoraggio verifica/valutazione relazione di aiuto per aspetti psico-relazionali relazione di aiuto per aspetti del processo di apprendimento progettazione/riprogettazione * programmazione gestione di attività specifiche interfaccia tra studenti/docenti/altri ruoli organizzazione coordinamento rapporti con lesterno Ornella Scandella Montecatini, * Sarebbe utile per il tutor partecipare (o assistere) alle attività di progettazione del percorso.

21 nei vari contesti le funzioni possono essere esercitate a livelli diversi (per quantità e qualità) strumentale di raccordo mediatore facilitatore di apprendimento in gruppo facilitatore di apprendimento in gruppo e individuale Ornella Scandella Montecatini,

22 funzionicompiti monitoraggio verifica/valuta- zione progettazione/rip. gestione di attività specifiche interfaccia tra studenti/docenti/ altri ruoli organizzazione - prenotare aule, laboratori, attrezzature - raccogliere e distribuire documentazione - compilare il registro daula - presidiare il setting fisico strumentale Ornella Scandella Montecatini,

23 funzionicompiti monitoraggio - osservare e rilevare informazioni circa: attività, gradimento, interessi, setting fisico, dinamiche daula verifica/valuta- zione - verificare landamento del corso (processo formativo) in rapporto agli obiettivi del progetto - partecipare alle riunioni finalizzate alla valutazione - progettazione/rip. - partecipare alle riunioni di progettazione * gestione di attività specifiche - informare preventivamente il docente sul gruppo e sulle attività svolte - presentare in aula il docente - comunicare informazioni a carattere logistico interfaccia tra studenti/docenti/ altri ruoli organizzazione - prenotare aule, laboratori, attrezzature - raccogliere e distribuire documentazione - compilare il registro daula - presidiare il setting fisico di raccordo Ornella Scandella Montecatini, * Sarebbe utile per questo tutor partecipare (o assistere) alle attività di progettazione del percorso.

24 funzionicompiti monitoraggio - osservare e rilevare informazioni circa: attività, gradimento, interessi, setting fisico, dinamiche daula verifica/valuta- zione - verificare landamento del corso (processo formativo) in rapporto agli obiettivi del progetto - partecipare alle riunioni finalizzate alla valutazione progettazione - partecipare alle riunioni di progettazione * gestione di attività specifiche informare preventivamente il docente sul gruppo e sulle attività svolte - presentare in aula il docente - comunicare informazioni a carattere logistico interfaccia tra studenti/docenti/ altri ruoli - favorire linterscambio informativo tra studenti/docenti/coordinatore - mediare tra studenti/docenti/coordinatore per risolvere contrasti organizzazione - prenotare aule, laboratori, attrezzature - raccogliere e distribuire documentazione - compilare il registro daula - presidiare il setting fisico mediatore Ornella Scandella Montecatini, * Sarebbe utile per questo tutor partecipare (o assistere) alle attività di progettazione del percorso.

25 funzionicompiti monitoraggio - osservare e rilevare informazioni circa: attività, gradimento, interessi, setting fisico, dinamiche daula verifica/valuta- zione - verificare landamento del corso (processo formativo) in rapporto agli obiettivi del progetto - partecipare alle riunioni finalizzate alla valutazione - collaborare alla tenuta del portfolio delle compe- tenze progettazione/rip. - partecipare alle riunioni di progettazione * gestione di attività specifiche - stipulare il patto formativo - informare preventivamente il docente sul gruppo e sulle attività svolte - presentare in aula il docente - comunicare informazioni a carattere logistico - effettuare interventi per facilitare le connessioni tra contenuti e saperi, contenuti e loro applicazione - effettuare interventi per facilitare la metacognizione - effettuare interventi per facilitare processi di socializzazione - collaborare con il docente per attività formative e la gestione di gruppi di lavoro interfaccia tra studenti/docenti/ altri ruoli - favorire linterscambio informativo tra studenti/docenti/coordinatore - mediare tra studenti/docenti/coordinatore per risolvere contrasti organizzazione - prenotare aule, laboratori, attrezzature - raccogliere e distribuire documentazione - compilare il registro daula - presidiare il setting fisico facilitatore apprendimento in gruppo Ornella Scandella Montecatini, * Sarebbe utile per questo tutor partecipare alla progettazione.

26 facilitatore di apprendimento in gruppo (in aula) e individuale (fuori aula) funzioniesercitate analisi dei bisogni/selezione dei corsisti monitoraggio verifica/valutazione relazione di aiuto per aspetti psico-relazionali relazione di aiuto per aspetti del processo di apprendimento progettazione/riprogettazione* programmazione gestione di attività specifiche interfaccia tra studenti/docenti/altri ruoli organizzazione coordinamento rapporti con lesterno Ornella Scandella Montecatini, * Sarebbe utile per questo tutor partecipare alla progettazione.

27 facilitatore di apprendimento in gruppo (in aula) e individuale (fuori aula) funzionicompiti monitoraggio (come facilitatore di apprendimento in gruppo) verifica/valuta- zione (come facilitatore di apprendimento in gruppo) relazione di aiuto per aspetti psico- relazionali - gestire colloqui individuali - fornire supporto alla motivazione - contenere ansie e timori (holding) relazione di aiuto per aspetti del processo di apprendimento - gestire colloqui individuali - incoraggiare, approvare (scaffolding affettivo) - favorire lindividuazione e risoluzione di problemi - fornire supporto alla conoscenza di sé - fornire eventuale supporto per lapprendimento di contenuti disciplinari - sostenere lautovalutazione - fornire supporto per eventuali scelte - promuovere empowerment progettazione/rip. - partecipare alle riunioni di progettazione * gestione di atti- vità specifiche (come facilitatore di apprendimento in gruppo) interfaccia tra studenti/docenti/ altri ruoli (come facilitatore di apprendimento in gruppo) organizzazione (come facilitatore di apprendimento in gruppo) Sarebbe utile per questo tutor partecipare alla progettazione. Ornella Scandella Montecatini, *

28 Bibliografia - AA.VV., Tutor Funzioni tutoriali Comunità educante. Idee e strumenti per la scuola dellautonomia, Notizie della scuola, Tecnodid, Napoli, n. 20, AA.VV., Focus: Il tutor professionale, in For Rivista per la formazione, AIF, Franco Angeli, Milano, n. 58, gennaio- marzo, Isfol, La moltiplicazione del tutor. Tra funzione diffusa e nuovi ruoli professionali, Edizioni Isfol, Roma, P. Mottana, Formazione e affetti. Il contributo della psicoanalisi allo studio e alla elaborazione dei processi di apprendimento, Armando Editore, Roma, C. Piccardo, A. Benozzo, Tutor all opera. Ruolo, competenze e percorsi formativi, Guerini e Associati, Milano, O. Scandella, Tutorship e apprendimento. Nuove competenze dei docenti nella scuola che cambia, La Nuova Italia, Firenze, O. Scandella, Pensare alla tutorship. Riflessioni su una funzione emergente, in Adultità, Metodi per la formazione, Guerini, Milano, n. 20, ottobre O. Scandella, Il tutor all opera nella scuola secondaria. Dalla dispersione al successo, in G. Cerini, M. Spinosi(a cura di), Notizie della scuola, Tutor. Funzioni tutoriali, Comunità educante, Tecnodid, Napoli, O. Scandella, Tutorship, in G. Cerini, M. Spinosi (a cura di), Voci della scuola. Duemilacinque, Tecnodid, Napoli, G. Trevisiol, Il tutor dei processi formativi. Ruoli- Competenze-Formazione, Franco Angeli, Milano, Ornella Scandella Montecatini,


Scaricare ppt "Slides della relazione di Ornella Scandella al seminario residenziale di formazione dei tutor: Misure di accompagnamento per i corsi di istruzione e formazione."

Presentazioni simili


Annunci Google