La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Presentazione dei progetti della Cooperazione Italiana nel quadro del sostegno alla politica di vicinato CAPITALMED – CAPITALBALK COORDINATORE Accordo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Presentazione dei progetti della Cooperazione Italiana nel quadro del sostegno alla politica di vicinato CAPITALMED – CAPITALBALK COORDINATORE Accordo."— Transcript della presentazione:

1 Presentazione dei progetti della Cooperazione Italiana nel quadro del sostegno alla politica di vicinato CAPITALMED – CAPITALBALK COORDINATORE Accordo di Programma Quadro Linea 2.3 Ambiente e Sviluppo Sostenibile Regione Basilicata PARTNER RESPONSABILE Environment Park Aprile 2013 ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO PROGRAMMA DI SUPPORTO ALLA COOPERAZIONE REGIONALE PAESI DEL MEDITERRANEO E DEI BALCANI

2 Programma APQ APQ Balcani (Albania, Bosnia-Erzegovina, Serbia, Montenegro, Croazia) APQ Med (Algeria, Egitto, Giordania, Marocco, Tunisia) Italia Ministero degli Affari Esteri Ministero dello Sviluppo Economico Tutte le Regioni Italiane e le Province Autonome Linea 2.1 – Sviluppo Socio-Economico Linea 2.2 – Trasporti e logistica Linea 2.3 – Ambiente e Sviluppo sostenibile Linea 2.4 – Dialogo e cultura Linea 2.5 – Salute e benessere ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO PROGRAMMA DI SUPPORTO ALLA COOPERAZIONE REGIONALE PAESI DEL MEDITERRANEO E DEI BALCANI

3 Programma APQ APQ Programma di sostegno alla Cooperazione regionale Obiettivo generale: Rinforzare il sistema Italia con riferimento agli nuovi strumenti europei per la promozione della coopérazione di prossimità e di preadesione Obiettivo specifico: Creare le condizioni opportune e sostenere le Regioni italiane nellindividuazione e la definizione dinterventi régionali di cooperazione verso i Paesi della sponda sud del Mediterraneo e dei Balcani occidentali ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO PROGRAMMA DI SUPPORTO ALLA COOPERAZIONE REGIONALE PAESI DEL MEDITERRANEO E DEI BALCANI

4 RIVA HYDROZEN PRIMA MRAIN CAB PANGREN WALL CHAECO RISMED APQ – Linea 2.3 – I territori coinvolti PUER

5 APQ – Linea 2.3 – Il partenariato Partenariato multilivello (Amministrazioni centrali, Regioni, Governatorati, Agenzie ambientali, Centri di ricerca, Università, Associazioni di imprenditori, Camere di Commercio, ecc.) Partenariato portatore di competenze specifiche ed eccellenze dei territori sia italiani che dei paesi terzi Visione condivisa sullapproccio ai problemi ambientali con particolare riferimento alla gestione delle risorse idrica ed alla conservazione/protezione della risorsa Approccio interdisciplinare (governance, ricerca e innovazione, sviluppo locale) Approccio multisettoriale (gestione risorsa idrica in agricoltura, nelle aree industriali, metodi tradizionali nel recupero, conservazione e uso della risorsa, protezione delle falde, gestione dei bacini idrografici, ecc ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO PROGRAMMA DI SUPPORTO ALLA COOPERAZIONE REGIONALE PAESI DEL MEDITERRANEO E DEI BALCANI

6 APQ – Linea 2.3 – Il partenariato italiano MinisteriRegioniSogetti attuatori Ministero degli Affari Esteri Ministero dello Sviluppo Economico Piemonte Environment Park SMAT Sardegna ENAS Basilicata Department for Environment – Basilicata Region University of Basilicata –Ditec; AATO; Tern Consortium Abruzzo Federparchi – Association of protected areas Calabria Regional Department for National and European planning; Mediterranean University of Reggio Calabria – MecMat; Regional River Basin Authority; Arpa – Environmental protection Regional Agency Campania Liri, Garigliano Volturno River Basin Authority Emilia Romagna Province of Ravenna Puglia The Mediterranean Agronomic Institute of Bari – IAMB; ARPA - Environmental protection Regional Agency; Politecnico of Bari Sicilia ARPA – Environmental protection Regional Agency National Institute for Geophysics and Volcanology INGV Regional Observatory on Water Toscana Institution North-South Centre Veneto Regional General Direction For Environmental protection ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO PROGRAMMA DI SUPPORTO ALLA COOPERAZIONE REGIONALE PAESI DEL MEDITERRANEO E DEI BALCANI

7 APQ – Linea 2.3 – I partner locali Partner MediterraneoBalcani EgittoMaroccoTunisiaAlbaniaBosniaSerbia Istituzionali CLEQM - Central Laboratory for Environmental Monitoring HCWW - Holding Company for Water and Wastewater IAS - Irrigation Advisory Service Ministry for territory, water and environment Management, FODEP Ministry of Industry Ministry for Agriculture and Environment Department for Water Resources Department for Agriculture Land Maintenance Ministry of Environment Ministry of Economy Council of Ministers, Department of Strategies & Donors Coordination Municipality of Zenica Zenica-Doboj Canton Minister of Science and Environmental Protection Municipality of Pancevo Municipality of NIS Municipality of Jagodina Commission for environmental protection and sustainable development of NIS Tecnici CCIS Settat – Chamber of Commerce of Settat AZIS – Industrial association of Had Soualem AIB - Industrial association of Berrechid FST Settat – University of Science and Technology RADEEC – Chaouia Electricity and Water Company ABH – River Basin Agency -Shkoder Regional Council, Planning Office Shkoder Municipality, Planning Office Zenica University Water Management Agency of Zenica (VIK) Zenelilo Pancevo JKP Naissus – municipality company for the management and distribution of drinking water. Institut FKS KABLOVA ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO PROGRAMMA DI SUPPORTO ALLA COOPERAZIONE REGIONALE PAESI DEL MEDITERRANEO E DEI BALCANI

8 APQ – linea 2.3 – I sotto-progetti Sponda sud del Mediterraneo Progetto Integrato RISMED Sotto-progetti WALL CHAECO PUER Tunisia Marocco Egitto Balcani Occidentali Progetto Integrato Progetto Integrato RIVA PRIMA Albania Sotto-progetti HYDROZEN MRAIN, CAB, Bosnia PANGREEN Serbia Estensione – CHAECO IIEstensione – HYDROZEN II Progetto di capitalizzazione : CAPITALBALK Progetto di capitalizzazione: CAPITALMED ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO PROGRAMMA DI SUPPORTO ALLA COOPERAZIONE REGIONALE PAESI DEL MEDITERRANEO E DEI BALCANI

9 CAPITALMED/CAPITALBALK Macrobiettivi : 1.Utilizzo mirato ed efficiente di istituzioni, fondi e legislazioni sulla base di un approccio place based integrando il percorso APQ allinterno di strategie e piani nazionali e nei canali di finanziamento attivi (programmi di aiuto UE, dei singoli paesi e internazionali, World Bank, EBRD, UNDP, …) 2.Capitalizzazione delle attività realizzate nellambito della linea 2.3 integrandole allinterno dei tavoli di lavoro delle macroregioni mediterranea e adriatico-ionica 3.Rafforzamento e consolidamento dei partenariati e sviluppo di proposte progettuali da candidare su programmi di finanziamento attraverso lavvio di iniziative pilota multi – paese. 4.Coinvolgimento dei sistemi produttivi locali e individuazione di filiere commerciali strategiche in risposta alle esigenze dei paesi ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO PROGRAMMA DI SUPPORTO ALLA COOPERAZIONE REGIONALE PAESI DEL MEDITERRANEO E DEI BALCANI

10 CAPITALMED Capitalizzazione dei risultati e best practices del progetto integrato RISMED sui territori della sponda sud del mediterraneo e scambi di buone pratiche con i territori coinvolti nei progetti integrati PRIMA (Serbia e Bosnia) e RIVA (Albania) Capitalizzare le attività realizzate nellarea mediterranea linea 2.3 attraverso: la raccolta e la diffusione dei risultati in termini di contenuti, competenze e referenze. la condivisione delle best practices con gli altri partner dei territori interessati. La raccolta dei bisogni dei paesi coinvolti, la definizione di strategie e priorità di intervento oggetto di future proposte.. Rafforzamento e consolidamento dei partenariati Avvio di iniziative pilota multi – paese Avvio di tavoli di dibattito inter-paese MED/BALC per la definizione di indirizzi comuni da sottoporre nellambito delle macro-regioni di competenza delle 2 aree Individuazione delle filiere commerciali strategiche e coinvolgimento dei sistemi produttivi locali. ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO PROGRAMMA DI SUPPORTO ALLA COOPERAZIONE REGIONALE PAESI DEL MEDITERRANEO E DEI BALCANI

11 CAPITALMED - Partner Partner IstituzionaliPartner Tecnici Partner Italiani Regione Piemonte, Regione Sardegna, Regione Basilicata, Regione Veneto, Regione Sicilia, Regione Puglia Environment Park, ENAS, Università de la Basilicata, Regione Basilicata, Sviluppo Basilicata, IAMB, ARPA Sicilia, Regione Veneto Partner Marocchini MEMEE, MCINETCCIS de Casablanca, Tanger, Settat, Agadir - IZDIHAR, AIZIG, ADIZIA – LYDEC – AMENDIS – RAMSA – ABH – CMPP – CGEM + Ass. et fédérations Partner Egiziani MWRI (CLEQM, CDIAS, NWRC) Partner Tunisini Ministère de l'Agriculture et des Ressources hydriques – DGRE Ministère de lEnvironnement – DGEQV Capitalizzazione dei risultati e best practices del progetto integrato RISMED sui territori della sponda sud del mediterraneo e scambi di buone pratiche con i territori coinvolti nei progetti integrati PRIMA (Serbia e Bosnia) e RIVA (Albania) ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO PROGRAMMA DI SUPPORTO ALLA COOPERAZIONE REGIONALE PAESI DEL MEDITERRANEO E DEI BALCANI

12 CAPITALMED Le attività previste sono le seguenti: 1.Gestione e coordinamento. 2.Attività preparatorie per la valorizzazione dei risultati e delle competenze, identificazione delle linee di intervento e delle priorità strategiche del partenariato esteso e ricerca canali di finanziamento. 3.Sviluppo di iniziative pilota volte alla selezione di «progetti faro» da candidare sui tavoli di lavoro Euromediterraneo e Adriatico-Ionico. 4.Capitalizzazione e messa in rete dei territori coinvolti nella Linea 2.3 APQ Mediterraneo e Balcani per lavvio di forum tematici. 5.Sviluppo, implementazione e test della Piattaforma per la condivisione delle informazioni e lo sviluppo di un sistema di training on line a distanza sulle tematiche APQ a favore di funzionari e PA. ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO PROGRAMMA DI SUPPORTO ALLA COOPERAZIONE REGIONALE PAESI DEL MEDITERRANEO E DEI BALCANI

13 CAPITALMED - Attività previste Attività 2 – Valorizzazione di risultati e competenze e comunicazione Obiettivo specifico: mappare le competenze dei vari team di lavoro tecnici e individuare i bisogni dei partner locali, consolidare e ampliare la rete già esistente di partner, creare nuovi partenariati tra paesi della sponda sud del mediterraneo. Azioni previste: Raccolta, selezione e omogeneizzazione dei risultati dellattività realizzata nellambito dellAPQ Linea 2.3 da tutti i soggetti attuatori. Mappatura delle competenze tecniche, organizzative e di governance dei partner sulla base di format condivisi. Diffusione e condivisione delle informazioni tra il partenariato esteso e verifica circa la possibile replicabilità/estensione di nuove attività. Raccolta delle linee e delle priorità strategiche dei singoli paesi e dei programmi e partenariati attivi tra i paesi dellarea mediterranea. Censimento e avvio di un sistema di monitoraggio dei canali di finanziamento (europei, internazionali e nazionali) attivi sui singoli paesi. Azioni di comunicazione e diffusione dei risultati. ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO PROGRAMMA DI SUPPORTO ALLA COOPERAZIONE REGIONALE PAESI DEL MEDITERRANEO E DEI BALCANI

14 CAPITALMED - Attività previste Attività 3 – Implementazione di iniziative pilota Obiettivo specifico: implementare ed estendere ad altri contesti alcune attività di assistenza tecnica realizzate nel quadro dei progetti della linea 2.3 in modo tale da produrre proposte di progetti e studi di fattibilità da candidare come progetti faro nellambito dei tavoli mediterraneo e adriatico-ionico o nellambito di programmi di finanziamento locali o internazionali. Le tre macro-tematiche legate alla risorsa idrica: trattamento delle acque nelle unità produttive e assistenza alla gestione sostenibile delle aree industriali. riutilizzo delle acque reflue civili per lirrigazione in agricoltura. valorizzazione delle acque reflue del settore olivicolo. Progetti pilota: 1.Audit nelle imprese e gestione delle zone industriali 2.Riuso delle acque reflue per lirrigazione su 3 aree pilota 3.Fattibilità tecnica ed economica per la valorizzazione delle acque reflue del settore olivicolo. ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO PROGRAMMA DI SUPPORTO ALLA COOPERAZIONE REGIONALE PAESI DEL MEDITERRANEO E DEI BALCANI

15 CAPITALMED - Attività previste Progetto pilota 1: Promozione dellinserimento di tecnologie nel campo del trattamento acque nelle unità produttive e assistenza alla gestione sostenibile di aree industriali (Marocco con Egitto e Tunisia per la parte di condivisone delle best practices) a)Audit ambientali nelle aziende delle aree industriali coinvolte nellestensione del progetto CHAECO (Agadir – Tangeri – Casablanca e eventualmente Settat, Had Soualem) finalizzati a rilevare le esigenze in termini di tecnologie per il trattamento delle acque. b)Richiesta di preventivi alle aziende italiane (fornitori di tecnologie) c)Supporto allavvio di partnership commerciali attraverso lorganizzazione di una missione di incontro tra fornitori italiani di tecnologie ambientali e industriali marocchini coinvolti in tutta la misura APQ in Marocco d)Progettazione e implementazione del GIS della ZI di Sidi Bernoussi (Casablanca) e)Condivisione e diffusione delle best practices egiziane, marocchine e tunisine. Progetto pilota 2: riutilizzo delle acque per lirrigazione in agricoltura (Marocco, Egitto e Tunisia) a)Realizzazione di uno strumento informatico per la valutazione della suscettività dei suoli per il riutilizzo delle acque reflue domestiche trattate in agricoltura in funzione dei differenti usi dei suoli b)Test dello strumento informatico su 3 siti (uno in ogni paese coinvolto) c)Valutazione preliminare degli interventi da realizzare su almeno 3 siti d)Condivisione e diffusione delle best practices egiziane, marocchine e tunisine Progetto pilota 3: studio di fattibilità per la valorizzazione dei scarti della spremitura delle olive (oleifici artigianali) e il riuso delle acque di recupero in agricoltura nella regione di Fès (Marocco) ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO PROGRAMMA DI SUPPORTO ALLA COOPERAZIONE REGIONALE PAESI DEL MEDITERRANEO E DEI BALCANI

16 CAPITALMED - Attività previste Attività 4 – Cross-over Mediterraneo-Balcani: capitalizzazione e messa in rete dei territori coinvolti nella Linea 2.3 APQ Mediterraneo e Balcani per lavvio di forum tematici e la partecipazione dei tavoli delle macroregioni. Obiettivo specifico: avvio del dibattito tra le regioni italiane, le regioni del mediterraneo e le regioni balcaniche al fine di individuare tematiche di lavoro comuni e condivise e formulare position paper da candidare sui tavoli di lavoro delle macroregioni mediterranea e adriatico-ionica al fine di favorire linclusione delle tematiche di interesse della partnership nei topic dei programmi di azione delle 2 aree. Azioni previste: 1.Organizzazione di missioni per la diffusione e presentazione delle attività e esperienze dei progetti della linea 2.3 nei territori coinvolti nellarea mediterranea e balcanica 2.Identificazione di tematiche comuni e avvio di forum tematici interpaese sulla base delle informazioni censite nellambito dellattività 2. 3.Organizzazione di un workshop scenario internazionale sulle tematiche di priorità strategiche comuni volto alla definizione e messa a punto di position paper condivisi (su proposte concrete avviate nei progetti pilota CAPITALMED e CAPITALBALK) da sottoporre ai tavoli di lavoro delle Regioni Mediterraneo e Adriatico-Ionica. ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO PROGRAMMA DI SUPPORTO ALLA COOPERAZIONE REGIONALE PAESI DEL MEDITERRANEO E DEI BALCANI

17 Cross-over MED/BALC Proposta metodologica per lorganizzazione dei tavoli inter-istituzionali e inter-paese: il workshop scenario; è un metodo nato in Danimarca in ambito urbanistico e finalizzato alla ricerca di un accordo fra i diversi gruppi di portatori di interessi con l'obiettivo del raggiungimento di una definizione consensuale. E una metodologia adottata anche in ambito europeo per favorire l'innovazione in ambito sociale attraverso la definizione di metodi più efficaci di divulgazione di una serie di "best practices" in ambienti culturali e politici diversi e l'identificazione di strumenti per la divulgazione del know-how correlato.Danimarca Plenaria -Introduzione alle tematiche e ai topics rilevanti -Presentazione competenze e filiere attivabili -Presentazione best practices e progetti pilota -Opportunità di finanziamento UE, internazionali, etc. e programmi di aiuto attivi -Costituzione dei 2 tavoli di lavoro, nomina di 2 osservatori inter-tavolo e dei rapporteur Giorno 1 Plenaria -Restituzione in plenaria dei lavori dei tavoli di lavoro per area -Identificazione di alcune tematiche di lavoro comuni tra i due tavoli -Dibattito e discussione Giorno 2 Med Position paper draft + elenco progetti faro Balcani Position paper draft + elenco progetti faro Mandato ai due tavoli in concertazione con gli osservatori inter-tavolo di preparare i position paper ufficiali. ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO PROGRAMMA DI SUPPORTO ALLA COOPERAZIONE REGIONALE PAESI DEL MEDITERRANEO E DEI BALCANI

18 CapitalMED/CapitalBALK – Piattaforma La Regione Basilicata ha sviluppato una Piattaforma interattiva on line con funzioni di supporto alle attività di confronto, scambio e progettazione condivisa di interventi della rete partenariale APQ afferente alla Linea 2.3 Ambiente e Sviluppo sostenibile (http://webteam.regione.basilicata.it/apq/) che sarà ulteriormente sviluppata nellambito del progetto ed utilizzata quale strumento di supporto trasversale allattuazione dei progetti di capitalizzazione Mediterraneo e Balcani.http://webteam.regione.basilicata.it/apq/ Allo stato attuale, la piattaforma APQ Linea 2.3 Ambiente e Sviluppo sostenibile si articola in tre sezioni principali: shared documents, archive e team discussion a loro volta suddivise in sottosezioni relative alle due aree di cooperazione - Mediterraneo e Balcani - e ai rispettivi singoli Paesi. In particolare, si prevedono le seguenti sottoattività: Creazione di unarea didattica, con un modulo dedicato alla formazione on line e con spazi dedicati allarchiviazione dei materiali e documenti utilizzati durante le sessione di formazione e dei filmati realizzati 5.2 – Caricamento e condivisione di documenti - realizzazione di un database dei documenti e dei contatti a disposizione - inserimento dei cv dei team di lavoro e delle competenze - inserimento di documenti: report con best pratices o manuali - inserimento delle proposte ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO PROGRAMMA DI SUPPORTO ALLA COOPERAZIONE REGIONALE PAESI DEL MEDITERRANEO E DEI BALCANI

19 CAPITALBALK Partner Istituzionali Partner Tecnici Partner Italiani Regione Piemonte, Regione Sardegna, Regione Toscana, Regione Calabria, Regione Basilicata Environment Park, Regione Basilicata, TERN, Sviluppo Basilicata, ENAS, Istituzione Centro Nord Sud, Regione Calabria, ARPA Calabria Partner Albanesi Consiglio Regionale di Scutari, Comune di Tirana Ufficio di pianificazione della Regione di Scutari Partner Bosniaci Comune di ZenicaProtezione Civile di Zenica, Istituto Federale di Geodesia di Sarajevo Partner Serbi Ministero delle risorse Naturali, delle miniere e della Pianificazione Spaziale Capitalizzazione dei risultati e best practice dei progetti integrati PRIMA e RIVA ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO PROGRAMMA DI SUPPORTO ALLA COOPERAZIONE REGIONALE PAESI DEL MEDITERRANEO E DEI BALCANI

20 CAPITALBALK – FLOWCHART ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO PROGRAMMA DI SUPPORTO ALLA COOPERAZIONE REGIONALE PAESI DEL MEDITERRANEO E DEI BALCANI

21 CAPITALBALK- ASSISTENZA TECNICA Assistenza tecnica alle istituzioni locali per limplementazione di sistemi di monitoraggio ambientale IMPLEMENTAZIONE DEI MONITORAGGI AMBIENTALI ESISTENTI: Assistenza tecnica ai partner locali (Regione di Scutari e Municipalità di Zenica) sullutilizzo di strumentazioni di monitoraggio ambientali esistenti al fine di renderli autonomi nelle fasi successive di acquisizione ed elaborazione dei risultati dei monitoraggi OTTIMIZZAZIONE DEI TOOL GIS/WEB-GIS SVILUPPATI: Ottimizzazione delle piattaforme GIS di pianificazione territoriale sviluppate a Zenica e Scutari (catasto frane e sistema SIRIS/PIGRIS) Training congiunto (Albania, Bosnia) sulle tematiche GIS- webGIS Scambio cartografie Serbia, Bosnia, Albania NETWORKING A LIVELLO NAZIONALE E TRANSNAZIONALE PER LO SCAMBIO DELLE METODOLOGIE UTILIZZATE Training congiunto (Bosnia, Serbia e Albania) in Italia sul rischio idrogeologico e sulle tecnologie innovative di osservazione della Terra per il monitoraggio di instabilità geologiche Armonizzazione transnazionale delle metodologie di valutazione del rischio idrogeologico Trasferimento di best practices ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO PROGRAMMA DI SUPPORTO ALLA COOPERAZIONE REGIONALE PAESI DEL MEDITERRANEO E DEI BALCANI

22 CAPITALBALK- Dossier tecnico-economici Redazione di dossier tecnico economici da candidare a finanziamento 1 STUDIO DI FATTIBILITÀ PER IL MONITORAGGIO DI UNAREA DI FRANA A ZENICA 1 STUDIO DI FATTIBILITÀ PER IL MONITORAGGIO DELLA QUALITÀ DELLE ACQUE PER IL LAGO DI SCUTARI 1 STUDIO DI FATTIBILITÀ PER IL MONITORAGGIO IDROPLUVIOMETRICO DEL LAGO DI SCUTARI Valutazioni tecniche (tipologia di strumentazione, quantità, localizzazione, modalità di implementazione del monitoraggio, etc…) Raccolta preventivi Studio tecnico-economico (dossier di candidatura) BUSINESS MATCHING ITALIA-BALCANI Identificazione domanda mercato Balcanico Identificazione potenziali fornitori Italiani Missioni con imprese interessate ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO PROGRAMMA DI SUPPORTO ALLA COOPERAZIONE REGIONALE PAESI DEL MEDITERRANEO E DEI BALCANI

23 CAPITALBALK filiere strategiche e mappatura fonti finanziarie Attivazione di filiere strategiche e mappatura opportunità di finanziamento 1 PROGETTO PILOTA COME DRIVER PER LATTIVAZIONE DI FILIERE STRATEGICHE: PARCO TECNOLOGICO PER IL COMUNE DI TIRANA (interconnessione tra la linea 2.1 e la linea 2.3 apq balcani) Identificazione del modello di governance del nuovo parco tecnologico Identificazione delle imprese per insediamento nel Parco Realizzazione del business plan Trasferimento di best practice (modello techno-park sviluppato a Zenica nellambito del progetto PRICES) DATABASE DELLE IMPRESE E DELLE FILIERE STRATEGICHE INDIVIDUATE NEI TERRITORI DEI BALCANI NEL CORSO DEL PROGETTO MAPPATURA FONTI FINANZIARE Monitoraggio dei bandi e della gare per i territori dei Balcani attraverso il rafforzamento con il partenariato istituzionale locale Identificazione dei team di progettazione con il know-how necessario alla partecipazione a bandi a gare Partecipazione/simulazione a bando/gara ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO PROGRAMMA DI SUPPORTO ALLA COOPERAZIONE REGIONALE PAESI DEL MEDITERRANEO E DEI BALCANI

24 Progetti conclusi ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO PROGRAMMA DI SUPPORTO ALLA COOPERAZIONE REGIONALE PAESI DEL MEDITERRANEO E DEI BALCANI

25 WALL Lotta alla desertificazione: tecniche locali per un uso efficiente della risorsa idrica e del suolo; uso sostenibile delle falde acquifere e coinvolgimento degli attori locali nel miglior utilizzo delle risorse idriche Partner Istituzionali Partner Tecnici Partner Italiani Regione Sicilia, Regione Abruzzo, Regione Basilicata, Regione Sardegna, Regione Campania, Regione Calabria ARPA Sicilia, Federparchi, Région Basilicata, UNIBAS, TERN, Autorité de Bassin de la Campania, Région Calabria, Université méditerranéenne de Reggio Calabria, ARPA Calabria, Autorité de Bassin de la Calabria, INGV, Région Sicilia Partner Tunisini Ministère de lAgriculture et de lEnvironnement: Direction Générale Ressources Hydriques et Direction Générale Conservation Terres Agricoles ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO PROGRAMMA DI SUPPORTO ALLA COOPERAZIONE REGIONALE PAESI DEL MEDITERRANEO E DEI BALCANI

26 WALL Principales activités réalisées et résultats obtenus: Approfondimento del quadro conoscitivo dei sistemi idrogeologici e dei relativi acquiferi e definizione di strumenti modellistici per la gestione ottimale delle attività di ricarica, oltre che per valutarne la fattibilità in altri contesti, attraverso: o Studio di impatto della ricarica artificiale degli acquiferi di Cap Bon con acque reflue trattate e studio sulle possibilità di ricarica artificiale degli acquiferi della costa orientale di Cap Bon e di Sisseb. o Realizzazione di due modelli e dei relativi software applicativi a supporto delle valutazioni sulle attività di ricarica. o Istallazione di 4 stazioni di monitoraggio freatimetrico. Condivisione di esperienze in merito allacquisizione, alluso ed allimpiego dei dati meteorologici per le finalità di analisi e monitoraggio delle risorse idriche sotterranee e della siccità. Studi per la conoscenza dei fenomeni alla scala di bacino e a scala locale per la gestione sostenibile dei sistemi agroforestali, nellambito della lotta alla desertificazione Formazione sulle buone pratiche riferite al Sistema delle Conoscenze Tradizionali (SCT) nel settore della lotta alla desertificazione. Intervento pilota di ripristino di tecniche tradizionali di contrasto al degrado del suolo in Italia. Valutazione della possibilità di utilizzare esperte maestranze tunisine per il recupero in Italia di tecniche storiche per il contenimento del rischio idrogeologico ed il miglior uso della risorsa idrica. ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO PROGRAMMA DI SUPPORTO ALLA COOPERAZIONE REGIONALE PAESI DEL MEDITERRANEO E DEI BALCANI

27 PUER Partner Istituzionali Partner Tecnici Partner Italiani Regione Puglia, Regione Piemonte, Regione Basilicata, Regione Calabria IAMB, Environment Park, UNIBAS, Regione Basilicata, Università mediterranea di Reggio Calabria, Regione Calabria Partner Egiziani CLEQM (Central Laboratory for Environmental Monitoring), HCWW (Holding Company for Water and Wastewater), IAS (Irrigation Advisory Service) Programma per la salvaguardia, la razionalizzazione e luso efficiente delle risorse idriche ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO PROGRAMMA DI SUPPORTO ALLA COOPERAZIONE REGIONALE PAESI DEL MEDITERRANEO E DEI BALCANI

28 PUER Principales activités réalisées et résultats obtenus: Acquisto di attrezzature e trattori che hanno aumentato il ventaglio di colture realizzabili nellarea di intervento e la produttività dellacqua ed hanno migliorato le condizioni lavorative degli agricoltori su una estensione di 800 ettari. Promozione della gestione partecipativa della risorsa idrica, attraverso la realizzazione di una stazione di pompaggio comune e la modernizzazione della rete collettiva di distribuzione gestita dallassociazione di utenti promossa dal progetto, con il fine di ottimizzare lutilizzo dellacqua di irrigazione, limitare i consumi di carburante e garantire la sostenibilità dellintervento. Miglioramento della qualità della vita degli abitanti del villaggio di Tenth of Ramadan attraverso la realizzazione di una rete di distribuzione di acqua potabile. Realizzazione in Italia di 3 corsi di formazione sui diversi aspetti legati alla gestione integrata della risorsa idrica e Valutazione e tecniche analitiche della qualità dellacqua, formando 25 formatori. Realizzazione di un study tour in Italia dove 8 attori locali in rappresentanza delle diverse associazioni di utenti hanno visitato diversi consorzi di bonifica e avuto colloqui con tecnici e dirigenti presentandoli i modelli di governance Italiani Realizzazione di 1 campagna di sensibilizzazione sulla qualità dellacqua indirizzata ai vari utenti Realizzazione di corsi di formazione in loco rivolti ai diversi attori e rappresentanti delle istituzioni al fine di diffondere le buone pratiche nellutilizzo della risorsa idrica. ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO PROGRAMMA DI SUPPORTO ALLA COOPERAZIONE REGIONALE PAESI DEL MEDITERRANEO E DEI BALCANI

29 CHAECO I e II «Avvio di azioni tutela e gestione integrata delle risorse idriche in un quadro urbanistico complesso e assistenza per lintroduzione di tecnologie ambientale: larea industriale di Sahel e di Berrechid nella Regione di Chaouia Ouardigha – Marocco» Partner Istituzionali Partner Tecnici Partner Italia Regione Piemonte, Regione Sardegna, Regione Basilicata, Regione Campania Environment Park, ENAS, Università della Basilicata, Regione Basilicata, AATO Basilicata, Autorità di Bacino dei fiumi Liri, Garigliano e Volturno Partner Marocco Ministère de lEnvironnement CCIS Settat, AIB, AZIS Partner Istituzionali Partner Tecnici Partner Italia Regione Piemonte, Regione Sardegna, Regione Basilicata Environment Park, ENAS, Università della Basilicata, Regione Basilicata Partner Marocco Ministère de lenvironnement CCIS Settat, AIB, AZIS, FSTS Settat «Valorizzazione e applicazione dei risultati del progetto CHAECO sul territorio marocchino e assistenza tecnica per lintroduzione di tecnologie ambientali nelle imprese della zona industriale di Settat e Had Soualem» ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO PROGRAMMA DI SUPPORTO ALLA COOPERAZIONE REGIONALE PAESI DEL MEDITERRANEO E DEI BALCANI

30 CHAECO I e II Principali attività svolte e risultati ottenuti: Costante coinvolgimento dei partner locali nella gestione del progetto Realizzazione GIS e WEBGIS della ZI di Had Soualem + formazione Studio sulla compatibilità ambientale della ZI di Had Soualem Studio sul riutilizzo delle acque reflue industriale e domestiche Audit ambientali in 19 aziende produttive delle ZI di Had Soualem e di Settat Studi di fattibilità tecnico-economici per la realizzazione di impianti di trattamento delle acque reflue industriali in 19 aziende Assistenza alla ricerca di finanziamenti e alla presentazione di dossier di candidature per limplementazione di impianti di trattamento delle acque reflue industriali Realizzazione di un database di aziende italiane del settore trattamento acque e coinvolgimento di alcune di esse in missioni in loco, visita stabilimenti e incontri B2B con industriali marocchini Campagna di monitoraggio della qualità della acque reflue industriali Studio sperimentale sul riutilizzo delle acque reflue domestiche trattate in agricoltura Assistenza alla istituzioni tramite sessioni di formazione sulla gestione delle risorse idriche Sopraluoghi nelle 5 ZI prioritarie per il Marocco di Sidi Bernoussi, Ait Melloul, Gzenaya e Benssouda Individuazione delle criticità ambientali e realizzazione di diagnosi ambientali preliminari ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO PROGRAMMA DI SUPPORTO ALLA COOPERAZIONE REGIONALE PAESI DEL MEDITERRANEO E DEI BALCANI

31 RIVA Partner Istituzionali Partner Tecnici Partner Italiani Regione Basilicata, Regione Puglia, Regione Sardegna, Regione Calabria, Regione Sicilia, Regione Toscana ENAS, Università della Basilicata, ARPA Puglia, Politecnico di Bari, Autorità di Bacino Calabria, ARPA Calabria, Università mediterranea di Reggio Calabria, ARPA Sicilia, Regione Sicilia, Istituzione Centro Nord Sud Partner Albanesi Ministero dellAmbiente, Ministero dellEconomia, Consiglio Regionale di Scutari, Municipalità di Scutari Municipalità di Scutari, Regione di Scutari «Riqualificazione ambientale del Bacino idrografico di Scutari» ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO PROGRAMMA DI SUPPORTO ALLA COOPERAZIONE REGIONALE PAESI DEL MEDITERRANEO E DEI BALCANI

32 RIVA Principali attività svolte e risultati ottenuti: Monitoraggio ambientale: Database GIS/WEB della Regione di Scutari Piano di azione Strategico per larea Report sul sistema idrologico del Lago di Scutari Report sulla vulnerabilità e analisi del rischio idrogeologico dellarea di Scutari Proposta di integrazione del Piano territoriale regionale vigente Campagne di monitoraggio ambientale delle acque e dei sedimenti del Lago di Scutari Implementazione di un monitoraggio idropluviometrico 1 prototipo di sistema di allerta per le inondazioni installato sulle sponde del fiume Khir Formazione sulle tematiche seguenti: Monitoraggio ambientale delle acque del lago di Scutari Valutazione e gestione degli stock ittici del lago di Scutari Linee guida e best practices : Linee guida per la realizzazione di una rete di monitoraggio idropluviometrico Linee guida per lutilizzo e la gestione delle aree a diverso grado di rischio Linee guida per la realizzazione di un sistema di allertamento per la previsione delle inondazioni Linee guida per la gestione ottimale del Lago Linee guida sulla governance e la salvaguardia ambientale del Lago Ipotesi di protocollo unico per la gestione ottimale del lago: proposta di Contratto di Lago ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO PROGRAMMA DI SUPPORTO ALLA COOPERAZIONE REGIONALE PAESI DEL MEDITERRANEO E DEI BALCANI

33 PANGREEN Partner IstituzionaliPartner Tecnici Partner Italiani Regione Emilia Romagna, Regione Sardegna Provincia di Ravenna, ENAS Partner Serbi Ministero della Scienza e della Protezione Ambientale, Comune di Pancevo Zenelilo Pancevo Recupero, riqualificazione ed ampliamento di un parco verde storico nel centro della città di Pancevo ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO PROGRAMMA DI SUPPORTO ALLA COOPERAZIONE REGIONALE PAESI DEL MEDITERRANEO E DEI BALCANI

34 PANGREEN Principali attività svolte e risultati ottenuti: Realizzazione di un percorso vita e relativa cartellonistica di 2 km allinterno del parco, 16 pannelli didattico-ricreativi con temi che potranno variare ogni tre mesi a seconda delle stagioni, di eventi particolari o di tematiche di interesse. Alla realizzazione di questi pannelli hanno collaborato le scuole locali, istituti musicali e sportivi. Realizzazione di 12 gazebo in legno e piantumate specie arbustive ed arboree anche indicatrici di inquinamento per un totale di 104 arboree e 400 arbustive oltre a 260 m 2 di copertura erbacea. Realizzazione di cartellonistica per la gestione del parco. Organizzazione, nel dicembre 2009, di un scambio di doni tra una scuola elementare di Cagliari ed una di Pancevo tra bambini della IV elementare che hanno realizzato dei poster sul problema dellinquinamento delle acque e ne hanno illustrato i contenuti. Pubblicazione di un documento sulle buone pratiche di utilizzo dellacqua Acqua – istruzione per luso redatto dai bambini di Pancevo e di Cagliari e distribuito a bambini anche nei altri paesi partner dellAPQ ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO PROGRAMMA DI SUPPORTO ALLA COOPERAZIONE REGIONALE PAESI DEL MEDITERRANEO E DEI BALCANI

35 CAB Caratterizzazione ambientale e progettazione preliminare per la bonifica del sito industriale FKS KABLOVA di Jagodina Partner Istituzionali Partner Tecnici Partner Italiani Regione Basilicata, Regione Piemonte, Regione Sardegna, Regione Sicilia Région Basilicata, TerN Imaa, Environment Park, ENAS, ARPA Sicilia, Région Sicilia Partner Serbi Ministero della Scienza e della Protezione Ambientale, Comune di Jagodina Institut FKS KABLOVA ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO PROGRAMMA DI SUPPORTO ALLA COOPERAZIONE REGIONALE PAESI DEL MEDITERRANEO E DEI BALCANI

36 CAB Principali attività svolte e risultati ottenuti: Caratterizzazione chimico-fisica dei rifiuti solidi e liquidi presenti sul sito FKS Kablova, con relativa categorizzazione necessaria al fine di identificarne il successivo smaltimento in accordo con la normativa Serba vigente. Mappatura georeferenziata dei rifiuti solidi e liquidi presenti sui siti industriali al fine di agevolare la successiva fase di management dei rifiuti, consentendone una corretta localizzazione e categorizzazione. Formazione del partner tecnico sullutilizzo di software GIS al fine di trasferire un valido supporto logistico per la gestione dei rifiuti prodotti. Attività di training sul management dei rifiuti a cui sono seguite azioni correttive da parte del partenariato serbo, con la creazione di aree di stoccaggio idonee differenziate sulla base delle tipologie di rifiuto. Modifica del protocollo di gestione dei rifiuti attualmente prodotti. Realizzazione di indagini geofisiche per lidentificazione di eventuali plume di inquinanti. Monitoraggio delle acque a monte ed a valle dello stabilimento industriale, effettuando valutazioni sul rischio associato. ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO PROGRAMMA DI SUPPORTO ALLA COOPERAZIONE REGIONALE PAESI DEL MEDITERRANEO E DEI BALCANI

37 MRAIN Partner Istituzionali Partner Tecnici Partner Italiani Regione Puglia, Regione Veneto, Regione Abruzzo ARPA Puglia, Politecnico di Bari, Regione Veneto, Federparchi Partner Serbi Comune di Nis, Commissione per la Protezione Ambientale e lo Sviluppo Sostenibile della Città di Nis JKP Naissus - azienda municipalizzata per la gestione e distribuzione della risorsa idropotabile Monitorage et décontamination des zones polluées destinées à lapprovisionnement hydro-potable de la commune de Nis ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO PROGRAMMA DI SUPPORTO ALLA COOPERAZIONE REGIONALE PAESI DEL MEDITERRANEO E DEI BALCANI

38 MRAIN Principali attività svolte e risultati ottenuti: Scambio di esperienze, trasferimento di conoscenze e di know how, assistenza tecnica e training on the job, incontri con gli stakeholder negli ambiti seguenti: ciclo idrico integrato, monitoraggio acque superficiali e sotterranee, risanamento delle aree inquinate, biodiversità e Rete Natura 2000, fondi comunitari. Redazione di Studi di fattibilità e schede progetto indirizzate alla programmazione IPA, alla luce del percorso di condivisione attivato, delle esigenze di risanamento emerse nella descrizione del contesto territoriale, delle necessità di allineamento e adeguamento alla normativa comunitaria Formazione sulle tematiche seguenti: o Ciclo idrico integrato o La progettazione per fondi UE sui temi ambientali o Monitoraggio acque superficiali e sotterranee o Risanamento aree inquinate Redazione del manuale MRAIN - Monitoring and rehabilitation of polluted areas destined to supply of drinking water for the Town of Nis. ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO PROGRAMMA DI SUPPORTO ALLA COOPERAZIONE REGIONALE PAESI DEL MEDITERRANEO E DEI BALCANI

39 HYDROZEN I e II Censimento e caratterizzazione delle criticità ambientali incidenti sulle risorse idriche e sostegno alla definizione di una strategia di gestione delle acque reflue nella città di Zenica Partner Istituzionali Partner Tecnici Partner Italiani Regione Piemonte, Regione Sardegna, Regione Basilicata Environment Park, SMAT, ENAS, TeRN Partner Bosniaci Comune di Zenica, Cantone di Zenica- Doboj Agenzia Comunale delle Acque di Zenica, Università di Zenica ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO PROGRAMMA DI SUPPORTO ALLA COOPERAZIONE REGIONALE PAESI DEL MEDITERRANEO E DEI BALCANI

40 HYDROZEN I e II Principali attività svolte : Elaborazione del progetto esecutivo per la messa in sicurezza e rinaturalizzazione della discarica di Sige Ricerca fondi per la realizzazione dei lavori relativi alla discarica ed alla frana di Sige Dimensionamento economico relativo al depuratore della città di Zenica (progetto preliminare). Valutazione del rischio idrogeologico associato alle aree di frana Individuazione dei costi relativi alle soluzioni di monitoraggio del territorio Risultati conseguiti: Chiusura della discarica di Sige In parte il Comune ha acquistato già i materiali per la discarica di Sige grazie ai dossier realizzati nel corso delle attività di progetto; è in corso la procedura per lavvio dei lavori di messa in sicurezza dellarea di frana che interessa la discarica di Sige. Dimensionamento dellinvestimento necessario alla progettazione definitiva ed esecutiva ed alla realizzazione dei lavori per il nuovo depuratore e conseguente avvio della ricerca di fondi. Realizzazione del catasto delle aree di frane per la municipalità di Zenica ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO PROGRAMMA DI SUPPORTO ALLA COOPERAZIONE REGIONALE PAESI DEL MEDITERRANEO E DEI BALCANI

41 Competenze partenariato Acqua Trattamento acque reflue industriali Riutilizzo acque reflue domestiche in agricoltura Monitoraggio acque superficiali, sotterranee e acque reflue Analisi di rischio sanitario ambientale Ricarica falde Aria Monitoraggio qualità dellaria Suoli Censimento frane Valutazione rischio idrogeologico Contrasto al degrado del suolo Pianificazione territoriale GIS e WEBGIS Gestione delle risorse idriche Formazioni Gestione ambientale di aree industriali Rifiuti Caratterizzazione fisico- chimica Management dei rifiuti Bonifica discariche Energia Efficienza energetica negli edifici

42 Contatti Alexandra Robasto Alexia Boulanger Environment Park (capofila del progetto) Ph Davide Damosso Fabio Sagnelli Environment Park (capofila del progetto) Ph Per ulteriori informazioni Michele Vita Vincenzo Trivigno Regione Basilicata (Coordinatore Programma di Accordo Quadro – linea 2.3 Ambiente e Sviluppo Sostenibile) Ph ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO PROGRAMMA DI SUPPORTO ALLA COOPERAZIONE REGIONALE PAESI DEL MEDITERRANEO E DEI BALCANI

43 Grazie per la vostra attenzione! ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO PROGRAMMA DI SUPPORTO ALLA COOPERAZIONE REGIONALE PAESI DEL MEDITERRANEO E DEI BALCANI


Scaricare ppt "Presentazione dei progetti della Cooperazione Italiana nel quadro del sostegno alla politica di vicinato CAPITALMED – CAPITALBALK COORDINATORE Accordo."

Presentazioni simili


Annunci Google