La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La donna, il lavoro, la disabilità Gran Guardia Verona 9 marzo 2013 La tutela del lavoro un diritto sociale e un dovere civile Francesca Martinelli Cristina.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La donna, il lavoro, la disabilità Gran Guardia Verona 9 marzo 2013 La tutela del lavoro un diritto sociale e un dovere civile Francesca Martinelli Cristina."— Transcript della presentazione:

1 La donna, il lavoro, la disabilità Gran Guardia Verona 9 marzo 2013 La tutela del lavoro un diritto sociale e un dovere civile Francesca Martinelli Cristina Ribul Moro Ospedale Sacro Cuore Don Calabria Centro Polifunzionale Don Calabria Negrar Verona

2 La continuità Evento Intervento riabilitativo Valutazione risorse Potenzialità residue Attivazione procedure Qualificazione lavorativa Inserimento al lavoro

3 Costituzione Italiana Art. 4 La Repubblica riconosce a tutti cittadini il DIRITTO al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto. Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società

4 La tutela previdenziale: Invalidità Civile L.118/71 Si considerano I.C. i cittadini italiani o stranieri titolari di P.S. (> 12 mesi) affetti da minorazioni congenite o acquisite, anche a carattere progressivo, compresi gli irregolari psichici per oligofrenie di carattere organico o dismetabolico, insufficienze mentali derivanti da difetti sensoriali e funzionali che abbiano una riduzione permanente della capacità lavorativa non inferiore ad un terzo o, se minori di anni 18, che abbiano difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni proprie della loro vita. ( prescinde da qualsiasi requisito contributivo e dall età del richiedente) Viene definita in percentuale Modalità di richiesta: procedura informatizzata - solo via telematica, personalmente on line, Patronati- sindacati, Associazioni di categoria o gli altri soggetti abilitati Certificazione Medica : esclusiva pertinenza del Medico certificatore (può non coincidere con il Medico di famiglia)

5 Pratica I.C., L.104/92, L.68/99 Fino 2009 Presentazione c/o ASL: Modulo amministrativo cartaceo; certificato Medico curante Assegnazione ausili con copia istanza Per stranieri : PS di almeno 12 mesi Da 01/2010 Presentazione c/o INPS : supporto Patronato /Sindacato Modalità telematica : certificazione sanitaria da medico certificatore INPS Assegnazione ausili con copia istanza Per stranieri : PS di almeno 12 mesi

6 Invalidità Civile : benefici Presentazione della domanda (copia istanza): fornitura ausili su prescrizione dello specialista 33% - 45% Ausili e protesi (concessione correlata alla diagnosi indicata nelle certificazione) 46% - 73% Ausili e protesi, iscrizione liste speciali per collocamento lavorativo 67% esenzione ticket per patologia > 74% assegno mensile Euro (reddito < 4.783,63 età <65a), due mesi di contribuzione figurativa per ogni anno di lavoro effettivamente svolto. Il beneficio è riconosciuto fino al massimo di cinque anni di contribuzione figurativa 100% assegno mensile Euro (reddito < ,30 età <65a) ed esenzione Ticket Totale Indennità accompagnamento: riconosciuta a soggetti invalidi con totale e permanente inabilità lavorativa (100%) e l impossibilità a deambulare senza l aiuto permanente di un accompagnatore e/o con necessità di assistenza continua, non essendo in grado di svolgere gli atti di vita quotidiana. (Euro 499,27 no limiti reddito) I benefici economici decorrono dal primo giorno del mese successivo alla presentazione della domanda

7 Handicap : L. 104/92 HANDICAP: condizione di svantaggio che impedisce al soggetto portatore si svolgere il ruolo e di soddisfare le aspettative correlate al sesso, all età, e alla sua condizione sociale all interno del gruppo di appartenenza GRAVE HANDICAP: quando la minorazione, singola o plurima, abbia ridotto l autonomia personale, correlata all età, in modo da rendere necessario un intervento assistenziale permanente, continuativo e globale nelle sfera individuale o in quella di relazione

8 Handicap : benefici indiretti Agevolazioni fiscali e tributarie; Permessi retribuiti in ambito lavorativo; Aspettativa retribuita in ambito lavorativo; Diritto di scelta prioritaria sedi di lavoro; Diritto agli ausili necessari per sostenere esami di concorsi pubblici o abilitazioni professionali; Accesso a servizi dedicati; Accesso fondo abbattimento barriere architettoniche

9 L.104/92 Legge Quadro sull Handicap Lavoratore Disabile Diritto di scelta prioritaria sede di lavoro, tuttavia l Azienda può rifiutare lassegnazione alla sede di lavoro più vicina per ragioni di organizzazione (« ove possibile» ) Assegnazione tempi aggiuntivi ed ausili in sede di concorso pubblico o di abilitazione professionale Contribuzione figurativa pari a DUE MESI per ogni anno fino ad un massimo di 5 anni di contribuzione figurativa utile ai fini del diritto alla pensione e dell anzianità contributiva (I.C. > 74%). Diritto ad andare in pensione con cinque anni d anticipo. Lavoratori Disabili (Connotazione di Gravità) due tipi di permessi: 2 ore giornaliere (con orario di lavoro pari o superiore alle 6 ore quotidiane) 1 ora giornaliera (se lorario di lavoro è inferiore alla 6 ore) 3 giorni di permesso mensile anche frazionabili ( 6 mezze giornate) N.B. permessi NON cumulabili ma alternativi, possibile variazione di fruizione anche nell ambito della stesso mese Orario part – time : nel part – time verticale limitato ad alcuni giorni del mese (ad orario pieno o ad orario ridotto), il numero dei giorni di permesso deve essere ridimensionato proporzionalmente e arrotondato all unità inferiore o superiore a seconda che la frazione sia fino alle 0,50 o superiore NON spettano a Lavoratori a domicilio Addetti ai lavori domestici e familiari Lavoratori agricoli a tempo determinato occupati a giornata, né per se stessi né ai familiari Retribuzione /indennizzo Saranno indennizzati sulla base della retribuzione effettivamente corrisposta

10 Persona Percorsi di tutela previdenziale Livello di dipendenza Età Posizione contributiva Riqualificazione Professionale (L.104/92, L.68/99) Pensione Invalidità al Lavoro (INPS) Pensione Inabilità al Lavoro (INPS) Indennità di temporanea / rendita INAIL Ambito Lavorativo

11 Ambito lavorativo : requisiti contributivi INPS requisiti - contributivi: 5 anni di regolare contribuzione di cui 3 negli ultimi 5 INVALIDO al lavoro: capacità lavorativa ridotta a <1/3 in modo permanente - Assegno Ordinario dinvalidità Temporaneo pari a 3 anni, dopo tre conferme diventa definitivo; non reversibile ai superstiti INABILE al lavoro: impossibilità assoluta e permanente di svolgere qualsiasi attività di lavoro; obbligo di cancellazione dagli elenchi dei lavoratori; reversibile ai suprestiti INAIL – infortunio sul lavoro requisiti - pertinenza amministrativa e sanitaria : dinamica dell evento, responsabilità del lavoratore, condizioni cliniche Indennità per inabilità Temporanea assoluta fino alla guarigione clinica (definizione dei postumi) Rendita diretta per inabilità permanente se il grado d inabilità rimane < 11% e può essere corrisposta per tutta la vita Indennizzo per la menomazione dell integrità psicofisica (DANNO BIOLOGICO) e per le sue conseguenze patrimoniali (6% - 100% ) Integrazione della rendita diretta per coloro che necessitano di percorsi riabilitativi Assegno per assistenza personale continua – inabilità permanente assoluta al 100% con necessità d assistenza

12 PERSONE CON DISABILITA AZIENDE CAPACITAMANSIONI COLLOCAMENTO MIRATO L.68/99

13 Ogni persona, in qualunque momento della sua vita, può trovarsi in condizioni di salute che, in ambiente negativo, divengono disabilità Da DISABILITA a CONDIZIONE DI SALUTE determinata dal rapporto tra la funzionalità fisica, sensoriale, mentale dellindividuo e le diverse situazioni contingenti di vita ICF Ultima Classificazione dellOMS (1999) : Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute LAPPROCCIO AL TEMA DISABILITA E LAVORO La persona con disabilità è una risorsa per lazienda La persona giusta al posto giusto

14 Art. 2 L.68/99 COLLOCAMENTO MIRATO Una serie di STRUMENTI TECNICI e di SUPPORTO che permettono di VALUTARE ADEGUATAMENTE le persone con disabilità nelle loro CAPACITA LAVORATIVE e di inserirle nel POSTO ADATTO, attraverso ANALISI DI POSTI DI LAVORO, FORME DI SOSTEGNO, AZIONI POSITIVE e SOLUZIONI DI PROBLEMI connessi con gli AMBIENTI, gli STRUMENTI e le RELAZIONI INTERPERSONALI sui luoghi quotidiani di lavoro e di relazione

15 STRUMENTI TECNICI DI SUPPORTO L.68/99 Valutazioni delle capacità Formazione propedeutica Tirocinio Convenzioni di programma Assunzioni nominative Lavoro di rete Analisi mansioni

16 16 Passaggio dal COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO L. 482/68 Assunzioni numeriche Persona con disabilità è soggetto passivo (L.482/68) Azienda passiva al COLLOCAMENTO MIRATO L. 68/99 Assunzioni nominative Persona con disabilità è soggetto attivo del collocamento Azienda attiva

17 CHI SI PUO ISCRIVERE AL COLLOCAMENTO MIRATO ? PERSONE CON : Oltre allinvalidità è necessaria la CERTIFICAZIONE DELLE CAPACITA LAVORATIVE

18 CERTIFICAZIONE SULLE CAPACITA LAVORATIVE L.68/99 -Controindicazioni -Indicazioni di percorsi Indicazione di percorsi : 1 Collocamento mirato senza supporto di un servizio 2 Necessità di mediazione tramite un servizio di accompagnamento al lavoro 3 Non possiede capacità lavorative Controindicazioni: Esempi Movimentazione manuale gravosa di carichi Situazioni di responsabilità Uso di macchine semoventi La certificazione è dinamica, può essere rivista in caso di miglioramenti o aggravamenti della condizione di salute

19 Tipologia azienda Numero assunzioni (art.3 L.68/99) Tipologia di assunzione (art.7 L.68/99) Da 15 a 35 dipendenti Una persone con disabilità, in caso di nuova assunzione Nominativa Da 36 a 50 dipendentiDue persone con disabilità 1 nominativa 1 numerica Oltre 50 dipendenti7% calcolato sui lavoratori occupati 60% nominativa 40% numerica AZIENDE SOGGETTE AL COLLOCAMENTO MIRATO

20 AGEVOLAZIONI PER LE AZIENDE Convenzioni di programma con il Collocamento Mirato per un piano di assunzioni graduali Agevolazioni per le assunzioni tramite convenzioni : Fiscalizzazione dei contributi a seconda della % di IC e della disponibilità del Fondo Nazionale Rimborso forfettario parziale delle spese necessarie (Richiesta scade il ) a)Per adeguamento posto di lavoro per persona disabile con riduzione capacità lavorativa superiore al 50% assunta a tempo indeterminato b) Apprestamento di tecnologie di Tele – lavoro c) Rimozione delle barriere architettoniche Tirocini di inserimento lavorativo Supporto di Servizi pubblici e privati

21

22

23 LATTIVITÀ DI INTEGRAZIONE LAVORATIVA DELLE PERSONE CON DISABILITA DEL CENTRO DON CALABRIA Nel 1975 inizia lattività di supporto allinserimento lavorativo degli allievi con disabilità dei corsi di formazione professionale Nel 2000 viene istituito il servizio MEDIALABOR per lintegrazione lavorativa delle persone con disabilità Un po di storia… Nel 2009 MEDIALABOR ottiene laccreditamento della Regione Veneto come Servizio per il lavoro

24 DESTINATARI DI MEDIALABOR Persone con disabilità disoccupate o occupate Persone disoccupate in situazione di svantaggio sociale o beneficiari di ammortizzatori sociali (cig,mobilità ) SERVIZI PER LE PERSONE CON DISABILITÀ Progetti di INTEGRAZIONE LAVORATIVA Progetti di REINSERIMENTO AL LAVORO in caso di disabilità acquisita in seguito a traumi, incidenti ecc. Progetti per il MANTENIMENTO DEL POSTO DI LAVORO secondo la metodologia del DISABILITY MANAGEMENT

25 CENTRO POLIFUNZIONALE DON CALABRIA Aree di attività

26 Amministrazione Provinciale Servizi pubblici di Integrazione Lavorativa Medicina del lavoro Servizi Psichiatrici INAIL Amministrazione Comunale Associazioni Imprenditoriali ESTERNOESTERNO

27

28 SERVIZIALLEPERSONE Orientamento (Bilancio di competenza, Empowerment) Valutazione delle capacità lavorative (Valpar) Consulenza alla persona e alla famiglia Formazione propedeutica Tirocinio in azienda Supporto al collocamento Monitoraggio dei collocamenti Mantenimento del posto di lavoro

29 Analisi dellorganizzazione aziendale Analisi dei requisiti della mansione Supporto nellindividuazione di candidati Consulenza tecnica e legislativa Programmi di formazione sulla disabilità Programmi di consulenza per la gestione delle risorse umane svantaggiate in azienda (Disability Management) SERVIZIALLEAZIENDE

30 Trend assunzioni Anno 2006: 449 Anno 2007: 486 Anno 2008: 529 Anno 2009: 492 Anno 2010: 593 Anno 2011: 603 Anno 2012 (al 19/11/12): 433 Persone iscritte iscritti al collocamento mirato di Verona e Provincia Circa 3500 DATI COLLOCAMENTO MIRATO VERONA

31 Assunzioni a tempo indeterminato Anno 2006: % (449) Anno 2007: % (486) Anno 2008: % (529) Anno 2009: % (492) Anno 2010: % (593) Anno 2011: % (603) Part time Full time ANNO 2011 Totale assunzioni: 603 Part time: 287 (47%) Full time: 316 (53 %)

32 Assunzioni in in enti pubblici (comprese partecipate) Anno 2006: 61 14% (449) Anno 2007: 42 8% (486) Anno 2008: 24 4% (529) Anno 2009: 34 7% (492) Anno 2010: 28 5% (593) Anno 2011: 33 5% (603)

33 Profili più richiesti - Operai (232) - Impiegati (131) - Magazzinieri (22) - Addetti alle vendite (21) - Addetti alle pulizie (20) Anno di riferimento 2008

34 DATI ATTIVITA MEDIALABOR 2012 ANNO 2012 ( ) patologia prevalenteAssunzioni% invaliditàAssunzioni%L. 68Assunzioni% fisica352057, ,6A472655,3 intellettiva200, ,4B16743,8 psichica6350, , ,4 psicofisica17847, ,0 sensoriale3266,7 totale633352,4totale633352,4 %ASSUNZIONIDETINDET% DONNE2742, ,8 UOMINI3657, ,

35 La prima vittima della crisi economica sono i diritti Una società civile si riconosce invece da come tutela i diritti dei più deboli, garantendo così i diritti di tutti ! PER CONCLUDERE …

36 GRAZIE PER LATTENZIONE !!!


Scaricare ppt "La donna, il lavoro, la disabilità Gran Guardia Verona 9 marzo 2013 La tutela del lavoro un diritto sociale e un dovere civile Francesca Martinelli Cristina."

Presentazioni simili


Annunci Google